GUBBIO 2018-2019
Serie C - Mercato

SOTTO CONTRATTO:

Lo Porto (d)
Piccinni (d)
Marchi (a)
Casiraghi (c)
Paolelli (d)
Pedrelli (d)
Paramatti (d)
Bergamini (c)
De Silvestro (a)
Ricci (c)

ACQUISTI:

Espeche (d) Lucchese
Tofanari (d) Roma
Marchegiani (p) Spal
Plescia (a) Empoli
Benedetti (c) Viterbese
Battista (a) Ternana
Battaiola (p) Cremonese
Schiaroli (d) Montevarchi
Conti (d/c) Fabriano
Malaccari (c) rinnovo

CESSIONI:

Volpe (p) Cremonese
Kalombo (d) Salernitana
Burzigotti (d) Arezzo
Fontanesi (d) Pontedera
Valagussa (c) Viterbese
Dierna (d) Modena

Clicca le immagini rossoblu!

CLASSIFICA 2017-2018

Padova
Sudtirol
Reggiana
Sambenedettese
Feralpisalo
Albinoleffe
Renate
Bassano
Pordenone
Mestre (-2)
Ravenna
Triestina
Fermana
Fano
Gubbio
Teramo
Santarcang. (-3)
Vicenza (-3)
Modena (escl.)

63
55
53
53
49
49
48
48
46
44
43
43
38
38
36
35
35
32
0

Link Banner: Risultati Calcio:

Risultati Calcio...

Verdetti:

Padova in serie B
Santarcangelo e Modena retrocesse in serie D

-

Marcatori 2017-2018
Lega Pro - Girone B

Guerra Feralpisalo
Costantino Sudtirol
Marchi Gubbio
Capello Padova

19
14
13
13

Vedi lo stadio Barbetti!

Marcatori Gubbio
2017-2018

Marchi
Kalombo
Casiraghi
Burzigotti
Ciccone
Bergamini
Cazzola
Malaccari
Paolelli
Paramatti

13
5
5
3
2
1
1
1
1
1

Scopri la nostra citta!

Link Partners:

Calcio in Diretta
Risultati.it

Calcioland.forumfree.it
Tuttocampo.it

Info e pubblicita:

redazione@gubbiofans.it


Bergamini rescinde, attesa su Campagnacci. E le foto

Sito per tutti i browser aggiornati. Per altri browser: (vedi). Privacy e Cookie Policy (vedi). Tutti i risultati (link).

IN FOTO, BERGAMINI, VERSO LA RESCISSIONE.

Il centrocampista lascia, ora un sostituto (forse un under). La punta della Robur è la scelta: c'è l'accordo ma da limare degli ostacoli. Sfuma quindi Ferretti (rinnovo al 2020 a Trapani). Alt anche con Ciurria e Salvemini. L'obiettivo Zaccagno sceglie la Pro Piacenza (ecco il perchè). E le foto di Gubbio-Ascoli
A seguire tutti gli aggiornamenti e le news...

LE IMMAGINI DEL RADUNO: » foto preparazione 2018

13 AGOSTO 2018
Entriamo nella settimana di ferragosto. Alcuni test per il tecnico Sandreani che hanno già delineato un qualcosa per impostare la nuova stagione. Però tiene banco sempre il mercato. Infatti l'allenatore dei rossoblù ha accennato anche al mercato dopo il match contro l'Ascoli: "Ci manca ora un esterno di attacco. Campagnacci è di caratura, può portare esperienza e gol in squadra. Nel reparto difensivo invece abbiamo già Paramatti e Schiaroli. Non è escluso che ci sarà qualche innesto dalla Berretti". Insomma, si parla di Alessio Campagnacci come obiettivo principale per l'attacco. Da più parti viene data, in verità, come cosa fatta, ma al momento non è così. L'accordo con la società eugubina e il calciatore ci sarebbe già (per un contratto annuale), ma adesso c'è un ostacolo che ancora non è stato risolto: la punta folignate prima deve rescindere il contratto con la Robur Siena. Perciò prima di intavolare un discorso definitivo con Campagnacci, ci sono da limare alcune questioni. Accantonata ormai la pista Daniele Ferretti: il calciatore abruzzese non solo non è stato messo sul mercato dalla formazione siciliana, alla fine gli è stato proposto un rinnovo con il Trapani fino a giugno 2020 (perciò il contratto biennale firmato l'anno scorso è diventato in realtà un triennale). Per quanto riguarda invece Francesco Salvemini (della Ternana) a quanto pare resta in rossoverde: la società ternana infatti ha stoppato sul nascere pure le lusinghe di un possibile rinnovo di prestito con il Monopoli. Lo stesso discorso vale per Patrick Ciurria (del Pordenone) che dovrebbe restare in neroverde alla corte del neo tecnico Tesser. Ma il discorso mercato non si conclude qui. In casa Gubbio si registra la rescissione consensuale di contratto con il centrocampista Francesco Bergamini: il calciatore romano nel giugno 2017 aveva firmato con il Gubbio con un contratto biennale; adesso potrebbe finire con la ripescata Imolese (in serie C). Bergamini ha segnato il gol risolutore a Bassano (0-1) in una gara cruciale nel finale della scorsa stagione (travagliata). Mentre un obiettivo di mercato del Gubbio di questa estate è finito alla Pro Piacenza. Stiamo parlando del portiere Andrea Zaccagno, che è di proprietà del Torino. Il calciatore pensava di rimanere al Torino (come secondo portiere), poi è stato acquistato Rosati dai granata e così ha accettato le lusighe della formazione piacentina (come spiega lo stesso estremo difensore al portale web Sportpiacenza.it), con la chiara volontà di tornare in categorie superiori.
••••••
11 AGOSTO 2018
Dal test con l'Ascoli. Sandreani: "Squadra in una fase di crescita". Le foto di Gubbio-Ascoli

Siamo a quattro test estivi. Tre pareggi, una vittoria (in Coppa Italia) e nessuna sconfitta. Solo quella con la Ternana nel Memorial Mancini, ma ai calci di rigore. Un buon segnale, probabilmente. E su questo aspetto, a fine gara, il tecnico Alex Sandreani appare scaramantico: "Ancora imbattuti, sì, direi un bel segnale. Ma credo soprattutto che la squadra passo dopo passo è in fase di crescita. Lo si è visto con l'approccio e la prova intensa per tutto l'arco dei novanta minuti". Di certo la squadra ha una precisa identità: ormai il modulo collaudato è il 4-3-3. Lo si è visto anche nella partita pareggiata con l'Ascoli dove Ganz (su rigore) ha risposto a Benedetti (sempre su rigore). Sull'altra sponda invece il trainer Vincenzo Vivarini ha detto: "Un buon test per verificare quello che avevamo sbagliato in Coppa con la Viterbese. Di nuovo non mi è piaciuto l'approccio. Ci serve intensità e ordine. Dopo aver subito il gioco del Gubbio, poi abbiamo preso noi il pallino del gioco. Ma ancora ci manca la fluidità che ci permette di essere efficaci. Perciò vorrei ribadire che qua c'è poco da scherzare: la rosa dovrà essere completata". Intanto si registra il primo vero infortunio stagionale. Non era infatti della partita Lorenzo Paramatti, che aveva subito una brutta botta in Coppa Italia con la Vis Pesaro: ha riportato un trauma distorsivo al ginocchio destro con lesione collaterale mediana. Ma ecco le foto (18 immagini) del test con l'Ascoli. Fortoservizio di Simone Grilli: (» vedi foto).
••••••
11 AGOSTO 2018
Test amichevole: Gubbio e Ascoli, 1-1. Decidono due penalty: prima Benedetti e poi Ganz

Nel test amichevole tra Gubbio e Ascoli, viene fuori un pareggio (1-1) di rigore. Prima in gol il Gubbio quando Mignanelli commette fallo su Casiraghi in area ospite. Siamo al 18': dal dischetto Benedetti è infallibile. Ma poi è la formazione bianconera che pareggia sempre dagli undici metri quando Piccinni in area strattona Beretta. Tutto accade al 36' e così Ganz trasforma senza problemi dagli undici metri. Mister Sandreani ha riproposto il consueto 4-3-3. Un Gubbio che corre, prova di giocare con ritmo. In piena estate sembra una squadra già con una manovra fluida. Ovvio che in campionato sarà un'altra musica. Ci si attende che il Gubbio mantenga questa volontà vista finora. Ogni test tuttavia è probante. Un buon allenamento per oleare tutti i meccanismi.
Tabellino: Gubbio - Ascoli (1-1):
Gubbio (4-3-3): Marchegiani (1' st Battaiola); Paolelli (1' st Tofanari), Espeche (1' st Schiaroli), Piccinni, Lo Porto (15’ st Pedrelli); Benedetti (28’ st Bergamini), Ricci (21’ st Conti M.), Casiraghi (1' st Malaccari); Battista (15’ st De Silvestro), Plescia (15’ st Marchi), Tavernelli (1' st Conti A.). A disp. Montanari, Cerboni. All. Sandreani.
Ascoli (3-5-2): Perucchini (1’ st Lanni); De Santis (45’ st Perpeaj) , Padella, Quaranta; Kupisz, Baldini (17’ st Addae), Zebli (25’ st Parlati), Cavion, Mignanelli (1' st Valeau); Ganz (1' st Ngombo) (38’ st Diop), Beretta (25’ st Tassi). A disp. D’Egidio, Vignati, Clerici. All. Vivarini.
Arbitro: Angelucci di Foligno.
Reti: 18' pt Benedetti (G) rigore, 36' pt Ganz (A) rigore.
Note: 234 spettatori, incasso di 1834 euro. Angoli 6-3.

••••••
10 AGOSTO 2018
Piccinni: "Voglia di riscatto. Sandreani ci carica e gruppo coeso". E da Pesaro, che affondo!

Parla il difensore centrale Matteo Piccinni. Afferma, da subito: "L'anno scorso abbiamo vissuto una stagione difficile. Perciò da parte della squadra e da parte mia c'è tanta voglia di riscattare la stagione negativa passata. Infatti il sottoscritto vuole ritornare ai livelli di quando arrivai a Gubbio. Perciò mi auguro il meglio da me e a livello di squadra". Squadra con un mix tra esperti e più giovani, come lo vede questo binomio? "Diciamo che mister Sandreani già aveva lavorato con qualcuno di noi nel finale della passata stagione. A dir la verità posso dire che lo vediamo molto carico e ci sta trasmettendo la giusta carica anche a noi che facciamo parte della squadra. Siamo ripartiti da una buona base e tutto ciò la reputo una cosa positiva. Ma adesso spetta a noi più anziani di alzare la guardia nell'attenzione e nella concentrazione per integrare pure i più giovani. Bisogna creare la giusta coesione, ma già vedo che ci sono i presupposti per buoni propositi. Credo che stia venendo fuori una buona squadra e un buon gruppo". Lo slittamento dei calendari? "Un bel bordello. Non è facile poi adattarsi nel lavoro. Ma potrebbe rivelarsi anche una cosa positiva mettendo minuti nelle gambe tra allenamenti e amichevoli varie. Bisogna lavorare sempre al massimo per arrivare nelle migliori condizioni per l'inizio del torneo". L'infortunio e la fuoriscita anzitempo dal campo con la Vis Pesaro? "Sì, ho preso una botta, e in quel momento mi aveva fatto un po' preoccupare. Per fortuna il colpo al menisco è stato riassorbito ed ora sto meglio. Perciò nulla di grave, sono pronto per tornare a disposizione". Adesso il Gubbio affronterà in amichevole sabato sera (ore 18, 11 agosto) l'Ascoli al Pietro Barbetti. Intanto non si placa (a quanto pare) qualche scoria di Coppa Italia. Almeno per quanto riguarda sul fronte pesarese la sconfitta non è stata molto digerita. Leggendo nella data odierna (venerdì 10 agosto) il quotidiano "il Resto del Carlino" nella rubrica Pesaro Sport, si parla dell'imminente derby di Coppa contro il Fano che verrà giocato a porte chiuse a Urbino (domenica alle ore 17), per via di due giornate di squalifica dello stadio Benelli, rimediate nello scorso campionato di serie D. Si polemizza sull'incasso di Coppa con scritto: «Dalla trasferta di Gubbio sono arrivate le briciole, 1490 euro di quota-parte detratte le spese, a fronte di un incasso totale di 5000 euro». Ma l'affondo diretto arriva dal Dg Vlado Borozan della Vis Pesaro quando dice: "Preferisco perdere partite di questo tipo perchè ti insegnano molte cose e ti danno modo poi di correggere gli errori. E comunque, sarei più preoccupato se fossi un dirigente dell'altra squadra: il Gubbio ha vinto con due prodezze individuali, noi abbiamo espresso gioco e occasioni".
••••••
08 AGOSTO 2018
Focus. Squadra, mercato e caos calendario. Il primo bilancio della prima parte di estate

Primo spunto, la squadra. Dalle prime uscite si è visto subito che il tecnico Sandreani ha individuato la sua idea di gioco: il modulo 4-3-3. Il mercato estivo si chiude sabato 25 agosto (alle ore 12). Il patron Notari, nell'intervista rilasciata al nostro portale web, ha ribadito che: "Ci sono le basi, la rosa è già sufficientemente buona. Valutiamo almeno un paio di entrate, ma saranno scelte ponderate e non abbiamo fretta". Insomma, saranno scelte mirate, fa sapere. Al momento quindi in rosa il Gubbio ha 21 calciatori. I portieri sono Battaiola e Marchegiani. I difensori Tofanari, Lo Porto, Espeche, Piccinni, Paramatti, Paolelli, Pedrelli e Schiaroli. A centrocampo la lista vede Ricci, Benedetti, Casiraghi, Malaccari, Bergamini e Conti Massimo. In attacco infine De Silvestro, Marchi, Plescia, Battista e Tavernelli. Ovviamente in questo momento in prima squadra sono aggregati Alexandroae, Bazzucchi, Conti Andrea e Stortini. Ma potrebbero tornare in Berretti. Perciò cosa manca. Di certo un attaccante esterno. La cerchia si è ristretta su Campagnacci della Robur Siena, Salvemini della Ternana (ma c'è la concorrenza del Monopoli e la società rossoverde vorrebbe tenerselo), Ciurria del Pordenone (anche i ramarri stanno pensando di non cederlo) e Ferretti del Trapani (esordio da titolare in Coppa con il Cosenza). Da queste prime uscite sono venute fuori alcune note positive, ma anche negative. Da una parte la voglia e la mentalità di proporre il proprio gioco, e lottare fino alla fine senza cambiare il proprio atteggiamento tattico. Questo è trapelato anche dalla ultima uscita contro la Vis Pesaro. Ma non mancano delle lacune che ci auguriamo siano provvisorie. Difficoltà estrema nei calci da fermo quando sono in mano agli avversari: soprattutto dai corner arrivano i maggiori pericoli, non è un caso che la Vis Pesaro è andata in vantaggio con un colpo di testa di Gennari (lasciato praticamente solo). In altre occasioni si è rischiata l'imbarcata, per fortuna che ci ha messo una pezza Espeche e poi il portiere Battaiola, che in questo momento sta giocato titolare (in luogo di Marchegiani). In attacco manca qualcosa sugli esterni. Al di là di Marchi che si rivela letale come centravanti, al di là di De Silvestro che si mostra motivato e voglioso di riscossa dopo l'esperienza di Siracusa, si denota per ora una certa fragilità nel proporsi: Tavernelli e Battista evidentemente devono ancora integrarsi (a loro favore come scusante la giovane età e l'inesperienza), mentre Plescia si è mostrato reattivo in area di rigore. Queste sono le prime sensazioni. Poi è chiaro che stiamo parlando ancora di calcio di agosto. Per il campionato ancora c'è tempo. Anzi, il campionato è proprio slittato a settembre. Infatti a Roma è previsto il Consiglio Direttivo della Lega con una nuova riunione per il 22 agosto: all'inizio il calendario della serie C doveva essere ufficializzato il 7 agosto, ma come si può notare è tutto saltato. Un torneo che avrà delle novità: sono state ripescate Cavese, Imolese e ci sarà pure la squadra B della Juventus (una specie di Under 23). Il campionato dovrebbe iniziare il 2 settembre, ma c'è chi parla - secondo alcune indiscrezioni - che potrebbe slittare addirittura al 9 settembre. Il caos regna sovrano.
••••••
07 AGOSTO 2018
Notari: "Rosa già buona, ci sono le basi. Altre entrate, ma vanno fatte delle scelte ponderate"

Parola al presidente Sauro Notari. Con questa intervista parliamo ad ampio raggio. Innanzitutto un suo giudizio su questo Gubbio alle prime uscite? "É prematuro fare un discorso completo, ma devo dire che le basi ci sono. Dobbiamo crescere ma credo che siamo sulla strada giusta. A breve tireremo le somme e vedremo dove potremo intervenire ulteriormente". Un Gubbio che è stato cambiato con un paio di elementi in ogni reparto. Ma in attacco forse manca ancora un elemento di un certo tenore. Si è parlato infatti di Campagnacci, Ciurria, Ferretti o Salvemini. Arriverà uno di questi citati? "Non nego che ci stiamo lavorando. Su questo aspetto però ci sono tante considerazioni da fare. Ovvero, in ogni singola persona abbiamo riscontrato dei pro e dei contro. Dobbiamo sbagliare il meno possibile. Pertanto ora stiamo individuando chi veramente può servirci per la nostra causa. Stiamo facendo delle valutazioni anche a livello tecnico. In poche parole ci serve qualcuno che vada a migliorare un organico che già lo trovo sufficientemente buono. Nella mia era da presidente vale sempre lo stesso motto: non prendere mai nessuno tanto per prenderlo. Perciò va fatto un intervento mirato per il bene della squadra, della società e di tutto il Gubbio stesso". Questo significa che arriverà un attaccante, oppure sono previsti altri innesti? "A breve termine ci vedremo con il mister (Sandreani ndr) e con Peppe (il Ds Pannacci ndr). Subito dopo decideremo il da farsi. Abbiamo tempo fino a dopo ferragosto per fare nuovi innesti. In settimana abbiamo in mente di mettere in cascina almeno un po' di idee per un paio di arrivi. Non mi piace fare nomi, ma nella parte offensiva abbiamo trovato due o tre soluzioni. Ma sarà una scelta ponderata e il più indolore possibile. Serve un elemento che ci faccia fare un salto di grado rispetto alla rosa attuale, ecco". Tornando a ritroso, la trattativa Palermo (ora alla Viterbese ndr) è stata forse la più tormentata da quando lei è presidente? "No no, per carità. Spiego il tutto della vicenda Palermo. Mi hanno fatto ricredere di quella che era la situazione. Ci sono state tante cose che non rientravano nei miei principi. Quando io voglio tesserare una persona, come dicevo prima, voglio sbagliare il meno possibile, e anche questo rientra nel discorso. Nel senso che prima di tutto devo tesserare la persona. Un uomo che ha voglia di dare tutto e sudare per questa maglia. Cerco persone che arrivano a Gubbio con la mentalità giusta per vestire la maglia del Gubbio, che è una maglia importante. Non ci servono persone che vengono qua a sbarcare il lunario. Mi sono state avanzate troppe pretese. No no, tutto ciò non rientrava nei miei principi. Di conseguenza lui ha fatto la sua scelta e così noi abbiamo cambiato strada". E l'obiettivo per il campionato, qual è? "Ma per prima cosa mi auguro un campionato che sia meno doloroso dell'anno passato. Fino all'ultima partita abbiamo sofferto. D'altronde anche io ho avuto un anno travagliato. Ho sofferto sia a livello personale sia a livello calcistico. Non sono stato vicino alla squadra come di solito sono abituato a fare. Spero di recuperare tutto quest'anno. Spero anche di fare un campionato che ci faccia divertire. Con l'obiettivo di salvarci il prima possibile". Infine, ai tifosi, cosa vuole dire il presidente? "Lo dico sempre, di starci vicini. Insieme con loro possiamo avere una marcia in più. Aspetto sempre i loro consigli sia negativi che positivi. Il Gubbio non è solo mio. Ma è della città, dei tifosi e di tutti. Tutte le cose vanno condivise per costruire tutto bene insieme".
••••••
Privacy e cookie policy unificata per i visitatori di questo sito: » Leggi tutto

Ultimo aggiornamento - Last update
data 13.08.2018 ora 16:00

Info: > Privacy e Cookie Policy

MAIN SPONSOR WITH PAGE LINKS:
(CLICCABILI CON FINESTRA GRANDE)

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

ART. 122 DL 196/03; R. n.229/14:

Media Spettatori
Lega Pro - Girone B
Stagione 2017/2018

Dopo 38 giornate:

Vicenza
Reggiana
Padova
Sambenedettese
Triestina
Teramo
Pordenone
Ravenna
Fermana
Fano
Mestre
Bassano
Albinoleffe
Gubbio
Sudtirol
Feralpisalo
Santarcangelo
Renate
Modena

7340
5690
5270
3630
3230
1800
1450
1360
1350
1300
1300
1160
1050
960
890
850
560
380
70

Media spettatori:
>
La scheda

Dati media:
La Gazzetta dello Sport

Lega Pro
Girone B - 2017/2018

Abruzzo (1)
Teramo
Emilia-Romagna (4)
Modena, Ravenna, Reggiana, Santarcangelo
Friuli (2)
Pordenone, Triestina
Lombardia (3)
Albinoleffe, Feralpisalo, Renate
Marche (3)
Fano, Fermana, Sambenedettese
Trentino Alto Adige (1)
Sud Tirol
Umbria (1)
Gubbio
Veneto (4)
Bassano, Mestre, Padova, Vicenza

Amarcord rossoblu


Anno 2011-2012 Serie B:

MATCH CLOU:

1 ottobre 2011:

Gubbio-Verona 1-1
Spettatori: 3911

24 ottobre 2011:
Gubbio-Torino 1-0
Spettatori: 4173

6 gennaio 2012:
Gubbio-Bari 2-2
Spettatori: 3821

28 gennaio 2012:
Gubbio-Sampdoria 0-0
Spettatori: 3977

28 aprile 2012:
Gubbio-Pescara 0-2
Spettatori: 4434

Info: > Privacy e Cookie Policy