SERIE C - GIRONE B
DICIASSETTESIMA GIORNATA
DOM. 1 DICEMBRE 2019
STADIO "PIETRO BARBETTI"
ORE 15

GUBBIO

0

PADOVA

0

DICIOTTESIMA GIORNATA
LUN. 9 DICEMBRE 2019
STADIO "RIVIERA DEL. PALME"
ORE 20:45

SAMBENED.-GUBBIO

> Calendario in pdf.: (scarica)

Clicca le immagini rossoblu!

Classifica

Vicenza
Carpi
Padova
Reggiana

Sudtirol
Feralpisalo
Piacenza
Sambenedettese
Virtus Verona
Modena
Triestina
Cesena
Vis Pesaro
Ravenna
Fermana
Arzignano Val.
Gubbio
Imolese
Rimini

Fano

39
35
33
32
32
29
28
25
24
23
23
21
18
18
17
15
15
14
12

10

Link Banner: Risultati Calcio:

Risultati Calcio...

DICIASSETTESIMA GIORNATA
DOM. 1 DICEMBRE 2019

Arzignano Valchiampo
Virtus Verona

1
1

Carpi
Triestina

1
0

Fano
Fermana

0
1

Feralpisalo
Cesena

2
2

Imolese
Sambenedettese

1
1

Modena
Vis Pesaro

3
1

Reggiana
Piacenza

2
2

Rimini
Ravenna

1
2

Sudtirol
Vicenza

0
1

-

Marcatori 2019-2020
Serie C - Girone B

Paponi Piacenza
Morosini Sudtirol
Vano Carpi

11
8
8

Vedi lo stadio Barbetti!

Marcatori Gubbio
2019-2020

Sbaffo
Cesaretti
Munoz
Maini
Sorrentino
Zanoni

5
4
2
1
1
1

Scopri la nostra citta!

DICIOTTESIMA GIORNATA
DOM. 8 DICEMBRE 2019

Sambened.-Gubbio

Cesena-Fano

Fermana-Arzignano V.

Padova-Imolese

Piacenza-Rimini

Ravenna-Sudtirol

Triestina-Modena

Vicenza-Feralpisalo

Virtus Verona-Reggiana

Vis Pesaro-Carpi

Link Partners:

Calcio in Diretta
Risultati.it

Calcioland.forumfree.it
Tuttocampo.it

Info e pubblicita:

redazione@gubbiofans.it

[vai alle news] [vai all'archivio news]

30 agosto 2009
Il Gubbio si infrange sul "muro" del Bellaria (0-0). Grandi proteste per un rigore su Corallo...

Secondo round di campionato. Il Gubbio, di sicuro meno brillante delle ultime uscite, non riesce a scardinare un Bellaria arcigno e ben quadrato. Ma non sono mancati i colpi di scena. Una traversa di Corallo poteva cambiare il corso della partita nella ripresa. Ma soprattutto un rigore (sacrosanto) su Corallo a tempo scaduto non concesso dall'arbitro ha scatenato le proteste degli eugubini. Mister Vincenzo Torrente a fine partita è stato chiaro: "Il rigore era così talmente clamoroso... un vero peccato. E che sfortuna quella traversa. Potevamo fare di più, ma non era facile con un Bellaria ben abbottonato". La cronaca. Gubbio a trazione anteriore con il consueto modulo 4-3-3, mentre il Bellaria adopera un più accorto 5-3-2. Farina gioca con una maschera protettiva sul viso colorata di rosso e blù (dopo l’operazione subita al setto nasale). Pronti e via. Al 7’ cross di Rivaldo in mezzo, Perez di testa sfiora il palo. Al 23’ Boisfer lancia in area Perez, chiude in uscita Simoncini. Al 33’ è Sandreani che scalda le mani a Simoncini da fuori area. Al 42’ il Gubbio manca un gol clamoroso: Marotta vince un rimpallo che lancia solo davanti alla porta Perez che invece di tirare in porta cerca di servire di nuovo il compagno, invano. Ripresa. Al 55’ Uccello cerca la profondità in contropiede, Lamanna in uscita sbroglia il pericolo. Il Gubbio spinge. Al 58’ il neo entrato Corallo smarca in area Casoli che calcia prontamente a rete: si salva in volo Simoncini che devia in angolo. Al 59’ viene annullato un gol di Marotta (dubbio). Al 62’ i rossoblù però sono sfortunati con una traversa clamorosa colpita da Corallo di testa su assist di Rivaldo. Al 77’ Ferrani in area calcia a rete: respinge con tempestività Fiumana. All’ 84’ ci prova dalla distanza Sandreani con un tiro a parabola che termina di poco alto. Nei minuti di recupero (91’) si scalda la platea perché Corallo viene messo giù platealmente in area di rigore da Nobili, ma l’arbitro ha preferito far proseguire l’azione. Il pubblico del “Barbetti” non approva e fischia sonoramente il direttore di gara: il rigore è sembrato piuttosto netto. Si conclude con un nulla di fatto.
Tabellino: Gubbio – Bellaria 0-0
Gubbio: Lamanna, Anania, Farina, Boisfer, Fiumana, Briganti, Casoli, Sandreani, Perez (55’ Corallo), Rivaldo, Marotta. All. Torrente.
Bellaria: Simoncini, Pezzi, Severi, Briglia (70’ Lerda), Paganotto, Nobili, Ferrani, Brighi, Uccello (77’ Cisterni), Elia (68’ Pedalino), Tacchinardi. All. Pregnolato-Zauli.
Arbitro: Saia di Palermo (Belmonte di Frosinone e Ruggirello di Trapani). Ammoniti: Briganti e Marotta (G); Nobili (B). Spettatori: 1400 (di cui 600 abbonati).
Risultati: Seconda Giornata - Lega Pro - Seconda Divisione - Girone B - Stagione 2009-2010:
Celano - Prato
3-0
62' Negro (C) rig., 78' Marasco (C), 90' Franzese (C)
Colligiana - Nocerina
1-1
8' Savoldi (C), 48' Cavallaro (N)
Giacomense - Lucchese
3-4
14' Nicolini (G), 15' Mariotti (L), 34' Biggi (L), 44' Bravo (G), 57' Conti (G), 70' Scandurra (L), 76' Lollini (L)
Gubbio - Bellaria
0-0
Poggibonsi - Bassano
1-0
72' Staffolani (P) rig.
Pro Vasto - Sacilese
0-1
68' Kabine (S)
San Marino - Carrarese
5-2
22' Cesca (S), 24' Cesca (S), 42' Pennucci (S), 55' Poletti (S), 67' Cesca (S), 74' Trabace (C), 86' Bonfanti (C)
Sangiovannese - Itala San Marco
2-2
27' Dianda (S), 43' Merini (S), 57' Moras (I), 92' Zubin (I) rig.
Sangiustese - Fano
1-0
35' Aquino (S)

29 agosto 2009
Gubbio: abbonamenti a go-go; Farina gioca con la maschera. Mercato: Cesca a San Marino

Mercato. La Nocerina prende l'attaccante Christian Iannelli ('86) proveniente dal Catania, la scorsa stagione tra le fila del Catanzaro. Invece il San Marino preleva dal Portogruaro l'attaccante Alessandro Cesca ('80), ex Bassano. In casa Gubbio il terzino sinistro Simone Farina ('82), dopo l'operazione effettuata al setto nasale lunedì scorso, si è potuto allenare regolarmente e domenica con il Bellaria potrà giocare con una speciale maschera protettiva. Intanto va a gonfie vele la campagna abbonamenti dell'A.S. Gubbio 1910 per la stagione del centenario: nel giro di appena una settimana sono state prenotate e quindi stilate quasi 600 tessere di abbonamento. Lutto: Gubbio piange la scomparsa di un tifoso, Giovanni Venturi, detto il "Chiucchi": per ricordarlo sarà esposto uno striscione in suo onore.

28 agosto 2009
Mercato: Caleri a Pisa. Biglietti e abbonamenti: le nuove normative per la stagione 2009-2010

Mercato. La Spal parcheggia per un altro anno il difensore Mirco Giorgi ('79) alla Giacomense. Il Fano ottiene dal Pescara il centrocampista Lorenzo Del Pinto ('90). Rescissione consensuale per il mediano Cristiano Caleri ('74) che lascia Gubbio: l'ex centrocampista della Sangiovannese va verso Pisa nei dilettanti. Invece il giovane difensore Andrea Ferrato ('92) è stato ceduto in prestito dalla società eugubina al Vicenza. Nuove normative per gli stadi, da quest'anno cambia tutto: sia gli abbonamenti che i biglietti d'ingresso sono tassativamente nominali. Pertanto per accedere allo stadio è obbligatorio munirsi di documento d'identità. In merito l'A.S. Gubbio 1910 tramite un comunicato stampa specifica quanto segue: "La Società ricorda ai tifosi che è possibile avere il biglietto d'ingresso per la partita di domenica contro il Bellaria e l'abbonamento per l'intera stagione, presentandosi muniti di documenti presso la sede, onde evitare possibili code alla biglietteria prima della gara". Logica conseguenza sempre delle nuove norme, le ultime ordinanze. Due impianti sportivi senesi, quello di Poggibonsi e quello di Colle Val d'Elsa, sono costretti a mettersi in regola per "motivi strutturali" entro il prossimo 30 settembre. Al momento (su direttiva della Prefettura della provincia di Siena) qualsiasi tifoseria ospite non potrà avere accesso ai suddetti stadi, tranne quelli in possesso della "Tessera del Tifoso". Trasferta vietata inoltre ai tifosi della Carrarese prevista per domenica prossima a San Marino.

26 agosto 2009
Coppa Italia: ultimo turno del girone eliminatorio: Gubbio batte Poggibonsi per 2-1

Il Gubbio batteper 2-1 il Poggibonsi. Primo tempo: colpo di testa di Corallo allo scadere che colpisce la parte bassa della traversa prima di rimbalzare al di fuori dello specchio della porta difesa dal rientrante Federico Bini. La ripresa. Al 67' padroni di casa in vantagggio grazie a Casoli, ben servito da Corallo di testa, che si gira e calcia di destro dal limite dell'area infilando imparabilmente Bini. Passano appena due minuti e il Poggibonsi trova il pareggio: dopo un calcio di punizione dalla lunga distanza il pallone balla nell'area piccola e Staffolani, appena entrato, ne approfitta. Il Gubbio cerca la vittoria davanti ai propri tifosi, sebbene per gli eugubini il risultato sia ininfluente ai fini della qualificazione, e ad un giro di lancette dal termine Marotta parte in velocità e scavalca con un preciso tocco il portiere Bini in uscita da fuori area: palla a palombella che si infila nel sette.
Gubbio: Lamanna, Allegrini, Fiumana, Marconi, Antonini, Manzo (46' Sandreani), Gaggiotti, Taddei, Casoli (77' Marotta), Corallo, Bertinelli (60' Rivaldo). A disposizione: Marinelli, Anania, Cordova, Perez. All. Torrente. Poggibonsi: Bini, Caroti (57' Mattiuzzo), Tisbi, Salvadori, Menichetti (86' Forino), Agnorelli, Dall'Ara, Nolé, Coppari, Conforti, Alteri (62' Staffolani). A disposizione: Cinquegrana, Machetti, Zattarin, Nicoletti. All. Del Rosso. Reti: 67' Casoli (G), 69' Staffolani (P), 89' Marotta (G). Arbitro: Soricaro di Barletta; Assistenti: Grispigni e Occhinegro di Roma


26 agosto 2009
Torrente e il prologo ideale: "Questa è la squadra che voglio... ma il cammino è ancora lungo"

È un Vincenzo Torrente visibilmente sorridente dopo l'esordio positivo in Lega Pro. Il Gubbio ha vinto e convinto. Ma predica calma e gesso. Il trainer rossoblù dice: "La più grande soddisfazione per me è stato vedere il lavoro settimanale di questo ultimo mese. Quando si provano delle cose in allenamento e vengono ripetute in campo alla lettera è un motivo di orgoglio per ogni allenatore. A me piace vedere le squadre che giocano a calcio e in campo dobbiamo creare una scacchiera". Sembra giusto elencarne alcuni di pregi... "Mi è piaciuta la personalità, il coraggio e l'aggressività. Chiedo sempre che la squadra si imponga allo stesso modo sia in casa che fuori". Ma se vogliamo trovare il pelo nell'uovo? "Che nel secondo tempo non siamo andati come volevo. Mi aspetto sempre qualcosa in più e la continuità del gioco, ma capisco che c'è sempre un avversario". Ora (giustamente) mister Vincenzo Torrente predica umiltà: "Faccio il pompiere e voglio smorzare fin da subito facili entusiasmi. Già ho detto ai ragazzi che domenica affrontiamo una partita difficile con il Bellaria. Dobbiamo essere bravi, ma avere pazienza. È giusto che un tifoso si esalti e sia entusiasta. Ma per un giocatore il discorso è diverso: bisogna mantenere i piedi per terra, avere grande umiltà, mai accontentarsi e migliorarsi sempre. Il cammino è ancora molto lungo". E trova subito un difetto che ha riscontrato nella categoria: "Ci sono elementi validi tecnicamente... ma ho notato che in questi campionati manca la cultura del lavoro, la cultura delle rinunce e la cultura del sacrificio. Senza queste prerogative essenziali non si cresce e non si vince nulla. Bisogna saper creare una certa mentalità". Sul mercato glissa: "Se Farina verrà ceduto al Rimini? Questa domanda va cancellata. Sapete come la penso. Sono stato chiaro con la società. Farina è incedibile". Del suo grande Genoa chi porterebbe con lei come calciatore? "Ho avuto la fortuna di giocare con grandi calciatori. Ma Pato Aguilera era calcisticamente straordinario... per qualità innate, sui tempi di smarcamento e nei passaggi. Era un maestro. Oggi? Lo paragono a Diego Milito anche se Pato era più minuto fisicamente: fa gol, ma sa anche fare gol e gioca per la squadra".

25 agosto 2009
Gubbio: l'esordio è convincente, ma un "occhio" alle altre: il girone è difficile più del solito...

Se il buon giorno si vede dal mattino... una vittoria giunta all'esordio non può che fa ben sperare per il futuro, anche se è d'obbligo mantenere i piedi ben piantati per terra. È pure d'obbligo non creare facili entusiasmi. Tuttavia il Gubbio che si è visto a Gradisca d'Isonzo ha dimostrato di avere una qualità di gioco e una coralità di manovra che non si vedeva da tanti anni da queste parti. Primo tempo davvero da incorniciare, con verticalizzazioni ficcanti e con una felice combinazione di fluidità di manovra e atletismo. Si è creato molto in attacco, due gol di pregevole fattura (di Casoli e di Perez) e con un Marotta in vena. A centrocampo l'hanno fatta da padrona il trio Sandreani-Boisfer-Rivaldo. E la difesa? Inappuntabile. E in panchina siedono calciatori come Corallo e Gaggiotti. Ma quest'anno la concorrenza è spietata e può essere solo di giovamento. Anche i numeri parlano positivo. Il Gubbio non vinceva alla prima giornata di campionato dal 3 settembre 2006: in quella circostanza i rossoblù di mister Agatino Cuttone si imposero per 2-0 sul Rovigo con reti di Campo e Marchi. Per ritrovare invece una vittoria esterna in avvio di torneo bisogna risalire al 2002 (8 settembre): il Gubbio di mister Marco Alessandrini si impose a Castel di Sangro per 1-0 con rete di Bochu (poi ceduto a gennaio alla Fiorentina di Della Valle): e il Gubbio alle fine delle ostilità centrò il playoff... come dire, un debutto è sempre di buon auspicio. Per dovere di cronaca si trattava della seconda giornata di campionato, ma la prima gara fu posticipata in notturna al 10 ottobre 2002 (Gubbio-Savona 0-0). Insomma l'inizio sembra promettere bene... ma c'è la necessità di mantenere calma e gesso. Il girone appare ben più difficile del solito. Il Bassano di Roselli lancia subito un messagio chiaro al campionato dopo la quarterna (4-1) rifilata alla Sangiovannese che non è per niente una squadra abbordabile, anzi. La Lucchese ha vinto il derby toscano con il Poggibonsi per 1-0 grazie ad un gol di "tacco" dal limite dell'area dell'esperto Scandurra. Queste due formazioni hanno tutte le carte in regola per essere assolute protagoniste in questo campionato. Ma ci sono anche le altre. Vedi Carrarese e la sorprendente Sacilese (entrambi vincenti all'esordio), per non parlare dell'agguerrita Nocerina (subito seguita da oltre duemila spettatori), della Pro Vasto, e di altre squadre (ad esempio Prato e San Marino) che sono partite in sordina ma sono pronte a dare filo da torcere a chiunque. Il Gubbio deve sapere che non esistono squadre materasso. Il Gubbio deve sapere che per arrivare lontano deve mantenere sempre la massima concentrazione e carica agonistica. Chi avrà più fame e rabbia in corpo, chi avrà maggiore personalità e aggressività, la spunterà... (Editoriale Direttore Gubbiofans.it)

23 agosto 2009
Gubbio, inizio in trasferta con sprint (0-2): matata l'Itala San Marco: le reti di Casoli e Perez

Chi ben incomincia è a metà... dell'opera. Proverbio a parte, è un bene iniziare con il piede giusto. Il Gubbio non fa sconti e vince con merito sul difficile campo di Gradisca d'Isonzo. Un risultato, il 2-0, che non ammette repliche grazie alle reti siglate nel primo tempo da Casoli (24') e Perez (44'). Nella prima frazione di gioco c'è stato un totale predominio della formazione di Torrente; ad inizio ripresa ha provato a tornare in pista l'Itala San Marco, ma i rossoblù hanno retto con ardore e carattere. A fine partita il d.t. Gigi Simoni è soddisfatto: "Primo tempo bello, per non dire stupendo. Dopo il 2-0 a nostro favore c'è stato un piccolo calo e siamo andati un po' in difficoltà. Poi però è venuta fuori tutta la nostra qualità di squadra e abbiamo portato in porto la gara senza problemi particolari". La cronaca della gara. Formazione tipo (4-3-3) schierata da mister Torrente, con Marotta che viene recuperato in extremis per un problema fisico. Parte bene il Gubbio. Al 4' Sandreani prova la conclusione a rete, si salva in tuffo Marcon. Al 14' Perez sfiora il bersaglio: palla di poco alta. Al 18' è Boisfer a lanciare in profondità Marotta che calcia a botta sicura: la retroguardia friuliana si salva come può in corner. Al 24' il Gubbio passa in vantaggio: corner pennellato in area da Farina, Casoli stacca sopra tutti e di testa schiaccia a rete, infilando la sfera sul primo palo. Al 41' Casoli serve Marotta che impegna a terra Marcon. È il preludio al raddoppio che arriva al 44': straripante azione di Casoli sulla sinistra che taglia tutta la difesa, si porta sul fondo e mette in mezzo; il centravanti Perez è il più lesto di tutti e con un piatto destro chirurgico deposita la sfera a fil di palo, alla sinistra del portiere Marcon. Ripresa. Al 50' Marotta cerca il tris addirittura di tacco, ma non ci riesce perchè Visintin salva sulla linea. Al 52' è Rivaldo a mancare di poco lo specchio. Fiammata dell'Itala San Marco nel giro di quattro minuti. Al 56' Moras di testa scheggia il montante su invito di Petris. Al 58' Lamanna devia prontamente un tiro velenoso di Neto Pereira. Al 60' Visintin calcia di poco a lato. Al 62' un tiro di Marotta sibila vicino al palo. Al 78' il Gubbio reclama un calcio di rigore per un fallo di mani di Adani (sembrava netto) su tiro di Marotta, ma l'arbitro fa proseguire. Nel finale è il nuovo entrato Corallo a mancare di poco il bersaglio con un tiro che termina di poco alto. Domenica sarà ospite al "Barbetti" il Bellaria di Pregnolato-Zauli.
Tabellino: Itala San Marco - Gubbio 0-2
Itala San Marco: Marcon, Lestani, Colavetta, Piovesan, Adani, Visintin, Roveretto (46' Petris), Moras, Zubin, Neto Pereira (74' Benvenuto), Buonocunto (46' Peron). All. Zoratti.
Gubbio
: Lamanna, Anania, Farina, Boisfer, Fiumana, Briganti, Casoli, Sandreani, Perez (65' Marconi), Rivaldo (85' Gaggiotti), Marotta (78' Corallo). All. Torrente.
Reti
: 24' Casoli (G), 44' Perez (G).
Arbitro: De Faveri di San Donà di Piave (Fassina di Bassano del Grappa e Mondin di Treviso). Ammoniti: Colavetta (I); Briganti (G). Spettatori: 400 circa (una cinquantina da Gubbio).
Risultati: Prima Giornata - Lega Pro - Seconda Divisione - Girone B - Stagione 2009-2010:
Bassano - Sangiovannese
4-1
19' Buelli (B), 30' Garufo (S), 39' Fabiano (B) rig., 65' Guariniello (B), 92' Guariniello (B)
Bellaria - Pro Vasto
2-2
4' Uccello (B), 29' Visone (P), 72' Soria (P), 74' Elia (B)
Carrarese - Celano
1-0
13' Granito (Ca)
Fano - Colligiana
0-0
Itala San Marco - Gubbio
0-2
24' Casoli (G), 44' Perez (G)
Lucchese - Poggibonsi
1-0
49' Scandurra (L)
Nocerina - Giacomense
1-1
37' Palumbo (N), 67' Nicolini (G)
Prato - San Marino
0-0
Sacilese - Sangiustese
2-1
26' Ligori (Sc), 69' Fanesi (Sg), 90' Kabine (Sc)

21 agosto 2009
Mercato: Furlan del Milan per il San Marino; Celano su Franzese. Gubbio, 8-0 alla Berretti

Mercato. Il San Marino ottiene in prestito dal Milan il centrocampista Federico Furlan ('90). Il Celano invece prende il centrocampista Roberto Franzese ('80) dall'Aversa Normanna; il calciatore napoletano in passato ha giocato con Andria, Paganese, Gallipoli, Teramo e Giugliano. La Carrarese cede il difensore Pietro Sicignano ('88) al Melfi. Gubbio: nel pomeriggio di giovedì è stato effettuato un test amichevole con la formazione Berretti di mister Giorgio Bellucci. La gara è terminata 8-0 in favore dei rossoblù di Vincenzo Torrente. A segno il giovane Bertinelli ('90) autore di una quaterna; a bersaglio anche Casoli (doppietta), Casoli e Corallo. Utilizzato per tutto l'arco del match il difensore centrale Matteo Bruscagin ('89), del Milan, in prova con i rossoblù. Assenti perchè acciaccati Fiumana e Marotta.

20 agosto 2009
Farina è nel mirino del Rimini; Poggibonsi, colpo Zattarin. Gubbio qualificato in Coppa Italia

Tiene banco all'improvviso la vicenda Simone Farina ('82). Il terzino sinistro romano infatti è entrato nel mirino del Rimini. L'A.S. Gubbio 1910 tramite un comunicato stampa però precisa: "La società, in pieno accordo con lo staff tecnico, ritiene Farina un calciatore incedibile, a meno di un'offerta clamorosa". Nel frattempo è partito il portiere Giacomo Poluzzi ('88): era giunto a Gubbio dopo la rescissione contrattuale con Vergari; ora si è accordato con il Group Castello (serie D). Altro mercato nel girone. Colpo del Poggibonsi. Ingaggiato l'esperto jolly difensivo Gianluca Zattarin ('74) proveniente dal Bassano (ex Pisa, Giulianova, Catanzaro e Padova). La Lucchese prende Federico Ricci, difensore ('92), ex Pistoiese. Due nuovi volti a Bassano: ecco il centrocampista Daniele Buelli ('87, ex Alessandria) e la punta Saverio Guariniello ('83) dal Rodengo Saiano (ex Lucchese, Martina, Torres Sassari, Spezia e Pisa). La Sangiovannese ottiene dalla Fiorentina l'attaccante Giacomo Fei ('92). La Nocerina preleva dal Benevento il difensore Adriano Sodano ('90). Ex rossoblù: l'attaccante Giovanni Cipolla ('74) si è accasato al Pescina Valle del Giovenco; l'esterno offensivo Vincenzo Maisto ('82) va in prestito alla Paganese dal Cassino. Quarto turno di Coppa Italia girone G. Pari nel derby Poggibonsi-Colligiana (1-1): apre Menichetti (63'), chiude per gli ospiti Tortolano (73'). Invece la Sangiovannese batte per 3-1 il Foligno: apre Merini (51'), pareggia De Angelis (56'), poi 2-1 con Garufo (59') e il tris perviene con un'autogol di Lispi (82'). Il Gubbio ha riposato ma si qualifica. La classifica ad una giornata dalla fine del girone eliminatorio: Gubbio 7 punti, Foligno 5, Sangiovannese 4, Poggibonsi 3, Colligiana 1. Intanto sono stati assegnati i diritti tv in Lega Pro: anche per il 2009-2010 l'emittente Trg Network seguirà in esclusiva le gare interne ed esterne del Gubbio calcio.

19 agosto 2009
Torrente al via: "La squadra deve avere una certa identità sia in casa che fuori. Dare l'anima..."

Siamo agli sgoccioli, il campionato al via. Ecco le prime sensazioni del tecnico Vincenzo Torrente che proprio domenica debutta in Lega Pro contro l'Itala San Marco: "Inizio con grande entusiasmo. Direi che il precampionato è stato ottimo. In Coppa Italia ci siamo comportati davvero bene finora. Adesso vogliamo fare bene anche in campionato. Ci aspetta subito una trasferta difficile in Friuli con una formazione forte fisicamente e di grande temperamento. Ci aspetta una battaglia, ma noi siamo pronti". Sin dal primo giorno di ritiro Torrente ha avuto subito le idee chiare: il modulo (4-3-3), il lavoro assiduo su certi meccanismi e sul sistema di gioco. Ora proseguirà su questa strada? "È una domanda che mi porgono spesso. E non riesco a capirlo". Diciamo che negli ultimi anni molti tecnici venuti a Gubbio hanno cambiato spesso modulo e uomini. Per intenderci è spesso mancata una certa identità di squadra. Su questo punto Torrente ribadisce: "Io ha una mia identità. Ma non è escluso che utilizzi in futuro anche un modulo con il centrocampo a rombo. Ma in questo momento le cose vanno bene e continuo sul 4-3-3, uno schieramento su cui credo molto". Si è notato anche che rispetto al passato ci sia un gruppo affiatato. Questa nostra sensazione risulta vera? "Del passato non parlo. Appena sono arrivato ho detto subito ai ragazzi che mi interessa il presente. Bisogna lavorare tanto e migliorarsi sempre. Ho chiesto di avere una squadra organizzata, aggressiva e di personalità. Dobbiamo avere una certa identità, sia in casa, sia fuori. Si può vincere e si può perdere... ma una certa mentalità va mantenuta". Che mister Torrente con il Gubbio vuole arrivare lontano è stato detto e ripetuto tante volte, e lo conferma di nuovo. Dice: "Voglio migliorare la posizione in classifica del Gubbio dell'anno scorso, perciò l'obbiettivo sono i playoff". Allora porgiamo un'altra domanda all'ex capitano del Genoa. Secondo lei chi sono le favorite? "In primis il Bassano per quello che spende tutti gli anni, per la qualità dei calciatori e per l'ottimo allenatore che conosco. Poi vedo bene la Lucchese. Subito dietro la Nocerina e la Sangiovannese. Di sicuro uscirà fuori pure una rivelazione. Sarà un campionato duro, difficile, partite scontate non ci saranno e non è una frase fatta. Pertanto dobbiamo essere pronti a battagliare su ogni campo, dappertutto. Dobbiamo sempre dare l'anima, questo deve essere chiaro".

18 agosto 2009
È un campionato di lunghe trasferte e insidie... il girone B di 2° Divisione ai nastri di partenza

Che sarà un campionato strano e pieno di insidie, con trasferte anche lunghe, è un dato di fatto. Ad esempio Gradisca d’Isonzo (in provincia di Gorizia) è la città dell’Itala San Marco, primo avversario del Gubbio il 23 agosto in campionato, e dista 489 chilometri. La trasferta più lontana dal dopoguerra è stata quella di Trieste contro la Triestina nella stagione 1998-99 (primo anno di C2 con Leo Acori): 524 chilometri. Nel 2001-02 viaggio a Bolzano con l’Alto Adige (Sued Tirol): 515 chilometri. Quindi viene Gradisca d'Isonzo. In questa nuova stagione, per distanza sono queste le trasferte più lontane: Sacile (Pordenone) 441 chilometri, Nocera Inferiore (Salerno) 431, Bassano del Grappa (Vicenza) 389, Vasto (Chieti) 330, Carrara (Massa Carrara) 303. La trasferta più vicina è Fano: 77 chilometri. E le formazioni che si incontreranno? Ai nastri di partenza le favorite sono senz'altro il Bassano (rinforzatosi ancora nel mercato estivo) e Lucchese (è una neopromossa, ma con un organico di tutto rispetto in una piazza che conta). Subito dietro Prato, Sangiovannese e due neopromosse che faranno "sentire" il proprio fattore campo come Nocerina e Pro Vasto. Poi ci saranno le solite squadre che daranno filo da torcere a chiunque: Carrarese, Celano e San Marino. Le outsiders saranno Bellaria, Colligiana, Giacomense, Poggibonsi e Sangiustese. Da tenere d'occhio il Fano (piazza calda, vogliosa di riemergere). Tutte da scoprire Itala San Marco e Sacilese. Per ultimo abbiamo lasciato il Gubbio... che ha tanta voglia di fare bene nell'anno del centenario. Il d.s. Stefano Giammarioli, il d.t. Gigi Simoni, insieme a mister Vincenzo Torrente, hanno fatto il possibile per costruire una squadra competitiva, con un mix di giovani emergenti e calciatori esperti per la categoria. Ma ora non ci resta che vedere il responso del campo...

16 agosto 2009
Terzo turno di Coppa Italia: Colligiana - Gubbio 1-3: apre Rivaldo... chiudono Corallo e Casoli

Il Gubbio vince a Colle Val d'Elsa per 3-1, gara valevole per il terzo turno della Coppa Italia girone G. Nell'altro incontro della giornata il Foligno ha pareggiato in casa per 1-1 contro il Poggibonsi con reti di Cavagna (6') e pareggio dei toscani di Hemmy (14'). La cronaca della partita del Gubbio. All' 8' Casoli calcia di poco a lato. Al 27' è Zampaglione a tirare di poco fuori. Al 34' Rivaldo su punizione scalda le mani a Vivan. Al 35' lo stesso Vivan viene impegnato da un tiro da fuori di Farina. È il preludio al vantaggio che arriva al 41': gran bel tiro dal limite del paraguayano Rivaldo e palla in fondo al sacco. A tempo scaduto arriva il raddoppio (48'pt): Marotta si procura un rigore su trattenuta di D'Ambrosio; dal dischetto trasforma Corallo. Nella ripresa arriva il tris rossoblù (73'): Casoli finalizza un assist di Boisfer. Il gol della bandiera della Colligiana è stato realizzato da Billio su rigore al 79' decretato per un fallo di Briganti su Zampaglione. Mercoledì il Gubbio riposa. Domenica prossima c'è il campionato. Così in campo: Colligiana (4-4-2): Vivan; D'Ambrosio, Billio, Pastore, Pietrobattista; Piras (48' Ferretti), Sireno, Tarascio, Morello; Romano (76' Prandelli), Zampaglione (86' Tortolano). All Costantini. Gubbio (4-3-3): Lamanna; Briganti, Fiumana, Marconi, Farina; Rivaldo, Boisfer, Sandreani; Casoli (73' Anania), Corallo (77' Perez), Marotta (86' Taddei). All. Torrente. Reti: 41' Rivaldo (G), 48'pt Corallo (G) rigore, 73' Casoli (G), 79' Billio (C) rigore. Arbitro: Stefanini di Livorno. Espulsi: 48' Morello (C), 79' Briganti (G). Ammoniti: Vivan, Billio e Pietrobattista (C); Boisfer (G). Spettatori: 300 circa.

14 agosto 2009
Ecco il calendario del campionato: si inizia in Friuli a Gradisca... si chiude con il Poggibonsi

La Lega Pro ha diramato il calendario del campionato. Si inizia il 23 agosto e si termina il 9 maggio 2010. Il Gubbio apre con la trasferta più lontana: l'esordio è previsto a Gradisca d'Isonzo (provincia di Gorizia) a 489 km. di distanza da Gubbio contro la formazione biancoblù denominata Itala San Marco. Poi due partite consecutive in casa: alla seconda giornata sarà ospite il Bellaria e sette giorni dopo il San Marino. Nel quarto turno è prevista la trasferta a San Giovanni Valdarno con la Sangiovannese. Alla sesta giornata trasferta insidiosa a Bassano e alla settima giornata sarà ospite a Gubbio la nobile decaduta Lucchese, neopromossa dai dilettanti. Un'altra neopromossa di assoluto rilievo sarà ospite al "Barbetti" alla nona giornata: stiamo parlando della Nocerina. Il derby umbro marchigiano è previsto alla undicesima giornata: Gubbio-Fano. Il girone di andata invece si chiude in casa con il Poggibonsi il 13 dicembre 2009. Un campionato tutto da scoprire, giornata per giornata.

12 agosto 2009
Coppa: derby Gubbio-Foligno: 0-0. Torrente: "Meritavamo di vincere". Fusi: "Buono risultato"

Il derby umbro valevole per il secondo turno di Coppa Italia giocato in notturna è finito 0-0. Pure l'altro incontro del girone G, tra Poggibonsi e Sangiovannese, si è concluso sullo 0-0. Come dicevamo Gubbio e Foligno si sono divisi la posta in palio. Cronaca. La gara si apre con un "giallo" dopo appena un giro di lancette: Marotta cade a terra in area folignate dopo un presunto contatto con il portiere Ripa. È rigore? L'arbitro fa proseguire. Al 5' un tiro da fuori di Cavitolo viene deviato in corner. Al 18' ci prova Sandreani: tiro alto. Al 21' Perez serve bene Marotta che di testa gira addosso a Ripa. Nel giro di due minuti le due squadre sfiorano il vantaggio. Al 37' lancio millimetrico di Boisfer per Marotta che davanti alla porta spedisce alto. Al 39' bolide su punizione di Cavagna respinto a fatica da Lamanna, poi da pochi passi De Angelis spedisce incredibilmente alto. Ripresa. In due occasioni (50' e 55') Ripa si fa trovare pronto su due conclusioni dalla distanza di Marotta e Boisfer. Al 65' il Gubbio è però sfortunato: dirompente discesa di Briganti che fa fuori mezza difesa ospite e spara in porta un gran destro che centra in pieno il palo; sulla ribattuta Sandreani calcia a fil di palo. Al 68' Cavagna invoca il rigore ma viene ammonito per simulazione. Si chiude al 72' con l'ex rossoblù Gallozzi che tenta la zampata vincente solo davanti al portiere, ma Lamanna è letteralmente provvidenziale in uscita. Commenti. Mister Vincenzo Torrente: "Ottima prestazione per qualità e intensità. Meritavamo di vincere. Abbiamo creato tanto, ci è mancato solo il gol. Se Rivaldo è la ciliegina sulla torta? Quando sarà a disposizione capirete... è un calciatore di qualità assolute". Il trainer Luca Fusi: "Discreto il primo tempo, meno bene nel secondo tempo. Abbiamo avuto qualche difficoltà. Sappiamo che siamo indietro con la preparazione, tuttavia si vedono dei segnali positivi. Buono il risultato ottenuto, bene i nuovi arrivati, anche se queste partite devono essere considerate come test di allenamento per il campionato". Così in campo: Gubbio (4-3-3): Lamanna; Briganti, Fiumana, Marconi, Farina (86' Antonini); Gaggiotti, Boisfer, Sandreani; Casoli (89' Bertinelli), Perez (61' Corallo), Marotta. All. Torrente. Foligno (4-3-3): Ripa; Di Paola (35' Pencelli), Lispi, Guastalvino, Rossi; Gallozzi, Biviglia (68' Castellazzi), Cavitolo (84' Micanti); Giacomelli, De Angelis, Cavagna. All. Fusi. Arbitro: Bagalini di Fermo. Espulso: 32' mister Fusi (F). Ammoniti: Rossi e Cavagna (F). Spettatori: 800 circa (di cui 140 provenienti da Foligno).

11 agosto 2009
Gubbio: arriva la fatidica firma di Rivaldo; scambio con il Foligno, ecco Palanca, via Gallozzi

Era la ciliegina sulla torta per mister Torrente che lo ha voluto fortemente. La società eugubina, tramite il d.s. Stefano Giammarioli e il d.t. Gigi Simoni, raggiunge l'accordo con Gonzales Kiese Rivaldo ('87), ex Spal, ma di proprietà del Genoa. Il fantasista paraguayano firma un biennale. Intanto si registra un'altra operazione di mercato in casa Gubbio. Il centrocampista Marco Gallozzi ('88) approda al Foligno. In cambio giunge in rossoblù il portiere Nicola Palanca ('86), nelle ultime tre stagioni tra le fila dei falchetti. In precedenza ha giocato in D con Fortis Spoleto e Orvietana. L'estremo difensore folignate farà il secondo di Lamanna. L'altro portiere, Giacomo Poluzzi ('88), che era giunto in ritiro con i rossoblù nella circostanza della rescissione di Vergari, resta senza contratto (per ora). Dovrebbe rimanere in prova con il Gubbio in attesa che venga tesserato, o dai rossoblù, o altrove. Mercato delle altre. Colpo del ripescato Poggibonsi: preso il centravanti Fabio Alteri ('77), ex Lecco, con trascorsi in serie B con le casacche di Crotone, Pescara, Cosenza e Cesena. Il Bassano mette le mani su un altro calciatore ex Treviso di B: trattasi dell'attaccante Pietro Terranova ('88) che arriva dopo il terzino Giovanni Martina ('87). Il Prato preleva dall'Albinoleffe il portiere Andrea Offredi ('88) e il centrocampista Alessandro Salvi ('89). L'Itala San Marco ottiene dal Padova il difensore Ciro Aliberti ('89), ex Este.

9 agosto 2009
Prima di Coppa Italia: Sangiovannese-Gubbio 0-1; Foligno-Colligiana 1-0; Poggibonsi riposa

Prima uscita ufficiale, prima vittoria. Esordio in Coppa Italia in notturna per il Gubbio di mister Torrente. I rossoblù vincono per 1-0 al "Fedini" contro la Sangiovannese di Fraschetti. Rete decisiva di Marotta (88') su assist di Corallo. Nel pomeriggio il Foligno ha battuto di misura la Colligiana per 1-0: a segno Iadaresta (10'). Ha riposato il Poggibonsi. Mercoledì sera (ore 20,45) è previsto il derby al "Pietro Barbetti" tra Gubbio e Foligno. La cronaca. Al 9' Di Franco calcia di poco a lato. All' 11' lo imita Casoli dall'altra parte: tiro fuori di poco. Al 25' combinazione Perez-Casoli, con quest'ultimo che tira in porta, ma Dei c'è e para. Al 30' è Raimondi a sfiorare il palo. Al 61' Raimondi impegna in tuffo Lamanna. All' 88' la svolta: assist di testa di Corallo per Marotta che di destro supera Dei e infila la palla nel sacco. Così in campo: Sangiovannese (4-4-1-1): Dei; Sacenti, Salvatori, Dierna, Pelagatti; Garufo (86' Comparato), Bricca (89' Di Crescenzo), Bernini, Di Franco (72' De Cristofaro); Raimondi; Merini. All. Fraschetti. Gubbio (4-3-3): Lamanna; Briganti, Fiumana, Marconi, Farina (84' Antonini); Sandreani, Boisfer, Gaggiotti; Casoli (68' Anania), Perez (74' Corallo), Marotta. All.Torrente. Rete: 88' Marotta (G). Arbitro: Chiantini di Pisa. Ammoniti: Gaggiotti (G). Spettatori: 600 circa.

8 agosto 2009
Mercato: colpo Pro Vasto, preso Cammarata. Rivaldo rescinde con la Spal: arriva al Gubbio?

Mercato. La neo promossa Pro Vasto non scherza: si assicura il bomber Fabrizio Cammarata ('75) proveniente dalla Samb, ma di proprietà della Salernitana. In passato il calciatore siciliano ha vestito le casacche di Parma e Hellas Verona in serie A, mentre in B ha giocato con Pescara, Cagliari e Torino. Il San Marino ingaggia il centrocampista Davide Poletti ('81) proveniente dalla Giacomense (ex Bellaria e Forlì). La Sangiovannese preleva dal Verona il terzino sinistro Salif Dianda ('87; ex Vibonese) in cambio del difensore Davide Bertolucci ('88). Il ripescato Fano prende la punta Christian Pazzi ('81; ex Arezzo) dal Renato Curi Angolana dove la scorsa stagione in serie D ha realizzato 22 reti. Tris di arrivi alla Sangiustese: ottenuti dal Frosinone i centrocampisti Loris Lorini ('88) e Fabio Scarsella ('89), mentre viene preso il centravanti Massimiliano Fanesi ('72) dal Renato Curi Angolana (ex Reggiana, Pescara, Ancona e Ternana). In casa Gubbio invece ci sono forti possibilità che a breve arrivi la firma di Gonzales Kiese Rivaldo ('87). Il centrocampista offensivo paraguayano che è in prova al Gubbio ha appena rescisso il contratto con la Spal. Non ci resta che attendere gli sviluppi nei prossimi giorni.

7 agosto 2009
Campagna abbonamenti 2009-2010: i prezzi; Amichevole, il Gubbio fa 2-2 con il Grottaglie

Prende il via la campagna abbonamenti. Ecco i prezzi: Tribuna Vip 380 euro; Tribuna Laterale 170 euro; Gradinata 150 euro; Curva 75 euro. Le donne potranno avere la tessera di abbonamento per soli 20 euro. Presso la segreteria dello stadio "Pietro Barbetti" è possibile prenotare l'abbonamento per la stagione 2009-2010, dal lunedì al venerdì, dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 16 alle 19. Intanto il Gubbio di Torrente ha giocato una partita amichevole giovedì pomeriggio nell'impianto "Luciano Cambiotti". È finita 2-2 contro la formazione dilettante del Grottaglie. Nei rossoblù erano assenti Boisfer, Briganti, Corallo, Farina, Fiumana e Sandreani. Spazio maggiormente alle seconde leve e alcuni calciatori in prova come Alessio Nofri (figlio dell'ex rossoblù Fabrizio) e l'argentino Matias Jesus Ragusa (ex Chioggia). Ha aperto le marcature per i pugliesi Pastano al 5'. Nella ripresa (56') in gol Ragusa su rigore da lui stesso procurato ed è pari. Sorpasso rossoblù al 75' con Marconi che infila sotto porta un assist di Marotta. Definitivo 2-2 allo scadere (90'): a segno Taurino dagli 11 metri. Così in campo: Gubbio (4-3-3): Lamanna (46' Poluzzi); Anania (74' Cordova), Allegrini, Marconi, Antonini (70' Urbani); Gaggiotti, Taddei, Manzo (50' Rivaldo); Nofri (55' Casoli), Ragusa (57' Perez), Bertinelli (62' Marotta). All. Torrente. Grottaglie (4-4-2): Laghezza; Parris, Arcadio, Solidoro, Fiorino; Pastano, Greco, Mugi (7' Hurtago), Fraschini; De Angelis (60' Taurino), D'Ambé. All. Pizzonia. Arbitro: Uccellani di Gubbio. Reti: 5' Pastano (G), 56' Ragusa (G) rig., 75' Marconi (G), 90' Taurino (G) rig.

6 agosto 2009
Mercato: colpo Bassano, preso Martina. Gubbio: le "nuove teorie" sul centenario rossoblù...

Mercato. Il Bassano non ha freni e ingaggia l'esterno destro Giovanni Martina ('87), la scorsa stagione a Treviso. Il terzino sinistro Christian Pennucci ('77; ex Castelnuovo e Carrarese) firma per il San Marino che prende anche il difensore Claudio Cafiero ('89) dalla Roma (l'anno scorso si trovava al Crotone). Il Poggibonsi ottiene dal Parma l'esterno difensivo Filippo Mattiuzzo ('87), ex Carpenedolo e Cremonese. In casa Gubbio invece è giunto in prova l'attaccante argentino Matias Jesus Ragusa ('85), nella passata stagione autore di 18 reti a Chioggia in D. Frattanto in considerazione del centenario che ci si appresta a celebrare, il giornalista professionista Gianluca Sannipoli dice: "Credo sia necessario fare alcune precisazioni sulla nascita del calcio a Gubbio". E noi pubblichiamo in maniera integrale ciò che ci ha mandato via e-mail al nostro sito web: "Ho letto con attenzione l’articolo a pagina 8 di “Qui Gubbio” del 30 luglio scorso, che presentava “la versione” dell’onorevole Vinicio Baldelli sulla nascita dell’Associazione Calcio Gubbio. Baldelli ha ragione nel rimarcare che nel 1910 a Gubbio il calcio non veniva ancora praticato a livello agonistico. Se dopo il ritorno di don Bosone da Roma si giocassero partitelle tra amici non possiamo saperlo e, in realtà, nemmeno ci interessa. Non si può far risalire la nascita di una associazione sportiva al regalo di un pallone di calcio, sarebbe come dire che la Fiat è nata dalle passeggiate in bicicletta di Giovanni Agnelli! La storia si fa con i documenti d’archivio e anche con le testimonianze dirette. Ovviamente i primi hanno la precedenza per due motivi: innanzitutto perché la memoria può giocare brutti scherzi e a distanza di tempo è facile confondere date e particolari; l’altro motivo è perché nella storia che va oltre la contemporaneità, con i soli ricordi non sarebbe possibile aggiungere alcuna novità. Se ci si basasse solo sulle testimonianze, già per quello che accadde novant’anni fa non ci sarebbe alcuna speranza di ampliare le conoscenze. Dunque, in presenza di versioni diverse di uno stesso fatto accaduto molti anni fa, è necessario dare la precedenza ai documenti d’epoca. Per fare un esempio e restare a questo periodo, il Bologna sta per festeggiare il suo primo secolo di vita. La società venne fondata domenica 3 ottobre 1909, come sezione "per le esercitazioni di sport in campo aperto" del Circolo Turistico Bolognese. Non è difficile trovare molti altri casi simili: le società calcistiche nate in quegli anni, avevano in gran parte origine dalle costole di società polisportive. E’ quanto avvenne anche a Gubbio. Anche l’A.S. Gubbio ha una data di nascita ufficiale che (quella sì!) andrebbe ricordata: è martedì 25 marzo 1913, quando i giovani della S.P.E.S. deliberarono di “istituire, oltre le sezioni ginnastica e podistica, una ciclistica, alpinistica e di foot-ball. A presidente venne eletto Igino Turchetti e a delegati delle cinque sezioni i soci: Meletti Alfredo per la podistica, Rossi Dante per la ginnastica, Donati Lodovico per l’alpinistica, Ciammarughi Alfredo per la ciclistica e Nicchi Domenico per quella del foot-ball”. Questa notizia è ancora oggi ben leggibile sul periodico locale “L’Ingino” del 6 aprile 1913. In nessun programma di tutte le manifestazioni sportive organizzate dalla S.P.E.S. nei tre anni che vanno dal 1910 al 1913 si parla mai di partite di calcio o foot-ball (come si diceva allora). Ma sbaglia anche l’onorevole Baldelli quando dice che la società sportiva Gubbio nacque nel 1926. Anche in questo caso ci aiutano a far chiarezza alcuni periodici e altri documenti dell’epoca. La delibera del podestà Marchetti di realizzazione del campo sportivo nell’ex orto di San Benedetto non è del 1926, ma del 7 dicembre 1928. La Società Sportiva Umberto Nobile (così si chiamava) era stata costituita a fine giugno di quello stesso anno. Ma in precedenza ne esisteva un’altra che aveva ereditato le attività della S.P.E.S. dopo la prima guerra mondiale. Di questa società esiste un documento (praticamente unico) conservato nella sede dell’A.S. Gubbio. Si tratta di un sollecito agli iscritti di pagare la quota sociale e porta la data del 22 gennaio 1924. Quindi è chiaro che esiste una continuità di atti tra la S.P.E.S. e le società sportive che si sono alternate in seguito, ferma restando il 1913 come anno di nascita dell’associazione calcio. Un’ultima doverosa annotazione è necessaria per ricordare Igino Turchetti. Pochissimi eugubini sanno chi fosse, per il semplice fatto che morì a 24 anni sui campi di battaglia della Francia durante la prima guerra mondiale. Igino Turchetti va senz’altro considerato il primo presidente del Gubbio, in quanto presidente della S.P.E.S. nel 1913".

5 agosto 2009
Sondaggio tra gli utenti del web: le maglie per il centenario soddisfano il 76% dei tifosi, ma...

Dieci giorni fa avevamo istituito sul web un sondaggio tra i tifosi per capire l'indice di gradimento e dare un giudizio sulle nuove maglie rossoblù che indosseranno i calciatori nell'anno del centenario. In base ai commenti raccolti che sono pervenuti tramite e-mail e per mezzo del nostro muro (guestbook), abbiamo accumulato questi risultati. Al 76% degli utenti del web attrae la nuova maglia dell'A.S. Gubbio 1910 che verrà indossata in questa stagione storica. L'indice di apprezzamento quindi è assai elevato. Alcuni commenti sono stati emblematici. Netto il pensiero di «GM»: "Belle tue e due le maglie, in particolare quella a righe. Non è che siamo abituati a vederla ma probabilmente la prima maglia è stata così. Pertanto è... bellissima, come la storia del Gubbio". Ad esempio «I.K.» ha detto che è "bella la prima e bellissima la seconda, ma l'importante che portino bene". Sulla stessa lunghezza d'onda «Giovanni»: "Bella la prima maglia, un po' meno la seconda, ma l'importante è che si vince". C'è stato qualche distinguo. C'è chi ha scritto come «Rossoblù» che: "la maglia del Gubbio è quella che si divide in egual misura in un fianco rosso e uno blu, quella dei mitici anni '80". Mentre «Forza Rossoblù» ha precisato che: "le maglie sono belle, ma avrei preferito riadattate le vecchie maglie a bande larghe degli anni '60-'70". Infine c'è chi ironizza come «Mocaiana» che scrive: "La maglia mi piace ma l'incognita è sempre la stessa: chi la indossa sarà all'altezza?..."; in poche parole la maglia è apprezzata, ma alla fine quel conta per i tifosi è che si cominci a vincere sul campo.

4 agosto 2009
Sandreani: "C'è lo spirito giusto, ma la strada è lunga"; Coppa: il 12 agosto c'è Gubbio-Foligno

Diramato il calendario di Coppa Italia del girone G di Lega Pro. Si inizia domenica 9 agosto con il primo turno: si gioca Sangiovannese-Gubbio e Foligno-Colligiana mentre riposa il Poggibonsi. Seconda giornata mercoledì 12 agosto: il Gubbio ospita in casa il Foligno. Domenica 16 agosto c'è la Colligiana in trasferta. Mercoledì 19 il Gubbio riposa. Invece mercoledì 26 agosto si chiude il girone eliminatorio in casa con il Poggibonsi. Intanto parla il capitano Alessandro Sandreani dopo questa prima trafila di partite amichevoli: "Questi test sono importanti per trovare lo spirito giusto. Finora il bilancio è positivo. Tutta la squadra sta seguendo mister Torrente. I nuovi ragazzi giovani hanno portato tanto entusiasmo e stanno galvanizzando anche noi più anziani. A prima vista credo che possiamo toglierci delle belle soddisfazioni". Vincere il Memorial Mancini nell'anno del centenario può significare davvero qualcosa? "Assolutamente no. In questo momento bisogna subito spegnere i facili entusiasmi. C'è ancora tanto lavoro da fare. Il campionato sarà di un'altra pasta. Anche se devo dire che siamo partiti con il piede giusto e Torrente ha già dato un'identità alla squadra. Si è creato quello spirito che piace tanto alla gente". Nuovo allenatore e ovviamente nuovo modulo. Del 4-3-3 usato da Torrente cosa ci può dire? "Diciamo che esalta anche le doti offensive di noi centrocampisti. Ci troviamo più spesso al tiro".

3 agosto 2009
Gubbio: è fatta per Boisfer, firma anche Poluzzi; Vergari rescinde. Mercato: Celano su Iozzia

Fumata bianca. Il centrocampista francese Rodrigue Boisfer ('81) è a tutti gli effetti un calciatore del Gubbio. Arriva dal Genoa. Il calciatore transalpino (ex Pro Sesto, Perugia, Venezia, Genoa e Monaco) secondo alcune fonti di mercato era seguito da squadre di categoria superiore come ad esempio Cremonese, Foggia e Varese. Ha raggiunto l'accordo con i rossoblù pure il portiere Giacomo Poluzzi ('88), ex Este, Giacomense, Carpi e Crevalcore in D. L'avvenuto ingaggio arriva in seguito alla rescissione contrattuale con il portiere Jacopo Vergari ('87). Mercato delle altre. Il Celano pesca nella serie D umbra: dalla Pontevecchio giunge il centrocampista Andrea Iozzia ('84). Il ripescato Poggibonsi preleva dalla Cuoiocappiano i centrocampisti Niki Agnorelli ('86) e Matteo Caciagli ('86). Nel frattempo il centrocampista Angelo Affatigato ('76) passa dalla Sangiovannese alla Valenzana. La Giacomense invece cede l'attaccante Davide Vagnati ('78) al Viareggio che è stato ripescato in Prima Divisione.

1 agosto 2009
Memorial "Mancini": il Gubbio si aggiudica la 16esima edizione con Foligno e Noicattaro

Il 16esimo Memorial "Mario Mancini" va alla formazione di mister Vincenzo Torrente che non sbaglia un colpo in questo calcio d'estate. Dopo le amichevoli vinte con la Salernitana e il Rimini (entrambe per 2-1), si aggiudica anche il triangolare in memoria dell'indimenticato d.s. rossoblù Mancini. La prima partita (di 45 minuti) è stata vinta per 1-0 dal Foligno sul Noicattaro con rete di Iadaresta al 17'; i pugliesi avevano colpito un palo al 15' con Zotti. Nel secondo incontro è il Gubbio a imporsi con lo stesso risultato sul Noicattaro: rete decisiva di Sandreani al 2' con un tiro radente angolato dal limite, lanciato alla perfezione da Boisfer; al 20' Perez ha colpito in pieno il palo. Il terzo incontro decisivo se lo è aggiudicato il Gubbio in rimonta contro il Foligno: ha aperto le marcature Cavagna al 6' con un tiro da fuori che ha sorpreso Lamanna; al 16' è giunto il pari con Rivaldo che ha depositato in rete di destro una palla su assist di tacco di Marotta; al 41' il gol vittoria è ad opera di Corallo che schiaccia a rete un corner di Rivaldo. Il 16esimo trofeo del "Memorial Mancini" viene alzato da capitan Sandreani. Così in campo nei tre incontri del triangolare giocato al "Pietro Barbetti": Foligno - Noicattaro 1-0: Foligno (4-3-3): Tomassini; Di Paola, Guastalvino, Lispi, Nori; Gramaccia, Borgese, Cavitolo; Urbanelli, Iadaresta, Giacomelli. All. Fusi; Noicattaro (3-5-2): Musacco; Libera, Sassarini, Fumai; Perrone, Fiorentino, Mazzone, Zotti, Lanera; De Lorenzo, Ladogana. All. Carella. Arbitro: Verdenelli di Foligno. Rete: 17’ Iadaresta (F). Gubbio - Noicattaro 1-0: Gubbio (4-3-3): Lamanna; Allegrini, Fiumana, Marconi, Farina; Sandreani, Boisfer (35’ Gaggiotti), Rivaldo; Casoli, Perez, Marotta. All. Torrente. Noicattaro (3-5-2): Petruzzelli; Boffoli, Sassarini (24’ Libera), Fumai (24’ Fiorentino, 44’ Mazzone); Romito, Coppola, Ostaku, Lanave, Aliperta; Doria, Salvati. All. Carella. Arbitro: Frizza di Perugia. Rete: 2' Sandreani (G). Gubbio - Foligno 1-0: Gubbio (4-3-3): Lamanna; Antonini, Fiumana, Marconi, Farina; Sandreani, Boisfer, Rivaldo; Casoli (29’ Bertinelli), Corallo, Marotta (43’ Gaggiotti). All.: Torrente. Foligno (4-3-3): Palanca; Pencelli, Gregori, Guastalvino (39’ Di Paola), Nori (26’ Lispi); Castellazzi, Borgese (32’ Gramaccia), Biviglia; Bellucci, Cavagna, De Angelis. All.: Fusi. Arbitro: Verdenelli di Foligno. Reti: 6' Cavagna (F), 16' Rivaldo (G), 41' Corallo (G). Spettatori: 600 circa. (Per il Memorial Mancini sono state giocate tre partite da 45 minuti ciascuna).

1 agosto 2009
Coppa Italia: il Gubbio nel girone G con Foligno, Colligiana, Poggibonsi e Sangiovannese

Mercato. La Carrarese mette le mani sull'attaccante Giuseppe Torromino ('88) che giunge in comproprietà con il Crotone (l'anno scorso si trovava alla Biellese; è cresciuto nel Torino). La Colligiana preleva il terzino sinistro Alessandro Cibocchi ('82) dalla Ternana, ex Torres Sassari e Potenza. Due nuovi arrivi per la Sangiustese: ottiene dalla Triestina il portiere Lorenzo Farinelli ('87), ex Vibonese; dal Vicenza preso il difensore Alberto De March ('89). Coppa Italia, diramati i gironi. Il Gubbio è stato inserito nel raggruppamento G e affronterà il Foligno, Colligiana, Poggibonsi e Sangiovannese. Si inizia domenica 9 agosto. Prossimamente saranno diramati anche i calendari, sia di Coppa Italia, sia di campionato.

[vai a inizio pagina] [vai alle news] [vai all'archivio news]

Ultimo aggiornamento - Last update
data 07.12.2019 ora 15:00

Info: > Privacy e Cookie Policy

MAIN SPONSOR WITH PAGE LINKS:
(CLICCABILI CON FINESTRA GRANDE)

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

MASSIMA TRASPARENZA, SCRIVERCI:

ART.13 REGOLAMENTO UE n.2016/679
D.LGS. ART. 122 DL 196/03
G.U. ART. n.229/14:

Media Spettatori
Lega Pro - Girone B
Stagione 2019/2020

Dopo 17 giornate:

Cesena
Vicenza
Modena
Reggiana
Triestina
Padova
Sambenedettese
Piacenza
Rimini
Ravenna
Carpi
Fermana
Vis Pesaro
Fano
Arzignano Valc.
Sudtirol
Gubbio
Feralpisalo
Virtus Verona
Imolese

10320
9070
7040
6120
5400
5050
3420
3180
2180
2130
1790
1650
1510
1280
1120
1080
970
950
890
460

Media spettatori:
>
La scheda

Dati media:
La Gazzetta dello Sport

Lega Pro
Girone B - 2019/2020

Emilia-Romagna (8)
Carpi, Cesena, Imolese, Modena, Piacenza, Ravenna, Reggio Audace, Rimini
Friuli (1)
Triestina
Lombardia (1)
Feralpisalo
Marche (4)
Fano, Fermana, Sambenedettese, Vis Pesaro
Trentino Alto Adige (1)
Sud Tirol
Umbria (1)
Gubbio
Veneto (4)
Arzignano Valchiampo, Padova, Vicenza, Virtus Verona

Amarcord rossoblu


Anno 2011-2012 Serie B:

MATCH CLOU:

1 ottobre 2011:

Gubbio-Verona 1-1
Spettatori: 3911

24 ottobre 2011:
Gubbio-Torino 1-0
Spettatori: 4173

6 gennaio 2012:
Gubbio-Bari 2-2
Spettatori: 3821

28 gennaio 2012:
Gubbio-Sampdoria 0-0
Spettatori: 3977

28 aprile 2012:
Gubbio-Pescara 0-2
Spettatori: 4434

Info: > Privacy e Cookie Policy