SERIE C - GIRONE B
QUINDICESIMA GIORNATA
DOM. 17 NOVEMBRE 2019
STADIO "PIETRO BARBETTI"
ORE 17:30

GUBBIO

0

CESENA

2

SEDICESIMA GIORNATA
DOM. 24 NOVEMBRE 2019
STADIO "BRUNO BENELLI"
ORE 17:30

RAVENNA-GUBBIO

> Calendario in pdf.: (scarica)

Clicca le immagini rossoblu!

Classifica

Vicenza
Sudtirol
Reggiana
Carpi

Padova
Feralpisalo
Piacenza
Virtus Verona
Sambenedettese
Modena
Triestina
Cesena
Vis Pesaro
Arzignano Valc.
Ravenna
Gubbio
Fermana
Rimini
Imolese

Fano

33
32
30
29
29
28
26
23
21
20
19
17
15
14
14
13
13
12
11

10

Link Banner: Risultati Calcio:

Risultati Calcio...

QUINDICESIMA GIORNATA
DOM. 17 NOVEMBRE 2019

Carpi
Fermana

4
0

Fano
Piacenza

2
4

Feralpisalo
Padova

1
0

Imolese
Triestina
rinviata

-
-

Modena
Virtus Verona

1
0

Reggiana
Vis Pesaro

2
1

Rimini
Arzignano Valchiampo

0
2

Sudtirol
Sambenedettese

3
0

Vicenza
Ravenna

1
0

-

Marcatori 2019-2020
Serie C - Girone B

Paponi Piacenza
Morosini Sudtirol
Butic Cesena
Cernigoi Sambenedet.
Vano Carpi
Scappini Reggiana
Mazzocchi Sudtirol

10
8
7
7
7
7
7

Vedi lo stadio Barbetti!

Marcatori Gubbio
2019-2020

Cesaretti
Sbaffo
Munoz
Sorrentino
Zanoni

4
4
1
1
1

Scopri la nostra citta!

SEDICESMA GIORNATA
DOM. 24 NOVEMBRE 2019

Ravenna-Gubbio

Cesena-Modena

Fermana-Reggiana

Padova-Rimini

Piacenza-Imolese

Sambened.-Feralpisalo

Triestina-Sudtirol

Vicenza-Fano

Virtus Verona-Carpi

Vis Pesaro-Arzignano V.

Link Partners:

Calcio in Diretta
Risultati.it

Calcioland.forumfree.it
Tuttocampo.it

Info e pubblicita:

redazione@gubbiofans.it

[vai alle news] [vai all'archivio news]

31/03/2004
Recupero: la Cuoiopelli Cappiano vince in trasferta contro l'Imolese (2-4)

Si è disputato nel pomeriggio il recupero tra Imolese e Cuoiopelli Cappiano, valevole per la 25° giornata di campionato. La gara si doveva giocare il 7 marzo scorso, ma venne rinviata per neve. I toscani, sotto di due gol, sono riusciti a rimontare e superare per 4-2 i rossoblù romagnoli. L'Imolese è passata in vantaggio con De Paula al 13' e ha raddoppiato con lo stesso giocatore brasiliano al 19'. Gli ospiti non si sono persi d'animo e hanno ribaltato la situazione. Al 44' ha accorciato le distanze Tolomei. Nella ripresa sono andati a segno per i biancocelesti Signorini al 75', il greco Sapanis all'80' e Magnani all'82'. La Cuoiopelli Cappiano, in virtù di questo risultato, aggancia il Gubbio in settima posizione a quota 36 punti. Anche la "Berretti" Gubbio ha recuperato una gara nel pomeriggio. I ragazzi di mister Sannipoli hanno pareggiato a Modena per 1-1: per i rossoblù è andato a segno Gaggiotti. Intanto, per la partita di domenica prossima Gubbio-Aglianese è stato designato Iannone di Napoli: l'arbitro in questione ha già diretto la formazione rossoblù in questa stagione in trasferta contro l'Imolese (0-1, gol di Cipolla, domenica assente per squalifica).

30/03/2004
Antonazzo: "Sono fiducioso, stiamo bene mentalmente e fisicamente"

Nella trasmissione "Fuorigioco" - in onda ogni martedì sera su Trg - ha partecipato il difensore del Gubbio Angelo Antonazzo. Il terzino pugliese ha commentato così il pareggio conseguito in trasferta contro la Cuoiopelli Cappiano: "Nel primo tempo abbiamo avuto alcune difficoltà, complice il campo non in perfette condizioni. Nella ripresa, invece, ci siamo riscattati e abbiamo disputato una buona gara. Il risultato finale è da considerarsi bugiardo perchè abbiamo avuto quattro occasioni limpide per andare in gol. Abbiamo colpito due pali ma, come avviene spesso in questa stagione, la fortuna ci ha di nuovo voltato le spalle. I toscani, tra l'altro, hanno realizzato il gol del vantaggio nell'unica vera occasione capitatagli nella gara". Domenica al "San Biagio" arriverà l'Aglianese: "Per noi sarebbe molto importante ritornare alla vittoria, che manca da molto tempo. Speriamo che sia la volta buona. Ci mancherà Cipolla, che è stato squalificato per due giornate, oltre all'infortunato Spagnolli. Saremo orfani di due pedine fondamentali in attacco, ma sono convinto che chi scenderà in campo al posto loro farà sicuramente la sua parte. Sono fiducioso perchè stiamo bene mentalmente e fisicamente. Si intravedono dei segnali positivi, anche con l'avvento del nuovo mister Galderisi. La squadra è motivata e lotteremo fino all'ultima gara di campionato. Ci aspettano sei finali nelle restanti sei partite da giocare".

30/03/2004
Cipolla squalificato per due turni; Lazzoni: "Sanzione che si poteva evitare..."

Sono stati diramati i provvedimenti disciplinari del girone B della C/2. L'attaccante del Gubbio, Giovanni Cipolla, espulso domenica scorsa a Santa Croce sull'Arno, è stato squalificato per due giornate. Sull'episodio è intervenuto il centrocampista rossoblù Lazzoni che ha dichiarato: "I toscani erano un po' tignosi e molto fallosi - come ha riportato il "Corriere dell'Umbria" - C'è stata qualche mischia, alla fine poi Cipolla è stato espulso perchè si strattonava con un avversario. L'arbitro non aveva visto nulla, è stato il guardalinee che è intervenuto quando era già stata fischiata la fine. Credo che il direttore di gara se la poteva risparmiare...". Inoltre la società del Gubbio è stata multata di 250 euro "per avere dato luogo a breve ritardo sull'ora d'inizio gara". Il Giudice Sportivo ha multato anche le società di San Marino per 2000 euro, di Fano e Forlì per 600 euro. Domenica prossima l'Aglianese, che giocherà al "San Biagio" contro il Gubbio, dovrà fare a meno di Sordo e Andreotti: entrambi i centrocampisti sono stati fermati per un turno. Il secondo allenatore Madocci del San Marino e il centrocampista Tognozzi della Sangiovannese sono stati squalificati per due turni. Per una gara, invece, sono stati appiedati Scarlato del Grosseto, Galeotti del Montevarchi, Marchetti della Rosetana, Vitali e Pelliccia del Fano, Coppola e Suprani del San Marino.

29/03/2004
Amarcord Rossoblù: seimila spettatori al "San Biagio" nel 1987 in serie D...

Diciassette anni fa, precisamente il 29 marzo 1987, si giocò una partita che rimarrà negli annali del calcio eugubino. Il Gubbio si trovava in testa a tre giornate dalla fine con due punti di vantaggio sul Poggibonsi, squadra diretta inseguitrice. Quella partita, quindi, in caso di vittoria dei rossoblù rappresentava la quasi matematica certezza del salto di categoria del Gubbio nei professionisti dopo 38 stagioni nei dilettanti. Si presentarono al "San Biagio" circa 6000 persone: stadio gremito in ogni ordine di posti; erano circa 700 i sostenitori provenienti da Poggibonsi. La partita ebbe un esito negativo per gli eugubini: il Poggibonsi espugnò il "San Biagio" per 2-0 con le reti di Fabbri al 5' e Signorini al 69' che gelarono il folto pubblico eugubino sugli spalti, mentre a far festa furono i tifosi giallorossi. I toscani agguantarono in testa la squadra di mister Giampaolo Landi. Ma i rossoblù non si persero d'animo dopo quella sconfitta e da quel momento in poi, fino alla fine del campionato, ci fu un duello testa a testa tra le squadre che vinsero entrambe i restanti incontri. Il Gubbio espugnò Senigallia per 2-0 con le reti di Zoppis e Magrini con la presenza di quasi 1000 sostenitori eugubini al seguito. Poi arrivò la vittoria con la Tiberis Umbertide per 2-1 (reti di Zoppis e Di Renzo). E nell'ultima giornata i rossoblù vinsero per 2-0 a Castelfiorentino (gol di Pompa e Lotorio) davanti un folto pubblico eugubino festante, giunti in terra toscana con 18 pulmann. L'esito finale di quella stagione è nella memoria di tutti i tifosi eugubini: il memorabile spareggio al "Curi" di Perugia davanti a 20000 spettatori. Il Gubbio si aggiudicò l'incontro per 1-0 dopo i tempi supplementari e salì in C/2: una gara da raccontare che non mancheremo di approfondirla, sempre nella rubrica Amarcord Rossoblù. (Dati dal libro "RossoBlù" di Gianluca Sannipoli).

28/03/2004
Il Gubbio, sotto di un gol, pareggia con Lazzoni e sfiora la vittoria nel finale con Turchetta che colpisce un palo (1-1)

Ventottesima giornata di campionato, il Gubbio affronta in trasferta il Cuoiopelli Cappiano. I rossoblù devono fare ancora a meno dell'infortunato Spagnolli, in via di recupero dopo lo stiramento di secondo grado femorale. Esordio sulla panchina eugubina del nuovo allenatore Giuseppe Galderisi che opta per un modulo inedito e offensivo, il 4-2-3-1. Fabbri viene schierato tra i pali. In difesa giocano Bruni e Giacometti centrali, Antonazzo sulla destra e De Pascale a sinistra. Davanti il reparto difensivo si posizionano sulla mediana i due stantuffi Lazzoni e Sandreani. Altri tre centrocampisti vengono schierati molto avanzati: Maisto gioca a sinistra, Iezzi a destra, con Orocini al centro che funge da trequartista. Cipolla è il finalizzatore della manovra e gioca come unica punta. Amadio e Turchetta si siedono in panchina. Il Gubbio è chiamato a riscattare le ultime deludenti prestazioni: la vittoria manca ormai dal 1 febbraio. La partita inizia al piccolo trotto, le squadre sembrano studiarsi, anche se i rossoblù cercano di creare qualche pericolo in avanti. Al 3' un cross pericoloso di Maisto in area toscana non viene raccolto dagli avanti eugubini. Al 10' una punizione di Orocini dal limite calciata in mezzo non viene sfruttata al meglio dai compagni di squadra. Al 15' è la Cuoiopelli Cappiano che cerca la via della rete invano: angolo di Ruscitti in area ospite, batti e ribatti sul dischetto del rigore, ma la retroguardia eugubina riesce a sbrogliare il pericolo. Al 19' Cipolla non stoppa in area toscana un prezioso assist di Lazzoni. Al 21' Masi, a tu per tu con il portiere Fabbri, spara alto un bel assist di Ceciarini. Al 25', però, i padroni di casa concretizzano l'unica vera occasione da gol del primo tempo: Magnani pennella alla perfezione un cross in area eugubina, ne approfitta l'attaccante greco Sapanis che indisturbato di testa insacca la palla in rete. Vantaggio di 1-0 per la Cuoiopelli Cappiano e palla al centro. E' pronta la reazione dei rossoblù che cercano il gol del pareggio. L'occasione capita a Cipolla al 32' che approfitta di un errore di Polzella: l'attaccante napoletano salta il portiere e colpisce il palo esterno. I padroni di casa, da questo momento in poi, sono molto determinati e non si fanno sorprendere dai rossoblù. I biancocelesti, infatti, tengono bene il campo e non disdegnano alcune sortite in avanti nonostante il vantaggio acquisito. Il Gubbio, dal canto suo, non riesce a costruire vere palle gol trovando delle grosse difficoltà a sfondare il muro di centrocampo della squadra di casa. Passano i minuti e si conclude il primo tempo sul punteggio di 1-0 in favore dei padroni di casa, dopo una prestazione veramente opaca dei rossoblù nella prima parte di gara. Nella ripresa la musica cambia. E' un altro Gubbio, più intraprendente e determinato alla ricerca del gol del pareggio. Il mister rossoblù Galderisi effettua la prima sostituzione della gara: esce dal campo Orocini e subentra al suo posto Ferrari che affianca in attacco Cipolla. Occasione al 54' per Cipolla che spara a botta sicura a rete: sulla linea di porta salva il risultato il difensore Tolomei, a portiere ormai battuto. Al 56' il neo entrato Ferrari tenta una conclusione a rete, ma non raccoglie i frutti sperati. Il Gubbio è vivo e vegeto e al 58' pareggia i conti con Lazzoni che fa partire un gran tiro di sinistro dal limite: la palla si insacca sotto la traversa. Gol di pregevole fattura del centrocampista ligure che realizza la seconda rete personale in questa stagione. La partita si fa nervosa, non mancano in campo alcuni accesi battibecchi tra alcuni giocatori di entrambi le squadre. Al 70' Ruscitti tenta una conclusione pericolosa dal limite: il tiro del giocatore biancoceleste termina di poco a lato sul fondo. Al 72' seconda sostituzione tra le file rossoblù: entra Turchetta al posto di Iezzi. Al 77' lo stesso Turchetta, con un calcio piazzato dal limite, cerca di sorprendere la retroguardia biancoceleste: il portiere di casa Polzella è attento e abbranca la sfera. Il Gubbio, nel giro di due minuti, va vicinissimo al raddoppio con il neo entrato Turchetta. All'80', l'ex centrocampista fiorentino salta un avversario in area toscana e manda fuori una clamorosa occasione. All'82' lo stesso Turchetta colpisce clamorosamente il palo di testa, a portiere ormai battuto. Ultima sostituzione per il Gubbio all'87' con Zebi che sostituisce in campo Lazzoni, l'autore del gol del pareggio eugubino. All'88' Sandreani mette in mezzo una punizione, Ferrari svetta sopra tutti e di testa gira a rete: la palla termina alta di poco sopra il montante. E dopo quattro minuti di recupero si conclude l'incontro sul punteggio di parità, 1-1. Le ostilità si concludono con un giallo. A partita già terminata, quando le squadre era in procinto a rientrare negli spogliatoi, viene espulso Cipolla. Subito dopo si accende una protesta di alcuni giocatori eugubini che accerchiano il direttore di gara per chiedere spiegazioni per l'accaduto. Effettivamente non si capiscono i reali motivi che hanno spinto l'arbitro a sanzionare Cipolla con il cartellino rosso: si presume un gesto di reazione dell'attaccante napoletano. Ma torniamo a parlare di calcio giocato. A Santa Croce sull'Arno si è visto un Gubbio dai due volti. Nella prima parte della gara, i rossoblù sono sembrati impacciati e poco incisivi in avanti. Nella ripresa, invece, si è visto un Gubbio diverso, più incisivo e motivato alla ricerca del gol. E nel finale il Gubbio è stato anche sfortunato quando un colpo di testa di Turchetta si è stampato clamorosamente sul palo, a portiere ormai battuto: la conclusione a rete dell'ex centrocampista fiorentino meritava un migliore esito. Il migliore in campo dei rossoblù, a nostro avviso, è stato Sandreani: generosa come al solito la prova del centrocampista cantianese: difficilmente sbaglia una partita. Pregevole la prova anche del suo compagno di reparto, Lazzoni, che non si è risparmiato per tutti i novanta minuti, autore di un bel gol dalla distanza. Senza dimenticare Bruni che al centro della difesa ha offerto una prova autoritaria. Adesso la lotta per il quinto posto, utile per disputare i playoff, diventa sempre più accesa con tante squadre che sono racchiuse in una manciata di punti in classifica. Il Forlì riconquista la quinta posizione e si porta a quota 38 punti, dopo la vittoria odierna contro la Sansovino. Il Fano, dopo l'ottimo punto conquistato a San Marino, sale a 37 punti. Il Gubbio si colloca subito dietro con 36 punti, tallonato dal Ravenna posizionato a 35 punti. Il Castelnuovo è a 34 punti, seguito a ruota da Cuoiopelli Cappiano, Imolese e Tolentino che si trovano a quota 33. Da segnalare, però, che Imolese e Cuoiopelli Cappiano dovranno disputare ancora una partita che verrà recuperata mercoledì 31 marzo. Se diamo uno sguardo ai bassifondi della classifica, la situazione è rimasta invariata: il Gubbio rimane distanziato di cinque punti dalla zona playout. Domenica la formazione di mister Galderisi affronterà al "San Biagio" l'Aglianese.
Cuoiopelli Cappiano: Polzella, Gemignani, Tolomei, Ruscitti, Guidi, Grassi, Veracini, Ceciarini, Magnani (61' Breschi), Masi (83' Graziani), Sapanis (69' Granito). All. Di Stefano.
Gubbio: Fabbri, Antonazzo, De Pascale, Lazzoni (87' Zebi), Bruni, Giacometti, Iezzi (72' Turchetta), Sandreani, Cipolla, Orocini (47' Ferrari), Maisto. All. Galderisi.
Rete: 25' Sapanis (C), 58' Lazzoni (G).
Arbitro: Stallone di Foggia. Ammoniti: Lazzoni, De Pascale e Antonazzo (G); Ruscitti e Tolomei (C). Espulso Cipolla (G) a partita già terminata. Spettatori: 500 circa.
I RISULTATI DELLA 28° GIORNATA:
Aglianese - Sangiovannese 0-0
Bellaria - Grosseto 1-2
38' Viroli (B), 82' Di Rita (G), 90' Baciocchi (G)
Carrarese - Gualdo 0-0
Cuoiopelli Cappiano - Gubbio 1-1
25' Sapanis (C), 58' Lazzoni (G)
Forlì - Sansovino 2-0
55' Bernardi (F), 80' Rondina (F)
Imolese - Ravenna 1-1
56' Polidori (I), 68' Di Nicola (R)
Montevarchi - Castelnuovo 2-0
5' Arcadio (M), 8' Arcadio (M)
Rosetana - Tolentino 0-0
San Marino - Fano 0-0


27/03/2004
Berretti: Gubbio, 2-1 al San Marino; Calcio a 5: il Victoria Mocaiana vola al terzo posto

Nel campionato "Berretti" il Gubbio ha sconfitto per 2-1 il San Marino. La squadra ospite, seconda in classifica, ha ceduto alla distanza dopo essere passata inizialmente in vantaggio. I gol della rimonta rossoblù portano la firma di Radicchi, con un gran bel tiro al volo, e di Marchi che si è procurato e trasformato un rigore. Nel campionato di serie B di calcio a cinque il Real Gubbio è stato sconfitto in trasferta per 6-2 dal Coar Orvieto. Le reti della squadra eugubina sono state realizzate da Alunno e Traversini. Grande exploit in serie C/1 del Victoria Mocaiana che ha battuto per 3-2 la capolista Magione. I rossoverdi sono andati a segno con Carubini, Beltrami e Ghiandoni. La squadra allenata da Pierpaolo Mariotti si porta solitaria al terzo posto in classifica, in piena zona playoff, dopo aver incamerato ben sei vittorie consecutive.

27/03/2004
Galderisi: "Voglio una mentalità vincente"

Nella consueta conferenza stampa di fine settimana dell'A.S. Gubbio Calcio 1910, il nuovo mister rossoblù Giuseppe Galderisi ha raccontato i primi giorni di ambientamento a Gubbio e ha presentato la trasferta di Santa Croce sull'Arno: "Ho trovato i ragazzi disponibili e molto motivati, mi sono trovato molto bene e tutto ciò mi ha fatto capire che ho fatto una scelta importante. Ho cercato di stravolgere il meno possibile l'assetto della squadra perchè in pochi giorni è impossibile riuscire a fare quello che uno ha in mente. Rimaniamo con i quattro dietro, con i due incontristi davanti alla difesa. Altri tre giocatori saranno posizionati più avanti pronti per ripartire e velocizzare l'azione: tutti e tre dovranno essere molto vicini a supportare un'unica punta. Questo per dare un'idea per come andremo a giocare. Poi vedremo strada facendo se cambiare modulo o meno. E' stato fondamentale vedere che i ragazzi hanno recepito da subito che c'è bisogno di una scossa e di una svolta in questo campionato, perchè le cose non sono andate come si sperava. La mentalità che voglio si trasmetterà nel tempo. Voglio una mentalità vincente e dobbiamo lavorare per essere più determinati, per avere una maggiore iniziativa in campo e una maggiore convizione nei propri mezzi. Voglio una squadra che non abbia paura di giocare e di osare. Dovremo dimostrare ai nostri tifosi che diamo l'anima e che la squadra vuole imporre sempre il proprio gioco. Qualche volta rischieremo anche di perdere, ma se siamo bravi a crescere dopo giorno, credo che alla fine la mentalità verrà premiata. Spagnolli sta lavorando a parte, si sta riprendendo dopo l'infortunio e spero di averlo presto nel gruppo. Per il resto sono tutti disponibili per la trasferta di Santa Croce sull'Arno. La Cuoiopelli Cappiano è una squadra da prendere con le molle e quindi dovremo stare molto attenti, cercando di limitare al massimo l'avversario".

26/03/2004
Magnanelli: "Il Gubbio ai playoff: la città e i tifosi se lo meritano"

Francesco Magnanelli, 19 anni, ex giocatore del Gubbio, da questa stagione in prestito alla Fiorentina, dopo aver ben figurato nel Torneo di Viareggio con la maglia viola è stato promosso dal trainer Emiliano Mondonico in prima squadra. Sul mensile "Sportissimo" di marzo, il giovane centrocampista racconta la sua esperienza in viola: "Allenarsi qui è un sogno. Di Livio è un leader indiscusso. Mondonico è un allenatore molto preparato". A Firenze, per le sue movenze, lo hanno già paragonato a giocatori più famosi come Dunga e Paulo Sousa, e non è mancato il giudizio positivo di Mondonico: "Magnanelli è un ragazzo veramente interessante". Dalle colonne dello stesso mensile, Magnanelli parla anche del Gubbio. Nella stagione 2001-02, a soli 17 anni, aveva collezionato 14 presenze con il Gubbio di mister Alessandrini: "Ho solo ricordi belli, sia del mister che della società e dei tifosi. In quell'anno ho avuto grandi soddisfazioni a livello personale. Mi auguro che anche quest'anno il Gubbio raggiunga i playoff perchè la città e i tifosi, che sono sempre molto attaccati alla squadra, se lo meritano". Un altro ex giocatore rossoblù, Enrico Bartolini, 22 anni, in prestito al Grottammare in serie D e capocannoniere del girone F, parla del Gubbio: "La speranza è quella di ritornare nei professionisti - come riporta il settimanale "Porta a Porta" - La voglia di tornare a Gubbio è tanta, ma è ancora presto per parlarne. Sono cresciuto molto rispetto alla passata stagione e per il momento penso solo a continuare a far gol".

25/03/2004
Gubbio, test con il nuovo allenatore

Il Gubbio, da pochi giorni, è al lavoro sotto gli occhi vigili del nuovo allenatore Giuseppe Galderisi. Il tecnico rossoblù, nel pomeriggio al "San Biagio", ha fatto svolgere una partita a ranghi contrapposti, che ha visto da una parte schierata la formazione "titolare" e dall'altra quelle delle riserve integrata da alcuni ragazzi della Berretti. La partitella si è conclusa in parità, 1-1, interrotta a più riprese per un violento acquazzone: sono andati a segno Cipolla su rigore da una parte e Birolini per le "riserve". Galderisi ha provato nella formazione titolare un'inedito schema tattico molto offensivo, il 4-2-3-1, con due centrocampisti posizionati davanti alla difesa schierata in linea a quattro, con due esterni molto avanzati e con un trequartista a supporto di una punta.

25/03/2004
De Pascale: "Chiedo scusa per i fatti di domenica, non volevo...: credo nei playoff e spero di rigiocarli con questa maglia"

Maurizio De Pascale, ritorna sul movimentato dopo-gara contro il Montevarchi che lo ha visto coinvolto in prima persona. Anche tramite Gubbiofans, come lo ha fatto già in data odierna sul quotidiano "Il Corriere dell'Umbria", il jolly difensivo rossoblù ci tiene a precisare quanto è accaduto domenica scorsa e chiede scusa alla tifoseria: "Non so nemmeno cosa mi sia successo in quel momento. Ho voluto subito chiedere scusa alla tifoseria e lo faccio di nuovo a mente fredda. Era finita la partita e stavo rientrando dentro gli spogliatoi. Qualche tifoso mi è venuto a salutare come avviene sempre e mi è venuto improvvisamente in mente un problema mio personale. In quel momento qualcuno mi ha detto delle frasi poco ortodosse che non ricordo adesso. La reazione è stata poi quella che hanno visto tutti. Sono cose brutte che non dovrebbero accadere nel mondo del calcio. Però voglio sottolineare il fatto che è stato un gesto impulsivo e involontario. Sono tre anni che sono a Gubbio e ho un ottimo rapporto con tutti. Sabato scorso avevo preso un giorno di permesso per andare a trovare mio padre, gravemente ammalato. Potevo anche non tornare, ma ci tenevo a giocare. Ho voglia di fare bene fino in fondo con il Gubbio, a prescindere dai problemi che possono nascere in famiglia. Il mister mi ha detto se ero pronto per giocare e io non mi sono tirato indietro perché tengo molto a questa maglia". Credi nei play off? "Ci credo e ci ho sempre creduto. Poi, con il cambio del mister, penso che l'obbiettivo prioritario sia esclusivamente questo. Spero di rigiocare i play off perché è un'esperienza molto bella che rifarei ben volentieri con il Gubbio".

25/03/2004
La partita del Gubbio affidata a Stallone

La partita di domenica prossima tra Cuoiopelli Cappiano e Gubbio, in programma a Santa Croce sull'Arno, valevole per la 28° giornata di campionato del girone B della C/2, sarà diretta dall'arbitro Giuseppe Stallone di Foggia.

24/03/2004
Galderisi: "Il mio Gubbio dovrà attaccare senza paura"

Il nuovo allenatore del Gubbio, Giuseppe Galderisi, 41 anni, si presenta al pubblico eugubino. "Ho una grande voglia di rimettermi in gioco - come riporta il "Corriere dello Sport" - Ho accettato con grande entusiasmo questo incarico. Ho firmato fino a giugno ma con la possibilità di continuare questa esperienza anche per la prossima stagione. Ci aspettano sette partite e saranno sette finali". Dal quotidiano regionale "Il Corriere dell'Umbria" ha dichiarato in sintesi: "E' importante conoscere subito i ragazzi e trasmettere a loro le cose che voglio - sottolinea Galderisi - Abbiamo poco tempo per farlo ma voglio uno spogliatoio motivato. Dobbiamo rimboccarci le maniche e lavorare a testa bassa. Potenzialmente questa è una formazione che potrebbe avere molti punti in più". Questo Gubbio non sa tenere il risultato per tutti i 90 minuti: "Dobbiamo lavorare proprio su questo. A volte basta poco. E' sufficiente cambiare mentalità alla squadra. Il mio Gubbio dovrà attaccare senza paura, magari rischiare di perdere pur di vincere più gare possibili, senza fare tanti conti. So che la tifoseria eugubina si aspetta molto da me. Da parte mia ci sarà il massimo impegno. Ci vorrà più entusiasmo e una maggiore convinzione per raggiungere i risultati". Due mesi fa l'intoppo con il cuore che ha fatto le bizze, ora è tornato ad allenare: "E' una sensazione fantastica, mi ha insegnato molto. Ora sto bene e spero di dare tanto al Gubbio. Prometto sudore, impegno e attaccamento ai colori sociali".

23/03/2004
Giacometti: "Diamo il benvenuto al nuovo allenatore Galderisi "

Nella trasmissione "Fuorigioco" - in onda ogni martedì su Trg - ha partecipato il capitano eugubino Alessandro Giacometti. Sono intervenuti telefonicamente il nuovo allenatore del Gubbio Giuseppe Galderisi e il tecnico uscente Ruggiero Cannito. "I tanti pareggi hanno condizionato la classifica non poco - ha sottolineato Giacometti - Il fatto che il pubblico abbia contestato è normale perchè sperano in qualcosa di più importante. E' una cosa legittima perchè anche noi non siamo contenti di quanto abbiamo fatto finora. Mancano sette giornate e i giochi non sono fatti. Il nostro traguardo è la salvezza ma, una volta che l'abbiamo raggiunta, potremo trovarci a lottare per il quinto posto. Ormai le prime quattro hanno preso il volo meritatamente. Siamo professionisti e come ci siamo comportati con Cannito ci comporteremo con il nuovo allenatore Galderisi, accogliendolo a braccia aperte. Dispiace sotto il profilo umano quando va via un allenatore, ma dal punto di vista tecnico sono decisioni che giustamente prende la società. Prima di giudicare questo cambio bisognerà aspettare. L'esempio c'è stato con Donati che è stato esonerato a tre giornate dalla fine, subentrò Dal Fiume e ci salvammo. Il cambio va letto in funzione caratteriale". Il neo allenatore "Nanu" Galderisi, dopo il primo allenamento effettuato in giornata, ha dichiarato: "La squadra finora ha fatto abbastanza bene. Non vedo l'ora di conoscere tutti i giocatori nel migliore dei modi. Cercheremo di ottenere più punti possibili anche se abbiamo poco tempo. Bisognerà essere molto equilibrati nell'affrontare giorno dopo giorno la situazione e guardare bene la classifica sia verso il basso che verso l'alto. Bisognerà triplicare gli sforzi tutti quanti per ottenere il massimo il più velocemente possibile". Ruggiero Cannito con rammarico ha dichiarato: "Sono molto amareggiato perchè non me l'aspettavo assolutamente. Voglio ringraziare tutti i giornalisti e tifosi che mi hanno salutato e telefonato. L'obbiettivo della società, quello di essere fuori dalla zona playout, era stato rispettato in maniera eccellente. Inoltre eravamo a un punto dai playoff. Molti giocatori sono cresciuti, come ad esempio Antonazzo, un giovane sconosciuto che ora è richiesto dalla Sampdoria, come mi ha riferito Crespini. Domenica sera ero andato via tranquillo e invece la mattina dopo mi sono ritrovato esonerato. Non voglio aggiungere altro perchè sono molto legato alla squadra e avevo un ottimo rapporto con i giocatori. Saluto tutti, in bocca al lupo e... Forza Gubbio".

23/03/2004
Gubbio: il nuovo allenatore è Galderisi

Il nuovo allenatore del Gubbio è "Nanu" Galderisi, di 41 anni: oggi l'ex attaccante di Juventus, Milan, Verona, Lazio e Padova ha diretto il primo allenamento al "San Biagio" coadiuvato dal preparatore atletico Ambruosi. Da allenatore Galderisi, prima di approdare a Gubbio, ha guidato Cremonese, Mestre e Giulianova.

23/03/2004
Carrarese decimata dal Giudice Sportivo

Sono stati diramati i provvedimenti disciplinari del girone B della C/2. Mano pesante del Giudice Sportivo nei confronti della Carrarese: il trainer Baroni è stato squalificato per una giornata. Stoppati per due turni anche il difensore Bonatti e l'attaccante Nappi della squadra toscana. La stessa società della Carrarese, inoltre, è stata multata di 500 euro. Salteranno la prossima gara di campionato Fogacci (Aglianese), Cichella (Rosetana), Pierobon (Fano), Di Lillo (Gualdo), Pagano (San Marino), Polizzano (Tolentino), Fanani e Ghetti (Forlì): sono stati tutti appiedati per un turno.

22/03/2004
Il Gubbio esonera il tecnico Ruggiero Cannito

Con un comunicato di poche righe diramato nel pomeriggio, l'A.S. Gubbio calcio 1910 comunica di aver esonerato il tecnico Ruggiero Cannito. Il mister pugliese aveva preso le redini della squadra ad inizio stagione, subentrando a Marco Alessandrini. Secondo la società, alla base della decisione la difficoltà della squadra a tornare alla vittoria, oltre ad un rapporto con la tifoseria "pericolosamente incrinato". La società rossoblù, si legge nel comunicato, ringrazia il tecnico per il lavoro svolto. Il nome del successore di Cannito sulla panchina del Gubbio non sarà ufficializzato prima di domattina.

21/03/2004
Il Gubbio non sa più vincere: pari anche con il Montevarchi (1-1)

Ventisettesima giornata di campionato, il Gubbio affronta al "San Biagio" il Montevarchi. I rossoblù devono fare a meno dell'infortunato Spagnolli, che dovrà stare fermo almeno un mese per uno stiramento di secondo grado femorale. Mister Cannito ripropone lo stesso modulo di Roseto degli Abruzzi, il classico 4-4-2. Fabbri viene schierato tra i pali. In difesa Bruni e Giacometti giocano centrali, con Antonazzo a destra e De Pascale a sinistra. A centrocampo Lazzoni e Sandreani sono i propulsori, Iezzi gioca da ala destra, mentre Maisto si posiziona sulla sinistra. Il duo di attacco è formato da Cipolla e Ferrari, che sostituisce l'infortunato Spagnolli. Amadio, Orocini e Turchetta si siedono in panchina. Nella file del Montevarchi milita l'ex Panisson: il calciatore veneziano, che ha vissuto in maglia rossoblù ben cinque stagioni, viene salutato con un grosso applauso dal pubblico del "San Biagio" e gli viene consegnata dai tifosi una targa ricordo. Si comincia. Le due squadre sembrano studiarsi ma il Gubbio pian piano prende le redini del gioco. Al 13' Maisto serve in mezzo all'area Ferrari: un difensore toscano anticipa in extremis l'attaccante modenese. Al 23' assist di Ferrari per Iezzi che dalla distanza fa partire una sventola al volo diretta in porta: la palla sorvola di poco la traversa. Al 24' Iezzi serve Ferrari che si invola in area ma tentenna troppo e non riesce a calciare a rete: nella circostanza, però, sembra evidente l'ostruzione del difensore ospite Garaffoni che strattona l'attaccante eugubino lanciato a rete. Al 25' la prima timida azione in avanti degli ospiti con Arcadio che tenta una conclusione a rete dalla distanza: il suo tiro termina alto sopra l'incrocio dei pali. Al 29' Cipolla si beve due avversari sulla destra e serve Maisto che a sua volta effettua un assist per Lazzoni: il centrocampista ligure spara a rete dal limite, ma la conclusione è imprecisa e termina sul fondo. E' il preludio al gol del vantaggio del Gubbio che arriva al 30'. Maisto percorre tutto il campo a grande velocità, dopo aver conquistato palla dalle retrovie, disorienta un avversario e lancia a rete Cipolla sul filo del fuorigioco. L'attaccante napoletano entra in area, aspetta l'uscita del portiere e insacca la palla in rete. E' timida la reazione del Montevarchi per ristabilire il risultato: al 32' Panisson crossa in area dalla sinistra, Spinazzi di testa non inquadra lo specchio della porta. Episodio molto dubbio al 38': Iezzi si invola a rete e viene messo giù da dietro da Mastrapasqua. Ci si aspetta il cartellino rosso per il difensore toscano perchè ultimo uomo e invece l'arbitro non concede nemmeno il calcio di punizione scatenando le proteste del pubblico del "San Biagio" e del giocatore romano che ha subìto il fallo. Lo stesso Iezzi, a fine gara in sala stampa, avrà da ridire sull'episodio. Prosegue l'azione e viene ammonito il centrocampista eugubino Lazzoni per un fallo più veniale a centrocampo. Al 40' Maisto serve alla perfezione in area Ferrari che tentenna troppo e non riesce a girare a rete. Finisce così il primo tempo sul punteggio di 1-0 in favore dei rossoblù. Nella ripresa la partita cambia volto. Scende in campo un Montevarchi diverso, più motivato e la partita diventa emozionante e ricca di capovolgimenti di fronte. Al 49' Iezzi recupera una palla a centrocampo e fa partire un gran tiro dalla distanza diretto in porta: la sua rasoiata finisce a fil di palo. Al 51' episodio dubbio in area ospite: Iezzi pennella in mezzo dalla destra un cross per la testa di Ferrari che non riesce a deviare a rete perchè viene ostacolato alle spalle dal difensore Garaffoni: l'arbitro preferisce far proseguire l'azione tra lo stupore dell'attaccante modenese che ha un diverbio molto acceso con lo stesso difensore montevarchino, reo di aver commesso il fallo. Al 52' il Montevarchi manca una clamorosa occasione con il neoentrato Cellini che si libera bene in area ma spreca tutto sparando a lato solo davanti la porta. Al 59' il portiere ospite Scotti salva in uscita su Iezzi lanciato a rete da Sandreani. Al 60' ghiotta occasione per il Gubbio per raddoppiare: Cipolla lancia in porta Ferrari che entra in area, scarta il portiere, ma a porta completamente sguarnita calcia clamorosamente sull'esterno della rete. Occasione sprecata che costerà cara. Al 61' Bruni, su corner di Cipolla, sbuccia la palla di testa a pochi passi dalla porta: la sua conclusione termina a lato. Al 64' assist di Ferrari per Cipolla in area ospite: il portiere Scotti è ancora attento e in uscita sventa il pericolo. Prima sostituzione per il Gubbio: entra Birolini al posto di uno stanco Maisto. Al 70' perfetto assist di Arcadio in area eugubina per l'ex tuderte Tarpani che da buona posizione calcia sopra la traversa. Al 74' si rendono pericolosi ancora gli ospiti con Arcadio che spara a rete a botta sicura dal limite: Antonazzo in spaccata riesce a fermare il tiro molto pericoloso dell'esperto giocatore montevarchino. Il Gubbio effettua altre due sostituzioni. Al 76' esce uno stanco Iezzi e al suo posto entra Orocini. E al 79' esce dal campo anche Ferrari, anche lui affaticato, e al suo posto subentra Zebi. Il Gubbio arretra un po' troppo il baricentro e arriva inesorabile il gol del pareggio all'81': Spinazzi inventa il gol della domenica con un tiro dalla distanza che incoccia sotto la traversa e si insacca in rete. Doccia fredda per la squadra eugubina che a nove minuti dalla fine non riesce più a ristabilire le distanze. Ci prova ancora il Montevarchi con Arcadio all'82', ma il suo tiro termina la sua corsa tra le braccia del portiere Fabbri. Un'azione pericolosa di Cipolla all'88' , ben servito in area ospite da Lazzoni, viene fermata dall'arbitro per un presunto fallo dell'attaccante napoletano nei confronti del difensore toscano Garaffoni: decisione che lascia qualche perplessità perchè il fallo sembra non sussistere. Non ci resta che segnalare l'infortunio di Antonazzo che dopo un contrasto di gioco cade male a terra battendo fortemente il capo sul terreno di gioco. Il giocatore pugliese perde conoscenza per una manciata di minuti, viene portato via con la barella e portato immediatamente in ospedale: gli accertamenti clinici effettuati hanno scongiurato qualsiasi problema. La diagnosi parla di una forte contusione al capo e nulla di più, fortunatamente. E dopo quattro minuti di recupero finisce l'incontro tra i fischi del pubblico presente al "San Biagio" che ha visto sfuggire per l'ennesima volta una vittoria ormai a portata di mano. Un dopo gara abbastanza acceso e nervoso che lascia molto amaro in bocca sia alla tifoseria eugubina che agli stessi giocatori scesi in campo. E' un clima teso perchè i risultati non arrivano. E' un Gubbio che non sa più vincere: in dieci gare ha racimolato solo 10 punti, una media di un punto a partita. Dati poco confortanti che poi si ripercuotono sulla classifica. Infatti, il Gubbio, viene scavalcato dal Fano che conquista la quinta posizione portandosi a quota 36 punti, ultimo posto utile per disputare i playoff. Gubbio e Forlì rimangono appaiate a 35 punti. Castelnuovo e soprattutto il Ravenna, che sta risalendo con grande autorità la china, incalzano subito dietro a quota 34 punti. Da segnalare, inoltre, che la zona playout dista solo 5 punti dai rossoblù. E' un campionato abbastanza equilibrato che ancora è tutto da giocare per le restanti sette gare. Ma è anche vero che il Gubbio ha perso un'ulteriore occasione per agganciare la zona playoff e il calendario si presenta abbastanza in salita per gli uomini di Cannito da qui alla fine del campionato. Domenica il Gubbio giocherà in trasferta contro il Cuoiopelli Cappiano.
Gubbio: Fabbri, Antonazzo, De Pascale, Lazzoni, Bruni, Giacometti, Iezzi (76' Orocini), Sandreani, Ferrari (79' Zebi), Maisto (68' Birolini), Cipolla. All. Cannito.
Montevarchi: Scotti, Garaffoni, Mastrapasqua (68' Galeotti), Scalise, Rocchini, Cusini, Spinazzi, Spagnoli, Di Matteo (62' Tarpani), Arcadio, Panisson (46' Cellini). All. Graziani.
Reti: 30' Cipolla (G), 81' Spinazzi (M).
Arbitro: Sacco di Civitavecchia (Toti e Betti di Pesaro). Ammoniti: De Pascale, Lazzoni, Bruni e Sandreani (G); Rocchini, Cusini e Scalise (M). Spettatori: 1242 (59 provenienti da Montevarchi).
I RISULTATI DELLA 27° GIORNATA:
Carrarese - Forlì 0-0
Castelnuovo - Bellaria 0-0
Fano - Rosetana 1-0
69' D'Aloisio (F)
Gualdo - San Marino 2-1
24' Pagano (S) rig., 28' Balducci (G) rig., 45' Rossi (G)
Gubbio - Montevarchi 1-1
30' Cipolla (G), 81' Spinazzi (M)
Imolese - Grosseto 1-2
9' Giglio (G), 49' Dalle Nogare (G), 51' De Paula (I)
Ravenna - Sansovino 1-0
84' Moscelli (R)
Sangiovannese - Cuoiopelli Cappiano 4-0
7' Baiano (S), 26' Baiano (S), 87' Nardini (S), 89' Tognozzi (S)
Tolentino - Aglianese 1-0

36' Onorato (T) rig.

20/03/2004
Berretti Gubbio ko a Gualdo; Calcio a 5: Victoria Mocaiana, 5° vittoria consecutiva

Nel campionato "Berretti" il Gubbio è stato sconfitto in trasferta per 1-0 nel derby con il Gualdo. L'incontro è stato deciso da un autogol fortuito del difensore eugubino Ortali, sugli sviluppi di un calcio di punizione. La squadra eugubina, guidata da Enrico Sannipoli che fa il suo esordio in panchina, ha cercato di riequilibrare il risultato invano con un forcing finale che non ha dato i frutti sperati su un campo molto sabbioso. Nel campionato di serie B di calcio di cinque, il Real Gubbio è stato sconfitto dall'Alma Juventus Fano per 3-2. I rossoblù sono andati a segno con Andrea Bettelli e Cacciamani. Continua inarrestabile la serie positiva del Victoria Mocaiana, in C/1, che ha battutto in trasferta per 2-0 il Branca nel derby. I gol dei rossoverdi portano la firma di Carubini e Naticchi. Quinta vittoria consecutiva per la matricola allenata da Pierpaolo Mariotti che si mantiene in piena zona playoff.

20/03/2004
Cannito: "Siamo convinti di fare risultato"

Nella consueta conferenza stampa di fine settimana dell'A.S. Gubbio Calcio 1910, il mister del Gubbio Ruggiero Cannito ha presentato così il prossimo incontro contro il Montevarchi: "I toscani sono un'ottima squadra che, nonostante la classifica attuale deficitaria, è stata costruita per disputare i playoff. Hanno un gran centrocampo ed in attacco hanno giocatori molto pericolosi come Arcadio. Dal canto nostro siamo convinti di poter vincere, anche perchè veniamo da un ottimo pareggio con la Rosetana e da prestazioni positive anche se fatte su campi molto pesanti. La formazione che scenderà in campo non si discosterà molto da quella di Roseto degli Abruzzi, con la conferma di Iezzi come ala destra, un ballottaggio fra Maisto e Birolini a centrocampo e l'ingresso dal primo minuto di Ferrari al posto dell'infortunato Spagnolli (fuori almeno quattro settimane per uno stiramento di secondo grado femorale)".

19/03/2004
Panisson: "A Gubbio stavo veramente alla grande, non è stato facile distaccarmi"

Domenica prossima al "San Biagio" tornerà da ex Gianluca Panisson, che gioca attualmente nel Montevarchi, prossimo avversario del Gubbio. Intervistato dal settimanale "Tuttogubbio", ha dichiarato in sintesi: "Mi si prospetta una situazione davvero strana perchè ritorno in uno stadio dove ho giocato per tanti anni. Non lo nascondo, sarò emozionato. Mi sento frequentemente con i miei ex compagni perchè è rimasto un buon rapporto. I cinque anni in rossoblù? Mi è rimasto un bellissimo ricordo dell'ambiente. Ti rendi conto solo quando vai via di quello che lasci. Si stava veramente alla grande. Anche perchè una società come quella del Gubbio non la si trova facilmente in giro. Con i tifosi in talune circostanze ho avuto qualche problema, ma, lo dico a mente fredda, lo si deve al carattere impulsivo del sottoscritto. Aggiungo che posso solo ringraziare il pubblico di Gubbio perchè, soprattutto negli ultimi due anni, mi ha sostenuto in campionati davvero avvincenti. Mi porto dietro un buon ricordo dei tifosi. Pensavo che fosse stato più facile distaccarmi da questo ambiente, ma non lo è stato. Il Gubbio ai playoff? Penso di si perchè la squadra è forte in tutti i reparti e se dovesse mancarli sarebbe come un fallimento".

19/03/2004
Serie C/2 girone B: i giovani alla ribalta

Il torneo delle rappresentative giovanili di serie C, che si è svolto a Rimini in questi giorni, è stato vinto dalla under 21 del girone B della C/2. La formazione composta dai giovani del girone centrale della serie C/2 ha battuto in finale per 2-1 l'under 21 del girone A della C/2: le reti della vittoria portano la firma di Iozzia, centrocampista di 20 anni della Sansovino, e di Granito, attaccante di 21 anni della Cuoiopelli Cappiano. Come miglior giocatore del torneo è stato votato il centrocampista Mingozzi, di 20 anni, del Ravenna. Ha destato una buona impressione anche il giovanissimo centrocampista del Gubbio Giordano Gnagni, classe '86, che in semifinale ha giocato per tutta la gara, e in finale è stato impiegato per tutto il secondo tempo.

18/03/2004
Spagnolli fermo ai box per un mese: "Non ci voleva questo infortunio proprio ora..."

Brutta tegola per la compagine eugubina che dovrà fare a meno dell'attaccante Massimo Spagnolli per almeno un mese. Il centravanti di Rovereto, interpellato da Gubbiofans, dopo l'ecografia eseguita in giornata, ha dichiarato: "Non ci voleva proprio questo infortunio in questo momento clou della stagione. Durante l'allenamento stavo calciando in porta e ho sentito una fitta alla coscia. L'ecografia ha rilevato che ho subìto uno stiramento di secondo grado. Penso che ci vorrà almeno un mese per il totale recupero. Devo star fermo dieci giorni, dopo pian piano riprenderò con la corsa per ripotenziare il muscolo e se non mi darà problemi spero di esserci almeno per il derby. Mi dispiacerebbe se non potessi giocare questa partita anche perchè ritornare a Gualdo da avversario mi da ulteriori stimoli. Speriamo di farcela e di recuperare presto". Spagnolli tranquillizza i tifosi e, nonostante la delusione del momento, promette che si ripresenterà più carico che mai: "A livello di squadra, anche in mia assenza, non ci sarà nessun problema perchè dispone di ricambi e attaccanti forti. E se il mio recupero sarà più lungo vorrà dire che sarò pronto per i playoff. Siamo lì e credo che abbiamo tutte le carte in regola per restarci. Però bisogna avere sempre un occhio di riguardo alle nostre spalle perchè il campionato è molto equilibrato. Domenica dobbiamo vincere per mettere parola fine alla salvezza. E poi dobbiamo pensare ai playoff su cui credo fermamente. Sia a livello personale e sia a livello di squadra spero che ci toglieremo delle grosse soddisfazioni". Intanto la formazione di Cannito ha disputato nel pomeriggio una partita amichevole con il Valfabbrica: il Gubbio si è imposto per 8-1. I gol dei rossoblù portano la firma di Ferrari, Maisto e Turchetta, autori di una doppietta ciascuno, di Iezzi e del giovane Radicchi.

17/03/2004
Gubbio: si infortuna Spagnolli

Si è bloccato improvvisamente durante l'allenamento Massimo Spagnolli, attaccante del Gubbio. Il centravanti ha sentito una grande fitta alla coscia e si è dovuto fermare: non si conosce ancora l'entità dell'infortunio e soltanto l'ecografia, a cui sarà sottoposto il giocatore, darà il responso finale. Intanto, per la partita di domenica prossima Gubbio-Montevarchi, è stato designato il sig. Sacco di Civitavecchia: l'arbitro in questione arbitrò la partita della scorsa stagione Sassuolo-Gubbio (0-0). Infine, il giovane giocatore del Gubbio, Giordano Gnagni, sta partecipando a Rimini al torneo delle rappresentative dei gironi della serie C. Positiva all'esordio la prova del centrocampista eugubino che ha giocato titolare, per tutta la partita, con la squadra under 21 del girone B della C/2 che si è imposta per 5-4, dopo i calci di rigore, contro la rappresentativa del girone C della C/2.

16/03/2004
Orocini: "I giochi si decideranno alla fine"

Nella trasmissione "Fuorigioco" - in onda ogni martedì sera su Trg - ha partecipato il giocatore Andrea Orocini. Il centrocampista rossoblù ha commentato così il pareggio di Roseto degli Abruzzi: "Abbiamo iniziato bene ma non siamo riusciti a sbloccare il risultato. Nella ripresa entrambi le squadre hanno avuto paura di perdere e la partita si è conclusa con un giusto 0-0". Clamorosamente, per la prima volta in questo campionato, il Gubbio ha raggiunto la zona playoff... "E' un campionato strano e le sorprese sono sempre dietro l'angolo. Ci sono almeno dieci squadre che possono ancora contendersi il quinto posto: ancora è presto per dire chi riuscirà a conquistare questa posizione. I giochi si decideranno all'ultima giornata". Le squadre da temere di più per l'ultimo posto utile per i playoff in questo rush finale di campionato? "Il Castelnuovo è una buona squadra e darà filo da torcere fino alla fine. Ma sta risalendo alla grande anche il Ravenna". E' un Gubbio contradditorio in questo campionato? "Diciamo che con Grosseto e Fano abbiamo giocato bene e racimolato poco. A Monte San Savino e con il Forlì abbiamo giocato meno bene, ma abbiamo avuto alcune ghiotte occasioni per portarci in vantaggio. L'anno scorso eravamo più maliziosi e sapevamo gestire meglio il risultato. E' anche vero, però, che quest'anno gli episodi sono quasi sempre a nostro sfavore e la fortuna non ci aiuta". Domenica arriva il Montevarchi... "Sarà una partita difficile. Incontreremo una squadra ostica, costruita all'inizio di campionato per ambire ai vertici della classifica. Noi scendiamo in campo sempre per vincere e speriamo che domenica riusciremo a portare a casa i tre punti. Nella speranza che questa serie negativa venga finalmente spezzata".

16/03/2004
Gli squalificati del girone B della C/2

Sono stati diramati i provvedimenti disciplinari del girone B della C/2. Il difensore Fiumana del Gualdo è stato squalificato per due giornate. Il Montevarchi, domenica prossima al "San Biagio" contro il Gubbio, non potrà schierare due difensori: Cacioli e Lepri sono stati fermati per un turno. Stessa sorte per Maretti (Aglianese), Scugugia (Sangiovannese), Tolomei (Cuoiopelli Cappiano), Vespignani (Sansovino), Agostinelli (Bellaria) e Serangeli (Tolentino): tutti quanti salteranno il prossimo turno di campionato perchè sono stati appiedati per una giornata. Infine sono state multate queste società: Sansovino per 750 euro, Bellaria di 400 euro e Carrarese (200 euro).

16/03/2004
Amarcord Rossoblù: Gubbio-Fiorentina, una giornata da ricordare...

Esattamente un anno fa, precisamente il 16 marzo 2003, si affrontarono Gubbio e Fiorentina, una partita che ha lasciato il segno. Una sfida che sarà ricordata negli annali del calcio eugubino, non solo per lo spettacolo che c'è stato in campo, ma anche per lo splendido scenario che si è visto sugli spalti. Si registrava il pienone al "San Biagio": presenti quasi seimila spettatori, per la precisione 5413 (di cui 2541 provenienti da Firenze), per un incasso record di 56400 euro. Una gara giocata solo grazie all'intervento di alcuni volontari, tra cui alcuni sostenitori di entrambi le squadre, che riuscirono a sgomberare il rettangolo di gioco dalla neve che aveva sorpreso la città eugubina nella mattinata. Una partita giocata da entrambi le squadre a viso aperto che ha regalato emozioni a non finire al numeroso pubblico giunto al "San Biagio" nonostante il freddo pungente. Che dire, Gubbio-Fiorentina, una giornata da ricordare.

14/03/2004
Rosetana e Gubbio impattano sullo 0-0

Ventiseiesima giornata di campionato, il Gubbio affronta in trasferta la Rosetana. Mister Cannito ritorna all'antico e ripropone il classico 4-4-2. Fabbri viene schierato tra i pali. In difesa giocano Bruni e Giacometti centrali, Antonazzo a destra e Amadio sulla sinistra. A centrocampo Lazzoni e Sandreani sono i propulsori, Iezzi gioca da ala destra e Birolini a sinistra. Il duo di attacco è formato da Cipolla e Spagnolli. Amadio, Orocini e Turchetta si siedono in panchina. Il Gubbio, dopo il pareggio interno con il Forlì e dopo una settimana abbastanza vivace, si presenta a Roseto degli Abruzzi per cercare di fare risultato e riscattare le ultime poco brillanti prestazioni. Di fronte, però, c'è una Rosetana in forma che nel girone di ritorno ha ottenuto 14 punti in otto gare. La squadra abruzzese, da quando è guidata in panchina da Giovanni Pagliari, è riuscita a portarsi fuori dalle zone calde della classifica e in casa non ha più perso. Iniziano le ostilità. I rossoblù si portano subito in avanti con alcune folate offensive. Al 3' si invola sulla fascia destra Iezzi e serve in mezzo Spagnolli che tira prontamente in porta: il suo tiro termina di poco fuori. Al 9' assist di Cipolla per Spagnolli che si gira bene e scaglia la sfera a rete: un difensore abruzzese riesce a deviare la palla in angolo. Sugli sviluppi del corner, Lazzoni tenta una conclusione in porta dal limite, la palla però termina la sua corsa tra le braccia dell'ex portiere gualdese Aiardi. Si fanno vedere anche i padroni casa al 14' con Marinelli che serve Calvaresi pronto a scoccare un tiro a rete: la difesa eugubina è attenta e sbroglia il pericolo. Al 21' Bresciani si rende pericoloso con un tiro in porta che viene deviato fortuitamente da Giacometti: Fabbri in due tempi abbranca la sfera. Al 23' Piccioni, dopo aver saltato alcuni avversari, cerca la via della rete dalla distanza ma non raccoglie i frutti sperati. Al 25' Calvaresi calcia in porta dal limite, il portiere rossoblù Fabbri sventa il pericolo deviando la sfera. I rossoblù tengono bene il campo e arginano senza grosse difficoltà le fiammate offensive dei padroni di casa. E al 29' il Gubbio sfiora clamorosamente il vantaggio con Iezzi che scaglia in porta, da posizione decentrata, un improvviso e potente tiro dalla distanza: la palla si stampa sulla traversa a portiere ormai battuto. Pericolo sventato per la squadra abruzzese che cerca nel finale di tempo la via del gol: al 43' Sampino mette in mezzo un pallone invitante per Bresciani che di testa incorna a rete: la palla sfiora di poco il montante. Finisce così il primo tempo sul punteggio di 0-0. Nella ripresa la musica non cambia. I rossoblù cercano di portarsi in avanti ma è la Rosetana che si fa più pericolosa in attacco. Al 55' Bresciani una volta entrato in area cerca il gol con un tiro radente: Fabbri si accartoccia e blocca la sfera. Al 59' Piccioni mette in area un insidioso diagonale: Calvaresi non arriva mancando la deviazione a rete. Al 66' Piccioni di testa anticipa la difesa eugubina: la sua conclusione termina di poco a lato. Al 67' prima sostituzione per il Gubbio: Orocini subentra al posto di Spagnolli. I rossoblù rimangono con una sola punta (Cipolla), con Orocini che si posiziona sulla mediana a giostrare i palloni. La partita stenta a decollare e non si segnalano vere occasioni da gol. La Rosetana prova a creare qualche pericolo in avanti ma il Gubbio copre tutti gli spazi e riesce a tamponare senza grosse difficoltà le timide sortite in avanti della formazione abruzzese. I rossoblù si accontentano e cercano di portare a casa il risultato di parità. All'82' esce dal campo un claudicante Cipolla e al suo posto entra Ferrari, l'ex di turno. E all'88' lascia il campo anche Iezzi che viene sostituito da Maisto. Passano i minuti, le emozioni sono davvero poche e dopo quattro minuti di recupero termina l'incontro a reti bianche. Rosetana e Gubbio si dividono la posta in palio: entrambi le squadre portano a casa un punto che muove la classifica. Risultato giusto per quello che si è visto in campo. Prestazione agrodolce dei rossoblù che non sono riusciti a creare grossi pericoli alla retroguardia abruzzese, a parte le occasioni di Spagnolli e di Iezzi che ha colpito il montante. I tifosi eugubini presenti a Roseto degli Abruzzi hanno esposto uno striscione con scritto: "E ora solo vincere...". Vittoria che, anche nella giornata odierna, non è arrivata. Basta constatare che nel girone di ritorno la formazione di Cannito ha racimolato solo 9 punti in 9 gare, una media di un punto a partita. Bisogna dire che, comunque, l'avversario odierno non era dei più facili: la squadra abruzzese, infatti, con la cura Pagliari sembra rinata e non ha più perso tra le mura amiche. E nonostante tutto, il Gubbio aggancia clamorosamente la zona playoff per la concomitante sconfitta casalinga del Forlì battuto dal sorprendente Tolentino. La lotta al quinto posto in classifica diventa sempre più avvincente: Gubbio e Forlì sono appaiate a 34 punti. Seguono subito dietro Castelnuovo e Fano a 33 punti. Cuoiopelli Cappiano e Imolese si posizionano a 32 punti ma con una partita ancora da giocare: la gara Imolese-Cuoiopelli, che era stata rinviata per neve, sarà recuperata mercoledì 31 marzo. E il Ravenna staziona a 31 punti. Quindi è tutto ancora da decidere e mancano otto giornate alla fine del campionato. Ma il torneo è molto equilibrato e anche la zona playout non è poi così lontana: appena 5 punti dividono i rossoblù dalla zona calda della classifica. Ci si aspetta, quindi, una svolta in questo campionato da parte degli uomini di Cannito che tarda a maturare. Una squadra che, secondo noi, ha le potenzialità per farlo ma non riesce più a vincere e tanto meno convincere. Ritornando alla partita di Roseto degli Abruzzi, a nostro avviso, il migliore dei rossoblù è stato Antonazzo: la prestazione del terzino pugliese è stata positiva sia in fase difensiva che in fase offensiva. Ma come di consueto c'è da sottolineare la prestazione degli stantuffi di centrocampo: Sandreani e Lazzoni hanno lottato su ogni pallone senza risparmiarsi. Pregevole anche la prova di Iezzi che è stato impiegato dal primo minuto: sulla fascia destra è stato incisivo e si è reso protagonista al 29' del primo tempo quando ha centrato la traversa con un tiro dalla distanza: la conclusione dell'ex centrocampista ravennate meritava miglior fortuna. E domenica al "San Biagio" il Gubbio affronterà il Montevarchi di mister "Ciccio" Graziani, reduce dal pareggio esterno con il Fano.
Rosetana: Aiardi, Santarelli, Scotti, Marchetti, Marinelli, Cichella, Sampino, Coletti (57' Sbaccanti), Piccioni (88' Turazza), Calvaresi, Nunziato (12' Bresciani). All. Pagliari.
Gubbio: Fabbri, Antonazzo, De Pascale, Lazzoni, Bruni, Giacometti, Iezzi (88' Maisto), Sandreani, Spagnolli (67' Orocini), Birolini, Cipolla (82' Ferrari). All. Cannito.
Arbitro: Barletta di Bernalda. Ammoniti: Birolini (G); Sampino, Marinelli e Santarelli (R). Spettatori: 700 circa.
I RISULTATI DELLA 26° GIORNATA:
Aglianese - Carrarese 1-0
8' Zattini (A)
Bellaria - Ravenna 2-2
15' Di Nicola (R), 64' Medri (B), 82' Anzalone (R), 92' Valeri (B)
Cuoiopelli Cappiano - Gualdo 2-0
65' Granito (C), 91' Granito (C)
Fano - Montevarchi 0-0
Forlì - Tolentino 2-3
18' Nicolini (T), 23' Maresi (F), 27' Nicolini (T), 32' Onorato (T) rig., 84' Baiana (F)
Grosseto - Castelnuovo 2-0
9' Dalle Nogare (G), 48' Baciocchi (G)
Rosetana - Gubbio 0-0
Sangiovannese - Imolese 1-1
41' Gennari (S), 71' Polidori (I)
Sansovino - San Marino 0-0


13/03/2004
Berretti: Gubbio, ko in casa; Calcio a 5: quarta vittoria per il Victoria Mocaiana

Nel campionato "Berretti" il Gubbio è stato sconfitto tra le mura amiche per 3-0 dalla capolista Rimini. I rossoblù, reduci dalla vittoriosa partita infrasettimanale nel derby con il Perugia, hanno ceduto alla distanza ai romagnoli. Presente all'incontro Salvatore Bagni, osservatore dell'Inter. La squadra "Berretti", dopo l'esonero di Lucio Bernardini, è stata affidata al tecnico Enrico Sannipoli (ex giocatore del Gubbio). Nel campionato di serie B di calcio a cinque, il Real Gubbio è stato sconfitto per 7-4 dalla Sangiorgese. Per la formazione rossoblù sono andati a segno Traversini, Mariucci, Fiorucci e Marco Bettelli (giocatore e allenatore della squadra eugubina). In serie C/1, invece, continua la serie positiva del Victoria Mocaiana che con un sonoro 8-1 ha travolto il Calcetto Foligno. Le reti dei rossoverdi portano la firma di Urbani e Naticchi, entrambi autori di una tripletta ciascuno, e di Beltrami e Ghiandoni. La squadra di mister Pierpaolo Mariotti, dopo il quarto successo consecutivo, si porta in piena zona playoff.

13/03/2004
Cannito: "I bilanci li faremo alla fine..."

Nella consueta conferenza stampa di fine settimana dell'A.S. Gubbio Calcio 1910, il mister rossoblù Ruggiero Cannito ha presentato la temibile trasferta di Roseto degli Abruzzi: "Incontreremo una squadra in forma che ha cambiato sette elementi rispetto alla formazione che abbiamo incontrato all'andata. La Rosetana è una squadra che gioca a calcio. Dovremo avere molta attenzione". Problemi di formazione? "Bruni ha un problema ad un polpaccio e l'abbiamo tenuto precauzionalmente a riposo. Decideremo solo prima dell'inizio della partita il suo utilizzo o meno". E' stata una settimana un po' vivace dopo il pareggio interno con il Forlì: è rimasto turbato dalle voci di un possibile suo avvicendamento? "E' dall'inizio del campionato che ogni settimana è vivace, quindi non mi preoccupo più di nulla. Lo prendo sempre come un momento di stimolo e mantengo lo stesso equilibrio che ho sempre dimostrato dall'inizio. Non importa se ci sono delle critiche nei miei confronti o verso il direttore sportivo. L'importante è che queste critiche non vengono fatte ai giocatori. Tutti dobbiamo aiutare questa squadra perchè i giocatori hanno bisogno di serenità e perchè non siamo una squadra di campioni. Fortunatamente il gruppo è unito e sereno, e i giocatori hanno sempre voglia di vincere quando scendono in campo, anche se ultimamente la vittoria tarda ad arrivare. I bilanci si potranno fare solo alla fine della stagione". I playoff sono ormai compromessi? "Noi ci dobbiamo salvare nel più breve tempo possibile perchè è il nostro obbiettivo principale e poi cercare quello che vogliamo tutti. Se ci sono le possibilità nessuno si tira indietro per raggiungere il quinto posto".

12/03/2004
Giacometti: "Ci mancano i tre punti..."

Il capitano eugubino Alessandro Giacometti fa il punto della situazione dopo il pareggio interno con il Forlì, in prossimità della trasferta insidiosa di Roseto degli Abruzzi: "Domenica abbiamo sicuramente fatto un passo indietro rispetto alle due uscite precedenti contro Grosseto e Fano - come riporta il Corriere dell'Umbria - E' stata una prestazione non certo brillante anche se con l'attenuante del terreno pesante che ha contribuito a frenare la fase offensiva limitando i nostri giocatori più tecnici come Cipolla". A fine gara ci sono stati dei fischi da parte del pubblico: è lecita tutta questa aspettativa nei vostri confronti? "Decisamente sì! Perchè è quello che aspettiamo anche da noi stessi. Però purtroppo il campionato si è indirizzato su questo livello: noi non ne siamo contenti e se non torniamo presto a vincere potrebbe diventare anche peggio". Come commenti le voci riguardanti di un eventuale avvicendamento della conduzione tecnica? "Sono argomenti che non devono toccare noi giocatori. Sono decisioni che spettano a chi sta più in alto di noi e di conseguenza qualsiasi esse siano le accettiamo con serenità e professionalità, perchè vengono prese sempre per il bene comune del Gubbio". E adesso la Rosetana... "E' una delle squadre più in forma. Cercheremo di fare il miglior risultato. A noi servono assolutamente dei punti per arrivare il prima possibile alla quota salvezza, dopo di che i programmi potranno anche cambiare: è questo ad oggi il pensiero comune di tutta la squadra".

12/03/2004
Bomber di C/2 leader anche in serie B

Alcuni giocatori che hanno giocato nel girone B della C/2 e sono stati stati avversari del Gubbio, si stanno confermando anche nel campionato cadetto. Stiamo parlando di alcuni bomber che stanno facendo la fortuna di alcune squadre di serie B. Il vice capocannoniere del torneo Christian Riganò della Fiorentina ha già realizzato 16 reti, preceduto solamente da Igor Protti del Livorno (17 gol): la scorsa stagione, con la stessa maglia viola, era divenuto il capocannoniere della serie C/2 dopo che aveva messo a segno ben 30 reti. Stesso discorso vale per Davide Moscardelli che con la Triestina ha siglato 15 reti: nella passata stagione, con la casacca della Sangiovannese, aveva segnato 15 gol. Senza dimenticare Florian Myrtaj, che nella stagione 2001-02 con il Teramo era divenuto capocannoniere della C/2 con 25 reti: adesso con il Verona ha siglato 12 reti. Giocatori cresciuti in serie C/2, quindi, che sono diventati protagonisti in serie B. A tal proposito, l'ex bomber dell'Inter e campione del mondo con gli Azzurri nel 1982 Alessandro "Spillo" Altobelli, ha dichiarato: "E' la dimostrazione che spesso, comprando in serie C, si fanno affari migliori che comprando uno straniero - come riporta il sito violanews.com - Riganò è un attaccante eccezionale, un po' mi ha sorpreso perchè, pur conoscendo la sua continuità realizzativa in serie C, non mi aspettavo che al primo campionato cadetto potesse confermarsi a così alti livelli. Moscardelli è forte nel gioco di piedi come in quello aereo. Gli ho visto fare dei gol da primi attaccanti d'Europa. Come Riganò, ha una resistenza al gioco duro dei difensori che solo chi ha giocato in serie C può capire. Anche per lui prevedo un futuro radioso". Come nel caso di Francesco Magnanelli di 19 anni: il giovane centrocampista del Gubbio in prestito alla Fiorentina è stato promosso stabilmente in prima squadra, perchè considerato un vero talento della Primavera Viola.

11/03/2004
San Marino, in testa anche nella solidarietà

La squadra del San Marino, capolista del girone B della C/2, è stata protagonista di una singolare iniziativa improntata sulla solidarietà. La formazione di mister Morgia, infatti, ha varcato i cancelli della Casa Circondariale di Prato per dare vita ad una gara amichevole contro la rappresentativa dei detenuti del carcere toscano. "Una giornata da ricordare per i Titani - come riporta il sito ufficiale sanmarinocalcio.com - E' stata una bellissima esperienza, toccante, emotivamente unica. Per la formazione dell'istituto di Prato, si trattava della prima gara contro una vera squadra di calcio, dopo diverse partite organizzate contro rappresentative delle scuole o degli enti locali. L'accoglienza di tutta la struttura è stata calorosissima fin da subito ed uno scambio di omaggi ha permesso ad entrambe le squadre di conservare un ricordo concreto di una giornata irripetibile. Il significato sportivo della gara, è evidente, è passato del tutto in secondo piano. Le due squadre, quella di "casa" in tenuta rosanero del Palermo, quella del San Marino con la tenuta "verde speranza" lasciata poi in ricordo agli avversari, si sono affrontate sul campo in sabbia e ghiaia ricavato nella zona interna dell'istituto. Il risultato finale, 6 a 6, testimonia perfettamente lo spirito della giornata, improntato alla solidarietà ed alla gioia del gioco".

10/03/2004
Berretti: il Gubbio batte il Perugia (1-0)

Nel campionato "Berretti" il Gubbio si è aggiudicato il derby con il Perugia al "Beniamino Ubaldi". La gara si è conclusa 1-0 e la rete decisiva è stata realizzata con una spettacolare mezza rovesciata di Bedini. La partita si doveva giocare sabato scorso ma era stata rimandata per il maltempo. La squadra eugubina della "Berretti", dopo l'esonero di mister Lucio Bernardini, è stata affidata provvisoriamente a Mario Baldinelli, indimenticato terzino sinistro del Gubbio di fine anni '80. Intanto il giovane Emanuele Francioni (classe '86), che è stato acquistato dal Brescia alcuni mesi fa proprio dalla "Berretti" Gubbio per rinforzare la squadra Primavera lombarda, ha avuto un importante riconoscimento: si è allenato con la prima squadra e ha disputato una partita amichevole insieme a Roby Baggio & C.: il giovane centravanti eugubino ha destato una buona impressione realizzando una tripletta e ha ricevuto i complimenti del tecnico della prima squadra delle rondinelle De Biasi. Parlando sempre di squadre giovanili eugubine, gli "Allievi" dell'Atletico Gubbio negli ultimi sette incontri del girone di ritorno hanno vinto sei gare, pareggiandone solo una. Grande exploit della giovanissima squadra allenata da Alvaro Passeri che è riuscita a risalire la china e si è portata a metà classifica: c'è da sottolineare che la formazione eugubina è di un anno più giovane rispetto alle altre compagini che partecipano a questo torneo. Infine, per la partita di domenica Rosetana-Gubbio è stato designato Barletta di Bernalda: l'arbitro in questione ha diretto la partita di andata Gubbio-Bellaria terminata 1-1.

09/03/2004
Sandreani: "Dobbiamo far quadrato tra noi giocatori, società e tifosi"

Nella trasmissione "Fuorigioco" - in onda ogni martedì sera su Trg - ha partecipato il centrocampista rossoblù Alessandro Sandreani. Durante la trasmissione è intervenuto telefonicamente il diesse Claudio Crespini. "Stiamo attraversando un momento particolare - ha dichiarato Sandreani - ma dobbiamo far quadrato tra noi giocatori, società e tifosi. La squadra è valida e ancora ha tutto il tempo per dire la sua in questo campionato. Domenica i fischi si sono sentiti e credo che vanno divisi tra tutti in modo equo. Le partite si possono vincere e si possono perdere, però noi l'impegno ce lo abbiamo messo sempre e continueremo a mettercelo fino alla fine. Domenica andremo a Roseto degli Abruzzi dove incontreremo un avversario tosto e temibile. Ma noi siamo arrabbiati e determinati al punto giusto per portare via più punti possibili in terra abruzzese". Il d.s. Crespini ha fatto il punto della situazione dopo il pareggio interno con il Forlì e ha chiarito alcune voci che circolavano da alcuni giorni che vedevano un esonero imminente del tecnico Cannito: "Lunedì c'è stato il C.d.A in cui si è ribadito all'unanimità che il cambio dell'allenatore ci sarà solo se il Gubbio entrerà in zona playout. Questa è la verità senza ingigantire niente. Il resto sono solo contatti che è vero che ci sono stati. Ma anche quando io ero in un'altra squadra (il Gualdo ndr), anche con Novellino in panchina si cercavano sempre alternative. Solo se le cose peggioreranno ci sarà un cambio. Già per il prossimo anno stiamo avendo dei contatti anche con alcuni giocatori. Ribadisco che questa squadra deve salvarsi perchè siamo partiti con un budget ridimensionato e i programmi ad inizio stagione erano chiari".


09/03/2004
Gubbio: ammenda di 300 euro

Sono stati diramati i provvedimenti disciplinari del girone B della C/2. La società del Gubbio è stata multata di 300 euro "per lancio in campo di un rotolo di nastro adesivo e due frammenti di asta di bandiera senza colpire". La Rosetana, contro il Gubbio domenica prossima, dovrà fare a meno del ventinovenne difensore Pellegrino. Il difensore Raggi della Carrarese è stato squalificato per due giornate. Mano pesante del Giudice Sportivo nei confronti del Montevarchi: la squadra valdarnese, nella trasferta di Fano, non potrà schierare tre giocatori: Di Matteo, Rocchini e Scalise sono stati fermati per un turno. Stessa sorte per Carnesalini e Camillini dell'Aglianese che salteranno la gara contro la Carrarese, e Galliano del Grosseto che non potrà giocare contro il Castelnuovo.

09/03/2004
Ex rossoblù: il francese Bochu sugli scudi; Caracciolese ancora a digiuno...

Due ex calciatori del Gubbio, che giocano in due squadre differenti stanno vivendo due situazioni altrettanto differenti. Il primo è Matthieu Bochu, il francese che una stagione fa in rossoblù è esploso con Alessandrini in panchina (ora allenatore dello Spezia). Ebbene, dopo quella breve parentesi a Gubbio, Bochu fu acquistato a suon di quattrini dalla Fiorentina dove non ha trovato molto spazio e con il salto in serie B della squadra viola, il giocatore transalpino è stato girato a gennaio di quest'anno al Ravenna. Il biondo francese che ha lasciato buoni ricordi a Gubbio non ha tradito le attese: dieci giorni fa, infatti, ha realizzato una doppietta e domenica scorsa contro il Fano ha sciorinato una grande prestazione diventando da subito un idolo dei tifosi ravennati. Non vale lo stesso discorso per Francesco Caracciolese, ceduto a gennaio alla Pro Sesto (C/2 girone A) dal Gubbio, arrivato l'estate scorsa in rossoblù proveniente dal Rutigliano (di proprietà della Fiorentina). L'attaccante pugliese sta trovando alcune difficoltà anche con la squadra lombarda nella quale non è riuscito ancora a segnare. Non solo, il trainer della Pro Sesto Scanziani (ex giocatore dell'Inter), nell'ultimo incontro di campionato contro il Belluno, lo ha relegato in panchina e lo ha impiegato solo nel finale di gara: è subentrato all'82', al posto del suo compagno di squadra Andreini.

07/03/2004
Il Gubbio non va oltre lo 0-0 e fallisce il sorpasso sul Forlì: i rossoblù recriminano per un rigore non concesso su Spagnolli

Venticinquesima giornata di campionato, il Gubbio affronta al "San Biagio" il Forlì. E' il match-clou della giornata che potrebbe determinare l'aggancio dei playoff per i rossoblù, visto che l'avversario di turno ricopre il quinto posto in classifica, distanziato di un solo punto dalla compagine eugubina. Mister Cannito ripropone la stessa formazione di Fano con una sola variazione: De Pascale gioca sulla fascia destra al posto di Antonazzo che si siede in panchina. Il Gubbio, quindi, scende in campo così: Fabbri tra i pali; viene schierata una difesa a quattro con Bruni e Giacometti centrali, De Pascale e Amadio si posizionano sulle fasce; a centrocampo Lazzoni e Sandreani sono i propulsori, Turchetta gioca da ala aggiunta e Orocini giostra in mezzo a smistare i palloni; il duo di attacco è rappresentato da Cipolla e Spagnolli. La pioggia cade copiosamente al "San Biagio" che renderà il terreno di gioco molto allentato e scivoloso. La giornata è molto fredda. Il clima è caldo, invece, sugli spalti: il tifo organizzato della curva incita ininterrottamente già prima del fischio d'inizio i propri beniamini, per questa partita che potrebbe rappresentare l'aggancio dei playoff. Pronti e via. Il Gubbio vuole sbloccare il risultato e si porta all'attacco. Al 3' i rossoblù hanno subito da recriminare per un episodio che lascia qualche perplessità. Cipolla è lanciato a rete e viene steso senza mezzi termini da Fiale come ultimo uomo: l'arbitro non se la sente di punire subito il difensore biancorosso e lo sanziona solo con il cartellino giallo. Al 6' grande lavoro di Cipolla sulla sinistra che disorienta un avversario con una finta e crossa in mezzo: Spagnolli svetta sopra tutti e di testa gira alla perfezione a rete: è prodigioso l'intervento del portiere ospite Sardini che in tuffo compie un autentico miracolo togliendo la palla dall'angolino più lontano. All'11' Cipolla, lanciato a rete da Lazzoni, viene fermato per un dubbio fuorigioco. Il primo tiro in porta degli ospiti arriva al 20' con Sebastiani che da lontano cerca di impensierire Fabbri: la conclusione dell'attaccante romagnolo è velletaria e viene abbrancata con facilità dall'estremo difensore eugubino. Al 25' ci riprova Sebastiani dal limite e questa volta la palla sfiora non di tanto il montante. Al 27' De Pascale sfiora di testa la segnatura su un perfetto assist di Orocini da calcio d'angolo: la sfera lambisce di poco l'incrocio dei pali. Al 32' il Forlì sfiora l'autogol: Orocini spara in porta una punizione dal limite e Scarpato, per cercare di respingere il tiro del centrocampista eugubino, tocca di testa la palla che di poco sorvola la traversa. Al 35' Lantignotti, lo specialista dei calci piazzati, cerca il gol su punizione dal limite dell'area: la sua conclusione, però, viene intercettata con autorità dall'esperto portiere rossoblù Fabbri. Al 37' Spagnolli recupera un pallone sulla sinistra, da posizione decentrata salta un avversario, entra in area e dalla linea di fondo rimette in mezzo un pallone invitante per Cipolla: la difesa biancorossa si salva in angolo anticipando in extremis l'attaccante napoletano. Al 40' episodio molto dubbio in area ospite. Spagnolli conquista palla sulla destra, entra in area e viene messo giù da Fanani. Sembra un rigore sacrosanto: nulla di tutto questo. L'arbitro, infatti, ammonisce addirittura Spagnolli per simulazione che scatena il disappunto dello stesso centravanti eugubino. E come diremo più avanti, nel dopo gara lo stesso Spagnolli avrà da ridire sull'accaduto. Finisce così un primo tempo dove ha visto una supremazia territoriale degli eugubini alla ricerca di un gol che non arriva. Nella ripresa la musica non cambia. Il Gubbio vuole i tre punti, mentre il Forlì pensa piuttosto a difendere il risultato. E' anche vero, però, che nel secondo tempo la squadra romagnola cresce di tono e non lesina alcune sortite pericolose in avanti. Al 48', infatti, Sebastiani di testa spedisce la sfera fuori di poco. Al 52' i rossoblù creano una buona opportunità per segnare: Turchetta conquista palla al limite dell'area e smarca Cipolla che si invola a rete: l'attaccante napoletano tentenna troppo e tira debolemente addosso al portiere Sardini che abbranca la sfera. All'55' un'azione insistita dei rossoblù non crea i frutti sperati. Orocini dalla sinistra crossa in mezzo per la testa di Spagnolli che viene anticipato di un soffio dai pugni del portiere Sardini. Riprende la palla sulla destra Sandreani che pennella immediatamente in area un cross millimetrico per la testa di Turchetta che si gira bene ma non inquadra la porta: la sfera va alta di pochissimo. Nel giro di due minuti, con due fiammate improvvise il Forlì crea due buone occasioni. Al 56' Lantignotti smarca alla perfezione in area Sebastiani che a botta sicura spara a rete: miracolo di Fabbri che in tuffo devia in corner il tiro angolato e rasoterra dell'attaccante forlivese. Al 57' gran tiro potente e angolato dalla distanza di Scarpato che costringe Fabbri a respingere la sfera con i pugni. Al 58' entra in campo Maisto che prende il posto di un claudicante Turchetta. Al 60' Spagnolli, lanciato a rete proprio dal nuovo entrato Maisto, viene fermato per un dubbio fuorigioco. Al 63' lo stesso Spagnolli, ancora lanciato a rete, viene stoppato per un ennesimo presunto fuorigioco. Il campo diventa sempre più pesante e il Gubbio non riesce più a creare grossi pericoli alla porta difesa dal portiere Sardini. La manovra è poco lucida e i calciatori cominciano a sentire in campo la fatica. All'80' un'azione convulsa in attacco dei rossoblù porta al tiro Sandreani che dal limite sfiora la traversa. Seconda e ultima sostituzione per gli eugubini: all'86' esce dal campo Cipolla e al suo posto entra Ferrari. E a tempo scaduto, al 94', il Gubbio costruisce la più ghiotta occasione per portare a casa l'intera posta in palio. De Pascale, dopo aver saltato alcuni avversari, entra in area dalla destra e mette in mezzo una palla d'oro per Lazzoni che da posizione favorevole calcia a botta sicura a rete: la palla sfiora clamorosamente il montante. Arriva il triplice fischio finale che chiude le ostilità. Il Gubbio non è riuscito a prendere al volo una grande occasione per agguantare i playoff. In queste ultime due partite soprattutto, con il Fano e con il Forlì, ha buttato al vento due ghiotte opportunità per agganciare il quinto posto quando si trovava a portata di mano. Diciamo che, ancora una volta, la squadra eugubina ha fatto intravedere i problemi di sempre e cioè di non essere concreta in fase realizzativa. Si costruiscono diverse occasioni da gol ma non vengono sfruttate a dovere. Oggi, poi, è stato complice anche il terreno appesantito dalla pioggia che non ha permesso ai rossoblù di esprimere il proprio gioco che aveva potuto sciorinare nelle ultime gare. E infine ci sono da considerare gli episodi, che da un po' di tempo a questa parte non sono favorevoli ai rossoblù. Come nel caso della mancata espulsione di un difensore forlivese con Cipolla lanciato a rete, ma soprattutto l'episodio molto dubbio, l'ennesino in questa stagione, con Spagnolli protagonista che viene steso in piena area ospite. In sala stampa lo stesso Spagnolli ha dichiarato: "Il rigore su di me si poteva dare perchè il contatto c'è stato. Peccato". Adesso la caccia al quinto posto sembra più difficile anche se ancora distanziata di un solo punto. Il Forlì è a 34 punti, il Gubbio è stato raggiunto dal Castelnuovo a 33 punti e il Fano si trova a quota 32. L'Imolese è a 31 punti ma con una partita da recuperare rinviata per neve. E poi il cammino non è proprio facile per gli uomini di Cannito che domenica prossima si dovranno recare in terra abruzzese dove affronteranno una temibile Rosetana che nel girone di ritorno ha ottenuto 14 punti contro gli 8 punti racimolati dal Gubbio in 8 gare dopo il giro di boa.
Gubbio: Fabbri, De Pascale, Amadio, Lazzoni, Bruni, Giacometti, Turchetta (58' Maisto), Sandreani, Spagnolli, Orocini, Cipolla (86' Ferrari). All. Cannito.
Forlì: Sardini, Minardi (44' Gentilini), Fiale, Maresi, Fanani, Airoldi, Lantignotti, Scarpato, Sebastiani (81' Rondina), Mordini (74' Baiana), Ghetti. All. Cotroneo.
Arbitro: Pierpaoli di Firenze (Caldini di Firenze e Lazzeri di Piombino). Ammoniti: De Pascale e Spagnolli (G); Fiale e Maresi (F). Spettatori: 1165.
I RISULTATI DELLA 25° GIORNATA:
Carrarese - Bellaria 0-0
Castelnuovo - Sansovino 1-0

15' Luconi (C)
Gualdo - Aglianese 2-2
38' Farrugia (G), 44' Zattini (A),
61' Balducci (G) rig., 78' Zattini (A)
Gubbio - Forlì 0-0
Imolese - Cuoiopelli Cap. rinviata per neve
Montevarchi - Sangiovannese 1-2

35' Stamilla (S), 54' Stamilla (S),
90' Garaffoni (M)
Ravenna - Fano 1-0
54' Affatigato (R)
San Marino - Rosetana 3-2
28' Procopio (S), 41' Lugnan (S),
67' Cichella (R), 70' Maniero (S),
78' Bizzarri (R)
Tolentino - Grosseto 0-2
35' Venturi (G), 69' Giglio (G)

07/03/2004
Gualdo-Gubbio si giocherà in notturna?

Si potrebbe profilare la possibilità che la partita Gualdo-Gubbio, valevole per 32° giornata di campionato (a tre turni dalla fine del torneo), si giochi in notturna in diretta su Raisat. Ne hanno discusso, secondo alcune indiscrezioni, il trainer del Gualdo Agatino Cuttone e alcuni dirigenti eugubini durante la gara tra Fano e Gubbio di lunedì sera. Bisogna vedere adesso se questa ipotesi potrà essere fattibile. Vedremo nei prossimi giorni come si evolverà la vicenda.

06/03/2004
Calcio a 5: sfortunato il Real Gubbio; terza vittoria di seguito per il Victoria Mocaiana

Nel campionato di serie B di calcio a cinque, il Real Gubbio è stato sconfitto di misura per 5-4 dall'Ascoli dopo una partita rocambolesca. I rossoblù di mister Marco Bettelli sono stati anche sfortunati avendo colpito 6 volte il palo della porta avversaria. I gol della squadra eugubina portano la firma di Fiorucci, Cecchetti, Traversini e Genghini. In serie C/1, invece, il Victoria Mocaiana ha vinto in trasferta per 5-4 contro il Sugaroni Orvieto. Partita, anche questa, molto combattuta e tirata fino alla fine. Grande prova di carattere della squadra allenata da mister Pierpaolo Mariotti che nella ripresa è riuscita a ribaltare il risultato a proprio favore, portando a casa la terza vittoria consecutiva. I rossoverdi sono andati a segno con Ghirelli, Giorgio Olmi, Ghiandoni e Carubini, quest'ultimo autore di una doppietta. Finale di gara incandescente con alcuni giocatori espulsi per parte.

05/03/2004
Cannito: "Ci hanno condannato gli episodi"

Il mister del Gubbio Ruggiero Cannito - come ha riportato il quotidiano "Il Corriere dell'Umbria" - ha parlato della sconfitta di Fano e della prossima sfida al "San Biagio" contro il Forlì. In sintesi ha dichiarato: "Ci hanno condannato gli episodi. Abbiamo avuto delle occasioni favorevoli che non abbiamo concretizzato, mentre il Fano è riuscito a capitalizzare una vittoria sicuramente immeritata. Siamo in crescita, ma dobbiamo eliminare qualche errore di deconcentrazione in difesa. Sono convinto che domenica contro il Forlì disputeremo una grande gara. Troveremo sicuramente un avversario arrabbiato e determinato a fare punti. Quindi dovremo mettere in campo tutte le nostre forze fisiche e mentali. In questo momento l'apporto del nostro pubblico è veramente fondamentale. A questo proposito ringrazio tutti i tifosi che ci hanno seguito a Fano in modo massiccio e che nonostante la sconfitta ci hanno applaudito. Giocheremo per loro. Faremo sicuramente di tutto per ottenere una vittoria e dedicargliela perché se lo meritano".

04/03/2004
Classifica girone di ritorno: Grosseto, Gualdo e Sangiovannese in testa...

Se il campionato fosse iniziato a partire dalla prima giornata del girone di ritorno, ci sarebbero dei risvolti clamorosi. Il Grosseto, il Gualdo e la Sangiovannese si ritroverebbero in testa, tutte insieme appaiate a 15 punti dopo 7 gare. Una lotta veramente avvincente per il primo posto in classifica. Al secondo posto ci sarebbe la Rosetana a 14 punti: la squadra abruzzese, da quando è arrivato in panchina Pagliari, è in notevole crescita. Il San Marino sarebbe terzo a 12 punti. E la zona playoff è al completo. A seguire Castelnuovo e Imolese che hanno totalizzato 11 punti. Subito dopo Fano e Montevarchi a 10 punti. Il Gubbio sarebbe solo settimo in coabitazione con il Cuoiopelli Cappiano e il Tolentino, nei quartieri medio-bassi della classifica: nel girone di ritorno, gli uomini di mister Cannito hanno conquistato 7 punti in 7 gare, la media di un punto a partita. Chiude la classifica l'Aglianese che ha racimolato solo due punti in sette gare dopo il giro di boa. Classifica completa: Grosseto, Gualdo e Sangiovannese 15 punti; Rosetana 14; San Marino 12; Castelnuovo e Imolese 11; Fano e Montevarchi 10; Sansovino 8; Gubbio, Cuoiopelli Cappiano e Tolentino 7; Forlì e Ravenna 6; Bellaria e Carrarese 5; Aglianese 2.

04/03/2004
Da domenica si gioca alle ore 15

Da domenica 7 marzo le partite del girone B della C/2 inizieranno alle ore 15. La sfida al "San Biagio" tra Gubbio e Forlì sarà diretta dall'arbitro Nicola Pierpaoli di Firenze. I collaboratori di linea saranno Caldini di Firenze e Lazzari di Piombino.

03/03/2004
Spagnolli: "Una serata dove ci è andato tutto storto"

Il centravanti del Gubbio Massimo Spagnolli, interpellato da Gubbiofans, ha commentato così la partita persa a Fano: "E' stata una serata dove ci è andato tutto storto. Abbiamo creato diverse palle gol ma non siamo riusciti a concretizzarle. Sicuramente dobbiamo migliorare su questo aspetto. In più siamo stati castigati negli unici affondi della squadra avversaria. La prestazione, comunque, è stata più che soddisfacente per più di un'ora. Peccato, soprattutto per i nostri tifosi che sono accorsi numerosi e calorosi a Fano. Non mi aspettavo che ci avrebbero seguito così in tanti di lunedì sera e dopo le condizioni climatiche non ottimali. Ancora una volta, come avviene molto spesso, i tifosi eugubini hanno dimostrato un grande attaccamento alla propria squadra. Vorrà dire che cercheremo di regalargli maggiori soddisfazioni nelle prossime partite". Ritorna sull'episodio del presunto rigore non concesso nei suoi confronti subito dopo il gol del 2-1 del Fano: "Ci poteva stare anche se ammetto con tutta sincerità che l'ho cercato. A volte vengono dati questi rigori e a volte no. L'arbitro non l'ha fischiato e quindi è inutile rivangarci sopra". E adesso la grande sfida con il Forlì: "E' una partita come le altre perchè fino alla fine ogni incontro sarà importante. E' ovvio che tenteremo a tutti i costi di vincere". Credi nei playoff? "Certo. Siamo ad un punto dalla quinta classificata e ci dobbiamo credere per forza". Abbiamo interpellato anche l'ex attaccante rossoblù Steno Berdini che dopo la parentesi poco fortunata a Gubbio, domenica scorsa con la maglia del Tolentino è riuscito finalmente a sbloccarsi: "A livello personale sono molto contento. Oltretutto ho fatto un bel gol, dopo una bella azione corale". Ha visto in diretta su Raisat la partita Fano-Gubbio: "Non è stato per niente fortunato il Gubbio che avrebbe meritato sicuramente di più dopo che ha avuto diverse occasioni per andare in rete. Ma il calcio è anche questo. La squadra l'ho vista bene e credo che lotterà fino alla fine per i playoff".

01/03/2004
Multa salata per il Gubbio: 1750 euro

Sono stati diramati i provvedimenti disciplinari del girone B della C/2. Ammenda salata per la società del Gubbio che è stata multata di 1750 euro perchè "propri sostenitori in campo avverso, negli ultimi minuti della gara, rivolgevano ad un assistente arbitrale ripetute espressioni ingiuriose e lo colpivano più volte con sputi per tutta la persona e sul viso". Sono state multate anche le società della Sansovino (1000 euro), del Grosseto e del Montevarchi (entrambi di 250 euro). L'allenatore dell'Aglianese Massimiliano Allegri è stato squalificato per due giornate. Stessa sorte per il difensore Francini dell'Aglianese che è stato fermato per due turni. Sono stati stoppati per una giornata Ceciarini (Cuoiopelli Cappiano), Anselmi (Grosseto), Rossi (Gualdo), Schiavon (Imolese), Taschini (Aglianese), D'Aloisio (Fano), Adani (Forlì), Mammarella (Tolentino), Marinelli e Sampino (Rosetana).

01/03/2004
Posticipo: il Gubbio spreca troppo, e il Fano vince (2-1)

Quattordicesima giornata di campionato. Il Gubbio affronta nel posticipo serale di lunedì in trasferta al "Mancini" il Fano. La partita viene trasmessa in diretta televisiva via satellite su Raisat. Sono presenti a Fano circa 300 tifosi eugubini che si fanno notare con stendardi e bandiere sugli spalti, giunti in riviera adriatica con tre pulmann, alcuni pulmini e auto, nonostante le pessime condizioni meteorologiche di questi giorni e le strade gelate dopo la nevicata che ha colpito nella nottata la città di Gubbio. E' presente il pubblico delle grandi occasioni al "Mancini": oltre 4000 spettatori assistono sotto un freddo pungente a questo acceso incontro tra Fano e Gubbio. Una partita importante per entrambi le squadre per avvicinarsi ai playoff. Mister Cannito schiera tra i pali Fabbri. In difesa giocano Antonazzo sulla destra, Bruni e Giacometti centrali, e Amadio sulla sinistra. Lazzoni e Sandreani sono i stantuffi del centrocampo. Turchetta gioca come ala, mentre Orocini giostra dietro le punte. Il duo di attacco è formato da Cipolla e Spagnolli. Pronti e via. Parte subito forte il Gubbio che con Orocini al 6' va vicino al gol con una bomba su punizione da trenta metri che sfiora di pochissimo l'incrocio dei pali. Al 9' un tiro-cross di Ghidini dalla sinistra viene respinto con i pugni dal portiere rossoblù Fabbri. Al 14' grande azione di Cipolla sulla sinistra, salta due avversari e crossa in mezzo: il portiere granata Orlandi anticipa per un soffio Spagnolli. Al 20' viene fischiato un dubbio fuorigioco su Spagnolli smarcato a rete da Cipolla. Al 21' Colombaretti serve in area Pierobon: stop di petto dell'attaccante granata ma la sua conclusione termina abbondantemente a lato. Al 24' Orocini pennella alla perfezione una punizione in area granata, Spagnolli svetta sopra tutti e di testa sfiora di pochissimo l'incrocio dei pali. Gol mancato, gol subìto. Al 25' Garba, in contropiede, lancia in profondità Pierobon che si invola verso la porta e infila la palla in rete anticipando il portiere Fabbri in uscita. Ma il Gubbio non ci sta e comincia a creare diversi grattacapi alla difesa granata. Al 29' ci prova Orocini dalla limite con un tiro potente ma poco preciso che termina sul fondo. Al 35' il Gubbio sfiora il pareggio: Cipolla serve in area Lazzoni che si gira molto bene e al volo spara a rete. Il portiere Orlandi compie un autentico miracolo e in tuffo respinge la sfera: Lazzoni tira di nuovo a botta a sicura in porta ma la palla sfiora il palo di pochissimo. E' un monologo rossoblù. Al 36' Cipolla serve in area Spagnolli, sponda del centravanti eugubino per Turchetta che tira al volo in porta: il portiere granata Orlandi è in giornata e respinge in tuffo la pericolosa conclusione del centrocampista rossoblù. Un minuto più tardi, al 37', i rossoblù sprecano una ghiotta occasione con Turchetta che, posizionato solo davanti alla porta all'altezza del dischetto del rigore, spara contro il portiere Orlandi che respinge la sfera. Al 38' l'attivo Cipolla giostra un bel pallone sulla destra, salta un avversario e smarca in mezzo all'area Spagnolli che deposita la palla in rete. L'arbitro ferma tutto per un dubbio fallo dell'attaccante napoletano su un difensore granata: Cipolla protesta invano. Al 40' è la volta di Spagnolli che difende un pallone al limite dell'area, si gira e fa partire una rasoiata che scheggia il palo alla sinistra della porta difesa da Orlandi. Il Fano si fa vedere in avanti solo al 43' con Pierobon che con un pallonetto dalla distanza cerca di sorprendere Fabbri che abbranca la sfera. Finisce così un primo tempo dove ha visto i rossoblù soccombere di una rete a zero nell'unica vera occasione da rete per i padroni di casa contro le sei limpide palle gol costruite e non concretizzate dal Gubbio. Nella ripresa la musica non cambia: è il Gubbio che continua a menare le danze. Al 47' Spagnolli non sfrutta al meglio un'occasione in piena area di rigore granata: il suo tiro termina alto sopra la traversa. Al 50' Garba mette in mezzo un pallone invitante per Pelliccia che non riesce a concludere a rete. Al 52' i rossoblù raggiungono il meritato pareggio: Cipolla disorienta alcuni avversari sulla fascia destra, entra in area e crossa in mezzo, il difensore granata Pomante, nel tentativo di anticipare Spagnolli appostato sulla linea di porta pronto per deviare la palla in rete, in spaccata infila involontariamente la palla nella propria porta. Da questo momento in poi prende coraggio il Fano che cerca di ristabilire le distanze, ma i suoi attacchi sono sterili e poco pericolosi. Pierobon è il più attivo e crede nella vittoria: al 52' l'attaccante granata impegna severamente Fabbri su punizione con una potente e precisa punizione calciata dal limite. Nel momento in cui sembra che la partita si incanali nel giusto e più equo risultato di parità, con una fiammata improvvisa il Fano trova il gol del raddoppio. Stefani si introfula in area eugubina e spara a rete, Fabbri respinge corto la conclusione del centrocampista granata: la palla carambola addosso a Pierobon e termina in rete. Non è troppo fortunata la squadra eugubina in questa circostanza: la palla sbatte fortuitamente sul ginocchio dell'attaccante fanese e si insacca in rete. Il Fano, in questo modo, concretizza al meglio le uniche occasioni degne di nota della gara. Un minuto più tardi i rossoblù protestano per un presunto fallo di rigore su Spagnolli: l'attaccante trentino entra in area e viene messo giù da un difensore granata. Sembra che ci siano gli estremi per il rigore ma non è dello stesso avviso l'arbitro che fa proseguire l'azione tra le proteste dell'attaccante rossoblù. Mister Cannito tenta il tutto per tutto effettuando due cambi: De Pascale subentra al posto di Antonazzo, mentre Ferrari sostituisce Turchetta. Il Gubbio cerca di rimettersi in carreggiata alla ricerca del pareggio ma cala un po' alla distanza. Il Fano stringe i denti e con un ottimo Giorgetti, subentrato nel secondo tempo, cerca di impensierire con alcune ripartenze la retroguardia eugubina. All'80' lo stesso Giorgetti serve un pallone d'argento per Garba che non riesce a concretizzare in rete una ghiotta opportunità in area. Ultime fiammate dei rossoblù. All' 87' Lazzoni serve in area Sandreani che tira prontamente in porta: Orlandi si accartoccia e abbranca la sfera. All'89' Ferrari crea scompiglio in area marchigiana e costringe la retroguardia granata a salvarsi in angolo. Dopo quattro minuti di recupero finisce l'incontro. I rossoblù tornano a casa a mani vuote anche se, per le cose che si sono viste in campo, il risultato è abbastanza bugiardo. Il Gubbio avrebbe meritato sicuramente il pareggio contro una squadra, quella del Fano, che è sembrata tutt'altro che irresistibile, anche se si è dimostrata una compagine molto cinica che ha concretizzato come meglio poteva le uniche palle gol della gara. I rossoblù hanno sprecato troppo in fase conclusiva, un po' per imprecisione e un po' per bravura del portiere di casa Orlandi, buttando al vento le diverse occasioni da rete costruite, soprattutto nel primo tempo. E nell'occasione dei due gol del Fano, forse ci sarebbe voluta una maggiore accortezza della difesa eugubina che si è fatta trovare un po' impreparata. E' anche vero che la fortuna sembra aver abbandonato definitivamente la squadra rossoblù in questo campionato e soprattutto in queste ultime due gare, come è accaduto stasera con il Fano e con il Grosseto domenica scorsa: due partite in cui il Gubbio avrebbe meritato minimo 4 punti e invece ha racimolato solo un punto. E adesso la situazione si fa incandescente per aggiudicarsi il quinto posto in classifica: il Gubbio, senza dubbio, in questa gara ha sprecato una ghiotta opportunità per agganciare i playoff. Il Forlì si trova a 33 punti, Gubbio e Fano sono distanti di un solo punto (32 punti), l'Imolese segue a 31 e il Castelnuovo a 30 punti. Da qui alla fine del campionato ci sarà una lotta continua fino all'ultima giornata e non potrebbero mancare le sorprese e i colpi di scena. E domenica prossima al "San Biagio" scenderà il Forlì, una partita decisiva o per le meno molto fondamentale, per verificare quali saranno le reali ambizioni del Gubbio in questo campionato.
Fano: Orlandi, Pomante, Calanchi, Vitali (89' Gasparoni), D'Aloisio, Colombaretti, Pelliccia, Stefani, Pierobon, Ghidini (47' Giorgetti), Garba. All. Morganti.
Gubbio: Fabbri, Antonazzo (70' De Pascale), Amadio, Lazzoni, Bruni, Giacometti (90' Iezzi), Turchetta (70' Ferrari), Sandreani, Spagnolli, Orocini, Cipolla. All. Cannito.
Rete: 25' Pierobon (F), 52' Pomante (F) aut., 60' Pierobon (F).
Arbitro: Salati di Trento. Ammoniti: Bruni e Spagnolli (G); Pierobon, Vitali, D'Aloisio e Ghidini (F). Spettatori: 4500 circa (300 circa provenienti da Gubbio).
I RISULTATI DELLA 24° GIORNATA:
Aglianese – Imolese 0-1

82' Recchi (I)
Bellaria Igea – Tolentino 1-1
48' Berdini (T), 85' Maggi (B)
Cuoiopelli Cappiano – Ravenna 2-3
20' Di Nicola (R), 26' Masi (C), 30' Bochu (R), 56' Bochu (R), 90' Masi (C) rig.
Fano – Gubbio 2-1 lunedì ore 20.30
25' Pierobon (F), 52' Pomante (F) aut., 60' Pierobon (F)

Forlì – Castelnuovo 0-2
16' Luconi (C), 45' Luconi (C)
Grosseto – Montevarchi 1-0
61' Ambrosino (G)
Rosetana – Carrarese 2-1
21' Calvaresi (R) rig., 62' Ghizzani (C), 89' Piccioni (R)
Sangiovannese – San Marino 4-1
25' Baiano (S), 30' Maniero (SM), 76' Scugugia (S), 82' Baiano (S), 85' Gennari (S) rig.
Sansovino – Gualdo 1-1
53' Viviani (S), 93' Rossi (G)

01/03/2004
Gubbio: allestiti tre pulmann per Fano

Questa mattina alle ore 12 sono terminate le iscrizioni dei tifosi eugubini nella sede sociale per trasferirsi a Fano in pulmann. Ufficialmente si sono segnati circa 150 supporters eugubini e sono stati riempiti tre pulmann. In prevendita sono stati venduti 100 biglietti e altrettanti si potranno acquistare ai botteghini del settore ospiti prima della gara a Fano. Dovrebbero essere circa 200, quindi, i tifosi rossoblù che seguiranno il Gubbio in terra adriatica, nonostante i disagi del maltempo e le strade gelate dopo la nevicata che ha colpito la città eugubina in nottata. Secondo alcune indiscrezioni, infatti, sono stati organizzati anche alcuni pulmini, mentre altri si recheranno a Fano con mezzi propri.

[vai a inizio pagina] [vai alle news] [vai all'archivio news]

Ultimo aggiornamento - Last update
data 18.11.2019 ora 22:00

Info: > Privacy e Cookie Policy

MAIN SPONSOR WITH PAGE LINKS:
(CLICCABILI CON FINESTRA GRANDE)

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

MASSIMA TRASPARENZA, SCRIVERCI:

ART.13 REGOLAMENTO UE n.2016/679
D.LGS. ART. 122 DL 196/03
G.U. ART. n.229/14:

Media Spettatori
Lega Pro - Girone B
Stagione 2019/2020

Dopo 15 giornate:

Cesena
Vicenza
Modena
Reggiana
Triestina
Padova
Sambenedettese
Piacenza
Rimini
Ravenna
Carpi
Fermana
Vis Pesaro
Fano
Arzignano Valc.
Sudtirol
Gubbio
Feralpisalo
Virtus Verona
Imolese

10240
9160
7150
6050
5490
4780
3530
3230
2240
2220
1870
1690
1540
1330
1210
990
970
920
890
450

Media spettatori:
>
La scheda

Dati media:
La Gazzetta dello Sport

Lega Pro
Girone B - 2019/2020

Emilia-Romagna (8)
Carpi, Cesena, Imolese, Modena, Piacenza, Ravenna, Reggio Audace, Rimini
Friuli (1)
Triestina
Lombardia (1)
Feralpisalo
Marche (4)
Fano, Fermana, Sambenedettese, Vis Pesaro
Trentino Alto Adige (1)
Sud Tirol
Umbria (1)
Gubbio
Veneto (4)
Arzignano Valchiampo, Padova, Vicenza, Virtus Verona

Amarcord rossoblu


Anno 2011-2012 Serie B:

MATCH CLOU:

1 ottobre 2011:

Gubbio-Verona 1-1
Spettatori: 3911

24 ottobre 2011:
Gubbio-Torino 1-0
Spettatori: 4173

6 gennaio 2012:
Gubbio-Bari 2-2
Spettatori: 3821

28 gennaio 2012:
Gubbio-Sampdoria 0-0
Spettatori: 3977

28 aprile 2012:
Gubbio-Pescara 0-2
Spettatori: 4434

Info: > Privacy e Cookie Policy