SERIE C - GIRONE B
FASE PLAYOFF
MART. 22 MAGGIO 2024
STADIO PIETRO BARBETTI
ORE 20:30

GUBBIO

0

RIMINI

1

GUBBIO ELIMINATO AL PRIMO TURNO PLAYOFF 2024

     date playoff:

Fase nazionale:
Primo turno andata il 14 maggio, ritorno il 18 maggio.
Secondo turno andata il 21 maggio e il ritorno il 25 maggio.
Final four: semifinale il 28 maggio andata e il ritorno il 2 giugno.
Finale promozione:
andata il 5 giugno e il ritorno il 9 giugno.

Clicca le immagini rossoblu!

CLASSIFICA FINALE
2023-2024

Cesena
Torres
Carrarese
Perugia
Gubbio
Pescara
Juventus Ng
Arezzo

Pontedera
Rimini
Spal
Lucchese
Pineto
Entella
Sestri Levante
Ancona
Vis Pesaro
Recanatese
Fermana
Olbia

96
75
73
63
59
55
54

53

52
50
49
45
45
45
44

42
39
38

31
26

VERDETTI:
CESENA IN
SERIE B

VIS PESARO E RECANATESE AI PLAYOUT
FERMANA E OLBIA IN SERIE D

Link Banner: Risultati Calcio:

Risultati Calcio...

38ESIMA GIORNATA
DOM. 23 APRILE 2023

Marcatori 2023-2024
Serie C - Girone B

Shpendi Cesena
Morra Rimini
Merola Pescara
Guerra Juventus Ng

20
19
17
15

Vedi lo stadio Barbetti!

Marcatori Gubbio
2023-2024

Di Massimo
Udoh
Spina
Bernardotto
Chierico

Mercati
Galeandro
Montevago
Bulevardi
Bumbu
Corsinelli
Desogus
Di Gianni
Morelli

Pirrello
Rosaia
Tozzuolo

12
11
5
3
2
2
2
2
1
1
1
1
1
1
1
1
1

Scopri la nostra citta!

Gubbiofans.it

Link Partners:

Calcio in Diretta
Risultati.it

Calcioland.forumfree.it
Tuttocampo.it

Info e pubblicita:

redazione@gubbiofans.it


Da playoff a playoff, tutti i numeri in C e le curiosità  

Sito browser aggiornati. Per altri browser: (vedi). Privacy e Cookie Policy (vedi). Tutti i risultati (link). Bilanci (vedi)

IN FOTO, GUBBIO-FANO, PLAYOFF DEL  2010.

Una considerevole affluenza nelle ultime gare ai playoff di C, in alcuni casi con oltre diecimila spettatori. Ma nel nostro piccolo, come é andata a Gubbio? Abbiamo messo a confronto tutti i dati, a partire dagli ultimi anni con numeri alla mano fino ad arrivare al 2010. Tutto il resoconto...   
A seguire tutti gli aggiornamenti e le news...

LE IMMAGINI AI PLAYOFF: » LE FOTO DI GUBBIO - RIMINI

Questo sito usa cookie tecnici utilizzati al solo fine di erogare il servizio di funzionamento e di conseguenza non coinvolge terze parti come indicato nell'informativa estesa che riportiamo in questo link (» leggi tutto). In base alla nuova normativa con provvedimento n.231 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.163 del 9 luglio 2021
►• 20 MAGGIO 2024
Da playoff a playoff. Tutti i numeri. Esposizione particolareggiata compiuta seguendo esclusivamente l'ordine cronologico dei fatti. Partiamo dai giorni nostri. Nei playoff in serie C attuali quanti spettatori hanno seguito le partite sugli spalti. Il record a Catania (contro l'Atalanta Under 23) con 19739 tifosi sugli spalti. A Vicenza contro il Taranto 10830 spettatori, con oltre 1200 tifosi tarantini che si sono sobbarcati 890 chilometri di sola andata. A Benevento contro la Triestina 6014 spettatori. A Carrara in Carrarese contro il Perugia c'erano 3029 spettatori. Numeri importanti per la terza serie. Ma adesso entriamo nello specifico e parliamo del Gubbio. Come si é comportato il pubblico eugubino durante i playoff. Nell'unico incontro disputato in questa stagione, ovvero Gubbio-Rimini, erano presenti 1442 spettatori, dei quali 362 provenienti da Rimini. L'anno scorso (2023) i rossoblù, sempre con Braglia in panchina, avevano disputato tre incontri in casa arrivando fino alla fase nazionale. Nel primo turno, ovvero in Gubbio-Recanatese (finita 1-1) erano presenti 1014 spettatori (di cui 68 di Recanati). Nel turno successivo (nella seconda fase) in Gubbio-Pontedera (conclusasi sempre per 1-1) erano presenti 1126 spettatori (di cui 81 provenienti da Pontedera). Nella fase nazionale nella gara di andata in Gubbio-Entella (finita 2-0) erano presenti 1036 spettatori. Poi al ritorno si é giocato a Chiavari con il passaggio del turno dei biancocelesti liguri. L'anno prima (2022) ecco quali sono stati i numeri delle presenze ai playoff: nel primo turno in Gubbio-Lucchese con Torrente in panchina (finita 1-0) erano presenti 1767 spettatori (dei quali 610 provenienti da Lucca). Poi nel turno successivo si é giocato a Pescara con il passaggio del turno dei biancazzurri. Nel 2017, con Giuseppe Magi in panchina, nel primo turno a Gubbio tra i rossoblù eugubini e la Sambenedettese erano presenti 2190 spettatori (dei quali 802 provenienti da San Benedetto del Tronto). Numeri alla mano. Cosa successe invece nel 2010 ai playoff di Seconda Divisione. Nella partita di semifinale in casa contro il Fano erano presenti 2500 spettatori (dei quali 265 di Fano). Ecco le immagini fotografiche (» vedi foto). Nella partita in casa nella finale di andata contro il San Marino erano presenti 3000 spettatori (di cui 46 sammarinesi). Anche in questo caso vi mostriamo le immagini (» vedi foto). Nel ritorno sappiamo tutti che 2624 eugubini si trasferirono sul Titano come si può vedere da queste immagini (» vedi foto). I dati dimostrano che la carica degli spettatori é andata scemando, nel giro di un decennio si é perso il 63,5% di presenze sugli spalti ai playoff. Forse erano altri tempi, forse i playoff erano più diretti e alletanti, ma il dato statistico è significativo.       

►• 19 MAGGIO 2024
Passo cruciale: un tecnico in linea con il 'forma mentis' della società per alzare l'asticella

Tutto nella vita nasce per poi raggiungere una conclusione. Nel mondo del calcio, tale affermazione prende quota in pochi attimi. Gli allenatori passano, i calciatori passano, una continua rotazione che si é vissuta continuamente negli ultimi anni a Gubbio. D'altronde nelle ultime dieci stagioni si sono succeduti undici allenatori nel team eugubino. Niente di nuovo quindi. Tuttavia in via Parruccini tira aria di rivoluzione. C'é aria di riflessioni e ragionamenti in casa rossoblù, soprattutto ora per quanto riguarda il futuro. Oltre alla panchina, con Braglia che si é dimesso dal suo incarico, non ci sono ancora certezze sul ruolo del direttore sportivo (resta Mignemi o se ne va?), pertanto di fronte a queste figure ruota tutto il resto. L'unica certezza é la società che per il decimo anno consecutivo é guidata dal patron Sauro Notari (imprenditore delle acque minerali) che é pronto a ripartire garantendo di giocare una nuova stagione in terza serie. Ancora una volta, di questo va dato atto. Questo non é poco per una realtà come Gubbio nell'attualità. Che poi si potrebbe fare molto meglio sia a livello organizzativo e sia a livello comunicativo per avere più attrattiva, questo é un altro tipo di discorso, e qui ci sarebbe da aprire un capitolo a parte. Adesso il nocciolo della questione é capire da quale staff tecnico ripartirà il Gubbio. Dovrà essere trovato un allenatore che sia capace di integrarsi nella realtà di Gubbio. Non sarà facile per la società trovare un sostituto che possa garantire di migliorare un quinto posto, nonostante la grande amarezza dell'uscita repentina ai playoff. Non sarà probabilmente facile nemmeno per Braglia migliorare l'ultima performance in un'altra piazza. Ma il mondo si evolve alla velocità della luce. Stargli dietro comincia ad essere molto difficile. La società adesso dovrà trovare la figura giusta per guidare la panchina rossoblù, quindi servirà dell'altro per alzare l'asticella della competitivà e consolidarsi ad un certo livello. Braglia ha fatto capire che più di così non si può dare, dopo le ultime esternazioni a livello prettamente logistico, espressioni che non sono state digerite dal presidente Notari (come detto pubblicamente in tv su Trg Network lunedì scorso), e quindi sono inconciliabili con la visione imprenditoriale della proprietà. Ecco perché, a cominciare anzitutto che sia congeniale alla sua 'forma mentis' (modo di pensare) del club, serviranno interpreti che siano sulla stessa lunghezza d'onda della società per il modo di intendere e considerare la realtà. In questo solco, ci sono altri profili da individuare. La posizione del tecnico quindi é solo un tassello, poi c'é la composizione della rosa che pure costituisce una voce importante per la programmazione futura. Servirà un profilo coerente rispetto al progetto tecnico che sembra voler seguire la società di Sauro Notari, prima di valutare i possibili nomi. La dirigenza eugubina, adesso più che mai, si trova di fronte ad un passo cruciale.        

►• 16 MAGGIO 2024
Post Braglia, cosa ne sarà dell'attuale organico. Nove elementi sotto contratto, dodici out

Dopo il saluto da parte di Braglia, da quale base partirà il Gubbio nella prossima stagione? Di certo sono ancora sotto contratto con i rossoblù fino al 2025 il portiere Vettorel, i difensori Signorini, Pirrello (fino al 2026), Tozzuolo, Mercadante, Morelli, i centrocampisti Rosaia e Bumbu, infine l'attaccante Di Massimo. Vanno in scadenza tutti gli altri: ovvero il portiere Greco, poi Dimarco, Calabrese, Mercati, Casolari, Chierico, Brambilla, Spina, Galeandro e Desogus. Sulla stessa lunghezza d'onda anche l'attaccante Udoh, il cui cartellino è detenuto dal Cesena ma c'é una clausola di riscatro in favore del Gubbio. Lo stesso dicorso vale per l'attaccante Bernardotto che era in prestito dal Giugliano sul quale si sta valutando di trattenerlo anche per la prossima stagione. Chiaro, però, che su di loro la società, insieme al futuro mister che per adesso è 'mister x', effettuerà le proprie valutazioni. Intanto riceviamo e pubblichiamo (con il consenso del diretto interessato) una lettera arrivata alla nostra redazione. Scrive Matteo Fedini, di Sesto Fiorentino, che dal 1997 si é appassionato del Gubbio dopo averlo visto giocare contro la Sestese. Personalmente lo abbiamo incontrato sugli spalti del Barbetti nel derby giocato contro il Perugia il 17 marzo scorso insieme alla sua famiglia. Di seguito ecco le sue parole che ha postato tramite e-mail alla casella postale elettronica del sito, Matteo Fedini scrive quanto segue: «Salve Direttore, abbiamo già finito i play-off, non pensavo per come era stato fatto nel primo tempo dalla squadra, nella ripresa invece siamo stati arrendevoli e troppo nella nostra metà campo. Mi é dispiaciuto molto perché anche se difficilmente li avremmo vinti, speravo che si potesse andare più avanti almeno fino alle fasi nazionali. Ora bisogna ripartire secondo me da un rapporto migliore tra la società e la tifoseria perché ne beneficerebbe tutto l'ambiente rossoblu e la squadra puntando ad un ritorno in Serie B. Complimenti per come gestisce il sito "Gubbiofans", buona continuazione».

►• 14 MAGGIO 2024
Notari: "Deluso, ma ripartiremo". Braglia: "Dimissioni irrevocabili". Mignemi: "Riflessione"

Continua il momento di incertezza dopo le dimissioni del mister di cinque giorni fa. Della vicenda e del prossimo futuro hanno parlato tutti i protagonisti, in primis il patron Notari, il tecnico Braglia e il diesse Mignemi. Tutti e tre sono stati contattati telefonicamente durante la trasmissione «Fuorigioco» in diretta televisiva condotta da Giacomo Branco su Trg Media Network, dove erano presenti anche alcuni giornalisti (tra i quali anche il direttore di Gubbiofans.it) che hanno posto delle domande ai diretti interessati per capire meglio la situazione che si é venuta a creare. Cosa ha detto innanzitutto il presidente Sauro Notari in sintesi: "Mi sono incontrato la scorsa settimana con Braglia e mi ha espresso la volontà di rassegnare le dimissioni. Sono rimasto un po' sorpreso, ma in particolar modo mi hanno sorpreso le dichiarazioni fatte dal tecnico in conferenza stampa. Non me lo sarei aspettato. Sono rimasto un po', un po', un po', un po'... (deluso ndr). Voglio dire il tecnico già sapeva dall'inizio il discorso dei campi di allenamento e di come erano le strutture a Gubbio. Se stiamo cercando un nuovo allenatore? No, perché finchè non ci saranno le dimissioni ufficiali per me Braglia resta un allenatore del Gubbio. In ogni caso, con il sottoscritto, abbiamo passato anche dei momenti più brutti a livello di risultati e ci siamo sempre rimboccati le maniche, pertanto in caso di necessità lo faremo anche adesso. Quale sarà il futuro di Mignemi? Per me é sempre il nostro direttore sportivo, perciò ci vedremo a breve per pianificare il futuro. Perciò al momento altre situazioni non sono state prese in considerazione". Cosa invece ha affermato il tecnico Piero Braglia in breve: "No no, quando dico una cosa é quella. Voglio dire, io ho una sola faccia. La mia decisione di rassegnare le dimissioni rimane tale e tornerò a Gubbio solo per mettere tutto nero su bianco. E ribadisco il concetto che non ci sono strutture a livello logistico per allenarsi al 100%. L'anno scorso si era aperto uno spiraglio per poter andare a Scheggia, poi strada facendo la situazione é rimasta sempre la stessa e allora ho capito che più di questo non si può dare. Non ho nessuna squadra, checchè se ne dica. Che mi porto dietro di Gubbio? Di aver conosciuto veramente delle persone per bene, a partire dai magazzinieri: c'è gente lì dentro che non appare ma sono veramente un valore aggiunto per questa società, lo dico con tutta franchezza". Aggiungiamo noi: forse Braglia ha capito che si é chiuso un ciclo. Cosa ha detto infine il direttore sportivo Davide Mignemi: "Sul mio futuro posso dire solo un concetto: mi sono preso un periodo di riflessione. Ora devo riflettere. Mi dovrò incontrare con il presidente Notari e solo dopo si avranno certezze". In altre parole. Nelle prossime settimane si capirà realmente se anche per il Ds Mignemi può essere finito un ciclo.

Rubrica di approfondimento - Gli articoli più letti e visionati del 2022 al 2024: ► leggi tutto
  
•••••
Grafica, contenuto, elementi visivi del sito web è protetto da copyright dal momento del suo sviluppo. Il materiale utilizzato non deve essere usato in modo improprio senza citare la fonte

•••••

Privacy e cookie policy unificata per i visitatori di questo sito: » Leggi tutto

  

Ultimo aggiornamento - Last update
data 20.05.2024 ora 22:00

Info: > Privacy e Cookie Policy

Copyright 2021
Aut. 22/2006 Registro dei Periodici del Tribunale di Perugia 20/01/2006
Iscrizione Roc al numero 21309

Sito web dal 2001 - copyright 2024

PROVVED. n. 231 GAZZETTA UFFICIALE n.163 del 9 luglio 2021
ART.13 REGOLAMENTO UE n.2016/679
D.LGS. ART. 122 DL 196/03
G.U. ART. n.229/14:

Questo sito usa cookie tecnici utilizzati al solo fine di erogare il servizio per il suo funzionamento, pertanto non usa cookie di profilazione e non coinvolge terze parti come viene indicato nell'informativa estesa sopra indicata nel banner   

MAIN SPONSOR
(CLICK CON FINESTRA GRANDE)

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPAZIO BANNER E INFO:

Media Spettatori
Lega Pro - Girone B
Stagione 2023/2024
Dopo 38 giornate:

Cesena
Spal
Pescara
Ancona
Torres
Perugia
Arezzo
Rimini
Lucchese
Carrarese
Vis Pesaro
Entella
Gubbio
Fermana
Pineto
Olbia
Recanatese
Pontedera
Sestri Levante
Juventus Ng

10090
6510
4260
4170
3770
3600
3410
3320
2380
1570
1500
1430
1350
1300
970
860
650
610
580
110

Media spettatori:
>
La scheda

Dati media:
La Gazzetta dello Sport

Lega Pro
Girone B - 2023/2024

Abruzzo (2)
Pescara, Pineto
Emilia-Romagna (3)
Cesena, Rimini, Spal
Liguria (2)
Sestri Levante , Virtus Entella
Marche (4)
Ancona, Fermana, Recanatese, Vis Pesaro
Piemonte (1)
Juventus Next Gen
Toscana (4)
Arezzo, Carrarese, Lucchese, Pontedera
Umbria (2)
Gubbio, Perugia
Sardegna (2)
Olbia, Torres

Amarcord rossoblu


Anno 2011-2012 Serie B:

MATCH CLOU:

1 ottobre 2011:

Gubbio-Verona 1-1
Spettatori: 3911

24 ottobre 2011:
Gubbio-Torino 1-0
Spettatori: 4173

6 gennaio 2012:
Gubbio-Bari 2-2
Spettatori: 3821

28 gennaio 2012:
Gubbio-Sampdoria 0-0
Spettatori: 3977

28 aprile 2012:
Gubbio-Pescara 0-2
Spettatori: 4434

Info: > Privacy e Cookie Policy