SERIE C - GIRONE B
VENTIDUESIMA GIORNATA
SAB. 20 GENNAIO 2018
STADIO "PIETRO BARBETTI"
ORE 14.30

GUBBIO

-

MESTRE

-

VENTITREESIMA GIORNATA
SAB. 27 GENNAIO 2018
STADIO "RIVIERA D. PALME"
ORE 18.30

SAMBENED.-GUBBIO

> Calendario in pdf.: (scarica)

Clicca le immagini rossoblu!

Classifica

Padova
Renate
Sambenedettese
Feralpisalo
Reggiana
Albinoleffe
Pordenone
Triestina
Sudtirol
Bassano

Mestre
Fermana
Gubbio
Vicenza
Ravenna
Teramo
Santarcang. (-1)
Fano
Modena (escl.)

38
33
32
29
29
26
25
25
25
25
24
23
22
21
21
21
19
14
0

Link Banner: Risultati Calcio:

Risultati Calcio...

VENTIDUESIMA GIORNATA
SAB. 20 GENNAIO 2018

Albinoleffe
Renate

-
-

Bassano
Santarcangelo

-
-

Feralpisalo
Sambenedettese

-
-

Fermana
Sudtirol

-
-

Pordenone
Fano

-
-

Teramo
Vicenza

-
-

Triestina
Ravenna

-
-

Riposa: Padova e Reggiana

-

Marcatori 2017-2018
Serie C - Girone B

Guerra Feralpisalo
Costantino Sudtirol
Capello Padova
Gomez Renate
Miracoli Sambened.

12
8
8
8
8

Vedi lo stadio Barbetti!

Marcatori Gubbio
2017-2018

Marchi
Kalombo
Ciccone
Burzigotti
Casiraghi
Cazzola
Paramatti

7
4
2
1
1
1
1

Scopri la nostra citta!

VENTITREESIMA GIORNATA
SAB. 27 GENNAIO 2018

Sambened.-Gubbio

Fano-Feralpisalo

Mestre-Fermana

Pordenone-Bassano

Ravenna-Teramo

Santarcangelo-Albinoleffe

Sudtirol-Triestina

Vicenza-Padova

Riposa: Reggiana e Renate

Link Partners:

Calcio in Diretta
Risultati.it

Calcioland.forumfree.it
Tuttocampo.it

Info e pubblicita:

redazione@gubbiofans.it


Torna a parlare Dino Pagliari. Fumanti va al Fabriano

Sito per tutti i browser aggiornati. Per altri browser: (vedi). Privacy e Cookie Policy (vedi). Tutti i risultati (link).

IN FOTO, IL TECNICO ROSSOBLU DINO PAGLIARI.

Sono passati venti giorni e 19 ore. Ecco le parole del trainer dopo un lunghissimo silenzio: "Stiamo bene dopo lo stop, un organico che ha acquisito un ritmo collettivo. Il Mestre offre un bel calcio, ma noi abbiamo le qualità per fargli male". E il difensore eugubino raggiunge Conti. Nuovo nome: Danza
A seguire tutti gli aggiornamenti e le news...

LE IMMAGINI DEL MATCH: » LE FOTO DI SANTARCANGELO - GUBBIO

19 GENNAIO 2018
Sono passati venti giorni e 19 ore. Finalmente torna a parlare un tesserato del Gubbio. Un vero record, peraltro inspiegabile. Visto che non è stato indetto nessun silenzio stampa, ma più che altro è stato indetto un silenzio "strano" che non ha precedenti nel calcio professionistico. Evidentemente, in ogni giorno, c'è sempre qualcosa di nuovo da imparare. Tuttavia, il primo che parla ad anno nuovo, è Dino Pagliari, il trainer rossoblù dopo la rifinitura del venerdì. Ecco cosa dice in sintesi: "Come ci si sente dopo questo lungo periodo di stop del torneo? Diciamo che il Gubbio arriva bene a questa ripresa del campionato. Ribadisco fino alla noia che questo gruppo si è allenato bene, un organico che ha saputo acquisire un ritmo collettivo e quindi per me è un piacere allenarli". Si affronta tuttavia il nodo dolente degli infortunati perchè, oltre a Lo Porto e Dierna, dovrà stare fuori pure Cazzola: "Sì, Cazzola è out per un fastidio (muscolare ndr). Per il resto stiamo inserendo mano a mano gli altri elementi che in questo periodo avevano avuto dei problemi". Ma intanto c'è da affrontare il Mestre e su questa gara il tecnico Pagliari dice: "Una squadra che gioca un buon calcio. Possiede inoltre dei calciatori veloci, ma anche se gioca bene non li rende invulnerabili. Dico questo perchè anche noi abbiamo le qualità per metterli in difficoltà". Con l'allenatore rossoblù non è stato affrontato l'argomento del mercato. In questo senso quindi nessuna novità, almeno per il momento. A riguardo tutto tace. Intanto però se ne va un altro tassello dopo Conti: il difensore Gabriele Fumanti si è trasferito sempre al Fabriano in serie D. Notizia non comunicata a livello ufficiale. Per il centrocampo (in entrata) si fa il nome di un possibile rinforzo: si tratta di Dejan Danza ('95), in uscita dal Pordenone (così dice La Gazzetta dello Sport, poi segnalato da Tuttoc.com). Probabile formazione. Il trainer Pagliari schiererà il solito 4-4-1-1. Volpe in porta. Quartetto difensivo basato su Kalombo, Burzigotti, Piccinni e Paramatti (in ballottaggio con Pedrelli). A centrocampo un asse formato su Malaccari, Giacomarro, Sampietro e Ciccone. Davanti Casiraghi tra le linee a supporto di Marchi. Mentre Valagussa e Ricci dovrebbero partire dalla pancina. Lista dei ventuno convocati. Portieri: Volpe e Costa. Difensori: Burzigotti, Paolelli, Piccinni, Paramatti, Pedrelli e Kalombo. Centrocampisti: Bergamini, Casiraghi, Giacomarro, Malaccari, Manari, Ricci, Valagussa e Sampietro. Attaccanti: Marchi, Jallow, Libertazzi, Ciccone e De Silvestro.
••••••
18 GENNAIO 2018
Mestre: il precedente e le curiosità. Vicenza, è fallimento: ora l'iter dell'esercizio provvisorio

Il precedente. La partita di andata contro il Mestre si concluse in parità. Un pareggio che fu sbloccato dalla punta Sottovia nel primo tempo, poi ci ha pensato Kalombo a metà secondo tempo a raggiungere il pareggio definitivo. Si ricorda anche perchè ci fu il brutto infortunio per Malaccari che dovette uscire anzitempo dal terreno di gioco. Dopo un lungo stop (dove si temeva il peggio) è ritornato in campo a dicembre prima di Natale contro il Vicenza e poi ha giocato uno sprazzo di partita pure nell'ultima gara di Santarcangelo. E domenica potrebbe giocare pure titolare se non ce la dovesse fare Cazzola, out per un problema fisico. Ma non mancano alcune curiosità. Il Gubbio ora affronta in casa per la quarta partita consecutiva una squadra veneta. Si era cominciato il 2 dicembre con la vittoria con il Bassano per 1-0 con rete decisiva di Ciccone. Poi il 16 dicembre altra vittoria interna contro la capolista Padova sempre per 1-0: gol al fotofinish di Burzigotti. E si è proseguito il 22 dicembre con il pareggio interno per 1-1 contro il Vicenza: al vantaggio su rigore di Marchi ha risposto Lanini con un colpo di testa di precisione. Adesso toccherà al Mestre di Zironelli presentarsi al Pietro Barbetti. L'ultimo incontro degli arancioneri in campionato si è concluso con una vittoria sull'Albinoleffe per 2-1. L'ultima vittoria esterna dei veneti risale al 19 novembre, quando si imposero nel derby a Vicenza per 2-0. L'ultima trasferta non è stata invece positiva: 2-0 a Teramo il 22 dicembre. Altra curiosità e questa volta viene dal girone. La Reggiana tornerà a giocare sabato 3 febbraio quando troverà in casa il Renate. Perchè succede tutto questo? Granata adesso con due turni consecutivi di riposo: sabato (da calendario) dovevano giocare contro il Modena (ma i canarini sono stati estromessi dal campionato), nel turno successivo invece era già preventivato ad inizio stagione. Con la concomitanza della pausa invernale, la formazione emiliana allungherà il suo riposo e tornerà a giocare dopo oltre 30 giorni in campionato. Storie di un torneo nato male e che sta finendo in peggio: un campionato strano, irreale, con l'augurio che non si ripetano più delle situazioni del genere. Altrimenti non si può più chiamare campionato, ma si potrebbe chiamare "Scherzi a parte", come il famoso varietà che va in onda sulle reti Mediaset. Caso Vicenza, ora si è pronunciato il tribunale: dichiarato il fallimento del Vicenza Calcio e ha disposto l'esercizio provvisorio. É stato nominato un curatore fallimentare, Nerio De Bortoli di Venezia, che avrà il compito di gestire la società fino al termine della stagione sportiva. Il commercialista ha parlato (come riporta il sito web Padovasport.tv): "Adesso ha deciso il tribunale, il precedente patron Sanfilippo esce di scena. Quindi cercheremo di avere una struttura funzionante, se ci sarà bisogno di tagliare qualche costo relativo ai dipendenti lo faremo". Tutta la situazione Vicenza raccontata in video dal portale web de "Il Giornale di Vicenza" (» vedi video). Il Vicenza è la seconda squadra fallita in serie C a stagione in corso, dato che già lo scorso novembre il Modena era stato estromesso dal campionato e dichiarato fallito.
••••••
17 GENNAIO 2018
Finalmente... si torna in campo. Tra tanti silenzi e incognite. Si rivedono Valagussa e Ricci

Finalmente. Sabato si torna a giocare. Dopo un lungo stop di una ventina di giorni. L'ultimo incontro di campionato infatti si è giocato venerdì 29 dicembre, con la sconfitta al fotofinish di Santarcangelo. Ed ora l'ospite del Barbetti sarà il Mestre che proprio nelle ultime ore ha ufficializzato l'acquisto a titolo definitivo dell'attaccante Riccardo Martignago dal Pordenone: perciò il calciatore (26 anni) che è nativo di Montebelluna sarà a dsiposizione del trainer Zironelli per la trasferta di Gubbio. Arancioneri che in questo periodo di riposo hanno effettuato un'amichevole alcuni giorni fa (domenica) contro il Cittadella (che milita in serie B) e si sono imposti in rimonta per 2-1 con le reti di Beccaro e Spagnoli. Il tecnico Zironelli ha usato un 3-4-3 con Sodinha schierato avanzato. Potrebbe essere questa la formazione che sarà a Gubbio. Favaro in porta. Trio di difensori con Gritti, Perna e Politti. Quartetto di centrocampo con Fabbro, Boscolo, Casarotto e Lavagnoli. Davanti il tridente Beccaro, Sottovia e Spagnoli. Ma come detto scalpitano l'ultimo arrivato Martignago e Sodinha. In casa Gubbio invece tutto tace. Però tornerà a parlare il trainer Dino Pagliari venerdì dopo la rifinitura, ma dopo oltre venti giorni di totale silenzio. Il Gubbio in questo periodo si è chiuso a chiocciola. La nota lieta proviene dal recupero di alcune pedine che erano infortunate: stiamo parlando dei centrocampisti Valagussa e del baby Ricci, tornati adesso ad allenarsi con il gruppo. Altra nota lieta il ritorno nel gruppo del lungodegente Fontanesi, anche se si sta allenando a parte per ritrovare il giusto recupero. L'unico dubbio riguarda Cazzola che ha subito un acciacco in allenamento. Mentre sono ancora fermi ai box i difensori Lo Porto e Dierna. Probabile ora che il trainer riproponga lo stesso modulo basato sul 4-4-1-1. Volpe in porta. In difesa il quartetto con Kalombo, Burzigotti, Piccini e Pedrelli (in ballottaggio con Paramatti). A centrocampo l'asse Malaccari (se non recupera Cazzola), Giacomarro, Sampietro (o Ricci) e Ciccone. Davanti Casiraghi tra le linee a supporto della punta Marchi. C'è molta curiosità perchè dopo questo lungo stop bisognerà vedere a che punto si trova lo stato di forma della squadra, in particolar modo perchè da tre settimane non è stato possibile vederla all'opera sul campo in partite giocate. Altre news dal mercato. La Feralpisalò ingaggia l'attaccante Loi ('96), ex Modena. Il Bassano preleva l'attaccante Razzitti ('89) dalla Viterbese. La Triestina ottiene dalla Cremonese il difensore Bajic ('97). La Reggiana piazza il colpo ingaggiando il trequartista Cattaneo ('89) e si parla di un'offerta di 100mila euro al Brescia: battuta la concorrenza del Padova. Un colpo grosso anche per il Pordenone in fase offensiva: è stato infatti prelevato dal Parma l'attaccante Nocciolini ('89). Mentre il Renate ottiene dal Torino la punta De Luca ('98).
••••••
16 GENNAIO 2018
Fiumana: "Da quando giocavo ad oggi, è cambiato lo scenario. Ora società meno credibili..."

É stato calciatore del Gubbio. Ha vestito le casacche di Catania, Cesena, Sassuolo, Gualdo e pure la Reggiana. Adesso fa parte dell'Aic (Assocalciatori) nel ruolo di consigliere. Stiamo parlando di Andrea Fiumana e affrontiamo proprio la crisi che sta attraversando il calcio soprattutto nel girone B di serie C. Qual è il suo giudizio? "Da quando ho smesso di giocare e ho cominciato a toccare con mano certe norme e certe situazioni a livello sindacale per il lavoro che faccio, credo che sia cambiato molto, in particolar modo per quanto riguarda le norme che regolano le iscrizioni al campionato. Ma credo che siano cambiate in maniera positiva. A mio avviso ad oggi il guaio grosso è un aspetto più generale. C'è un intero paese in difficoltà economica. Purtroppo anche il mondo del calcio paga la situazione. Perciò, nonostante ci siano norme più stringenti, oggi ci ritroviamo con presidenti di calcio e società meno credibili. Se esiste anche un presidente virtuoso, avvicinarsi oggi al mondo del calcio è sempre più difficile. Poi tocca a noi in ogni situazione trasferire con mano ai quei calciatori che ci chiedono come mai succede questo o quell'altro. Tuttavia dico che sono cambiate delle cose e ad oggi proprio alle società si chiedono dei parametri importanti per iscriversi. Ma il problema è che non basta. Dico questo perchè nel nostro ambiente si sono affacciati anche dei personaggi che li ha avvicinati sia il mondo delle scommesse o per altri motivi che poi li rendono meno credibili rispetto al passato". Tra l'altro Fiumana fa subito un accenno alla situazione di Modena e Vicenza: "Abbiamo perso nel giro di qualche mese una società come il Modena. Abbiamo avuto la percezione che può saltare una società come il Vicenza. Ma non sono mancati dei campanelli di allarme in piazze importanti. É diventato un problema serio per noi dell'Assocalciatori. Ho giocato per quasi 15 anni nei professionisti, ma posso assicurarvi che non ho avuto mai bisogno dal punto di vista sindacale dell'Associazione (Aic). Forse perchè ho avuto la fortuna di stare in società credibili, dove i presidenti rimanevano in carica magari pure per un decennio. Oggi invece la situazione è diversa, non sai spesso con chi confrontarti, chi sarà il presidente della prossima stagione o magari da quali personaggi è composta una società. Le norme che regolano i pagamenti e i controlli sono migliorate. Ma forse non sono ancora sufficienti. E faccio un esempio: i calciatori spesso ci chiedono come mai una società dopo due mesi non sia in grado di pagare degli stipendi, perciò sarebbe preferibile che certe società al momento dell'iscrizione non partecipino al campionato". Quei casi più eclatanti sono avvenuti nel girone di serie C dove gioca il Gubbio, ma lei che ne pensa? "Sul caso Vicenza abbiamo notizie che possono essere più positive del caso Modena. Nel senso che nel Vicenza è stata già fatta un'istanza per arrivare al fallimento: questo percorso rispetto ad altre situazioni si è rivelato più snello e veloce. Però questo è avvenuto perchè l'istanza è stata presentata direttamente dalla Procura della Repubblica. Pertanto già da giovedì noi sapremo con certezza se il Vicenza è fallito, di conseguenza sarà nominato un curatore fallimentare al quale sarà concesso di proseguire con l'esercizio provvisorio. Ma ci potrebbe essere uno scenario diverso. Le notizie che abbiamo oggi è che ci sono degli imprenditori anche locali pronti ad intervenire ma bisognerà vedere con chiarezza tutta la situazione e tutti i conti. La percezione, tuttavia, è quella che la situazione possa risolversi e quindi si può portare il Vicenza a concludere il campionato". Ma secondo lei è un campionato falsato? "Ritrovarsi una retrocessione in meno, di certo può comportare di cambiare i programmi. Perciò mutano le attese, gli sviluppi, le ambizioni e pure il mercato. Pertanto le squadre potrebbero optare per fare giocare più giovani per garantirsi le risorse e il minutaggio anche con i contributi della Lega. Diciamo che lo scenario è diverso, è innegabile. Mi auguro che il Vicenza resti in piedi anche se arriverà una penalizzazione importante, dai 4 ai 6 punti di penalità".
••••••
Privacy e cookie policy unificata per i visitatori di questo sito: » Leggi tutto

Ultimo aggiornamento - Last update
data 19.01.2018 ora 15:00

Info: > Privacy e Cookie Policy

MAIN SPONSOR WITH PAGE LINKS:
(CLICCABILI CON FINESTRA GRANDE)

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

ART. 122 DL 196/03; R. n.229/14:

Media Spettatori
Lega Pro - Girone B
Stagione 2017/2018

Dopo 21 giornate:

Vicenza
Reggiana
Padova
Sambenedettese
Triestina
Teramo
Pordenone
Fermana
Ravenna
Fano
Mestre
Bassano
Albinoleffe
Gubbio
Feralpisalo
Sudtirol
Santarcangelo
Renate
Modena

6810
5520
5140
3800
3300
1910
1520
1450
1400
1210
1190
1170
1050
1050
760
730
490
410
70

Media spettatori:
>
La scheda

Dati media:
La Gazzetta dello Sport

Lega Pro
Girone B - 2017/2018

Abruzzo (1)
Teramo
Emilia-Romagna (4)
Modena, Ravenna, Reggiana, Santarcangelo
Friuli (2)
Pordenone, Triestina
Lombardia (3)
Albinoleffe, Feralpisalo, Renate
Marche (3)
Fano, Fermana, Sambenedettese
Trentino Alto Adige (1)
Sud Tirol
Umbria (1)
Gubbio
Veneto (4)
Bassano, Mestre, Padova, Vicenza

Amarcord rossoblu


Anno 2011-2012 Serie B:

MATCH CLOU:

1 ottobre 2011:

Gubbio-Verona 1-1
Spettatori: 3911

24 ottobre 2011:
Gubbio-Torino 1-0
Spettatori: 4173

6 gennaio 2012:
Gubbio-Bari 2-2
Spettatori: 3821

28 gennaio 2012:
Gubbio-Sampdoria 0-0
Spettatori: 3977

28 aprile 2012:
Gubbio-Pescara 0-2
Spettatori: 4434

Info: > Privacy e Cookie Policy