LEGA PRO
PLAYOFF - PRIMA FASE

SAB. 13 MAGGIO 2017
STADIO "PIETRO BARBETTI"

GUBBIO

2

SAMBENEDET.

3

ULTIMA GIORNATA
GIRONE B - LEGA PRO
DOM. 7 MAGGIO 2017
STADIO "PIETRO BARBETTI"

GUBBIO-MODENA 3-2

> Calendario in pdf: (scarica)

Clicca le immagini rossoblu!

Squadre

Venezia
Parma
Pordenone
Padova
Reggiana
Gubbio
Sambened. (-1)
Feralpisalo
Albinoleffe
Bassano
Santarcang. (-2)
Sudtirol
Maceratese (-4)
Modena
Mantova

Teramo
Fano
Forli
Lumezzane
Ancona (-1)

80
70
66
66
59
58
55
53
52
51
50
47
46
44
41

40
39
37
34

31

Link Banner: Risultati Calcio:

Risultati Calcio...

PRIMI VERDETTI:

Venezia in B
Parma, Pordenone, Padova, Reggiana, Gubbio, Samb, Feralpisalo, Albinolffe e Bassano ai playoff
Teramo, Fano, Forli e Lumezzane ai playout
Ancona in serie D

38ESIMA GIORNATA
DOM. 7 MAGGIO 2017

Albinoleffe
Santarcangelo

3
1

Fano
Bassano

2
1

Feralpisalo
Teramo

0
1

Forli
Ancona

0
1

Maceratese
Venezia

2
0

Mantova
Sudtirol

3
1

Padova
Lumezzane

2
0

Parma
Reggiana

1
0

Sambenedettese
Pordenone

2
1

-

Marcatori 2016-2017
Lega Pro - Girone B

Mancuso Sambened.
Arma Pordenone
Calaio' Parma
Gliozzi Sudtirol
Altinier Padova

22
17
16
15
14

Vedi lo stadio Barbetti!

Marcatori Gubbio
2016-2017

Ferretti
Candellone
Casiraghi
Ferri Marini
Valagussa
Rinaldi
Marini
Conti
Musto
Romano
Zanchi

12
6
6
5
5
4
2
1
1
1
1

Scopri la nostra citta!

Link Partners:

Calcio in Diretta
Risultati.it

Calcioland.forumfree.it
Tuttocampo.it

Info e pubblicita:

redazione@gubbiofans.it


Piccinni: "Ancora brucia quel gol annullato ai playoff"

Sito per tutti i browser aggiornati. Per altri browser: (vedi). Privacy e Cookie Policy (vedi). Tutti i risultati (link).

IN FOTO, GOL ANNULLATO A PICCINNI (PLAYOFF).

Parla il difensore milanese, è legato ai rossoblù fino al 2019: "Un po' più di esperienza della Samb, con le nostre occasioni mancate, hanno influito. Ma il Gubbio ha ottenuto un grande traguardo: qui ho trovato un ambiente sano. Mi auguro che si continui con Magi. Matera out? Non me l'aspettavo"
A seguire tutti gli aggiornamenti e le news...

LE IMMAGINI DEL MATCH PLAYFF: » LE FOTO DI GUBBIO - SAMBENEDETTESE

25 MAGGIO 2017
Parliamo con il difensore rossoblù, legato con il Gubbio con un contratto fino a giugno 2019. Stiamo parlando di Matteo Piccinni, prelevato lo scorso gennaio dal Matera. Contro la Samb un gol annullato ingiustamente nei playoff. Brucia ancora? "Brucia assolutamente sì. Come si era già visto in campo, non si è capito il motivo perchè è stato annullato questo mio gol. Avevo visto che il portiere e un loro calciatore (Aridità e Bacinovic) si erano dati fastidio tra di loro, al contrario di poi di quello che ha detto il guardalinee che ha dato il fuorigioco. Anche l'arbitro pensava che fosse stato Ferretti a dare fastidio alla traiettoria della palla dopo il contatto con il portiere. Invece non è andata così. Tutto inspiegabile". Ma secondo lei cosa non ha funzionato in questo match? "Diciamo che la partita non è stata poi così interpretata male. La differenza l'hanno fatta le occasioni sfruttate. É stata una partita aperta giocata da due squadre che offrono un bel calcio. Forse c'è stata un po' di esperienza in più da parte della Samb in tutte le parti del campo. Ma è anche chiaro che le occasioni di Giacomarro (con la palla che è rimbalzata male) e quella di Candellone non sono andate in porto, mentre loro hanno sfruttato tutte le loro opportunità. Ci è girata anche male. Potevamo fare meglio, semmai si poteva evitare qualche contropiede. Certi episodi hanno fatto la differenza". Ha parlato di esperienza: "Ma sì, perchè nelle partite secche saper fare una certa gestione è importante e noi nelle ripartenze abbiamo subito i gol. Abbiamo dato troppo spazio ad una Samb che era costretta a vincere. Chiaro che le nostre occasioni le abbiamo sbagliate mentre loro hanno saputo concretizzarle da subito". Morale della favola, tuttavia la Samb è uscita negli ottavi contro il Lecce. Passano diverse favorite, mentre a sorpresa esce la sua ex squadra, il Matera. Se lo aspettava? "Assolutamente no. Sinceramente considero il Matera insieme all'Alessandria dotate di mezzi in grado di poter vincere i rispettivi campionati. Il Cosenza è una buona squadra, però non mi sarei aspettato l'eliminazione dei lucani". Lei si trova a Gubbio da gennaio, un suo bilancio a bocce ferme? "Mi sono trovato molto bene, sono stato molto contento della scelta fatta, sono arrivato in un ambiente sano, un ambiente umile e formato da un gruppo di ragazzi veramente ottimi a livello umano e calcistico. Perciò sono rimasto piacevolmente sorpreso. Sono arrivato in un momento positivo, peccato poi che abbiamo avuto quel piccolo periodo di calo dove abbiamo preso un po' troppi gol. Forse abbiamo avuto un calo psicofisico. Però tutto sommato bisogna considerare il bilancio molto positivo perchè da quello che si diceva intorno alla squadra, già la salvezza si trattava di un grande traguardo. In realtà essere arrivati sesti in classifica ad un solo punto di distanza dalla Reggiana e appena sotto le squadre più blasonate che hanno speso molto di più, lo considero proprio un grande traguardo. Credo che è una base su cui ripartire l'anno prossimo. Con fiducia e consapevoli delle nostre forze". Appunto. Lei ha parlato di ripartire da questa base. Perciò chiediamo, qual è il suo giudizio su Magi? "Mi auguro che si prosegua così. A mio avviso il mister ha lavorato bene, ha fatto molto bene con la squadra sia con i giovani che con quelli più esperti. Poi è chiaro che ognuno può avere il suo rapporto personale. Perciò spero che Magi continui con noi e continui con questa società: dico questo perchè hanno creato qualcosa di ottimo e secondo me sarebbe giusto continuare".
••••••
24 MAGGIO 2017
Simone Farina: abilitazione per direttore sportivo. Ottavi playoff, l'epilogo. Samb, penalità

É bastato sfogliare l'elenco dei nuovi abilitati per la carica di Direttore Sportivo pubblicato dalla Figc dal proprio sito ufficiale (» vedi elenco) ed è uscita fuori una sorpresa. L'ex terzino sinistro rossoblù del Gubbio, Simone Farina, ha conseguito l'abilitazione di Direttore Sportivo dopo aver frequentato proprio a Coverciano il corso per conseguire l'attestato per questa figura professionale a livello calcistico. Ha giocato nel Gubbio dal 2007 al 2012 con due promozioni di fila dalla C2 alla serie B nell'era Torrente. Dopo Gubbio ha avuto un ruolo come coach community con l'Aston Villa e di seguito ha avuto un ruolo pure nella lega di Serie B italiana conferitogli direttamente dal presidente Abodi. E adesso ecco questa nuova abilitazione: da vedere se Farina continuerà a lavorare in Inghilterra oppure tornerà in Italia per poter svolgere questo nuovo ruolo. Pillole da Europa League: la finale si è giocata a Stoccolma, con la vittoria del Manchester United di Mourinho per 2-0 sull'Ajax: reti di Pogba e Mkhitaryan. In campo per i Reds Devils due calciatori che sono stati avversari del Gubbio nel campionato di serie B (2011-2012): il difensore Matteo Darmian (a quei tempi giocava con il Torino) e il portiere argentino Sergio Romero (in quella stagione difendeva la porta della Sampdoria). Che dire: dal manto erboso del Barbetti di Gubbio allo stadio Friends Arena di Stoccolma da campioni d'Europa. Si sono giocate le partite di ritorno degli ottavi di finale dei playoff (tutte in notturna). L'Alessandria vince per 3-1 sulla Casertana (andata 1-1) e passa il turno con scioltezza: reti di Gozzi, Cazzola e Bocalon che ribaltano il gol di vantaggio dei campani di Ciotola. Idem il Parma che piega il Piacenza per 2-0 (andata a reti bianche): mattatori del match Nocciolini e Baraye. In casa vince anche il Pordenone per 3-1 sulla Giana Erminio che ribalta così la sconfitta dell'andata (di 2-1): De Agostini, Marchi e Arma in gol, nel mezzo il momentaneo pari di Chiarello. La sorpresa arriva da Matera: la formazione lucana infatti non va oltre l'1-1 con il Cosenza (in rete l'ex rossoblù Mendicino e pari di Di Lorenzo) dopo la sconfitta dell'andata in terra calabra per 2-1. Infine quattro partite tutte finite senza reti (0-0). Out l'Albinoleffe che non scardina la difesa della Lucchese: rossoneri che passano il turno grazie al gol al 96' di Bruccini in terra toscana dell'andata. Idem per la Juve Stabia che si fa bloccare dalla Reggiana (vincitrice al Mapei Stadium per 2-1). Finisce 0-0 tra Livorno e Virtus Francavilla (stesso risultato dell'andata): passano i toscani per il piazzamento in classifica migliore. Stessa sorte nella partita clou del Via del Mare: passa il Lecce che pareggia contro la Samb (l'andata finì 1-1) e così per la formazione di Sanderra finisce l'esperienza nei playoff, dopo che aveva eliminato il Gubbio nella prima fase. In una giornata in cui arriva una nuova tegola per il team del patron Fedeli: Sambenedettese penalizzata di un punto in classifica (» vedi news).
••••••
23 MAGGIO 2017
Ad un bivio. Tutto ruota intorno al tecnico. Le sirene per Magi: Piacenza ma anche Samb

Tutto ruota intorno all'allenatore. Per parlare di programmazione e di futuro si deve partire per forza di cose dal ruolo centrale che è la figura del tecnico. Che ci sarà un incontro tra Magi e il patron Notari è cosa certa. Pure il portale web Gianlucadimarzio.com ne ha parlato scrivendo così: «Stagione di Lega Pro archiviata, ora testa al prossimo campionato per il Gubbio. Martedì prossimo, quindi, la proprietà incontrerà l'allenatore, Giuseppe Magi, per incominciare a parlare dell'anno che verrà, partendo dalla ferma volontà della proprietà di ripartire da Magi. Per dare continuità e continuare il percorso di questa stagione, anche se l'incontro di martedì sarà importante per il futuro dell'allenatore». In altre parole da questo incontro si deciderà tutto. Il trainer Magi è legato con i rossoblù con un altro anno di contratto (fino al 2018). Chiaro che va definita questa posizione perchè verso il tecnico pesarese non mancano le sirene che provengono da altrove. Alcuni giorni fa infatti avevamo scritto di un interessamento del Piacenza, con l'attuale tecnico dei biancorossi Arnaldo Franzini che sembra essere finito nel mirino dell'Arezzo (dopo l'addio con gli amaranto di Sottili). Però c'è un'altra voce che rimbalza direttamente dalle Marche: Magi piace anche all'entourage della Sambenedettese. Infatti il tecnico pesarese era già stato avversario degli adriatici pure in serie D due stagioni fa quando guidava la Maceratese che poi conquistò il primo posto proprio davanti ai rossoblù del patron Fedeli. Ma è finito nel mirino della Samb pure un calciatore del Gubbio (in scadenza di contratto) che ha mercato: si tratta di Daniele Casiraghi, trequartista, appetito da alcuni clubs di Lega Pro e pure di serie B (vedi Virtus Entella). Alla Samb, in verità, tempo fa era stato accostato anche il nome di Federico Giunti, dopo l'ultima esperienza nella Maceratese: ma adesso l'ex centrocampista milanista è finito nel mirino anche dell'Arezzo (come ha scritto Gazzamercato.it poi riportato da Tuttomercatoweb.com) insieme a Franzini del Piacenza (come già detto prima). Non mancano gli snodi di mercato nel girone. Infatti, dopo l'uscita dalla prima fase dei playoff, il Padova sta pensando ad un nome nuovo per la panchina: si tratta di Mario Petrone, reduce dall'esperienza di Catania. Il tecnico napoletano in passato, quando allenava l'Ascoli, voleva portare in bianconero l'attaccante Daniele Ferretti (ora al Gubbio) ma poi non si fece nulla: episodio confessato dallo stesso trainer partenopeo di recente sull'emittente tv Rtv San Marino. Non è escluso quindi (se andrà in porto l'operazione con la società patavina) che potrebbe tornare alla carica verso Ferretti, che tuttavia è finito sotto osservazione del Venezia di Inzaghi. E fanno riflettere le parole pronunciate dal tecnico Oscar Brevi del Padova (come riportato da Tuttolegapro.com): "Lavorare qui è difficile. Subito out ai playoff? Non abbiamo buttato il cuore oltre l'ostacolo, ma a questa squadra è mancato un vero leader. Ma il Parma ha acquistato sette calciatori di A e B, il peso specifico era diverso, eppure ha fatto il nostro stesso campionato. É così che funziona: a volte si spendono cifre spropositate e si impiegano dieci anni per salire, dato che si rivoluziona sempre la squadra. In altri casi, invece, nel giro di due-tre anni si riesce a costruire qualcosa di importante lavorando con pazienza e facendo tesoro dei propri errori". Piccola postilla: allora cosa si dovrebbe dire a Gubbio dopo un torneo del genere, da matricola e con un budget molto risicato rispetto tante blasonate del girone? E "qualcuno" ancora usa il fiato per denigrare quanto fatto. Ma poche frasi, dette da un addetto ai lavori, dicono tutto!
••••••
22 MAGGIO 2017
Casiraghi: "Con la Samb errori nostri, ma noi siamo la sorpresa. Il mercato? Ora non saprei"

Di sicuro è un uomo mercato. Stiamo parlando del fantasista rossoblù Daniele Casiraghi. Con il diretto interessato partiamo parlando del match di playoff contro la Samb che ha visto uscire il Gubbio nella prima fase: "C'è parecchio rammarico perchè la Samb a mio avviso non aveva niente più di noi. Del resto abbiamo fatto degli errori che in questa categoria poi si pagano. Ma siamo consapevoli di aver fatto un ottimo campionato". Lei ha parlato di errori: si riferisce ai gol mancati oppure a livello di atteggiamento? "Mi riferisco al fatto che abbiamo sbagliato qualcosa davanti ma pure dietro. Degli errori che ci possono stare nel calcio ma in questo match ci sono costati cari". La Samb forse si è dimostrata più esperta del Gubbio, questo fattore ha contato secondo lei? "Senz'altro hanno degli ottimi calciatori. Tuttavia io ribadisco: più di noi non avevano tanto. Quindi credo che si poteva fare di più". Un giudizio globale sul Gubbio in questa stagione? "Darei come voto un bell'otto pieno. Nonostante tutto, cioè contro ogni più rosea aspettativa, abbiamo mantenuto il sesto posto per quasi tutto il campionato". La scorsa estate Casiraghi aveva mandato questo messaggio: «Sono tornato a Gubbio per vendicare quella traumatica retrocessione». A stagione conclusa come vuole commentare quella sua citazione? "In effetti il mio obiettivo primario è stato proprio questo. Non mi era andata proprio giù quella retrocessione (del 2015 ndr). Spero di essere riuscito a fare dimenticare quell'epilogo non felice. E spero che i tifosi abbiano capito". Quest'anno è stato impiegato dal tecnico Magi molto spesso tra le linee: fare il trequartista è il suo ruolo ideale? "Sì, diciamo che fare il trequartista l'ho sempre ritenuto il mio ruolo. Anche se poi ho fatto un po' di tutto e mi sono adattato sempre a quello che mi è stato chiesto. Però il ruolo che mi piace di più è senz'altro il trequartista". Quel coast to coast a Padova, palla al piede per 80 metri e poi traversa piena. A distanza di tempo un suo pensiero? "Questo è un altro rammarico che porterò dietro per un po' di tempo. Percorrere 80 metri e cogliere la traversa mi ha fatto abbastanza rosicare. Magari ci sarà un'altra occasione per ripetersi". Ci sono state alcune critiche dopo l'uscita dai playoff, secondo lei sono giuste? "Potrebbero essere giustificate perchè, come ho detto prima, la Samb non aveva un qualcosa in più rispetto a noi. Potevamo fare qualcosa in più avendo a nostro favore due risultati su tre. Però alla fine è il campo che decide e il verdetto va sempre accettato. Oltretutto ripeto: noi siamo molto contenti del campionato che siamo riusciti a disputare". E con il trainer Magi come è andata? "Con il mister mi sono trovato benissimo. Sono contento perchè mi ha dato tanta fiducia. Spero solo di essere riuscito a ripagarlo. Mi sono trovato bene, senza dubbio". Si parla tanto di Casiraghi che è appetito da alcuni clubs come Virtus Entella, Giana Erminio e Juve Stabia. D'altronde a Gubbio è in scadenza di contratto. Cosa ci può dire a riguardo? "Sinceramente non so nulla. Mi risulta che il mio procuratore sta lavorando e parlerà anche con il Gubbio oltre che con altre squadre. É appena finito il campionato, perciò non saprei". Ma Casiraghi sarebbe propenso a restare a Gubbio? "Io ho il Gubbio nel cuore da sempre. Nel caso dovessi andare via, a Gubbio ci ritornerò. Ma non è detto che vada via. Adesso parleranno il presidente con il procuratore e vediamo cosa si può fare". Ultima domanda: la sorpresa e la delusione del campionato secondo Casiraghi? "La sorpresa è proprio il... Gubbio. Ho sentito molte persone che ruotano intorno al mondo del calcio, nessuno pensava che riuscissimo a fare un ottimo campionato come questo. Mentre la delusione per me è il Parma: con un organico del genere poteva e doveva fare molto di più, nel senso che doveva vincere il campionato".
••••••
Privacy e cookie policy unificata per i visitatori di questo sito: » Leggi tutto

Ultimo aggiornamento - Last update
data 25.05.2017 ora 22:00

Info: > Privacy e Cookie Policy

MAIN SPONSOR WITH PAGE LINKS:
(CLICCABILI CON FINESTRA GRANDE)

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

ART. 122 DL 196/03; R. n.229/14:

Media Spettatori
Lega Pro - Girone B
Stagione 2016/2017

Dopo 38 giornate:

Parma
Reggiana
Padova
Sambenedettese
Venezia
Modena
Mantova
Teramo
Fano
Ancona
Pordenone
Bassano
Gubbio
Forli
Maceratese
Feralpisalo
Albinoleffe
Sudtirol
Santarcangelo
Lumezzane

11660
7100
4170
3970
3060
2810
2200
2020
1820
1660
1440
1210
1170
970
960
850
710
640
630
360

Media spettatori:
>
La scheda

Dati media:
La Gazzetta dello Sport

Lega Pro
Girone B - 2016/2017

Abruzzo (1)
Teramo
Emilia-Romagna (5)
Forli, Modena, Parma, Reggiana, Santarcangelo
Friuli (1)
Pordenone
Lombardia (4)
Albinoleffe, Feralpi Salo, Lumezzane, Mantova
Marche (4)
Ancona, Fano, Maceratese, Sambenedettese
Trentino Alto Adige (1)
Sud Tirol
Umbria (1)
Gubbio
Veneto (3)
Bassano, Padova, Venezia

Amarcord rossoblu


Anno 2011-2012 Serie B:

MATCH CLOU:

1 ottobre 2011:

Gubbio-Verona 1-1
Spettatori: 3911

24 ottobre 2011:
Gubbio-Torino 1-0
Spettatori: 4173

6 gennaio 2012:
Gubbio-Bari 2-2
Spettatori: 3821

28 gennaio 2012:
Gubbio-Sampdoria 0-0
Spettatori: 3977

28 aprile 2012:
Gubbio-Pescara 0-2
Spettatori: 4434

Info: > Privacy e Cookie Policy