SERIE C - GIRONE B
27ESIMA GIORNATA
SAB. 27 FEBBRAIO 2021
STADIO PIETRO BARBETTI
ORE 15

GUBBIO

1

VIS PESARO

1

28ESIMA GIORNATA
MERC. 3 MARZO 2021
STADIO NEREO ROCCO
ORE 17:30

TRIESTINA-GUBBIO

> Calendario in pdf.: (scarica)

Clicca le immagini rossoblu!

CLASSIFICA
2020-2021

Padova
Sudtirol
Perugia
Modena
Triestina
Feralpisalo
Virtus Verona
Cesena
Sambenedettese
Mantova

Matelica
Gubbio
Fermana
Carpi
Imolese

Fano
Vis Pesaro
Legnago Salus
Ravenna

Arezzo

54
52
52
50
43
42
41
41
38
37

36
31
30
29
25

24
23
22
19

15

Link Banner: Risultati Calcio:

Risultati Calcio...

27ESIMA GIORNATA
DOM. 28 FEBBRAIO 2021

Carpi
Fermana
domenica

-
-

Fano
Ravenna
domenica

-
-

Feralpisalo
Legnago Salus

1
0

Imolese
Mantova

1
5

Matelica
Virtus Verona

1
0

Padova
Cesena
domenica

-
-

Perugia
Modena

3
0

Sambenedettese
Sudtirol

0
4

Triestina
Arezzo
domenica

-
-

-

Marcatori 2020-2021
Serie C - Girone B

Bortolussi Cesena
Ganz Mantova
Mokulu Ravenna

13
11
11

Vedi lo stadio Barbetti!

Marcatori Gubbio
2020-2021

Gomez
Gerardi
Pasquato
Ferrini
Oukhadda
Sainz Maza
De Silvestro
Fedato
Malaccari
Munoz
Pellegrini
Signorini

8
3
3
2
2
2
1
1
1
1
1
1

Scopri la nostra citta!

28ESIMA GIORNATA
MERC. 3 MARZO 2021

Triestina-Gubbio

Arezzo-Mantova

Fermana-Cesena

Legnago Salus-Carpi

Modena-Imolese

Ravenna-Matelica

Perugia-Sambenedet.

Sudtirol-Fano

Virtus Verona-Padova

Vis Pesaro-Feralpisalo

Link Partners:

Calcio in Diretta
Risultati.it

Calcioland.forumfree.it
Tuttocampo.it

Info e pubblicita:

redazione@gubbiofans.it


Gubbio-Vis Pesaro, 1-1. Illude Ferrini, ma c'è Pannitteri

Sito per tutti i browser aggiornati. Per altri browser: (vedi). Privacy e Cookie Policy (vedi). Tutti i risultati (link). Bilanci (vedi)

IN FOTO, FERRINI, AUTORE DEL GOL DI TESTA.

Un match che si sblocca nella ripresa col difensore riminese che trova il varco giusto su un corner di Sainz Maza. Poi una dormita generale difensiva e così il neo entrato attaccante pesarese insacca di testa in tuffo. Nel primo tempo chance per Di Paola e Tassi, oltre che per Sainz Maza dal limite
A seguire tutti gli aggiornamenti e le news...

RISULTATO FINALE: GUBBIO - VIS PESARO 1-1

27 FEBBRAIO 2021
Gubbio contro la Vis Pesaro. A sorpresa il tecnico Torrente manda in panchina Pasquato e al suo posto come rifinitore gioca lo spagnolo Sainz Maza. Come previsto invece Uggè gioca al posto di Signorini che è squalificato. Al 4' pericolo sulla fascia sinistra: va via Cannavò che serve a rimorchio Di Paola che spara in porta di destro dal limite: un proiettile fulmineo che si perde di poco a lato. Al 16' dalla mediana Hamlili apre in profondità per Malaccari che spizza di testa al limite verso Sainz Maza: lo spagnolo si aggiusta la palla dal sinistro al destro facendo partire un tiro volante radente che costringe Bertinato a salvarsi in tuffo. Al 22' azione volante con Gucci che rimette in mezzo da destra e dal limite al volo calcia di destro Tassi che costringe Zamarion a salvarsi in tuffo. Al 23' occasione rossoblù quando Formiconi da destra con un cross cerca la testa di Fedato, ma l'incornata è imprecisa e la palla sorvola sopra il montante. Al 32' da sinistra in avanti è Fedato che entra in area e prova un tiro-cross velenoso che costringe Bertinato a smanacciare e sbrogliare la matassa. Ripresa. Pressing iniziale degli ospiti ma al primo affondo è il Gubbio che passa in vantaggio. Al 14' infatti si sblocca il risultato: corner calibrato in area da Sainz Maza dove sbuca Ferrini che di testa piazza la palla in rete con una incornata centrale. Al 23' reazione ospite con Germinale che apre al limite per Cannavò che cerca in diagonale l'angolino ma la palla si perde a lato di poco, radente. Al 31' il Pesaro trova il pareggio grazie ad una dormita generale difensiva: da sinistra è D'Eramo che crossa in area un pallone che diventa preda di nessuno (reparto arretrato schierato), così sbuca da destra Pannitteri e in tuffo di testa indirizza la palla in rete radente da posizione decentrata. Al 43' proteste veementi dei vissini per un presunto fallo su Germinale (poi ammonito per proteste) che si appresta in acrobazia a tirare in porta ma entra in contatto con Uggè in area.
Tabellino: Gubbio - Vis Pesaro (1-1):
Gubbio (4-3-1-2): Zamarion; Formiconi (19' st Oukhadda), Uggè, Ferrini, Ingrosso; Malaccari (27' st Munoz), Megelaitis, Hamlili (33' st Pasquato); Sainz Maza (27' st Serena); Gomez, Fedato (19' st Pellegrini). A disp.: Savelloni, Cinaglia, Migliorelli, Sorbelli, Sdaigui, De Silvestro. All.: Torrente.
Vis Pesaro (3-5-2): Bertinato; Di Sabatino, Ferrani, Brignani (30' st Pannitteri); Nava (15' st Carissoni), Gelonese, Di Paola, Tassi (20' st Germinale), Giraudo (15' st D'Eramo); Gucci, Cannavò (34' st Benedetti). A disp:. Ndiaye, Bastianello, Stramaccioni, Tessiore, Ejjaki. All.: Di Donato.
Arbitro: Crezzini di Siena (Meocci di Siena e Agostino di Cinisello Balsamo); quarto uomo: Maranesi di Ciampino.
Reti: 14' st Ferrini (G), 31' st Pannitteri (V).
Ammoniti: Ferrani (V), Formiconi (G), Sainz Maza (G), Germinale (V), Di Donato (V). Angoli: 7-6. Recupero: 0' pt; 4' st. Note: gara a porte chiuse.
Risultati: Ventisettesima Giornata - Serie C - Girone B:
Carpi - Fermana
domenica
Fano - Ravenna
domenica
Feralpisalò - Legnago Salus
1-0
40' Scarsella (F)
Gubbio - Vis Pesaro
1-5
59' Ferrini (G), 76' Pannitteri (V)
Imolese - Mantova
1-5
7' Guccione (M), 22' Zanandrea (M), 25' Di Molfetta (M) rig., 46' Cheddira (M), 80' Aurelio (I), 90' Zigoni (M)
Matelica - Virtus Verona
1-0
27' Leonetti (M)
Padova - Cesena
domenica
Perugia - Modena
3-0
14' Elia (P), 44' Favalli (P), 65' Murano (P)
Sambenedettese - Sudtirol
0-4
40' Fischnaller (S), 45' Fischnaller (S), 49' Casiraghi (S), 55' Fischnaller (S)
Triestina - Arezzo
domenica
•••••
26 FEBBRAIO 2021
Signorini squalificato, ma Torrente torna in campo e pensa solo alla salvezza. Possibile ballottaggio

Gubbio contro la Vis Pesaro. Assente lo squalificato Signorini. Parla così alla vigilia il tecnico Vincenzo Torrente, al rientro dopo la squalifica: "Una Vis Pesaro difficile da affrontare, squadra fisica che inoltre sa giocare in verticale. Viene da buone prestazioni che non sono state accompagnate da buoni risultati. Col Perugia lo hanno dimostrato. Pertanto troveremo una avversaria viva. Perciò noi giochiamo in casa e vogliamo tornare alla vittoria soprattutto tra le mura amiche. La pazienza e la massima concentrazione, capire i momenti chiave e dobbiamo inoltre essere efficaci nelle marcature preventive. Abbiamo adesso un trittico di partite, perciò non escludo che ci sia un turnover. Ingrosso? Lo volevo già la scorsa estate e così vi dico che non mi ha sorpreso domenica scorsa col Legnago. La classifica? Non guardo avanti, ora resta sempre l'obiettivo della salvezza. Bisogna essere concentrati solo su questo". Convocati in ventidue: Zamarion, Savelloni, Cinaglia, Ferrini, Formiconi, Ingrosso, Migliorelli, Munoz, Sorbelli, Uggè, Hamlili, Malaccari, Megelaitis, Oukhadda, Serena, Sdaigui, Pasquato, Sainz Maza, De Silvestro, Fedato, Gomez e Pellegrini. Pertanto potrebbe essere riproposto il 4-3-1-2. Probabile undici. Zamarion in porta. Difesa con Formiconi, Uggè, Ferrini e Ingrosso. Centrocampo con Oukhadda (o Hamlili), Megelaitis e Malaccari. Davanti Pasquato tra le linee a supporto del duo di attacco Fedato e Gomez.
•••••
24 FEBBRAIO 2021
Ingrosso: "Sfatare il tabù casalingo". Marchi, stop di tre giornate. Di Donato a Gubbio si gioca tutto

L'ultimo arrivo di fine mercato. Domenica ha esordito in rossoblù dal primo minuto. Stiamo parlando del terzino sinistro Gabriele Ingrosso che dice: "Una grande soddisfazione dare una mano a questa squadra. Questo è un gruppo fantastico. Una squadra molto forte. Ci ho messo davvero poco per ambientarmi. A Legnago abbiamo ottenuto una vittoria fondamentale per il nostro obiettivo. Una vittoria voluta e cercata. Siamo stati bravi a crederci fino alla fine. In questo girone c'è tanto equilibrio, pertanto è sempre difficile fare dei punti. La mia caratteristica principale è la spinta e credo che si sia visto. Vivo giorno per giorno, non penso cosa accadrà in futuro. Sabato contro la Vis Pesaro è una tappa fondamentale e per noi c'è un unico obiettivo: la vittoria. Vogliamo rimanere distanti dalle zone calde e vogliamo quanto prima possibile raggiungere la salvezza. Quella salvezza che passa proprio da queste partite. Chiaro però che adesso non sottovaluteremo di certo la Vis Pesaro: in questo girone guai sottovalutare qualsiasi avversaria. Pertanto va dato sempre il massimo in ogni circostanza. In casa facciamo più fatica a fare risultato, questo sta a significare che dobbiamo metterci del nostro per fare qualcosa in più. Dobbiamo sfatare questo tabù". In casa Pesaro, una stangata per l'ex calciatore dei rossoblù Ettore Marchi. L'attaccante eugubino ha subito una pesante squalifica dopo il cartellino giallo rimediato domenica scorsa contro il Perugia. Oltre al turno di stop per recidività di ammonizioni (era la sesta rimediata), è stato stoppato per altri due turni perchè in base a quanto riportato sul referto arbitrale (secondo il Giudice Sportivo) ha ripetuto delle espressioni blasfeme. Intanto, come riportano da Pesaro (vedi Solovispesaro.it), però potrebbe rientrare il mediano Tassi (mai utilizzato finora). Mentre è arrivato alla risoluzione contrattuale il terzino Adorni, che fino a questo momento era fuori rosa (come lo sono tra l'altro il portiere Puggioni e l'attaccante De Feo). Lo stesso terzino fu protagonista di un curioso episodio a Gubbio a gennaio 2019: era arrivato dal Monza e fu anche presentato alla stampa, invece per un problema tecnico-burocratico il trasferimento in pratica non era mai avvenuto. Ma venne scoperto il tutto dopo 13 giorni, precisamente il 13 febbraio 2019, che il tesseramento non si era potuto perfezionare e così Adorni si congedò da Gubbio senza mai indossare la maglia rossoblù. Nel frattempo a Pesaro il tecnico Di Donato è in discussione e si giocherà tutte le sue chance sabato prossimo contro il Gubbio: come nomi per sostituirlo si era pensato a Gaetano Fontana ma è uscito anche il nome di Alessandro Sandreani (attuale allenatore della Berretti della Vis Pesaro; ex tecnico del Gubbio).
•••••
23 FEBBRAIO 2021
Crespini: "Il Gubbio adesso è più forte, ma ha bisogno di spazi. Con la Vis il rapporto è finito perchè..."

Ex Gubbio. Ma è pure un ex Vis Pesaro visto che fino ad un paio di mesi fa era il direttore sportivo dei vissini. Stiamo parlando di Claudio Crespini che ci concede questa decisa e diretta intervista. Prima domanda logica, che partita si aspetta? "Credo che il Gubbio si sia rilanciato dalla vittoria di Legnago: curiosamente è una squadra che ha fatto più punti fuori casa che in casa. Spiego il motivo: in trasferta trova più spazi e può fare male. Dico che negli spazi è micidiale. Pertanto mi aspetto una Vis Pesaro più votata sulla difensiva, verrà per pareggiare e cercherà di sfruttare le ripartenze. Perciò sarà una partita molto tattica e molto chiusa. Chiaro però che davanti il Gubbio possiede dei calciatori importanti. Parlo del nuovo arrivo Fedato, il già presente Gomez, cito pure De Silvestro. Mentre alla Vis Pesaro mancherà Marchi e per me è una bella assenza perchè tra l'altro esiste qualche problema con De Feo che si trova fuori rosa. Però attenzione: questa non è una partita scontata. Questo è un campionato dove chiunque può battere chiunque". Una Vis Pesaro che in base all'organico ha disatteso le attese, non crede? "Sì, la squadra c'era. Però è stata completamente ribaltata a gennaio. Sono stati mandati via almeno cinque o sei calciatori. Una squadra completamente rifatta. Per questo motivo ho fatto la risoluzione del contratto in quel momento. Sapete, quando si fanno le squadre nuove bisogna dargli anche un po' di tempo. Invece il Pesaro aveva fretta. Ma secondo me la fretta talvolta è una cattiva consigliera. Però resto sempre molto attaccato ai colori biancorossi: ho fatto due anni e mezzo molto belli. Spero francamente che possano prendere un punto a Gubbio. Come ex di tutte e due le squadre mi auguro che finisca in pareggio". Ci ha bruciato sul tempo, volevamo chiederle il motivo della risoluzione consensuale, ecco spiegato allora: "Sì, diciamo che il presidente ha voluto fare in prima persona. Non era molto soddisfatto del cammino della squadra. Ne ho preso atto e abbiamo trovato un accordo. Come voi sapete io non sono il tipo che resto in un posto a dispetto dei santi. Tutto ciò non cancella una bella esperienza che, con la collaborazione con la Sampdoria, siamo riusciti a salvare la squadra in due stagioni tenendoci sempre fuori dai playout. In verità quest'anno doveva essere il più tranquillo di tutti e invece potrebbe rivelarsi un anno molto duro". Il Gubbio: è la classifica che si aspettava, oppure ha pagato quell'inizio in sordina? "Sicuramente adesso il Gubbio è una squadra importante. Quattro lunghezze di distanza dal Mantova, non è lontano dalla zona playoff. Tutto vero, un brutto inizio, ma è una squadra che ha valori importanti. Gioca con pochi giovani, è una squadra solida e dalla cintola in sù possiede tutti calciatori di valore. Adesso con Hamlili in mezzo al campo è cresciuto in intensità. In difesa è sempre stata una buona squadra. Non sta facendo male. Ho letto di qualche contestazione. Ma il pubblico deve capire che fare calcio adesso, senza loro in campo e senza gli sponsor, in questi stadi deserti alle volte è molto difficile trovare la concentrazione. Si parla solo di tamponi. É un altro calcio e francamente non vedo l'ora che il calcio sia riaperto al pubblico. Altrimenti così è un surrogato". Precisazione: la contestazione a Gubbio non è contro la squadra, si è accesa dopo un periodo di maretta che ha comportato a dichiarazioni infuocate del diesse Giammarioli in sala stampa e di conseguenza è stato imposto un silenzio stampa (a lui stesso) improcrastinabile. Che pensa? "Beh, nel pallone ci può stare. É successo. Anche da noi a Pesaro nel periodo di mercato sono stato per un mese in silenzio stampa. Questo è stato un altro dei motivi per il quale non mi ci sono più trovato...". In altre parole? "Sapete bene, imporre un silenzio stampa ad un direttore sportivo nella fase di mercato nel momento in cui ti chiamano in continuazione... beh, lasciamo stare, dai. Invece non entro in merito nelle dinamiche eugubine, posso solo aggiungere che dopo il risultato del Pesaro guardo sempre subito il risultato del Gubbio".
•••••
22 FEBBRAIO 2021
Focus. Il totem Gomez (senza di lui non si vince), exploit Pellegrini. Il diesse Giammarioli a Brescia

Ennesima conferma. Ormai anche i numeri lo certificano. Non si può fare a meno di Gomez. Nelle sette partite nelle quali il Gubbio ha vinto in campionato, l'argentino è stato sempre presente. Quando invece il calciatore sudamericano è stato assente, il Gubbio non è mai andato oltre il pareggio con nessuno. Un dato inconfutabile come i rossoblù non possono fare a meno del loro leader. Ma ecco i numeri. L'impatto di Gomez sull'attacco del Gubbio è devastante. Finora 8 reti segnate, tra le quali due doppiette decisive nelle vittorie con Mantova e Imolese. D'altronde proprio nella partita scorsa contro la Fermana (prima di quella di Legnago), la squadra ha sofferto terribilmente l'assenza del suo terminale offensivo. Con ogni probabilità perchè il Gubbio non dispone di una valida alternativa. Probabilmente non c'è nessun altro che riesce a caricarsi sulle spalle il peso dell'attacco eugubino. Adesso si è vista per la prima volta nella gara di domenica la coppia di attacco formata da Gomez e Fedato. Due attaccanti che per caratteristiche se trovano degli spazi sono veloci negli inserimenti. Ma soprattutto Fedato deve ancora crescere a livello soprattutto di tenuta fisica, in quanto al momento appare troppo lezioso nelle giocate e di conseguenza va in affanno con formazioni schierate sulla difensiva. Tuttavia c'è da segnalare l'exploit di Pellegrini. Ora Torrente può contare sulla forza di questo giovane. É partito in sordina, schierato con il contagocce, ma nelle ultime due partite è stato praticamente determinante per fare pendere l'ago della bilancia in favore dei rossoblù. Con la sua velocità ha creato scompiglio procurandosi due rigori decisivi: quello del pari con la Fermana (poi finalizzato dagli undici metri da Fedato) e quello di Legnago (da lui stesso segnato, il giusto premio). Imprevedibilità e scaltrezza in certe situazioni, che non guastano mai, soprattutto quando le partite non riescono a svoltare. Il valore dei subentrati che possono cambiare l'inerzia di una partita e che nella prima parte di stagione forse non avevano inciso a dovere. Diciamo che il tecnico Torrente ha giocato un ruolo decisivo nel mantenere il gruppo saldo e consolidarlo ancora di più strada facendo. La dirigenza può ritenersi soddisfatta, anche e soprattutto ragionando in termini futuri. Una squadra con ampi margini di crescita e che parte da solide fondamenta. É la base di tutto, su cui lavorarci sopra. Il capitolo direttore sportivo. Prima di andare a seguire il Gubbio in trasferta a Legnago (domenica), Stefano Giammarioli sabato è stato presente sulla tribuna del Rigamonti per assistere alla partita in cadetteria tra Brescia e Cremonese. Dovere di cronaca: è stato ospite del direttore sportivo delle rondinelle Giorgio Perinetti e si è trovato in compagnia del diesse dei grigiorossi Ariedo Braida, con i quali ha collaborato anche in passato (vedi pure operazioni nel Gubbio con Buchel e Giannetti in serie B). D'altronde è routine per un direttore sportivo aggiornarsi continuamente, vedere partite, osservare i calciatori, se possibile scoprire talenti e allargare sempre di più l'orizzonte perchè si tratta di una figura dirigenziale importante con competenze fondamentali in un assetto organizzativo calcistico. In pratica, in ogni ambito, ognuno non si deve mai sentire arrivato. Tra l'altro per Giammarioli c'è stata l'occasione per rivedere la sua ex squadra, la Cremonese, ora allenata da un ex Gubbio, Fabio Pecchia. In campo presenti due ex rossoblù, Alfredo Donnarumma da una parte e Daniel Ciofani dall'altra. Alla fine ha avuto la meglio l'attaccante della Cremonese: Ciofani ha segnato una doppietta fissando il risultato sul 2-1, così la Cremo ha vinto il derby lombardo.
••••••
Privacy e cookie policy unificata per i visitatori di questo sito: » Leggi tutto

Ultimo aggiornamento - Last update
data 27.02.2021 ora 17:00

Info: > Privacy e Cookie Policy

Copyright 2021
Aut. 22/2006 Registro dei Periodici del Tribunale di Perugia 20/01/2006
Iscrizione Roc al numero 21309

MAIN SPONSOR
(CLICK CON FINESTRA GRANDE)

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPAZIO BANNER E INFO:

ART.13 REGOLAMENTO UE n.2016/679
D.LGS. ART. 122 DL 196/03
G.U. ART. n.229/14:

Media Spettatori
Lega Pro - Girone B
Stagione 2019/2020

Dopo 27 giornate:

Cesena
Vicenza
Modena
Reggiana
Triestina
Padova
Sambenedettese
Piacenza
Rimini
Carpi
Ravenna
Fermana
Vis Pesaro
Fano
Sudtirol
Feralpisalo
Gubbio
Arzignano Valc.
Virtus Verona
Imolese

10150
9020
6850
6190
5210
5020
3160
3000
2090
1810
1770
1580
1520
1120
980
980
930
910
810
530

Media spettatori:
>
La scheda

Dati media:
La Gazzetta dello Sport

Lega Pro
Girone B - 2020/2021

Emilia-Romagna (5)
Carpi, Cesena, Imolese, Modena, Ravenna
Friuli (1)
Triestina
Lombardia (2)
Feralpisalo, Mantova
Marche (5)
Fano, Fermana, Matelica, Sambenedettese, Vis Pesaro
Trentino Alto Adige (1)
Sud Tirol
Toscana (1)
Arezzo
Umbria (2)
Gubbio, Perugia
Veneto (3)
Legnago Salus, Padova, Virtus Verona

Amarcord rossoblu


Anno 2011-2012 Serie B:

MATCH CLOU:

1 ottobre 2011:

Gubbio-Verona 1-1
Spettatori: 3911

24 ottobre 2011:
Gubbio-Torino 1-0
Spettatori: 4173

6 gennaio 2012:
Gubbio-Bari 2-2
Spettatori: 3821

28 gennaio 2012:
Gubbio-Sampdoria 0-0
Spettatori: 3977

28 aprile 2012:
Gubbio-Pescara 0-2
Spettatori: 4434

Info: > Privacy e Cookie Policy