SERIE C - GIRONE B
QUINTA GIORNATA
DOM. 22 SETTEMBRE 2019
STADIO "PIETRO BARBETTI"
ORE15

GUBBIO

0

VICENZA

3

SESTA GIORNATA
MERC. 25 SETTEMBRE 2019
STADIO "ROMEO NERI"
ORE18:30

RIMINI-GUBBIO

> Calendario in pdf.: (scarica)

Clicca le immagini rossoblu!

Classifica

Padova
Vicenza
Carpi
Reggiana

Piacenza
Sambenedettese
Feralpisalo
Cesena
Fermana
Sudtirol
Ravenna
Vis Pesaro
Modena
Rimini
Triestina
Virtus Verona
Arzignano Valc.
Gubbio
Fano

Imolese

13
11
11
11
8
8
8
7
7
7
7
6
5
5
4
4
3
3
3

2

Link Banner: Risultati Calcio:

Risultati Calcio...

QUINTA GIORNATA
DOM. 22 SETTEMBRE 2019

Arzignano Val.
Sudtirol

0
1

Carpi
Rimini

2
1

Cesena
Piacenza

1
1

Fano
Reggiana

0
0

Fermana
Sambenedettese

1
1

Modena
Feralpisalo

1
1

Ravenna
Imolese

1
0

Virtus Verona
Triestina

3
2

Vis Pesaro
Padova

0
2

-

Marcatori 2019-2020
Serie C - Girone B

Vano Carpi
Giovinco Ravenna
Cernigoi Sambenedet.
Granoche Triestina
Odogwu Virtus Verona

5
4
4
4
4

Vedi lo stadio Barbetti!

Marcatori Gubbio
2019-2020

Sbaffo
Cesaretti
Munoz

2
2
1

Scopri la nostra citta!

SESTA GIORNATA
MERC. 25 SETTEMBRE 2019

Rimini-Gubbio

Feralpisalo-Fano

Imolese-Virtus Verona

Padova-Cesena

Piacenza-Ravenna

Reggiana-Carpi

Sambened.-Modena

Sudtirol-Fermana

Triestina-Arzignano V.

Vicenza-Vis Pesaro

Link Partners:

Calcio in Diretta
Risultati.it

Calcioland.forumfree.it
Tuttocampo.it

Info e pubblicita:

redazione@gubbiofans.it

[vai alle news] [vai all'archivio news]

30 agosto 2014
Acori: "A livello tattico siamo stati disciplinati. Una bella partita con L'Aquila di prim'ordine"

Gubbio che pareggia a L'Aquila per 0-0 dopo una partita senza grandi sussulti, tranne un palo di Corapi che in mezza rovesciata nella ripresa ha creato qualche brivido alla difesa rossoblù. É soddisfatto per la prova dell'esordio l'allenatore Leonardo Acori che dice: "Sono molto soddisfatto della prova dei miei ragazzi. Abbiamo giocato bene. A livello tattico siamo stati molto disciplinati. Proprio una bella partita di un Gubbio che non dimentichiamoci affrontava L'Aquila che è una squadra di prim'ordine. Detto ciò, c'è da ribadire che mi ritengo soddisfatto, tranne nel finale di partita dove è sopraggiunta per tutti un po' di stanchezza. D'altronde non mi era mai capitato di giocare una partita a fine agosto alle ore 14:30: senza dubbio abbiamo patito il caldo. Ma la squadra ha saputo soffrire in toto e ha saputo tenere il risultato fino alla fine delle ostilità". Intanto abbiamo inserito le foto della partita tra L'Aquila e Gubbio. Le foto (15 immagini) si possono trovare nel link sotto la foto in homepage e nella nostra fotogallery. Le foto sono di Luca Pitone in collaborazione con Roberto Settonce. E nella stessa fotogallery (della stagione 2014-2015) sono state inserite pure le foto della rosa del nuovo Gubbio di Acori.

30 agosto 2014
Gubbio attento, L'Aquila non incisivo: esordio in campionato senza reti (0-0). La cronaca

Gubbio, esordio in campionato a L'Aquila. Si inizia di sabato alle ore 14:30. L'allenatore Acori spedisce Loviso in panchina, gioca dal primo minuto Casiraghi a centrocampo con Domini playmaker. Schiera un 4-3-3 che in fase di non possesso diventa un 4-5-1. E in avvio, subito, Perpetuini lancia in porta Sandomenico, para in uscita Iannarilli. Al 5' occasione per il Gubbio quando Pedrelli perde palla in area, ne approfitta Vettraino che si lancia in porta ma viene anticipato in uscita con un intervento provvidenziale di Zandrini. Al 10' pericolo in area eugubina perchè proprio l'ex Sandomenico lancia in porta Perna che supera in velocità Lasicki e Iannarilli, ma tentenna troppo e il Gubbio si salva in calcio d'angolo. Al 15' Casiraghi ci prova con un tiro rasoterra dal limite, ma para a terra Zandrini. Al 30' pericolo in area umbra quando Sandomenico si rende davvero insidioso in dribbling davanti alla porta, salva in extremis Luciani. Al 35' c'è ancora Sandomenico che si ritrova solo in area su assist di Corapi, questa volta salva a due passi dalla porta Rosato. Al 40' invece Perna calcia a lato da una posizione favorevole. Ripresa. Al 55' L'Aquila sfiora il vantaggio: mezza rovesciata di Corapi dall'altezza del dischetto con la palla che colpisce il palo e attraversa tutto lo specchio della porta (palla che sembra essere deviata da Iannarilli sul palo). Al 59' ci prova lo stesso Corapi in tuffo di testa, la palla va di poco a lato. Altro pericolo in area eugubina al 63' quando Pacilli serve in area Del Pinto che di testa impegna severamente Iannarilli che compie un prodigioso intervento. L'Aquila cresce di tono: al 67' De Sousa di testa (assist di Pedrelli) sfiora il palo. All' 86' De Sousa, gran botta dal limite, palla che sorvola sopra la traversa. Al 92' gran tiro di Marchionni dal limite che impegna severamente Zandrini che si salva in tuffo. Finisce 0-0 l'esordio in campionato per il Gubbio di Acori. Prossimo appuntamento domenica 7 settembre (alle ore 18) per Gubbio-Lucchese allo stadio "Pietro Barbetti".
Tabellino: L'Aquila - Gubbio (0-0):
L'Aquila (4-3-3): Zandrini; Pedrelli, Pomante, Zaffagnini, Ligorio; Corapi (76' De Francesco), Perpetuini, Del Pinto; Mancini, Perna (53' De Sousa), Sandomenico (60' Pacilli). (A disp.: Cacchioli, Di Mercurio, Karkalis, Zappacosta). All. Pagliari.
Gubbio (4-3-3): Iannarilli; Luciani, Rosato, Lasicki, Caldore; Esposito, Domini, Casiraghi (64' Loviso); Mancosu (78' Marchionni), Regolanti (87' Cais), Vettraino. (A disp.: Citti, Manganelli, Castelletto, Badiali). All. Acori.
Arbitro: Illuzzi di Molfetta (Monetta e Opromolla di Salerno). Ammoniti: Mancini (A); Vettraino e Luciani (G). Spettatori: 2000 circa (di cui una ventina da Gubbio).
Risultati: Prima Giornata - Prima Divisione - Girone B - Lega Pro:
Ancona - Savona
1-1
29' Cerone (S), 71' Tavares (A) rig.
Forlì - Reggiana
1-0
23' Docente (F)
Grosseto - Pro Piacenza
0-1
31' Porcino (P)
L'Aquila - Gubbio
0-0
Lucchese - Santarcangelo
0-0
Pisa - Teramo
3-1
25' Giovinco (P), 41' Arma (P) rig., 50' Donnarumma (T), 95 ' Arma (P) rig.
Pistoiese - Ascoli
0-1
78' Perez (A) rig.
San Marino - Prato
1-1
9' Muntadas (S), 65' Pasa (P)
Spal - Pontedera
0-3
22' Grassi (P), 49' Settembrini (P), 67' Madrigali (P)
Tuttocuoio - Carrarese
0-0

30 agosto 2014
Le foto della rosa: 24 calciatori, più staff tecnico e dirigenziale. In B ripescato il Vicenza

Pubblichiamo le foto della rosa dell'A.S. Gubbio 1910, compreso lo staff tecnico e dirigenziale. In rosa sono presenti 24 calciatori. Le foto sono di Simone Grilli (nostro collaboratore) scattate per l'A.S. Gubbio 1910 che proprio in questi giorni ha inaugurato il nuovo dominio internet (passando da .com a .net). Foto che si possono trovare anche nella nostra sezione "fotogallery" con didascalia e provenienza di ogni calciatore del nuovo Gubbio 2014-2015. Intanto arriva una notizia ufficiale a sorpresa: viene ripescato in serie B il Vicenza. Secondo quanto riporta il sito de "La Gazzetta dello Sport" (Gazzetta.it), il Pisa era favorito per il ripescaggio ma non ha presentato tutta la documentazione richiesta. Ma il Pisa non ci sta e il presidente nerazzurro Battini ha già fatto sapere che farà ricorso contro l'ammissione del Vicenza in serie B. Ammissione che tra l'altro ha creato numerose polemiche nella serata di venerdì. La Juve Stabia sul suo profilo facebook ha scritto: «É la morte del calcio italiano». Pure il Novara si è fatto sentire e l'avvocato Di Cintio (come scrive Tuttomercatoweb.com) fa sapere che verrà richiesto il risarcimento danni passando dalla giustizia ordinaria. Con il ripescaggio del Vicenza in serie B, si apre un posto nel girone A di Lega Pro e le domande di ripescaggio potranno essere presentate fino a martedì 2 settembre (termine ultimo).

29 agosto 2014
Acori: "La nostra arma sarà l'entusiasmo. Il mercato è ok". Out D'Anna, Galuppo e Luparini

Conferenza stampa prima della gara contro L'Aquila. L'allenatore Leonardo Acori dice: "Siamo convinti di fare una bella partita. Anche se sappiamo che troveremo di fronte una squadra rinforzata con il neo arrivo Pacilli e in più c'è gente come Perna e Perpuetini. Troveremo una squadra tosta, ma anche noi siamo tosti. Sono molto soddisfatto della rosa a disposizione e per me il mercato è chiuso qui. Non ci saranno Galuppo (ha bisogno di due o tre settimane di lavoro intenso), D'Anna e Luparini, entrambi per un problema al polpaccio. L'obiettivo stagionale? Fare bene tutte le domeniche e poi solo alla fine tireremo le somme. Che cosa mi aspetto dalla squadra? La nostra arma in più è l'entusiasmo. Poi mi attendo che ci sia grande intensità per tutta la gara e per quanto riguarda l'aspetto tecnico-tattico devo dire che i ragazzi sono preparati. Credo molto nello staff: Scaia e Vecchini hanno lavorato bene, e Bonura è il nostro valore aggiunto. Perciò sono molto soddisfatto". Pertanto sono out per L'Aquila sia D'Anna che Galuppo e Luparini. Il Gubbio dovrebbe scendere in campo con il modulo 4-3-3 (che in fase di non possesso potrebbe mutare in un 4-5-1) con Iannarilli in porta, quartetto difensivo con Luciani, Rosato, Lasicki e Caldore, trio di centrocampo con Esposito, Loviso e Domini, e poi tridente d'attacco con Mancosu, Regolanti e Vettraino. Questa la lista dei convocati (sono in 19): Iannarilli, Citti, Caldore, Lasicki, Luciani, Manganelli, Rosato, Casiraghi, Bentoglio, Badiali, Castelletto, Domini, Loviso, Esposito, Cais, Mancosu, Marchionni, Regolanti e Vettraino. Si gioca alle ore 14:30 di sabato.

29 agosto 2014
Galabinov, dal Gubbio alla nazionale bulgara. Gubbio, prove di 4-3-3 per L'Aquila e Illuzzi...

Andrey Galabinov, 24 presenze e 12 reti con il Gubbio nella stagione 2012-2013 quando sulla panchina dei rossoblù c'era Andrea Sottil. L'anno scorso invece 39 presenze e 15 reti in serie B con la maglia dell'Avellino. Quest'anno giocherà con il Livorno, proprietaria del cartellino. Ebbene, Galabinov è stato convocato dalla sua nazionale maggiore (Bulgaria) per le qualificazioni agli Europei per la sfida contro l'Azerbaigian (girone H), nello stesso girone dove ci sarà l'Italia del neo Ct Conte. Da Gubbio alla sua nazionale bulgara nel giro di due anni: un bel salto di qualità per Andrey Galabinov. Intanto sabato si gioca a L'Aquila (ore 14:30) dove inizierà in maniera ufficiale il campionato. L'allenatore dei rossoblù Leonardo Acori adotterà il 4-3-3 e con ogni probabilità sarà questa la formazione adottata: Iannarilli in porta; il difesa quartetto formato da Luciani, Rosato, Lasicki e Caldore; a centrocampo il trio Esposito, Loviso e Domini; in attacco il tridente Mancosu, Regolanti (in vantaggio su Cais e Luparini) e Vettraino. Situazione degli ultimi calciatori contrattualizzati: il jolly D'Anna dovrebbe partire dalla panchina mentre il difensore Galuppo non sarà convocato (salvo sorprese) per L'Aquila. Pure L'Aquila dell'allenatore Giovanni Pagliari adotterà il 4-3-3 con questo probabile schieramento: in porta Zandrini; un quartetto difensivo con Pedrelli, Zaffagnini, Maccarrone e Ligorio; centrocampo a tre con Corapi, Perpetuini e Del Pinto; tridente d'attacco con Mancini, Perna e Sandomenico. Il neo acquisto Pacilli dovrebbe partirte dalla panchina. Tre ex Gubbio a L'Aquila: Zandrini, Maccarrone e Sandomenico. Arbitra l'incontro il signor Lorenzo Illuzzi di Molfetta: il fischietto pugliese non porta bene al Gubbio. Tre gare e altrettante sconfitte con direzioni di gara molto chiacchierate. Stagione 2012-2013: il Gubbio venne sconfitto ad Avellino (2-0) con rigore finale contestato e due espulsi (il trainer Sottil e il portiere Venturi). L'anno scorso due precedenti: sconfitta a Perugia (2-0) e sconfitta casalinga contro il Frosinone (2-3) il 23 marzo scorso con scintille finali e polemiche a non finire. Gli assistenti di linea saranno Giuseppe Monetta e Giuseppe Opromolla di Salerno. Il mercato delle altre. Tre colpi del Grosseto: ecco infatti il centrocampista Finazzi ('90) dal Brescia, il bomber austriaco Pichlmann ('81; ex Spezia) e poi pure l'attaccante Torromino ('88) dal Crotone. Lo stesso Grosseto ottiene il centrocampista Verna ('93) dalla Virtus Lanciano che a sua volta cede al Savona l'attaccante De Feo ('94). L'Ascoli preleva dall'Aversa Normanna il difensore Scognamillo ('94). Lucchese: ecco dal Carpi il centrocampista Boilini ('91).

28 agosto 2014
Ufficiale: ha firmato D'Anna. Ed ora tocca anche a Galuppo. Una rosa da 26 con 20 acquisti

La rosa è pressochè completata. Il jolly di difesa e centrocampo Emanuele D'Anna ha firmato, e pure il difensore Alberto Galuppo (da alcuni giorni in ritiro a Gubbio) ha trovato l'accordo (deve essere solo depositato il contratto). In pratica sono 26 calciatori a disposizione per il tecnico Leonardo Acori. Per la precisione tre portieri: Iannarilli, Citti e il baby Bellucci. In difesa dieci elementi: Caldore, Cristaudo, D'Anna, Galuppo, Gelli (che si è aggregato nelle ultime ora al gruppo), Lasicki, Luciani, Manganelli, Nuti e Rosato. A centrocampo sono otto calciatori: Badiali, Bentoglio, Casiraghi, Castelletto, Domini, Esposito, Loviso e Marchionni. In attacco invece sono in cinque: Cais, Luparini, Mancosu, Regolanti e Vettraino. Non dovrebbero (il condizionale è d'obbligo) più fare parte della rosa della prima squadra i due attaccanti Bortolussi e Migliori: il primo (come avevamo già scritto alcuni giorni fa), potrebbe essere ceduto altrove (forse in prestito). In pratica nel nuovo Gubbio ci sono 20 acquisti (5 calciatori dal Parma, 2 dal Trapani e Juventus, poi da Roma, Napoli, Lazio, Atalanta, Chievo Verona, Frosinone, Salernitana, Deruta, e tre pedine che si erano svincolate dal Sorrento). Due soli confermati ma che sono tornati dal Parma (Domini e Luparini). E in aggiunta ci sono quattro baby: Bellucci, Gelli, Nuti e Badiali. Intanto il centrocampista Alessio Esposito è stato chiamato dalla nazionale under 20 di Lega Pro in uno stage a Roma, il prossimo 2 e 3 settembre. Il difensore Igor Lasicki, dal 1 al 10 settembre sarà in ritiro con la Nazionale Under 21 della Polonia per sostenere una partita contro la Grecia. Sabato c'è subito il campionato e il Gubbio affronterà L'Aquila (ore 14:30) del tecnico Giovanni Pagliari. E la società abruzzese ha effettuato proprio un ultimo acquisto: ecco l'attaccante Mario Pacilli ('87), l'anno scorso a Trapani in serie B. Per la trasferta di L'Aquila i biglietti sono in vendita presso la Tabaccheria 2000 al prezzo di 15 euro. Altre di mercato. Il portiere Federico Serraiocco ('93) va al Teramo in prestito dal Brescia. Il Grosseto ottiene dal Cagliari l'attaccante Alessandro Masia ('95). La Reggiana pesca dalla Juventus, Ahmed Rassoul Gueye ('95), difensore senegalese. Il Forlì prende dal Novara il difensore Christian Jidayi ('85). Colpo della Spal: prelevato dall'Avellino (in prestito) il centrocampista Eugenio Romulo Togni, brasiliano, classe '82, avversario del Gubbio con il Pescara (in B) e il Sorrento.

27 agosto 2014
Vispi: "Vedo disamore, ma vedrete questa squadra piacerà". Abbonamenti, quasi quota 600

Intervista con il presidente delle giovanili dell'A.S. Gubbio 1910 e da quest'anno responsabile della sicurezza allo stadio. Roberto Vispi spiega: "Sono ancora responsabile delle giovanili, un settore affascinante ma allo stesso tempo complicato. Le risorse economiche sono al limite per tutti: le aziende in Italia stanno soffrendo come non mai dal dopoguerra ad oggi. Per cui il calcio deve saper creare delle risorse interne o trovare situazioni alternative: si punta alle valorizzazioni e quindi al settore giovanile. Quest'anno ricopro anche il ruolo della sicurezza, veste già rivestita nell'anno della promozione in B. Ringrazio Luca Tasso che è stato un professionista esemplare". Nelle giovanili è arrivato un nuovo responsabile che si chiama Stefano Cortesi: "Sì, Cortesi proviene da ambienti più importanti di Gubbio, è stato osservatore dell'Inter e della Juventus, e sarà sicuramente un valore aggiunto. Ovviamente abbiamo delle risorse molto limitate e con quello che abbiamo dobbiamo fare il massimo". Intanto nell'organico della prima squadra sono stati integrati Badiali, Bortolussi, Bellucci e Migliori: che ne pensa? "Questi ragazzi l'ho visti crescere e quindi per me è come se giocasse mio figlio: sono ragazzi che hanno fatto tanti sacrifici e hanno fatto il percorso delle giovanili. Il primo artefice di queste scelte è stato Alessio Casagrande, con Bortolussi e Badiali c'è la dimostrazione. Poi sono arrivate persone molto competenti come Riccardo Tumiatti e Lucio Bove. C'è il materiale con ragazzi che possono emergere. Ma mi auguro che non siano giocatori alla Balotelli con cuffie, oppure con orecchini o tatuaggi, che vogliono una Ferrari il prima possibile: voglio solo ragazzi che lottano, che fanno sacrifici, perchè solo così si può emergere. Gubbio non può prendere sulla piazza il meglio, perciò serve gente che ha fame per diventare veri calciatori". Con Benedetti e Tomarelli invece cosa è successo? "Chiaramente è stata una scelta condivisa dallo staff tecnico e il direttore sportivo. Per me è un dispiacere: due ragazzi delle giovanili non sono stati contrattualizzati, ma questo non significa una bocciatura perchè fino all'ultimo sono stati in ritiro. Auguro a loro di fare un campionato importante in serie D perchè sono di qualità e chissà un giorno possono tornare all'ovile. Ci sono stati casi di calciatori che poi hanno fatto bene nel professionismo, su tutti Magnanelli ora in A, oppure Marchi, Zebi, Casoli o Bonura". Che giudizio invece si è fatto della prima squadra? "Sarà il campo che definirà i contorni di un buon operato. Però credo che il nostro direttore sportivo Giuseppe Pannacci, che ormai è nel calcio da diversi anni, è partito in pompa magna in questo nuovo ruolo. É entrato subito in sintonia con Marco Fioriti e con Sauro Notari. E Sauro (Notari ndr) è un valore aggiunto per passione, disponibilità ed eugubinità. Senza trascurare una persona come Rodolfo Mencarelli che da molti anni è nel Gubbio: è stato co-presidente con mio padre (Giuseppe Vispi ndr) nel 1987. Pannacci ha usato il metodo del silenzio: ha scelto l'allenatore con la società e poi con l'allenatore ha scelto i calciatori in una scelta condivisa. Acori d'altronde è competente, è un motivatore e trasmette positività. Ma sono dispiaciuto di un fatto...". Ovvero? "Ho notato un disamore verso il Gubbio. Ma non conta chi guida il Gubbio, che ci sia Fioriti, Notari, Barbetti o Colacem: per me rimane il Gubbio. E poi i tifosi devono rendere onore a chi ci mette impegno e sacrifici. Il Gubbio è della città e dei tifosi: parlare male del Gubbio e non andare allo stadio, è solo farsi del male. Ma sono convinto che questa squadra piacerà al tifoso eugubino e il tifoso ritornerà". Intanto per ora sono stati sottoscritti quasi 600 abbonamenti.

26 agosto 2014
Arriva pure Galuppo, oltre a D'Anna. Ma per il ripescaggio è caos: e quella graduatoria...

Serie B e Lega Pro nel caos! Proprio così! Perchè la Figc prende tempo e la prima giornata dei tornei potrebbe slittare. Il motivo? É molto semplice. Le valutazioni che porteranno alla scelta della squadra da ripescare in serie B si protrarranno fino al 28 agosto (giovedì), data in cui il Collegio di Garanzia dello Sport, in funzione di Alta Corte di Giustizia Sportiva, ha fissato l'udienza relativa al ricorso che è stato presentato dal Novara Calcio, contro la delibera di adozione dei criteri di ripescaggio ai fini dell'integrazione dell'organico nel campionato di serie B. Scrive così Calcioweb.eu, che prosegue scrivendo: il Tar potrebbe dunque emettere un'ordinanza sospensiva che porterebbe ad uno slittamento dell'inizio dei campionati di Lega Pro e di serie B. Insomma, al momento, la situazione è molto incerta. Tuttavia sono dodici le domande di ripescaggio pervenute alla Figc entro lunedì (ore 12:30): oltre al Gubbio, sono state accolte le domande di Novara, Reggina, Juve Stabia, Lecce, Pisa, Benevento, Matera, Catanzaro, Vicenza, Salernitana e Como. Secondo i criteri della Figc, il Gubbio non avrebbe proprio speranze di ripescaggio, e in pole ci sarebbe il Pisa in leggero vantaggio sulla Juve Stabia. In pratica il Pisa è primo con 16,75 di punteggio davanti alla Juve Stabia (16,50). Seguono Benevento (14,5), Salernitana (13), Como (9) e Gubbio (6,5). Secondo i criteri della Figc sarebbero escluse tutte le altre: Novara, Lecce, Reggina, Vicenza, Catanzaro e Matera. Se il Coni adotterà quanto indicato dal Figc, sarà il Pisa la società designata per essere ripescata in serie B. Si attende come si svilupperà la vicenda. Intanto è arrivato a Gubbio il difensore centrale Alberto Galuppo, classe '85, di Reggio Emilia, proveniente dal Parma (la scorsa stagione al Savona): se tutta l'operazione andrà in porto arriverà in prestito dalla società ducale. Mentre si attende ancora la firma del jolly Emanuele D'Anna ('82), ex Sorrento. E si attende pure l'ufficialità del prestito al Gubbio da parte della Juventus del portiere Leonardo Citti ('95) e il centrocampista Eros Castelletto ('95). Altre di mercato. Il Grosseto ha scelto l'allenatore: si tratta di Massimo Silva, ex Ascoli. Arrivano in terra toscana pure il portiere Mangiapelo ('86) dal Frosinone e il difensore Boron ('93) dal Carpi. La Carrarese ingaggia il centrocampista Niccolò Galli ('88) dal Cesena. L'Ancona prende l'attaccante Cognigni ('91) dal Carpi. La Pistoiese pesca dalla serie B un calciatore croato: si tratta di Saric ('90), centrocampista e si trovava a Crotone. Prato, colpo in attacco: dall'Inter arriva in prestito il bomber Bocalon ('89), e la scorsa stagione giocava nell'Unione Venezia.

25 agosto 2014
É finito il calcio di "agosto" ed ora si fa sul serio: c'è una certa curiosità per la partenza...

Finisce il calcio di agosto. Si chiude in pratica la stagione estiva e da domenica (pardon sabato, alle ore 14:30) per il Gubbio si fa sul serio perchè comincia il campionato. Come spesso si dice, i risultati che vengono conseguiti in estate non contano: conta amalgare la squadra, oliare i sincronismi, provare tattiche e moduli, testare tutti i calciatori a disposizione considerando pure che il mercato estivo non si è ancora concluso. A dir la verità il tecnico Acori ha dimostrato di avere già le idee ben chiare: infatti in tutti i test estivi, comprese le due partite in Coppa Italia (con Ascoli e Ancona) e per ultimo nel test di di Cantiano di sabato, il neo allenatore rossoblù ha adottato sempre lo stesso schieramento tattico: per la precisione il modulo 4-3-3. Su questo punto di vista, quindi, c'è già un punto fermo: il modulo che verrà utilizzato in campionato è già ben delineato, ovvero il 4-3-3, a meno che il tecnico strada facendo decida di cambiare l'atteggiamento tattico. Per il resto si sta definendo il mercato. In rosa ci sono infatti 23 calciatori, e se firmeranno D'Anna e Galuppo si salirà a 25 elementi. Nell'ordine i portieri Iannarilli, Citti (appena arrivato dalla Juventus) e il baby Bellucci. In difesa Rosato, Caldore, Manganelli, Lasicki e Luciani. A centrocampo Castelletto (arrivato anch'egli dalla Juventus), poi il baby Badiali, Casiraghi, Bentoglio, Domini, Esposito, Loviso e Marchionni. Infine in attacco Regolanti, Luparini, il giovane Bortolussi (che ha ben figurato a Cantiano, ma probabilmente sarà ceduto), Mancosu, il baby Migliori, Cais e Vettraino. Se poi ci sarà qualche altra sorpresa di mercato, si potrà notare entro lunedì prossimo quando alle ore 23 (del 1 settembre) si chiude in maniera ufficiale la sessione di mercato estivo. Parte un campionato tutto nuovo (una Lega Pro Unica da tre gironi con 20 squadre ciascuno), con un Gubbio tutto nuovo (rispetto alla passata stagione sono restati solo due elementi, cioè Domini e Luparini), con un allenatore nuovo (Acori, ma con grande esperienza alle spalle) e uno staff tecnico totalmente rinnovato (Bonura è il vice, Vecchini il preparatore dei portieri e Scaia preparatore atletico). Sarà curioso vedere come si adatterà questo Gubbio completamente "rivoluzionato" in questo torneo che è sempre pieno di insidie. C'è curiosità, c'è attesa, c'è pure un mix tra un velato ottimismo e un certo pessimismo tra la gente di Gubbio. Ma adesso è arrivata la prova del nove. Il campionato è alle porte e solo il campo saprà dare la giusta risposta, come sempre avviene nel calcio. Ora ci siamo, non ci saranno nè se e nè ma. Da questo momento (in poi) si fa sul serio. Intanto si è concluso il turno preliminare di Coppa Italia. Al "Del Duca" di Ascoli Piceno, i padroni di casa di Petrone hanno vinto per 5 a 3 il derby contro l'Ancona guidato da Cornacchini. A segno per la formazione picena Mustacchio, Mengoni, l'ex rossoblù Perez, Berrettoni e Chiricò; per i dorici in rete Tulli, Gelonese e Pizzi. L'Ascoli ha passato il turno davanti ad ottomila spettatori chiudendo la classifica del girone così: Ascoli primo con 6 punti, secondo l'Ancona a 3 punti e fanalino di coda il Gubbio con zero punti. Nella Tim Cup, L'Aquila (prossimo avversario del Gubbio in campionato) è stata sconfitta dall'Empoli per 3-0 con le reti di Verdi (11') e doppietta di Tavano (19' e 80'). La formazione di Giovanni Pagliari aveva superato in precedenza il Bologna, ma in questo caso la formazione toscana si è dimostrata superiore: l'Empoli si appresta a giocare il campionato di serie A da neopromossa e in rosa c'è l'ex rossoblù Mario Rui.

23 agosto 2014
Test a Cantiano: il Gubbio vince il Memorial Ceccarelli (4-0), ma deve soffrire per un'ora

Il Gubbio partecipa al "Memorial Ceccarelli" (dedicato a Mario Ceccarelli) e vince per 4-0 contro la formazione locale del Cantiano, che milita in Prima categoria. Ma per sbloccare il risultato ci è voluto più di un'ora. Ci ha dovuto pensare il giovane Bortolussi (entrato nella ripresa al posto di Regolanti) a sbloccare il risultato al 61'. Le altre reti portano la firma di Luparini (autore di una doppietta al 70' e al 77') e di Cais (76'): entrambi sono entrati nella ripresa. Si è visto subito in campo Loviso in cabina di regia in un centrocampo a tre. Sono stati impiegati poi nella ripresa anche gli ultimi arrivati, due giovani della Juventus, ovvero il portiere Citti e il centrocampista Castelletto: entrambi verrano in prestito a Gubbio dalla società bianconera. Mentre si attendono gli sviluppi di altre due vicende: se firmeranno il difensore Galuppo proveniente dal Parma (dovrebbe arrivare in prestito) e il jolly D'anna che si sta allenando a Gubbio, in attesa di un accordo definitivo con la società eugubina. Così a Cantiano:
Cantiano (4-2-3-1): Gentilotti (46' Ricci); Luchetti, Padovani (46' Panico), Rosetti, Angradi (46' Aloisi); Baldeschi Ale. (46' Baldeschi Alb.), Bicefalo; Pellegrini, Luchetti (46' Bazzucchi), Ramaioli (46' Mazzoni); Calzuola. All. Giacomini.
Gubbio primo tempo (4-3-3): Iannarilli; Luciani, Manganelli, Lasicki, Caldore; Esposito, Loviso, Casiraghi; Mancosu, Regolanti, Vettraino. Secondo tempo (4-3-3) Citti; Luciani, Rosato, Lasicki, D’Anna; Castelletto, Loviso, Badiali; Luparini (82' Bentoglio), Bortolussi (75' Cais), Marchionni. All. Acori.
Reti: 61' Bortolussi (G), 70' Luparini (G), 76' Cais (G), 77' Luparini (G).

22 agosto 2014
Focus: mercato, è quasi chiuso il cerchio. E intanto la società fa la domanda di ripescaggio

Mercato: si è quasi chiuso il cerchio. Lo ha confermato il co-presidente dell'A.S. Gubbio 1910, Sauro Notari, nell'intervista del 21 agosto al nostro sito. Dopo diversi giovani, sono arrivati (e sono in arrivo alcuni calciatori di esperienza). In maniera ufficiale è arrivato in prestito dal Parma il centrocampista Massimo Loviso (la scorsa stagione alla Cremonese), ma con trascorsi in A e B con Livorno, Torino, Lecce, Crotone e Ascoli. É pronto a firmare il jolly Emanuele D'Anna (la scorsa stagione al Sorrento), con trascorsi in A e B con Chievo Verona, Pisa, Arezzo e Piacenza. E si parla di un possibile arrivo in rossoblù del difensore centrale Alberto Galuppo dal Parma (la scorsa stagione al Savona), ex Siena, Cesena e Treviso in B: il calciatore di Reggio Emilia è conosciuto dal tecnico Acori perchè lo ha avuto a San Marino, due stagioni fa. In attacco è arrivato negli ultimi giorni l'attaccante Giuliano Regolanti, un mastino da centravanti di vecchio stampo: seppur giovane (classe '94), garantisce il Frosinone che lo ha prelevato dai dilettanti per girarlo in prestito in Lega Pro (in serie B infatti non avrebbe avuto il giusto spazio). E pure l'allenatore Acori è soddisfatto così in attacco dove ci sono calciatori in abbondanza, ben sette: oltre a Regolanti, Luparini, Bortolussi, Mancosu, Migliori, Cais e Vettraino. Ma non arriverà un centravanti di esperienza? Boh, forse, chissà, ma non è detto. A centrocampo, con l'arrivo di Loviso e il possibile ingaggio di D'Anna, si sale a otto elementi: ci sono anche Domini, Badiali, Casiraghi, Bentoglio, Esposito e Marchionni. Non dovrebbe invece arrivare il centrocampista Manuel Lettieri (ex Sorrento), anche se un approccio c'è stato da parte della società eugubina. In difesa, se si concretizza la pista Galuppo, si sale a sei elementi: nella lista ci sono pure Rosato, Caldore, Manganelli, Lasicki e Luciani. In porta Iannarilli e Bellucci, ma non è escluso che potrebbe arrivare anche un nuovo estremo difensore (forse in prestito da una società di serie A). In totale attualmente sono tesserati 21 calciatori ma possono salire a 23 (se firmano D'Anna e pure Galuppo). Intanto la società del Gubbio ci prova: presenterà la richiesta per essere ripescata in serie B. Lo riporta un comunicato dell'A.S. Gubbio 1910 che spiega: «L’A.S. Gubbio 1910, entro lunedì 25, sarà presentata la richiesta di ammissione al campionato di serie B. La decisione è stata maturata dopo che è stata attentamente analizzata la normativa e sono stati ponderati e valutati i requisiti richiesti. La società precisa che le credenziali in possesso sono sufficienti per legittimare l’inoltro della pratica e ha ritenuto doveroso intraprendere l’iter proprio per salvaguardare i propri diritti e non lasciare nulla di intentato, anche nel rispetto dei propri tifosi». La società spiega inoltre: «di non aver mai avuto penalizzazioni, eccezion fatta per un cavillo tecnico riconducibile esclusivamente a problematiche di ordine burocratico; di aver sempre adempiuto nei termini e nei modi stabiliti dai regolamenti a tutti gli obblighi fiscali; di aver superato sempre tutti i controlli della Covisoc; di non aver subito fallimenti. E in ordine alla domanda di ripescaggio, la presentazione di una integrazione fideiussoria bancaria di duecentomilaeuro (200mila) richiesta oltre alle fideiussione già in precedenza fatta di 600mila euro per l’iscrizione al campionato di Lega Pro. Un altro elemento concreto, tangibile, che la serietà e l'impegno dei presidenti Marco Fioriti e Sauro Notari e del vice presidente Rodolfo Mencarelli, sono stati, sono e saranno massimali e sempre e comunque protesi per un solo fine: fare il meglio possibile per il Gubbio».

21 agosto 2014
Notari: "Squadra costruita insieme ad Acori: fiducia al 100%". Ecco Regolanti; idea Galuppo

Intervista con il co-presidente dell'A.S. Gubbio 1910, Sauro Notari. Prima domanda. In questo mercato estivo è in via di definizione il nuovo organico per la stagione 2014-2015. É soddisfatto per le operazioni di mercato fatte finora? "Sì, sono molto soddisfatto. Da martedì (con l'arrivo di Loviso ndr) si è quasi chiuso il cerchio di quello che avevamo in programma. Ma la cosa più importante, che va rilevata, è che qualsiasi operazione è stata fatta e la squadra è stata costruita insieme al nostro allenatore (con Acori ndr). Gli altri anni non succedeva ciò: prima si faceva la squadra e poi l'allenatore. Invece da quest'anno prima è arrivato l'allenatore e poi abbiamo costruito la squadra". Con Loviso, è arrivato un importante perno di centrocampo di esperienza (dal Parma). Arriverà qualche altro calciatore di una certa esperienza? "Si sta allenando da qualche giorno D'anna (ex Sorrento ndr): credo che andremo a concludere l'accordo nel giro di pochi giorni e quindi chiudere il discorso, salvo imprevisti". Oltre a D'Anna, arriva in attacco anche Regolanti (classe '94) dal Frosinone? "Ma sì. Regolanti è già dei nostri già oggi". Ma potrebbe arrivare anche un altro calciatore di esperienza in attacco? "Credo che per il momento va bene così. Regolanti è stato voluto fortemente dal mister (Acori ndr). Di conseguenza sta a significare che il tecnico ci crede in questo ragazzo che mi risulta che è in gamba e sa fare pure gol. Se il mister ci crede fortemente, non posso che esserne contento. Alla fine chi è che guida la squadra è l'allenatore e quindi è lui che si prende le responsabilità in questo senso. Da parte nostra c'è la massima fiducia. É stato preso Acori, perciò c'è fiducia al 100% verso il nostro allenatore". Che obiettivo vi siete prefissati per questa stagione? "Prima di tutto viene la salvezza. La salvezza è e resta il primo obiettivo. Poi se ci sarà spazio per qualcos'altro, ben venga. D'altronde sapete che il sottoscritto non ci sta mai a perdere: il presupposto resta la salvezza, poi se ci fosse la possibilità ci piacerebbe toglierci anche qualche soddisfazione". Ultima domanda. Come considera in questo campionato il calendario spezzatino con orari strani? "Questa cosa sinceramente non l'ho proprio digerita. Speriamo che la squadra si inserisca bene in queste situazioni: ci sarà subito un anticipo al sabato, poi giocheremo la domenica alle ore 18. Dovremo essere bravi ad affrontare bene questo calendario che può creare solo problemi. Sinceramente non condivido certe scelte, ma ci sono degli interessi dietro e purtroppo a riguardo non possiamo fare nulla". Tutto ciò, di sicuro, non agevola i tifosi ad andare allo stadio: lei che ne pensa? "Certamente. Poi lo sapete: per me la tifoseria è la nostra arma in più: mi auguro che ci staranno veramente vicino. Si accettano le critiche costruttive e quelle penalizzanti, perchè alla fine le critiche vanno accettate tutte. Ma l'importante è che i tifosi ci stiano vicino: la gente è importante, deve venire allo stadio perchè a mio avviso il pubblico eugubino è il nostro dodicesimo uomo in campo e ci può permettere di fare la differenza. La squadra è importante, è basilare, ma la tifoseria è fondamentale per avere una spinta positiva nel nostro cammino". E nelle ultimissime ore si parla di un possibile arrivo dal Parma del difensore Alberto Galuppo (ex Savona). Intanto salta il triangolare a Gualdo Tadino dove è previsto il "Memorial Minelli" domenica prossima: la sfida si giocherà tra Gualdo Casacastalda e Foligno, ma non ci sarà il Gubbio (come sembrava in un primo momento). La squadra di Acori parteciperà sabato prossimo (23 agosto) alle ore 16:30 al "Memorial Ceccarelli" (in ricordo di Mario Ceccarelli) a Cantiano e affronterà la squadra locale.

20 agosto 2014
Ecco Loviso: arriva in prestito dal Parma. L'esordio in campionato a L'Aquila, ma di sabato

Inizia così il campionato spezzatino che non ha precedenti in Lega Pro, che ora si chiama Lega Pro Unica. Partite spalmate in quattro giorni, dal venerdì al lunedì, in orari diversi (si va dalle ore 11 alle ore 20:45). Certi orari e un calendario di partite così frammentario ha già creato non poche polemiche tra le tifoserie (basta scrutare anche il parere dei tifosi nel nostro guestbook: "La voce dei tifosi"). Per quanto riguarda al girone B, tuttavia, nelle prime due giornate, non ci sarà un anticipo di venerdì. Si inizia di sabato e il Gubbio è il primo della lista: infatti la squadra di Acori sarà ospite de L'Aquila sabato 30 agosto alle ore 14:30. Alle ore 15 (di sabato) invece toccherà a Lucchese-Santarcangelo, Pisa-Teramo (ore 16), Tuttocuoio-Carrarese (ore 17) e chiuderà San Marino-Prato (ore 19:30). Di domenica invece si affrontano Grosseto-Pro Piacenza all'ora di pranzo (ore 12:30), Ancona-Savona (ore 14:30), e poi altre due gare (Pistoiese-Ascoli alle ore 16 e Spal-Pontedera alle ore 18). Chiude Forlì-Reggiana lunedì alle ore 20:45. Come si può notare tutte le dieci partite in calendario del girone inizieranno in orari diversi e mai in simultanea. Nella seconda giornata il Gubbio invece gioca di domenica (7 settembre) e sarà ospite al "Barbetti" la Lucchese (fischio d'inizio alle ore 18). Quattro gare si giocheranno il sabato: cioè Teramo-Grosseto (aprirà il secondo turno alle ore 14:30), Savona-Spal (alle 15), Ascoli-L'Aquila (16) e Carrarese-Pistoiese (17). La domenica cinque gare: Santarcangelo-Pisa di mattina (ore 11), poi alle alle 14:30 Reggiana-Ancona e Pro Piacenza-Forlì, Prato-Tuttocuoio (ore 16) ed infine per l'appunto il Gubbio alle ore 18 (contro la Lucchese). Pontedera e San Marino invece si affronteranno lunedì 8 settembre alle ore 20:45. Parliamo ora di mercato. Il Gubbio ingaggia in maniera ufficiale (in prestito) dal Parma il centrocampista Massimo Loviso, classe 1984, la scorsa stagione alla Cremonese in Prima Divisione: l'esperto calciatore bolognese è cresciuto proprio nel Bologna, ha giocato in serie A con il Livorno e poi ha vestito le casacche di Torino, Lecce, Crotone e Ascoli in serie B. Adesso ci sarà da capire se sarà tesserato pure Emanuele D'Anna ('82) che da diversi giorni si allena a Gubbio: il jolly avellinese potrebbe essere una valore aggiunto perchè sa ricoprire diversi ruoli, sia a centrocampo che in difesa (pure come terzino sinistro in alternativa a Caldore). E a ore si aspetta l'arrivo di Giuliano Regolanti, attaccante, del '94, di proprietà del Frosinone (l'anno scorso era a Fondi in serie D). Per l'attacco tuttavia si attende il nome a sorpresa. Il mercato estivo si chiude il 1 settembre alle ore 23. Per adesso il Gubbio sta alla finestra e potrebbe attendere gli ultimi giorni per cercare di centrare un colpo da novanta. Altre di mercato. L'Ascoli ottiene dall'Udinese il difensore Daniele Mori ('90), l'anno scorso a Brescia. Il Savona preleva dall'Avellino il centrocampista Duilio Evangelista ('95).

19 agosto 2014
E L'Aquila fa sul serio: sconfitto il Bologna in Coppa Tim. Il Gubbio (così) è già avvertito

Nella prima giornata di campionato il Gubbio affronterà L'Aquila di Pagliari e la squadra abruzzese si è presa già una bella soddisfazione. Nel secondo turno di Coppa Tim infatti, L'Aquila ha sconfitto per 2-1 il Bologna dopo i tempi supplementari con la rete decisiva di De Sousa. In campo c'erano pure gli ex rossoblù Sandomenico e Maccarrone (quest'ultimo migliore in campo, sulla Gazzetta dello Sport il voto è stato 7,5). Adesso affronterà l'Empoli di Maurizio Sarri. L'Aquila d'altronde punta ai playoff, come ha dichiarato in maniera eloquente il tecnico Pagliari in una recente intervista al nostro portale, e ora punta anche ad un bel colpo di mercato. In base a quanto scrive Tuttomercatoweb.com, L'Aquila è sulle tracce dell'attaccante Sebastian Andres Balsas del Racing Club di Montevideo (Uruguay), classe 1986, denominato Torero: il calciatore uruguaiano è alto un metro e 97 centimetri, e in passato ha vestito le casacche di Argentinos Juniors (Argentina), Cordoba (Spagna) e San Lorenzo (Argentina). E proprio a L'Aquila si sta delineando la progettazione del nuovo stadio di "Acquasanta", una struttura simile ad uno stadio inglese, che dovrebbe sostituire l'attuale "Tommaso Fattori". In casa Gubbio, nel frattempo, si attendono gli ultimi rinforzi di questo mercato estivo prima dell'inizio del campionato. E i papabili nomi sono sempre quelli: a centrocampo Loviso (del Parma) e Lettieri (ex Sorrento), mentre in attacco Regolanti (del Frosinone, che sembra pronto a firmare) e il sogno rimane Ginestra (o un altro nome a sorpresa che potrebbe uscire fuori in questa delicata fase di mercato). In attesa anche della firma di D'Anna (ex Sorrento e Benevento) che attualmente è in prova a Gubbio. Mentre domenica, con ogni probabilità, il Gubbio potrebbe trasferirsi a Gualdo Tadino per partecipare ad un triangolare dove si potrebbero affrontare il Gualdocasacastalda, il Foligno e per appunto il Gubbio di mister Acori.

16 agosto 2014
Mercato nel clou: Acori aspetta rinforzi e spunta Lettieri. Per adesso 19 calciatori tesserati

Mercato che entra nella fase clou dopo ferragosto. Ci sarà tempo fino a fine agosto, ma è già tempo di riflessioni. Dopo le due partite preliminari di Coppa Italia (con le marchigiane Ascoli e Ancona) sono uscite due sconfitte. Il risultato di questi periodi, a detta di molti addetti ai lavori, non conta. Tuttavia c'è da ribadire che il Gubbio ha mostrato che c'è una fisionomia di gioco (per dirla tutta, non gioca male), però manca di una certa sostanza perchè è piena zeppa di giovani che vivono sull'entusiamo: ma in questa categoria, quando le cose si fanno sul serio, non basta. É questo il pensiero degli addetti ai lavori (e pure di giornalisti della carta stampata anche di fuori Gubbio), che hanno visionato bene il Gubbio in queste prime uscite estive. Insomma, come si dice a Gubbio: "La squadra ha un verso". Ma mancano alcuni calciatori di esperienza che in questa categoria servono come il pane. Per ora con il Gubbio sono effettivamente tesserati 19 calciatori. Due portieri: Innarilli e Bellucci. Cinque difensori: Rosato, Caldore, Manganelli, Lasicki e Luciani. Cinque centrocampisti: Domini, Casiraghi, Bentoglio, Esposito e Marchionni. Infine sette attaccanti: Luparini, Bortolussi, Badiali, Mancosu, Migliori, Cais e Vettraino. Adesso potrebbero arrivare altri tre calciatori e due giovani di prospettiva. Su quest'ultimi c'è stato un sondaggio della società rossoblù su Manuel Lettieri, centrocampista, classe '93, la scorsa stagione al Sorrento (in passato ha vestito le casacche di Nocerina e Casertana). Già a Gubbio sono arrivati due ex Sorrento, ovvero Esposito e Caldore, che si sono svincolati in questa estate dalla società rossonera. Per quanto riguarda l'attacco potrebbe arrivare Giuliano Regolanti, attaccante, è classe '94, del Frosinone: il calciatore di Anzio l'anno scorso si trovava al Fondi (in D), ha ben figurato nelle amichevoli quest'anno con il Frosinone e così è stato tesserato. La società frusinate vorrebbe girarlo in Lega Pro e il Gubbio è in pole. Sul fronte di calciatori di esperienza i nomi (per ora) sono sempre gli stessi. Il centrocampista Massimo Loviso ('84) del Parma, la scorsa stagione tra le fila della Cremonese (in passato a Torino, Livorno in A e Bologna). Il jolly di centrocampo che può fare anche il terzino sinistro Emanuele D'Anna ('82), la scorsa stagione al Sorrento, che è in prova a Gubbio. In attacco è venuto fuori il nome di Ciro Ginestra ('79) attaccante della Salernitana (ex Perugia). E il sogno sarebbe Neto Pereira ('79), attaccante, attualmente a Varese. É stato un vecchio pallino del Gubbio ai tempi della C2 quando il brasiliano giocava con l'Itala San Marco e poi quando fu avversario pure in serie B con la maglia del Varese. Ma il calciatore, al momento, appare un sogno irrealizzabile. Ex rossoblù: il centrocampista Alberto Gerbo si è accasato al Foggia. Mentre in maniera ufficiale il centrocampista Pietro Baccolo (di proprietà del Parma) si trasferisce alla Paganese dove ritrova sia il difensore Tartaglia, sia l'attaccante Caccavallo che d'altronde è partito con il piede giusto andando subito a segno in Coppa Italia con la formazione azzurrostellata di Stefano Cuoghi contro il Savoia.

14 agosto 2014
Gubbio, ko ad Ancona (1-0) in Coppa: decide Paponi. Per il mercato idea Ginestra e Loviso

Partiamo dal mercato. É ormai noto che il Gubbio vuole pescare almeno tre calciatori di esperienza per forgiare una rosa piena zeppa di giovani. Il nome nuovo è quello di Ciro Ginestra ('79), attaccante della Salernitana, in passato con esperienze in B con Crotone, Gallipoli, Venezia, Pistoiese, Siena e Ternana. Con il Venezia ha giocato pure in serie A. Due indizi potrebbero portare al centravanti di Pozzuoli. In primo luogo il valore economico del calciatore è sceso notevolmente rispetto ad alcuni anni fa, secondo il portale Transfermarkt.it, quindi potrebbe rientrare in una cifra abbordabile per il Gubbio che è deciso nella politica di non spendere molto orientandosi in un budget ben delineato. In secondo luogo la Salernitana sta cercando due attaccanti e quindi potrebbe non esserci più posto per Ginestra. Infatti la società campana ha sondato il terreno per avere Cani (dal Catania), Coda (dal Parma) e Sforzini (dal Pescara). Due di questi tre potrebbero approdare alla Salernitana che nei giorni scorsi aveva sondato il terreno per prendere Mazzeo dal Perugia, ma resterà nel capoluogo umbro per giocarsi la sua chance nella cadetteria: così scrive Salernonotizie.it. Altri due nomi sono usciti fuori per l'attacco: Daniele Abbracciante ('94) del Parma (si trovava a L'Aquila) e Giuliano Regolanti del Frosinone (l'anno scorso al Fondi in serie D). A centrocampo si prova la pista che porta all'esperto Massimo Loviso ('84) del Parma, la scorsa stagione alla Cremonese, in passato a Crotone, Lecce e Torino in B, e in A con il Bologna. Si cercherà di chiudere questa operazione per i buoni rapporti che esistono con la società ducale. Mentre si attendono notizie se il Gubbio vorrà tesserare o meno il jolly di centrocampo Emanuele D'Anna ('82; ex Chievo Verona, la scorsa stagione a Sorrento), da alcuni giorni in prova proprio con la truppa di Acori. Intanto in Coppa Italia il Gubbio parde ad Ancona per 1-0. La cronaca. Gubbio con il solito 4-3-3 disegnato da Acori. Al 25' Mancosu cerca la porta, Lori para. Al 34' ci prova Paponi, ma il suo tiro viene respinto (da Rosato). Ma il gol è solo rimandato, al 44', quando Paponi (ex Bologna) segna il vantaggio anconetano spiazzando Rosato e Lasicki in velocità, e poi calcia a rete piegando le mani di Iannarilli. Ripresa. Al 61' Vettraino calcia a lato. Al 65' botta di Bondi ma la palla non centra la porta per poco. Al 67' Esposito reclama un rigore. All' 84 ci prova Vettraino, ma Lori non si fa sorprendere e con un provvidenziale intervento para. Finisce 1-0 per l'Ancona.
Tabellino: Ancona - Gubbio (1-0):
Ancona (4-2-3-1): Lori; Barilaro, Paoli, Mallus, Di Dio; Camillucci, Di Ceglie; Bondi (76' Cangi), Paponi, Tulli (93' Bambozzi); Tavares (55' Moretti). (A disp.: Renzi, Maini, Pizzi, Genolese). All. Cornacchini.
Gubbio (4-3-3): Iannarilli; Luciani, Rosato, Lasicki, Caldore (46' Manganelli); Esposito, Domini, Casiraghi; Mancosu, Cais (60' Luparini), Vettraino. (A disp.: Bellucci, Marchionni, Badiali, Bentoglio, Migliori). All. Acori.
Rete: 44' Paponi (A).
Arbitro: Di Martino di Teramo (D'Alberto e Giuliani). Ammoniti: Paoli, Di Ceglie e Bondi (A); Rosato (G). Spettatori: 1000 circa.

14 agosto 2014
Pagliari: "Calcio spezzatino? Solo al pensiero mi fa male la testa. Il Gubbio? Sui giovani..."

Parliamo con Giovanni Pagliari, allenatore de L'Aquila, squadra che sarà la prima avversaria del Gubbio il prossimo 31 agosto quando prenderà il via il campionato. Allora mister Pagliari, c'è subito alla prima giornata L'Aquila contro Gubbio, che ne pensa? "Da parte nostra siamo cambiati molto: sono rimasti in squadra rispetto alla passata stagione solo quattro elementi. All'inizio non sarà un calcio veritiero perchè c'è chi entra in condizione prima e chi dopo. Inoltre alcuni calciatori arrivano gli ultimi giorni di mercato. Per questo motivo sarà difficile dire adesso che partita potrebbe venire fuori. Al di là di ciò i punti valgono da subito tanto". Beh, c'è l'occasione per voi per vendicare quel 2-1 inflitto dal Gubbio a L'Aquila l'anno scorso: è così? "Diciamo che quella partita l'abbiamo già vendicata al ritorno con quel 4-0 abbondante a Gubbio. Sicuramente dovremo cominciare bene. Non esistono vendette nel calcio e ogni partita ha una storia a sè. Vogliamo cominciare bene davanti al pubblico amico". Questo calcio spezzatino, con tanti orari assurdi, in giorni vari. Ma che ne pensa Pagliari? "Solo al pensiero, mi fa male la testa. Non ci sarà una settimana uguale all'altra. Per chi come noi che programmiamo tutta la settimana lavorativa, ci saranno dei problemi. Bisognerà vedere poi quando saranno comunicati gli anticipi o posticipi: mi auguro che la Lega ce lo comunichi almeno dieci giorni prima perchè altrimenti ci potrebbe creare solo tanta confusione. Nonostante ciò bisogna accettarlo e dobbiamo cercare di organizzarci nel migliore dei modi". L'Aquila a che campionato punta quest'anno? "Punta a fare bene come l'anno scorso, quando arrivammo quinti in classifica e abbiamo raggiunto i playoff con grandi squadre. Insomma, vogliamo ripeterci e pensiamo di avere una buona squadra. Solo che dobbiamo ora lavorare tanto e fare quadrare tutto: il gruppo ha fatto un buon ritiro perciò sono convinto che faremo una buona annata anche quest'anno". Le favorite del campionato? "Su questo girone penso il Pisa e Ascoli. Credo che sia un campionato molto livellato e vedo bene pure il Pontedera di Paolo Indiani". E invece del Gubbio cosa pensa? "Lo abbiamo visto in Coppa Italia: è una squadra molto giovane, ha cambiato non dico tutti ma quasi, compreso l'allenatore Leo (Acori ndr) che io conosco molto bene. Anche a Gubbio si dovrà lavorare tanto per fare quadrare i conti con modulo e calciatori. Quando ci sono tanti giovani c'è sempre da lavorare tanto". Il calcio spezzatino non piace nemmeno ai giornalisti. Intanto oggi (giovedì) il Gubbio in Coppa Italia gioca contro l'Ancona in trasferta e per questa partita sono stati convocati 19 calciatori da mister Acori: Iannarilli, Bellucci, Rosato, Caldore, Manganelli, Lasicki, Luciani, Domini, Casiraghi, Bentoglio, Esposito, Marchionni, Luparini, Bortolussi, Badiali, Mancosu, Migliori, Cais, Vettraino.

12 agosto 2014
É uscito il calendario. L'allenatore Leonardo Acori commenta così: "Un inizio tosto, ma..."

Uscito ufficialmente il calendario e il Gubbio parte subito in salita. Domenica 31 agosto si inizia in trasferta a L'Aquila. Poi in casa, il 7 settembre, è ospite la neopromossa Lucchese. Di seguito alla terza giornata trasferta insidiosa a Pisa. Alla quarta giornata farà visita al "Barbetti" la Spal (turno infrasettimanale il 17 settembre). Alla quinta giornata altra trasferta delicata in terra abbruzzese, contro il Teramo. L'ultima giornata di andata il 6 gennaio 2015, al "Barbetti" contro il Grosseto (previsto in un turno infrasettimanale). Tutte le date del calendario. Si inizia il 31 agosto e si finisce il 10 maggio 2015. Tre soste sono previste: 2 dicembre, 4 gennaio 2015 e 15 aprile 2015). Previsti anche quattro turni infrasettimanali: le date sono il 17 settembre (Gubbio-Spal), il 6 gennaio 2015 (Gubbio-Grosseto), il 18 marzo (Reggiana-Gubbio) e poi il 2 aprile (Gubbio-Ancona). Dal 17 maggio al 14 giugno si giocano i playoff. Playout previsti il 24 e 31 maggio. Sentiamo il parere del tecnico dei rossoblù Leonardo Acori a riguardo: "Ma diciamo che prima o poi dobbiamo affrontarle tutte. Senz'altro è un inizio tosto e difficile, però noi andremo preparati. Qualche volta è meglio affrontare certe corazzate all'inizio del campionato, che magari da subito ancora non sono squadre rodate. Tuttavia, obiettivamente, pure il Gubbio ha cambiato tanto quest'anno e quindi pure per noi ci vorrà tempo prima di trovare l'intesa giusta". Calendario all'inizio che sembra in salita, ma è meglio affrontare certi squadroni nella fase iniziale di campionato: è questo che vuole dire? "Ma non sarà semplice. Sappiamo che non saranno completamente preparate, anche se il Pisa lo troviamo già alla terza giornata. Però, ribadisco, il discorso può valere anche per noi: la squadra è praticamente cambiata completamente". Un suo parere sui tanti turni infrasettimanali previsti? "Mah, credo che tutto ciò sia scaturito da un'esigenza di bilancio per trovare le risorse nuove, di cui le squadre in questi momenti di difficoltà ne hanno bisogno. Però con tutti questi spezzatini non ci guadagna il calcio: obiettivamente la sta facendo da padrona solo la televisione e non le vere esigenze del calcio". Intanto giunge in prova a Gubbio il centrocampista (ma gioca anche terzino sinistro) Emanuele D'Anna, classe '82, la scorsa stagione al Sorrento: il calciatore di Baiano ha giocato con Benevento, Chievo Verona (9 presenze in serie A) e Pisa. Potrebbe essere lui uno dei calciatori esperti che sono in arrivo.

12 agosto 2014
La gara di Coppa con l'Ancona si gioca il 14. E nel Gubbio c'è la sorpresa baby Badiali

Secondo impegno ufficiale per il Gubbio in Coppa giovedì prossimo. Infatti la partita tra Ancona e Gubbio, originariamente in programma domenica, è stata anticipata a giovedì 14 agosto con il fischio d'inizio previsto per le ore 18. Ma intanto la sorpresa è il giovane Marco Badiali, classe 1997, l'anno scorso tra le fila degli Allievi rossoblù. Il tecnico Leonardo Acori non ci ha pensato un attimo: contro l'Ascoli in Coppa Italia è stato schierato dal primo minuto. Dopo la prestazione contro i bianconeri marchigiani, il ragazzo ha convinto lo staff tecnico dei rossoblù e con ogni probabilità sarà integrato in pianta stabile nella rosa della prima squadra. Sul fronte mercato il Gubbio non si ferma. La società infatti sembra orientata a fare tre innesti di esperienza e procurarsi altri due giovani di prospettiva. Sono quei rinforzi che richiede il tecnico Acori per avere una rosa più competitiva in un campionato nuovo e insidioso come quello della Lega Pro Unica. Il mercato delle altre. Colpo della neopromossa Pistoiese: il centrocampista Simone Vergassola, classe 1976 (ex Siena, Torino e Sampdoria), si accorda con un contratto annuale con la formazione guidata dal tecnico Lucarelli. La stessa Pistoiese ottiene dalla Roma l'attaccante Gianmario Piscitella ('93). Quattro nuovi arrivi per il Savona: ecco l'attaccante Andrea Sanna ('83) dal Chievo Verona (era al Selargius in D dove ha segnato 35 reti in due anni), il portiere Mirko Pennesi ('89) dalla Pergolettese (ex Ascoli), il difensore Daniele Gizzi ('93) da L'Aquila e il centrocampista Massimo Bramati ('93) dal Cesena (era a L'Aquila). La Lucchese prende il centrocamspita Leonardi Bianchi ('92) dall'Empoli (era a Gavorrano) e l'attaccante Luca Strizzolo ('92) dal Pisa (era al Real Vicenza). Il Prato punta sull'esperto attaccante Riccardo Bocalon del Venezia.

11 agosto 2014
Rassegna fotografica del primo impegno ufficiale. Tutte le foto del match contro l'Ascoli

Primo impegno ufficiale e il Gubbio viene sconfitto nel finale dall'Ascoli. Ma nel Gubbio si registrano tanti volti nuovi. Squadra rivoluzionata rispetto alla stagione passata. Il racconto fotografico della prima partita ufficiale del Gubbio targato Acori. Si passa dal gol di Mancosu fino al raddoppio di Cais, e poi il pari grazie a Pirrone e Addae per l'Ascoli. La rete di Rosato e l'esordio dal primo minuto di Badiali, classe '97, spedito in campo già dall'inizio dal tecnico Acori in assenza di Casiraghi. Era assente pure il terzino destro Luciani. Tante facce nuove, una squadra praticamente rivoluzionata rispetto al passato con le partenze eccelenti della vecchia guardia come Boisfer e Bartolucci in questa estate (a gennaio era già partito Briganti verso Monza ed ora è con mister Pea).

09 agosto 2014
Gubbio sconfitto in casa in Coppa: esce fuori un risultato pirotecnico, Ascoli vincente per 4-3

Gubbio sconfitto in casa nel primo turno di Coppa Italia contro l'Ascoli. In vantaggio per 2-0, con le reti di Mancosu e Cais, il Gubbio si fa raggiungere sul 2-2 dalle reti di Pirrone Addae (un ex). Rosato firma il 3-2, ma Addae (ancora) e Mengoni nel finale fissano il risultato sul 4-3 per i bianconeri. La cronaca. Al 3' Cais serve al limite Mancosu che fa partire un tiro chirurgico che si insacca in rete (palla che tocca il montante e si insacca). Reagisce l'Ascoli: al 10' Iannarilli compie il miracolo su conclusione a rete dell'ex Addae e l'estremo difensore rossoblù si ripete al 12' su tiro velenoso di Berrettoni. Si arriva al 18' quando arriva il raddoppio dei rossoblù: combinano bene Mancosu e Vettraino con una conclusione che viene respinta da Lanni, ma in agguato c'è Cais che insacca la sfera in rete. Ma l'Ascoli c'è: Pirrone accorcia al 36' con un bolide da fuori area con la palla che si insacca sotto all'incrocio e nella ripresa Addae (al 48') dall'altezza del dischetto, pareggia. Reazione eugubina ed è subito gol: Rosati deposita la palla in rete al 51', di testa, proprio nell'angolino. Ma non è finita. L'ex Addae segna una doppietta al 71' con un tiro da fuori area (anche se Carpani ci mette lo zampino) e proprio al 90' Mengoni, di testa, segna il gol che vale la vittoria: 4-3 per l'Ascoli.
Tabellino: Gubbio - Ascoli (3-4):
Gubbio (4-3-3): Iannarilli; Rosato, Manganelli, Lasicki, Caldore; Esposito, Domini, Badiali (90' Bentoglio); Mancosu (69' Marchionni), Cais (74' Luparini), Vettraino. (A disp.: Bellucci, Bentoglio, Bortolussi, Migliori, Barbacci). All.: Acori.
Ascoli (4-2-3-1): Lanni; Avogradi, Pelagatti, Mengoni, Dell’Orco; Pirrone (68' Carpani), Addae; Ruggiero (63' Giovannini), Berrettoni (81' Iotti), Chiricò; Perez. (A disp.: D’Egidio, Scognamillo, Barison, Minnozzi). All.: Petrone.
Reti: 3' Mancosu (G), 18' Cais (G), 35' Pirrone (A), 48' Addae (A), 51' Rosato (G), 71' Addae (A), 90' Mengoni (A).
Arbitro: Formato di Benevento (Squarcia e Mangino). Ammoniti: Vettraino e Cais (G); Addae, Pelagatti e Mengoni (A). Spettatori: 700 circa (400 dei quali provenienti da Ascoli).

08 agosto 2014
Acori ha il suo assetto collaudato: adottato sempre il 4-3-3. Mentre il portiere Iannarilli firma

Come dicevamo nel precedente articolo, il Gubbio ha effettuato finora quattro test amichevoli. Ma per quanto riguarda il tecnico, una certezza già c'è: Leonardo Acori in tutti questi incontri (con Casertana, Juve Stabia, Samb e Ternana) ha utilizzato sempre lo stesso modulo, ovvero il 4-3-3. D'altronde lo aveva anticipato ad una intervista al nostro sito. Lo stesso Acori aveva rivelato: "Utilizzeremo il 4-3-3, o al massimo un altro schieramento, cioè il 4-2-3-1. Ma non faremo grandi cambiamenti. Useremo un modulo ben definito perchè i calciatori hanno bisogno di certezze". Parole che poi sono diventate fatti nei primi test estivi. Ora in Coppa Italia contro l'Ascoli si vedrà se l'allenatore rossoblù continuerà ad utilizzare lo stesso modulo, nella prima partita ufficiale della stagione. Tuttavia Leonardo Acori sembra che abbia trovato un suo assetto collaudato con dei precisi interpreti. In porta ci sarà Antony Iannarilli, classe '90, ex Salernitana, che proprio nelle ultime ore ha firmato per il Gubbio e quindi sarà lui il prescelto per difendere la porta eugubina. In difesa sembra scontato il quartetto formato da Luciani (sempre ex Salernitana), Rosato (scuola Roma), Lasicki (scuola Napoli) e Caldore (ex Sorrento). A centrocampo il trio Esposito (ex Sorrento), Domini (rientrato dal Parma) e Casiraghi (proveniente dal Parma). In attacco il tridente Mancosu (proveniente dal Trapani), Cais (proveniente dalla Juventus) e Vettraino (sempre del Trapani). Anche se il mercato non è finito e si attendono ulteriori colpi. Intanto vengono comunicati i prezzi dei biglietti della gara di sabato contro l'Ascoli di Coppa (ore 20:30, stadio Barbetti): curve 5 euro, gradinata 10 euro, tribuna laterale 15 euro, tribuna centrale 20 euro, donne 5 euro in tutti i settori mentre i ragazzi under 12 entrano gratis. Biglietti in prevendita presso la Tabaccheria 2000. Il mercato delle altre. L'Aquila prende il mediano Giacomo Zappacosta ('88), ex Barletta. Pochi giorni fa lo stesso L'Aquila aveva ingaggiato gli ex rossoblù Giordano Maccarrone (difensore, '90, dal Savona) e Ivan Cacchioli (portiere, '90, dal Parma), oltre all'attaccante Daniele Bernasconi ('92) dal Renate. L'Ancona ottiene dal Bologna l'attaccante Daniele Paponi ('88). Il Carpi cede il trequartista Giacomo Ridolfi ('94, ex Vis Pesaro) e l'attaccante Federico Palmieri ('95, ex Recanatese) al Santarcangelo. Ex rossoblù: il difensore Simone Benedetti ('92) è andato in serie A con il Cagliari di Zeman; l'attaccante Filippo Maria Scardina va al Pontedera (via Roma). Per martedì 12 agosto è previsto l'ufficializzazione del calendario della Lega Pro Unica.

07 agosto 2014
Tra mercato e campionato: quei punti interrogativi (...). Per ora 14 tesserati e tanti derby!

La formazione del Gubbio ha effettuato quattro test estivi prima della Coppa Italia che inizia sabato sera (ore 20:30, sarà ospite al "Barbetti" l'Ascoli). Sono venute fuori due sconfitte, con Casertana (0-1) e Ternana (0-2), un pareggio con la Sambenedettese (1-1) e una vittoria con la Juve Stabia (1-0). A segno (per ora) il centrocampista Domini (da quest'anno è divenuto capitano) e il giovane attaccante scuola Juventus, Cais. Ovviamente le partite amichevoli lasciano spesso il tempo che trovano a livello di risultati: servono per testare i moduli, la tattica e i calciatori a disposizione. Ma da sabato prossimo si comincia a fare sul serio e si giocherà contro una squadra di pari categoria che d'altronde sarà pure un'avversaria nel prossimo campionato di Lega Pro. Si comincerà a vedere di che pasta può essere fatto questo Gubbio. Ma tanti punti interrogativi restano. In primis il mercato. Per ora sono tesserati 14 calciatori: sono i difensori Manganelli, Caldore, Rosato, Lasicki e Luciani; i centrocampisti Casiraghi, Marchionni, Esposito e Domini; gli attaccanti Bentoglio, Vettraino, Mancosu, Cais e Luparini. Infatti in porta (per ora) è tesserato solo il giovane Bellucci (classe '97). L'ultimo arrivato Iannarilli deve ancora firmare: se troverà un accordo con la società rossoblù, potrà essere schierato sabato in Coppa contro l'Ascoli, altrimenti sarà utilizzato il giovane Bellucci. Zucconi, che era in prova, ha lasciato il ritiro. La stessa sorte toccherà anche all'estremo difensore ungherese Fulop, anch'egli in prova finora con la truppa di Acori. In difesa sembra ormai collaudato il quartetto difensivo formato dai laterali Luciani e Caldore, e i due centrali Rosato e Lasicki. Ma servono alternative soprattutto sulle fasce. Oltretutto a centrocampo gli uomini sono contati: nel trio sulla mediana finora si è dato spazio ad Esposito, Domini e Casiraghi (in alternativa c'è Marchionni). In attacco invece ruotano ben cinque calciatori: ai lati si fa affidamento su Vettraino e Mancosu (in alternativa c'è Bentoglio), mentre nel ruolo di centravanti è staffetta tra Cais e Luparini. Bisognerà vedere ora se si farà affidamento su qualche calciatore che proviene dalla Berretti come i centrocampisti Badiali o Benedetti, oppure gli attaccanti Bortolussi e Migliori. Ma il mercato non è finito. Si attende il colpo dell'ultimo momento, aspettando l'occasione giusta. E chissà che possa uscire un colpo a sorpresa. Si era parlato di un interessamento in attacco verso Coda (di proprietà del Parma), ma su di lui si è fatta sotto pure la Salernitana. Un altro punto interrogativo sarò il campionato. Questo Gubbio dove può arrivare? Nessuno può dirlo. E il motivo è molto semplice. Questo sarà un campionato tutto da scoprire, anche se è un torneo intrigante che racchiude diversi derby. Il più importante è sicuramente quello tra Ancona e Ascoli, una rivalità che dura ormai da anni: due curve divise anche dal colore politico perchè i dorici sono dichiaratamente di sinistra mentre gli ascolani sono simpatizzanti della destra. Un altro derby molto sentito è quello tra Lucchese e Pisa, poi quello tra Prato e Pistoiese, e pure in Emilia spicca quello tra Reggiana e Spal. Insomma, sarà un campionato tutto da gustare e il Gubbio si dovrà trovare preparato (ci pare ovvio).

05 agosto 2014
Memorial Mancini: vince la Ternana (2-0). Esordio di Iannarilli in porta; Zucconi saluta

Al Pietro Barbetti il "Memorial Mario Mancini" se lo aggiudica la Ternana. Il tecnico Leonardo Acori, da parte sua, conferma ancora una volta il modulo 4-3-3 con la novità di Iannarilli (ex Salernitana) che viene schierato tra i pali e giocherà per tutti i novanta minuti. Zucconi non è sceso nemmeno in campo (in panchina Fulop): si va verso l'addio del portiere che era in prova nel ritiro rossoblù (difficile a questo punto un suo tesseramento). Apre le danze del match Antenucci (al 24') quando approfitta di un errore di Esposito che atterra in area eugubina Faletti e dal dischetto realizza il penalty che porta così in vantaggio le fere. Tuttavia il neo arrivato Iannarilli si fa vedere intercettando una punizione insidiosa dello stesso Faletti. Nella ripresa (79') ecco il raddoppio rossoverde con una girata volante in area di Valjent che fissa così il punteggio sul 2-0, che poi risulterà il risultato finale.
Gubbio (4-3-3): Iannarilli; Luciani, Rosato (46' Manganelli), Lasicki, Caldore (87' Gelli); Esposito (87' Migliori), Domini, Casiraghi (68' Badiali); Mancosu (75' Bentoglio), Cais (46' Luparini), Vettraino (46' Marchionni). (A disp.: Fulop, Firriolo, Cristaudo, Bortolussi, Tomarelli, Benedetti). All.: Acori.
Ternana (4-3-1-2): Brignoli (88' Gava); Fazio (88' Albanese), Masi (86' Boninsegni), Meccariello, Bastrini; Valjent (89' Gagliardini), Viola (75' Palumbo), Russo (64' Crecco); Falletti (80' Taurino); Antenucci, Ceravolo (55' Avenatti). All.: Tesser. Arbitro: Volpi di Arezzo (Gentileschi e Angiolillo). Reti: 24' Antenucci (T) rigore, 79' Valjent (T).

05 agosto 2014
Gubbio inserito nel girone B: tutte le avversarie. Coppa Italia: si inizia sabato con l'Ascoli

Sono usciti in maniera ufficiale i gironi di Lega Pro Unica. La formazione rossoblù è stata inserita nel girone B in un raggruppamento di 20 squadre. Ecco la lista completa: Ancona, Ascoli, Carrarese, Forlì, Grosseto, Gubbio, L'Aquila, Lucchese, Pisa, Pistoiese, Pontedera, Prato, Pro Piacenza, Reggiana, San Marino, Santarcangelo, Savona, Spal, Teramo e Tuttocuoio. In pratica ci sono otto toscane, sei dell'Emilia-Romagna, due abruzzesi, due marchigiane e una ligure, oltre ad una sola squadra umbra che è il Gubbio. In pratica ci sono quattro neopromosse: Ancona, Lucchese, Pistoiese e Pro Piacenza (dai dilettanti). Ritornano poi sulla strada dei rossoblù avversarie storiche (in C2) come Carrarese, Forlì, Reggiana, San Marino, Spal e Teramo. Restano le avversarie della passata stagione come Ascoli, Grosseto, L'Aquila, Pisa, Pontedera e Prato. Una novità sono Pistoiese, Pro Piacenza e Tuttocuoio (anche se in passato si chiamava Cuoiopelli Cappiano). Il Savona invece fu avversario del Gubbio nella stagione 2002-2003 (serie C2) e il Santarcangelo nella stagione 1985-1986 (in serie D), anche se all'epoca si chiamava Santarcangiolese. In pratica è stato evitato il girone "terribile" del sud. Il girone geograficamente "centrale" è sicuramente più abbordabile per due fondamentali fattori: a livello qualitativo le avversarie hanno un tasso tecnico inferiore con diverse squadre neopromosse (alcune alle prime armi) e a livello ambientale si sono evitati i campi caldi del girone C (anche a livello chilometrico si evitano così delle spese per viaggi lunghi per ogni trasferta). Tuttavia la composizione dei gironi ha creato anche delle polemiche. Non sono mancate le esternazioni del presidente Claudio Lotito della Salernitana. Letteralmente contrariato ha specificato: "Quello che penso a riguardo lo tengo per me". - ha detto su Tuttosalernitana.com - "Chiedetelo ai vertici della Lega Pro una simile scelta: ci sono elementi oggettivi che dovevano essere presi in considerazione e così non è stato". Si è fatto sentire pure il presidente della Juve Stabia, Francesco Manniello, che ha detto in maniera secca sul portale Tuttomercatoweb.com: "Sono assolutamente contrario a questa composizione dei gironi: la Lega Pro ora si prenda tutte le proprie responsabilità. L'unico girone competitivo è il nostro, il resto lasciamo proprio perdere...". Infatti il girone C è davvero un raggruppamento di fuoco con otto squadre campane tutte assieme. Tuttavia il campionato di Lega Pro Unica inizierà il 31 agosto. Intanto sono usciti anche i raggruppamenti di Coppa Italia e il Gubbio è stato inserito nel girone G con Ancona e Ascoli. E la squadra di Leonardo Acori esordirà sabato prossimo al "Pietro Barbetti" (ore 20:30) contro l'Ascoli. La perdente affronterà l'Ancona il 17 agoto. Ultimo incontro previsto il 24 agosto. La prima classificata in ogni girone accede alla seconda fase. Intanto stasera (martedì, ore 20:15) è previsto il Memorial Mario Mancini: avversario di turno la Ternana di Attilio Tesser che milita in serie B. Sarà aperta la tribuna (prezzo 10 euro) e le curve (5 euro). Intanto è arrivato il portiere Antony Iannarilli ('90) dalla Salernitana ed esordirà proprio contro la Ternana. Tutto ciò in attesa di altri colpi in questo mercato estivo.

04 agosto 2014
Via Malaccari (a sorpresa) e Laezza, entrambi al Savoia. Ora si punta sul portiere Iannarilli

Calciomercato estivo in continua evoluzione e le sorprese non mancano. Infatti il jolly di centrocampo Nicola Malaccari ('92) è stato ceduto a titolo definitivo al Savoia (Lega Pro): proprio in questa estate il calciatore jesino era stato riscattato dall'Atalanta e aveva avuto anche dei contatti con il Cittadella (serie B) ma poi non si è fatto più nulla. Sembrava che partisse con la fascia di capitano in questa stagione e invece (un po' a sorpresa) è stato ceduto ai campani. Si trasferisce al Savoia anche il terzino destro Giuliano Laezza ('93): il difensore napoletano aveva prolungato con il Gubbio il contratto (per un accordo biennale) ed ora è stato ceduto a titolo definitivo (come Malaccari). Nel frattempo è arrivata la firma sul contratto per Alessio Esposito, centrocampista napoletano, classe '94, che era in prova con il Gubbio (l'anno scorso si trovava a Sorrento). Capitolo portiere. Con la conclamata partenza di Matteo Pisseri ('91) alla Juve Stabia, che il Parma quest'anno ha girato in prestito alla società di Castellammare di Stabia, il Gubbio ora deve cercare un altro portiere. Si parla (e si è parlato) di un probabile tesseramento di Federico Zucconi ('93), ex Castel Rigone, in prova con il Gubbio. Ma in realtà l'operazione non è così certa. Infatti la società rossoblù ha messo gli occhi sul portiere Antony Iannarilli, classe '90, ex Salernitana. E proprio lui potrebbe essere il "numero uno" che difenderà la porta eugubina per la prossima stagione. Come secondo portiere si dovrebbe puntare su un giovane e in lizza c'è Tomas Svedkauskas, lituano, classe '94, in forza nella Primavera della Roma. Per quanto riguarda il centrocampo è in prova Marco Firriolo, classe '94, mediano, scuola Torino: si dovrà vedere se verrà tesserato. Mentre si punta ad un nome più esperto: si tratta di Filippo Fondi, classe '89, di Foligno, ex Reggiana, Pisa e Lumezzane. Mentre è tramontata la pista che portava all'esperto Davide Bottone ('86), ex centrocampista di Torino e Frosinone: il calciatore di Biella è rimasto alla Torres Sassari che è stata ripescata in Lega Pro. E sul fronte d'attacco? A quanto pare si punta proprio su un calciatore di esperienza nel ruolo di centravanti: stiamo parlando di Massimo Coda, classe '88, di Cava dè Tirreni, la scorsa stagione al Nova Gorica (di proprietà del Parma). E ne parla il diesse Giuseppe Pannacci al portale web Parmalive.com dove afferma quanto segue: "Il mister (Acori ndr) lo conosce bene. Su questo obiettivo saremo vigili in modo che, se ci fosserocondizioni, potremmo provare a dire la nostra". L'intera intervista si trova sul portale parmense già citato. Gli ex rossoblù. Il difensore Martino Borghese ('87), nell'ultima stagione a Lugano, è in procinto a vestire la casacca del Varese (in serie B). Il portiere Ivan Cacchioli ('90) del Parma invece sembra destinato a L'Aquila, in Lega Pro.

02 agosto 2014
Terzo test: Gubbio, è pareggio con la Sambenedettese (1-1). Cais risponde a Tozzi Borsoi

Terzo test estivo e il Gubbio del tecnico Leonardo Acori pareggia per 1-1 contro la Sambenedettese allenata da Andrea Mosconi, neopromossa in serie D. Il Gubbio si schiera ancora con il 4-3-3 e si vede nella ripresa anche il neo arrivato calciatore in prova, Firriolo, centrocampista, scuola Torino. Va in vantaggio la squadra adriatica con Tozzi Borsoi al 12' che infila Zucconi con un colpo di testa, su assist di Padovani direttamente da calcio d'angolo. Nella ripresa sopraggiunge il pareggio dei rossoblù locali con Cais al 61' che sfrutta la sua velocità per trafiggere Cafagna. Sambenedettese che resta in dieci per l'espulsione di D'Angelo ma nel finale gli stessi marchigiani (84') colpiscono la traversa su tiro di punizione di Adrian. Prossimo appuntamento martedì sera per il Memorial Mario Mancini quando sarà ospite a Gubbio la quotata Ternana del tecnico Tesser che milita nel campionato di serie B.
Così in campo. Gubbio (4-3-3): Zucconi (46' Fulop); Luciani (80' Cristaudo), Manganelli, Lasicki, Caldore (46' Rosato); Esposito (46' Badiali), Domini, Casiraghi (77' Firriolo); Vettraino (78' Bentoglio), Luparini (46' Cais), Marchionni (46' Mancosu). All. Acori. Samb (4-3-3): Scarsella (46' Cafagna); Viti, Pepe (46' Fapperdue), Borghetti (74' Diarrà), Vallorani (46' Bianchi) (88' Balletti); Baldinini (57' Galli), Borgese (46' Ubaldi), Franco (46' Ailtoni); Padovani (46' Valim), Tozzi Borsoi (46' D'Angelo), Di Paola (57' Adrian). All. Mosconi. Arbitro: Agrò di Terni. Reti: 12' Tozzi Borsoi (S); 62' Cais (G).

01 agosto 2014
Acori: "La squadra corre e si impegna". Domini: "A livello psicologico quest'anno sto meglio"

Parlano tre calciatori e il tecnico dopo l'ultima amichevole contro la Juve Stabia. Si parte quindi con Tommaso Domini, autore del gol vittoria contro la Juve Stabia: "La fascia di capitano? É stata una bella sorpresa, ma Malaccari era fuori. Il gol? É stato uno schema già provato in allenamento. Se quest'anno mi aspetto più spazio? Sinceramente l'anno scorso è stata un'annata vissuta male, sia dal punto di vista mentale che fisico. Bucchi mi vedeva che lavoravo tanto, ma davanti a me avevo dei calciatori ormai esperti nel professionismo, anche se ho fatto le mie sette presenze. Poi con il nuovo mister (Roselli ndr) è sopraggiunto anche un problema fisico. Ma psicologicamente quest'anno sto sicuramente meglio. L'allenatore Acori? Ci trasmette tanta serenità, ma allo stesso tempo pretende anche tanto a livello agonistico: è un giusto mix". Tocca al difensore centrale polacco Igor Lasicki, scuola Napoli: "Stiamo crescendo come squadra, ma c'è da tanto da lavorare. E pure io ancora non solo al 100%. Questa è una squadra giovane che ha bisogno di intensità e deve saper palleggiare la palla in maniera veloce. Mister Acori? In allenamento ci chiede sempre il 100%: dobbiamo essere sempre concentrati, anche sui piccoli dettagli". Il pensiero dell'esterno di attacco Diego Vettraino, giunto dal Trapani: "Ci stiamo conoscendo in un gruppo tutto nuovo ed è normale che nessuno ancora è al 100%. Tuttavia stiamo facendo gruppo e agonisticamente parlando dobbiamo essere forti. Una squadra giovane in Lega Pro deve andare sempre a 200 all'ora su tutti i palloni, senza lasciare un millimetro agli altri: serve aggressività e se troveremo squadre più esperte sapranno che non ci faremo mettere in testa i piedi da nessuno. Acori? Ti dice sempre le cose nella maniera giusta per farci migliorare. É un mister che non sbraita: è fondamentale questo per noi giovani. Ci dà la carica giusta senza darci ansia e pressioni, e ci insegna a giocare a calcio". E quindi tocca proprio all'allenatore Leonardo Acori: "Sono contento della prestazione dei ragazzi. La squadra corre, gioca, si impegna e cerca di imporsi: è un team che dà soddisfazioni. É chiaro che c'è da migliorare, ma in questi due primi test (con Casertana e Juve Stabia ndr) la squadra mi è piaciuta. Bisogna saper giocare bene la palla, non buttarla, ma secondo me quando comincia il campionato saremo pronti per fare un buon calcio. Se arrivano rinforzi? Non mi piace parlare sempre di rinforzi, parlo adesso solo dei ragazzi che ho a disposizione e stanno crescendo giorno dopo giorno". Ex rossoblù: Giacomo Casoli (di proprietà dello Spezia) si è accasato a Como: l'attaccante si trovava a Cremona l'anno scorso.

[vai a inizio pagina] [vai alle news] [vai all'archivio news]

Ultimo aggiornamento - Last update
data 22.09.2019 ora 17:00

Info: > Privacy e Cookie Policy

MAIN SPONSOR WITH PAGE LINKS:
(CLICCABILI CON FINESTRA GRANDE)

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

ART.13 REGOLAMENTO UE n.2016/679
D.LGS. ART. 122 DL 196/03
G.U. ART. n.229/14:

Media Spettatori
Lega Pro - Girone B
Stagione 2019/2020

Dopo 5 giornate:

Cesena
Vicenza
Modena
Triestina
Reggiana
Padova
Sambenedettese
Piacenza
Fermana
Carpi
Rimini
Ravenna
Vis Pesaro
Fano
Sudtirol
Virtus Verona
Gubbio
Feralpisalo
Imolese
Arzignano Valc.

10280
8400
7210
5250
4970
4590
3770
3120
1990
1940
1890
1860
1750
1300
1000
950
930
790
630
480

Media spettatori:
>
La scheda

Dati media:
La Gazzetta dello Sport

Lega Pro
Girone B - 2019/2020

Emilia-Romagna (8)
Carpi, Cesena, Imolese, Modena, Piacenza, Ravenna, Reggio Audace, Rimini
Friuli (1)
Triestina
Lombardia (1)
Feralpisalo
Marche (4)
Fano, Fermana, Sambenedettese, Vis Pesaro
Trentino Alto Adige (1)
Sud Tirol
Umbria (1)
Gubbio
Veneto (4)
Arzignano Valchiampo, Padova, Vicenza, Virtus Verona

Amarcord rossoblu


Anno 2011-2012 Serie B:

MATCH CLOU:

1 ottobre 2011:

Gubbio-Verona 1-1
Spettatori: 3911

24 ottobre 2011:
Gubbio-Torino 1-0
Spettatori: 4173

6 gennaio 2012:
Gubbio-Bari 2-2
Spettatori: 3821

28 gennaio 2012:
Gubbio-Sampdoria 0-0
Spettatori: 3977

28 aprile 2012:
Gubbio-Pescara 0-2
Spettatori: 4434

Info: > Privacy e Cookie Policy