SERIE C - GIRONE B
FASE PLAYOFF
MART. 22 MAGGIO 2024
STADIO PIETRO BARBETTI
ORE 20:30

GUBBIO

0

RIMINI

1

GUBBIO ELIMINATO AL PRIMO TURNO PLAYOFF 2024

     date playoff:

Fase nazionale:
Primo turno andata il 14 maggio, ritorno il 18 maggio.
Secondo turno andata il 21 maggio e il ritorno il 25 maggio.
Final four: semifinale il 28 maggio andata e il ritorno il 2 giugno.
Finale promozione:
andata il 5 giugno e il ritorno il 9 giugno.

Clicca le immagini rossoblu!

CLASSIFICA FINALE
2023-2024

Cesena
Torres
Carrarese
Perugia
Gubbio
Pescara
Juventus Ng
Arezzo

Pontedera
Rimini
Spal
Lucchese
Pineto
Entella
Sestri Levante
Ancona
Vis Pesaro
Recanatese
Fermana
Olbia

96
75
73
63
59
55
54

53

52
50
49
45
45
45
44

42
39
38

31
26

VERDETTI:
CESENA IN
SERIE B

VIS PESARO E RECANATESE AI PLAYOUT
FERMANA E OLBIA IN SERIE D

Link Banner: Risultati Calcio:

Risultati Calcio...

38ESIMA GIORNATA
DOM. 23 APRILE 2023

Marcatori 2023-2024
Serie C - Girone B

Shpendi Cesena
Morra Rimini
Merola Pescara
Guerra Juventus Ng

20
19
17
15

Vedi lo stadio Barbetti!

Marcatori Gubbio
2023-2024

Di Massimo
Udoh
Spina
Bernardotto
Chierico

Mercati
Galeandro
Montevago
Bulevardi
Bumbu
Corsinelli
Desogus
Di Gianni
Morelli

Pirrello
Rosaia
Tozzuolo

12
11
5
3
2
2
2
2
1
1
1
1
1
1
1
1
1

Scopri la nostra citta!

Gubbiofans.it

Link Partners:

Calcio in Diretta
Risultati.it

Calcioland.forumfree.it
Tuttocampo.it

Info e pubblicita:

redazione@gubbiofans.it

[vai alle news] [vai all'archivio news]

31 LUGLIO 2019
Malaccari: "Con Guidi c'è più pressing e palla a terra". In arrivo Lakti e Meli. Ma sfuma Danti

Ci avviciniamo ad agosto. Siamo allo scadere di luglio. Il Gubbio è sempre alla ricerca disperata di una punta centrale di rilievo. Infatti Manuel Sarao è sfumato firmando con il Cesena un biennale, un altro calciatore nel mirino come Domenico Danti invece ha rinnovato con la Virtus Verona (riammessa in serie C) firmando addirittura un triennale con la società scaligera: il calciatore calabrese era seguito anche dal Cittadella, Vicenza e Reggina. Ma intanto dalla Toscana si viene a sapere che la società rossoblù si è già accordata con la Fiorentina per avere in prestito due giovani della Primavera. Si tratta di Eldar Lakti, centrocampista, classe 2000, albanese, era capitano della formazione di Bisoli: ruolo mediano, ma può fungere pure da esterno di centrocampo. L'altro nome invece è quello di Marco Meli, anch'egli classe 2000, che come ruolo può fungere da trequartista e anche da esterno di attacco. Una notizia che è rimbalzata nelle ultime ore, e tutt'oggi diversi portali informativi web della Fiorentina ne danno risalto in maniera ampia. Ma non è un caso che poco tempo fa avevamo scritto che al Gubbio piaceva l'attaccante Gabriele Gori, classe 1999, della Fiorentina: il neo trainer Guidi lo conosce bene, anche per i trascorsi proprio sulla panchina delle giovanili viola e vorrebbe portarlo con sè, visto che al Gubbio serve come il pane un vero centravanti di affidamento. Ma la strada è più difficoltosa del solito per ottenerlo, rispetto invece ai già citati Lakti e Meli sui quali dovrebbe arrivare il via libera a momenti. Ma il canale con il club toscano è sempre aperto e non è escluso che ci siano più avanti dei risvolti importanti. Un altro nome è girato in queste ultime ore: si tratta di un altro centrocampista, cioè di Luzayadio Bangu, classe 1997, che è sempre di proprietà della Fiorentina: nello specifico è un play di centrocampo, congolese, che nella scorsa stagione si trovava in prestito al Bisceglie (ex Matera e Vicenza). Mentre ora è ufficiale il passaggio del centrocampista Alessandro Bordin dallo Spezia alla Pistoiese (in prestito). Intanto parla il capitano Nicola Malaccari e dice così: "Mi trovo bene. Diciamo anche che stiamo lavorando molto con Guidi e si cominciano a sentire i carichi di lavoro sulle gambe. Tuttavia mi piace il tipo di gioco che stiamo sperimentando quest'anno, si tratta di un 4-3-3 moderno, dove non mancano diverse verticalizzazioni, tanto pressing e palla a terra. Rispetto all'anno scorso diciamo che è cambiato il tipo di gioco, prima ci abbassavamo spesso. Ora invece c'è più una continuità in fase offensiva".

30 LUGLIO 2019
La telenovela Sarao finisce: va al Cesena. Ora si vira su Bianchimano. E spunta idea Alimi

Conclusa la telenovela Manuel Sarao. Dopo più di un mese, precisamente dal 25 giugno quando era uscito questo nome come papabile del Gubbio. La soluzione ideale è stata il trasferimento al Cesena. Ora è ufficiale. Forse qualcuno potrà avere esclamato: «Finalmente». E sì, perchè ormai era da troppo tempo, da giugno ad oggi, non si è fatto altro che parlare di Sarao. Ma il calciatore ha scelto la società bianconera alla fine, complice probabilmente della fattibilità dell'operazione il Ds Alfio Pelliccioni che lo aveva già avuto a Monopoli: Sarao ha firmato un biennale con i romagnoli. Alcuni retroscena provengono da Reggio Calabria, perchè anche la formazione calabrese era sulle sue tracce. Si dice che l'attaccante della Virtus Francavilla (ormai ex) ha declinato l'offerta della Reggina (con un biennale) nonostante cifre inferiori messe sul piatto. Si aggiunge che a fare la differenza pare che sia stata la parola data ai romagnoli, prima che la Reggina si facesse avanti. Così rivela il portale web Sport.strill.it e come si può vedere il Gubbio nemmeno viene menzionato. Insomma, il mistero si infittisce su tutta questa vicenda che si è protratta troppo a lungo. Adesso il Gubbio deve virare su altre strade. Un primo nome, è già uscito in questo mercato estivo. Si tratta di Andrea Bianchimano, classe '96, è un puntero del Perugia, dichiarato in uscita dal club biancorosso, dopo l'esperienza vissuta a Catanzaro. Mentre è tutta da capire la vicenda Cedric Gondo, classe '96, attaccante ivoriano, che è legato contrattualmente con il Rieti e il Gubbio ha offerto sul piatto della bilancia un biennale. Adesso c'è da capire chi sarà veramente questo benedetto centravanti. A centrocampo potrebbe sfumare invece il centrocampista Alessandro Bordin ('98) che è stato appena acquistato dallo Spezia e potrebbe finire in serie C con la formula del prestito: in vantaggio ci sarebbe la Pistoiese. E allora spunta un altro nome per la mediana del campo: si tratta di Isnik Alimi, classe '94, calciatore con doppia nazionalità (Macedona-Albania), che l'anno scorso si trovava a Rimini (ex Vicenza). Dalle altre sedi. Il Rimini acquista a titolo definitivo la punta Federico Gerardi ('87), dopo l'esperienza a Monopoli, Pordenone e Feralpisalò. Dalle Marche scrivono che dopo l'arrivo degli attaccanti Grandolfo e Tascini, la Vis Pesaro tenta il colpo di prendere la punta Saveriano Infantino ('86), reduce dall'esperienza di Teramo e di Catanzaro.

29 LUGLIO 2019
Gubbio, tra mercato e prove sul campo. Modulo delineato... ma sul mercato serve di più!

Prime indicazioni dal campo e sviluppi sul mercato. Che in questa precisa fase estiva camminano di pari passo. Dal terreno di gioco, dopo la sconfitta per 3-0 contro la blasonata Roma, è arrivato un pari contro il Livorno. Dalle prime uscite ormai si è capito che ci sarà uno schieramento ben preciso: cioè il modulo 4-3-3. Si è vista una squadra volenterosa, a tratti ha provato di giocare in velocità cercando di sfruttare le verticalizzazioni, anche se poi è calata strada facendo, situazione normale in questa fase di carichi di lavoro pesanti. Buone cose si sono viste dal giovane Tavernelli subito pronto nel gol, come posizionamento e come finalizzatore, in area di rigore, dopo una percussione fulminea ed efficace di Cesaretti che ha bruciato sul tempo il diretto avversario sulla destra e ha fornito un assist al bacio con un taglio verso il centro per Tavernelli (appunto). Da verificare altri ruoli. A partire dal play che per ora in questa fase nevralgica ha giostrato Ricci, in attesa che si veda in campo Cenciarelli, che al momento è out per un problema alla caviglia del piede sinistro. Come mezzali Malaccari (che da quest'anno finora indossa la fascia di capitano) e Sbaffo (che ha cercato di fornire geometrie e sostanza). In difesa sembra collaudata la coppia centrale Konatè e Bacchetti, mentre Rafa Munoz è stato per ora usato come terzino destro, in attesa che vengano novità dal mercato. Quel mercato che ribolle perchè, come sottolineato anche dal trainer Guidi sabato scorso, il Gubbio ancora è un cantiere aperto. Ormai infatti è assodato che il Gubbio vuole privarsi del portiere Marchegiani (piace al Catanzaro, ma sulla lista dei calabresi c'è pure Pisseri del Catania), del terzino Tofanari (fino a poco tempo fa era finito nel mirino della Reggiana) e del centrocampista Benedetti (per ora relegato in tribuna e quindi separato in casa, in attesa che arrivino offerte concrete). D'altronde il terzino destro Alessandro Garattoni è tornato di nuovo in prestito all'Imolese (via Crotone) e quindi il Gubbio dovrà percorrere altre strade. Ma il nocciolo della questione più intricato riguarda il nome del centravanti, che per ora viene ricoperto da Cesaretti (ma non è il suo ruolo più consono). Sempre in lizza Manuel Sarao, ma la questione ormai sembra essere diventata un giallo. A Gubbio sono convinti che potrebbe vestire il rossoblù dopo un ulteriore pressing sul calciatore. Ma incombe la volontà ferma di prendere il calciatore da parte del Cesena. Lo riporta Tuttocesena.it con il presidente bianconero Patrignani che dice esplicitamente: "Sarao resta la nostra prima scelta. É una trattativa complicata. Però lo aspetto in Romagna". D'altronde lo stesso Cesena nei mesi scorsi aveva cercato pure il puntero Ettore Marchi in forza al Monza, ma l'operazione si è arenata perchè considerata proibitiva per costi troppo esosi. Ma adesso su Sarao si è fatto uno sforzo e, secondo delle notizie che giungono nelle ultime ore, il calciatore ha accettato l'offerta dei bianconeri con un accordo biennale (60mila euro a stagione). Nei giorni scorsi invece è venuta fuori la notizia di un probabile ritorno di Cristian Cesaretti alla Paganese (se ne è parlato in una conferenza stampa a Pagani). Ma il calciatore si è legato al Gubbio con un contratto annuale e domenica è stato uno dei migliori in campo. Perciò Cesaretti, al momento, è pedina inamovibile. Anche se nei giorni scorsi si è visto il procuratore del calciatore nei pressi della palazzina del Barbetti (ma è l'agente pure di Sarao). Chissà se in sede hanno affrontato entrambe le questioni. Chissà, si vedrà presto.

28 LUGLIO 2019
Test: Gubbio-Livorno, 1-1. In gol Tavernelli e Raicevic. Guidi: "La prova di crescita". Le foto

Secondo test estivo per la formazione di Guidi. Il tecnico conferma il 4-3-3 adoperato a Roma. Rispetto al precedente incontro si rivede titolare lo spagnolo Munoz schierato come terzino destro. Confermato il blocco del trio di centrocampo. In attacco la novità è Battista, con Cesaretti confermato come punta centrale, in attesa che dal mercato arrivi un centravanti di ruolo. Cenciarelli out per un problema alla caviglia del piede sinistro; Marchegiani, Benedetti e Andrea Conti in tribuna. Primo spunto degno di nota: al 16' sulla trequarti è Sbaffo che serve sulla sinistra Filippini che lancia in area Cesaretti, ma la punta una volta entrato in area calibra il destro troppo alto e la palla sorvola la traversa. Al 18' ci prova Mazzeo al volo in area di sinistro, ma sbroglia tutto Bacchetti da terra. Al 35' è Rafa Munoz che serve Cesaretti che supera in velocità Di Gennaro e serve in mezzo un pallone al bacio per Tavernelli che di destro, rasoterra, insacca la palla sul primo palo. Al 45' su cross di Porcino, calcia al volo Mazzeo di destro, ma Zanellati è reattivo e respinge da terra. Al 1' del secondo è Raicevic che si presenta in area con un tiro rasoterra che impegna a terra Ravaglia. A 5' arriva il pareggio dei labronici con Murilo che serve in area Raicevic che calcia al volo di destro e insacca la palla sotto all'incrocio. Il commento del trainer Federico Guidi: "Prova buona dei ragazzi ma anche tante cose da correggere. Quando siamo rimasti corti, giocando d'insieme, senza snaturare la propria identità, la squadra è riuscita a fare delle belle cose. Mi ha dato molto fastidio il gol subito su un errore nostro di facile lettura. Volevo vincere la partita. Fa parte del percorso di crescita". Parlano all'unisono due calciatori. Prima Camillo Tavernelli: "Sono contento per il gol, ma soprattutto perchè abbiamo giocato contro una grande squadra offrendo un buon calcio e il mister era contento". Idem Lorenzo Filippini: "Prova positiva contro un avversario di rango. In particolar modo perchè abbiamo offerto un calcio che predilige il bel gioco". Ecco però le immagini (15 foto) del test. Fotoservizio di Simone Grilli. A seguire nel link.
Tabellino: Gubbio - Livorno (1-1):
Gubbio (4-3-3): Zanellati (1' st Ravaglia); Munoz (8' st Tofanari), Konatè (1' st Maini), Bacchetti (37' st Konatè), Filippini (1' st Zanoni); Malaccari (28' st Munoz), Ricci L. (8' st Conti M.), Sbaffo; Battista (1' st De Silvestro), Cesaretti (31' st Filippini), Tavernelli (22' st Di Cato). A disp.: Fondacci. All. Guidi.
Livorno (3-4-1-2): Zima; Di Gennaro (24' st Deverlam), Marie, Boben; Morganella (18' st Morelli), Agazzi (45' st Pallecchi), Del Prato (1' st Rizzo), Porcino (1' st Luci); D'Angelo (1' st Murilo); Mazzeo (1' st Marsura), Raicevic (28' st Rocca). A disp.: Meri, Ricci M., Bellandi, Volpini. All.: Breda.
Arbitro: Di Marco di Ciampino.
Reti: 35' pt Tavernelli (G), 5' st Raicevic (L).
Angoli: 8-2 per il Livorno. Spettatori: 285.

27 LUGLIO 2019
Guidi: "Scelte condivise con la società sul mercato. Ma ancora siamo un cantiere aperto..."

La prima vera conferenza stampa per il tecnico Federico Guidi che è stato presentato nell'occasione dal nuovo addetto stampa, Massimiliano Francioni, come si può vedere nelle immagini. Così dice: "Finora un bilancio molto positivo. É un gruppo che sta seguendo me e il mio staff, con grande attenzione e dedizione. Tuttavia siamo ancora un cantiere aperto. Però per ora la società ha fatto un grande lavoro sul mercato perchè è riuscita a mettermi a disposizione tanti calciatori nuovi e non era assolutamente facile. Stiamo lavorando adesso su possibili nuovi arrivi. Per me conta molto il lavoro quotidiano, perciò prima arriveranno e meglio è. Ma devo aggiungere che il presidente e il diesse stanno lavorando quotidianamente con grande abnegazione e sacrificio, per mettermi a disposizione una rosa adeguata e perciò mi ritengo sostanzialmente fiducioso". Il test con la Roma? "É stata una opportunità alla quale non si poteva assolutamente rinunciare. Affrontare certi campioni è sempre un motivo di crescita. Ogni indicazione da qualsiasi partita, con squadre di categoria superiore, servono a me in quanto mi danno diversi spunti per approcciare al meglio gli allenamenti successivi". Alla prima uscita ufficiale ha utilizzato il 4-3-3, sarà il modulo basilare? "Non mi piace etichettare la mia squadra con dei numeri (o moduli ndr) ben precisi. Sul foglio statico la squadra è disegnata con il 4-3-3. Contro la Roma però si è visto spesso un blocco difensivo basso e quindi una squadra schierata con il 4-5-1 (o 4-3-2-1 ndr), in quanto i giallorossi ci costringevano di stare sulla difensiva. Dico subito che noi in campo cercheremo di essere molto dinamici. Pertanto attaccheremo in un modo e difenderemo in un altro modo, in base agli avversari". Lei ha parlato di squadra da completare, dove precisamente? "In primis in attacco siamo scoperti. Soprattutto nel ruolo dell'attaccante centrale perchè al momento ci sono punte che per caratteristiche si impiegano meglio in altri ruoli. Poi via via vanno anche completati tutti i reparti. Sicuramente servono ancora quattro o cinque calciatori". Finora sono arrivati più over (9) che under (solo un acquisto), c'è un motivo? "Il mercato talvolta ti porta a delle opportunità che poi ti permette di chiudere la trattativa in maniera veloce. In altre circostanze si deve aspettare. Tuttavia per ora posso garantire che la società ha portato a Gubbio tutti calciatori che avevamo condiviso insieme. Per questo ringrazio sia il presidente Notari che il direttore Pannacci. Adesso over o under, a me non fa differenza. Le regole sono cambiate e non si possono prendere più di sei prestiti: ne mancano solo tre e non dobbiamo sbagliarli perchè sono under che portano minutaggio". Come il centravanti non è sbagliare, giusto? "Certamente. Opportunità con calciatori che si sono proposti ci sono state. Ma non cerchiamo le figurine o il nome. Cerchiamo calciatori con caratteristiche funzionali alle mie idee".

25 LUGLIO 2019
Ecco il calendario: partenza sprint a Trieste. Mercato: Marchegiani nel mirino del Catanzaro

Gubbio, calendario sprint. Esordio domenica 25 agosto al Nereo Rocco contro la favorita Triestina. La domenica successiva, domenica 1 settembre, il Gubbio esordisce in casa contro la Virtus Verona. Poi alla terza giornata invece, precisamente domenica 8 settembre, la squadra rossoblù farà visita alla neopromossa Arzignano Valchiampo. Alla quarta giornata, domenica 15 settembre, al Pietro Barbetti si presenta il ripescato Fano. Poi altro incontro casalingo, domenica 22 settembre, big match contro il Vicenza dell'ex Alessandro Marotta. Alla sesta giornata trasferta a Rimini, alla settima sarà ospite a Gubbio la Feralpisalò dell'ex Michele Rinaldi. Contro un altro ex, cioè a Bolzano, si giocherà al decimo turno contro il Sudtirol: con i biancorossi milita Daniele Casiraghi e la partita è in programma domenica 20 ottobre. Appuntamento a Pesaro alla dodicesima giornata il 27 ottobre contro la Vis Pesaro. Alla quattordicesima, il 10 novembre, il Gubbio sarà ospite del blasonato Piacenza nel quale è arrivato il bomber Cacia. Alla quindicesima, il 17 novembre, sarà ospite nella città dei Ceri il neopromosso ma sempre blasonato Cesena. Il girone di andata si chiude in casa contro la Fermana il 15 dicembre. Ed ecco di seguito il calendario completo. Da quest'anno la serie C si giocherà sempre di domenica con orari che variano dalle ore 15 oppure alle ore 17:30 (previsti solo tre anticipi il sabato sera). Capitolo mercato. Tiene banco in casa Gubbio in attesa che si sblocchino alcune situazioni. C'è uno spiraglio che potrebbe lasciare la maglia rossoblù il portiere Gabriele Marchegiani, che non rientra più nei piani della società. C'è stato in primis un interesse del Livorno, ma la pista più concreta che si è aperta nelle ultime ore è quella che porta a Catanzaro. Tra l'altro la società calabrese ha rinnovato il contratto con Giacomo Casoli: l'ala eugubina ha prolungato il legame di un'altra stagione, con l'opzione di rinnovo per il secondo anno. Il nuovo gruppo "Insieme per il Gubbio" fa sapere che c'è stato un incontro con l'amministrazione comunale (presenti il sindaco Stirati e l'assessore allo sport Damiani), contribuendo al coinvolgimento della città con iniziative mirate distribuendo volantini e la creazione di piccoli stand. Mentre la presentazione della squadra si terrà in Piazza Bosone il 13 agosto 2019, con il contributo dei commercianti.

24 LUGLIO 2019
Primo test, Roma-Gubbio 3-0. Reti di Fazio, Antonucci e Pastore. Ecco le foto di Trigoria

ll Gubbio ha esordito a Trigoria contro la Roma. Finisce 3-0 per i giallorossi. In rete Fazio, Antonucci e Pastore. Un Gubbio dove il trainer Guidi ha sperimentato il modulo 4-3-3. La prima curiosità che viene fuori è che Cesaretti è stato schierato come centravanti. Ai lati nel tridente De Silvestro e Tavernelli. Un centrocampo a tre con il perno Ricci, mentre nel ruolo di mezzala hanno giostrato Malaccari e Sbaffo. In difesa il duo centrale con Konate e Bacchetti, sulle fasce Tofanari e Filippini. Queste sono le prime indicazioni che il tecnico Guidi ha trasmesso sul campo. Per la cronaca ha sbloccato la Roma al 14' con un colpo di testa perentorio di Fazio, sugli sviluppi di una punizione di Perotti. Al 39' ci prova Tavernelli con un tiro che finisce di poco a lato su assist di Cesaretti. Poco dopo anche Ricci ci prova con un tiro da fuori, ma la palla finisce in calcio d'angolo. Nella ripresa arriva il raddoppio giallorosso al 5' quando Pastore lancia Antonucci verso la porta e indisturbato non sbaglia, con un tiro rasoterra. Al 29' c'è spazio per Schick che centra la traversa, dopo un assist di N'Zonzi. Al 42' ecco la rete dello stesso Pastore che finalizza un triangolo veloce con Under che si prodiga in un pregevole pallonetto che taglia la difesa. Di seguito 10 foto del test (» vedi foto) concesse dall'As Gubbio 1910.
Tabellino: Roma - Gubbio (3-0):
Roma
(4-2-3-1): Mirante (1' st Lopez); Santon (1' st Florenzi), Mancini (29' pt Jesus), Fazio (16' st Capradossi), Spinazzola (1' st Kolarov); Diawara (1' st Pastore), Cristante (1' st Nzonzi), Defrel (1' st Under), Zaniolo (1' st Antonucci), Perotti (1' st Kluivert,); Dzeko (1' st Schick). A disp.: Karsdorp, Coric. All.: Fonseca.
Gubbio (4-3-3): Ravaglia (1' st Zanellati); Tofanari (1' st M. Conti), Konate (17' st Fondacci), Bacchetti (1' st Maini), Filippini (1' st Zanoni); Malaccari (1' st A. Conti, 36' st. Ricci), Ricci (1' st Cenciarelli), Sbaffo; De Silvestro, Cesaretti (24' st Tavernelli), Tavernelli (1' st Battista). A disposizione: Fondacci, Di Cato. All.: Guidi.
Arbitro: Perri di Roma.
Reti: 14' Fazio (R), 7' st Antonucci (R), 42' Pastore (R).

15 LUGLIO 2019
Le prime foto dal ritiro e quell'idea stuzzicante. Realtà, pazza idea o bluff? Mercato vivo...

Parte il ritiro con le prime immagini con il fotoreportage direttamente dal Pietro Barbetti a cura di Simone Grilli. Intanto c'è un'idea stuzzicante nel mercato: il Gubbio sta cercando un centravanti di peso, di ruolo, con esperienza, che faccia la differenza, per cui è una pedina da non sbagliare. D'altronde spesso e volentieri l'attacco si basa su un centravanti che sappia fare gol e soprattutto deve essere in grado di reggere il reparto. Il Gubbio è sempre sulle tracce del puntero Manuel Sarao della Virtus Francavilla. É un punto fisso sia del trainer Guidi sia del direttore sportivo Pannacci. Un colosso, un bomber con le caratteristiche adatte al gioco del mister fiorentino, adatto come punto di riferimento del 4-3-3 dinamico che vorrà sperimentare a Gubbio il neo tecnico dei rossoblù. Diciamo però che la trattativa per arrivare a Manuel Sarao si sta rivelando più complicata del previsto. La società pugliese di Francavilla Fontana non ne vuole sapere di liberarsene e l'ostacolo è rappresentato pure dalla scadenza del contratto (è legato fino a giugno 2020). Oltretutto il giocatore milanese è un elemento appetibile sul mercato (sirene da parte di Catanzaro, Reggiana e Reggio Audace), perciò è una strada che potrebbe portare ad un vicolo chiuso. Così la società eugubina si sta muovendo su altre piste. Si è parlato di Andrea Bianchimano che il Perugia ha messo in maniera ufficiale sul mercato: una pedina che piace ai rossoblù, ma anche in questo caso c'è concorrenza perchè è finito nel mirino del Teramo ma anche del Catania, ed in queste ultime ore si parla di un possibile ritorno in prestito dai grifoni al Catanzaro. Ma era uscito fuori il nome anche di Pierluigi Cappelluzzo, di proprietà dell'Hellas Verona, che è reduce dall'esperienza con l'Imolese. Come si è parlato di un possibile interessamento verso Cedric Gondo, il calciatore ivoriano reduce dall'esperienza di Rieti. Ma il Gubbio si guarda intorno, a 360 gradi. Sarebbero balenate alcune idee stuzzicanti, in particolare una indiscrezione clamorosa. Cioè la società ha pensato anche di riportare in rossoblù Ettore Marchi (che si trova al Monza). Ovvero un calciatore che non ha bisogno di presentazioni. É un elemento già prontissimo per integrarsi in un ambiente che conosce. D'altronde l'ambiziosa società brianzola ha già acquistato in attacco l'attaccante della Spal, Mattia Finotto, l'anno scorso 7 gol (e 27 presenze) in serie B con il Cittadella. Oltretutto la formazione di Brocchi sul fronte avanzato può contare sui confermati Brighenti, Jefferson e Chiricò. Nel mirino di Galliani & company ora sono finiti diversi nomi di centravanti di peso: Ceravolo del Parma, Ciofani del Frosinone, Ferrari del Genoa e Dionisi (sempre del Frosinone). Chiaro che Marchi è tutt'ora facente parte del Monza e partirà per il ritiro a partire dal 17 luglio a Brentonico. Diciamo subito che è una pazza idea che certamente potrebbe rimanere tale. Tuttavia ogni giorno si rincorrono nuove suggestioni e possono spuntare delle sorprese inaspettate. Di carne al fuoco ce n'è parecchia e si lavora su diversi fronti aperti.

14 LUGLIO 2019
Ricci: "Pronto a rimettermi in gioco dopo un anno travagliato. E Guidi mi ha mostrato fiducia"

Parte il pre-ritiro. Nella lista dei convocati figura Luca Ricci, classe 1999, che due anni fa era finito alla ribalta (lo seguivano anche squadre di categoria superiore) e l'anno scorso invece era finito quasi nel dimenticatoio. Ora fa parte del gruppo di Guidi. Ma qual'è il commento del diretto interessato? Ecco cosa ci dice: "Sono contento della scelta del mister che ha deciso di puntare su di me. Mi ha anche chiamato, mi ha mostrato interesse, questo fatto mi ha dato molta gioia. Sono consapevole che per me il prossimo anno sarà un campionato importante. Dicevo il mister Guidi e il direttore Pannacci mi hanno mostrato comunque ancora interesse nei miei confronti, e voglia di lavorare insieme. Pertanto sono contento". Due anni fa l'esplosione in serie C, poi l'anno scorso paradossalmente è stata una stagione quasi da dimenticare per le poche presenze. In cuor suo si è dato una spiegazione? "Non nego che sono rimasto un po' deluso. Comunque sia mi dispiace per come sia andata a finire con mister Galderisi perchè è una persona che il calcio lo conosce moltissimo. Diciamo che da parte sua c'è stata una scelta precisa, ovvero di puntare su altre persone in campo e meno su di me: ribadisco, mi è dispiaciuto di questo, però la colpa me la prendo sulle spalle anche io perchè reputo che alla fine il calciatore è sempre il protagonista di se stesso. Diciamo che è stata una stagione che mi è servita. Sicuramente mi è servita come bagaglio di esperienza per affrontare meglio la prossima stagione. Ho tanta voglia e tanta carica di dimostrare il mio valore". Pertanto intravede in questa prossima stagione una possibile rivincita a livello personale? "Assolutamente sì. É da tutta l'estate che sto pensando di incominciare e non vedo l'ora di iniziare questa nuova stagione, dopo un'annata passata travagliata. É chiaro quindi che cercherò di sfruttare questa possibilità per cancellare la passata annata".

13 LUGLIO 2019
Convocati per il ritiro in 24, ma con alcuni esodati. La lista di Guidi per il pre-campionato...

É arrivata la lista ufficiale dei convocati per il ritiro che è previsto in sede a partire dal 15 luglio. Ci sono altri quattro volti nuovi che faranno parte del gruppo. Sono il difensore ivoriano Dramane Konatè (che firmerà un biennale), il difensore spagnolo Rafa Munoz (anch'egli si parla di un biennale), oltre ai due portieri Federico Ravaglia ed Alessandro Zanellati che giungono in prestito rdal Bologna e dal Torino. In totale sono in 24 elementi convocati al Barbetti per lunedì, ma c'è da fare una sottolineatura. Come viene spiegato nel comunicato (quindi in maniera ufficiale), nel gruppo ci sono pure il portiere Gabriele Marchegiani, il terzino Niccolò Tofanari e il centrocampista Alessio Benedetti (tutti sotto contratto), ma in realtà sono in attesa di altra collocazione. In pratica non rientrano più nei piani della società. Inoltre vengono aggregati in maniera momentanea tre giovani provenienti dalla Berretti: sono Marco Fondacci, Bernardo Mariucci e Michele Di Cato. In pratica, al momento, la rosa effettiva è composta da 18 calciatori con questa lista: i portieri con Ravaglia e Zanellati, i difensori con Bacchetti, Filippini, Konatè, Maini, Rafa Munoz e Zanoni, i centrocampisti con Cenciarelli, Andrea Conti, Massimo Conti, Malaccari, Ricci e Sbaffo, infine gli attaccanti Battista, Cesaretti, De Silvestro e Tavernelli. Ma ecco la lista completa nel dettaglio nel link. Una rosa che al momento ha una media di 23,77 anni di età. Il più anziano del gruppo è l'attaccante Cristian Cesaretti (classe '87), il più giovane il centrocampista Andrea Conti (classe 2000). Mancano alcuni tasselli che adesso saranno definiti nel mercato estivo. Gli ex rossoblù. Il difensore centrale Michele Rinaldi, reduce dalla sua esperienza alla Viterbese, cambia casacca: in queste ultime ore si è accordato con la Feralpisalò dove ha firmato un contratto biennale. L'attaccante Alessandro Marotta lascia il Catania e firma con il Vicenza un contratto biennale. Inoltre il portiere Eugenio Lamanna è passato dallo Spezia al Monza firmando un contratto triennale. Tutti potrebbero essere avversari.

12 LUGLIO 2019
Dai ripescaggi al ritiro e l'amichevole con la Roma. Riammesse Fano e Virtus Verona in C

Storia di ripescaggi. Ritornano in pista tutte le formazioni che erano retrocesse nel girone. Infatti il Consiglio Federale della Figc ha espresso il suo parere definitivo sui prossimi campionati di serie C e ha riammesso Virtus Verona, Fano e Paganese mentre vengono ripescate dalla serie D il Modena e il Reggio Audace (al posto di Arzachena e Foggia che ripartono dalle serie minori). Escluse invece dal ripescaggio Bisceglie e Cerignola. A sua volta è stata presa la decisione di riammettere il Venezia in serie B, mentre viene escluso il Palermo. Pertanto il Gubbio si ritroverà di fronte tutte le retrocesse, se non ci saranno novità del tutto clamorose nel momento che verranno stilati i calendari, che saranno ufficializzati il prossimo 25 luglio. Anche se rimane un posto vacante perchè al momento ci sono 59 squadre iscritte (anzichè 60). Intanto il portale web Tuttomercatoweb.com prova a stilare i possibili gironi e il Gubbio sarebbe sempre nel girone B ma con questo ordinamento: Albinoleffe, Alma Juventus Fano, Arzignano Valchiampo, Carpi, Cesena, Feralpisalò, Fermana, Giana Erminio, Gubbio, Imolese, Padova, Ravenna, Renate, Rimini, Sambenedettese, Sudtirol, Triestina, Vicenza Virtus, Vis Pesaro e Virtus Verona. Se fosse così, la Ternana finirebbe nel girone C insieme al Teramo. Ovviamente questo può avvenire se si userà lo stesso criterio geografico dello scorso anno. Mentre il campionato vero e proprio inizierà il 25 agosto. Intanto la Gubbio Calcio ha comunicato ufficialmente che la preparazione pre-campionato inizierà lunedì 15 luglio con la truppa di Guidi che si radunerà nel pomeriggio in sede. La prima settimana di allenamento prevede una doppia seduta giornaliera, una mattutina (dalle ore 9) ed una pomeridina (dalle ore 17) presso lo stadio Pietro Barbetti. Inoltre viene comunicato che ci sarà un'importante amichevole il prossimo mercoledì 24 luglio. Infatti la squadra di Guidi sarà ospite a Roma nel centro sportivo di Trigoria dove disputerà una partita amichevole contro la prima squadra giallorossa allenata dal tecnico portoghese Paulo Fonseca. Il test amichevole in questione tuttavia sarà disputato a porte chiuse, anche se sarà trasmesso in diretta tv su Roma Tv (canale 213 di Sky). Breve news. Il coordinamento «Insieme per il Gubbio» fa sapere che il 13 luglio alle ore 18 presso la Piazza di San Martino si terrà un incontro per unire la città e tifosi: verrà riprodotto pure un video promozionale.

11 LUGLIO 2019
Mercato: Cattaneo a Piacenza (biennale), Plescia al Renate (triennale). Gubbio, idea Gondo

La prima notizia parte dagli ex. Soprattutto partiamo dal fantasista Luca Cattaneo, classe '89, che proprio da gennaio fino a giugno si trovava a Gubbio in prestito dal Novara. Questa estate si parlava che poteva essere una delle poche pedine da confermare e che avrebbe fatto parte del nuovo progetto. Non si è saputo più nulla. Adesso il colpo di scena: Cattaneo si è liberato dal Novara e ha firmato un contratto biennale con l'ambizioso Piacenza. Non è tutto. Un altro ex ha trovato una nuova squadra: si tratta dell'attaccante Vincenzo Plescia, classe '98, che è stato ceduto dall'Empoli al Renate dove ha sottoscritto un contratto triennale. Altro ex, il portiere Nicholas Battaiola ('96), ora si è trasferito dalla Cremonese al Fiorenzuola. Intanto un attaccante che era finito nel mirino del Gubbio si è accasato in verità altrove: stiamo parlando dell'attaccante ivoriano Emmanuel Latte Lath ('99), che è stato girato in prestito dall'Atalanta all'Imolese. Entriamo nel campo dei calciatori contrattualizzati, ma che in realtà potrebbero finire sul mercato. C'è un interesse verso il terzino destro dei rossoblù Niccolò Tofanari ('98), che il Gubbio la passata stagione lo aveva prelevato dalla Roma: l'ex calciatore giallorosso ora è entrato nel mirino della Reggina. Mentre un calciatore che in passato era in procinto a vestire la maglia del Gubbio è stato ingaggiato dalla Carrarese: stiamo parlando del difensore centrale Diego Conson, ceduto a livello definitivo dalla Reggina ai toscani. Intanto il Gubbio cerca di rinforzare l'attacco. Spunta il nome dell'ivoriano Cedric Gondo, classe '96, ruolo centravanti puro, reduce dall'esperienza di Rieti (con 30 presenze e 8 reti segnate). Anche se la pista principale resta sempre quella di poter ottenere l'attaccante Manuel Sarao in forza alla Virtus Francavilla: vedremo adesso chi la spunterà in questo vero e proprio braccio di ferro. La punta milanese piace molto al Gubbio e non vuole mollare la presa: il Virtus Francavilla lo vuole tenere mostrando a suo favore un contratto in essere fino a giugno 2020, oltretutto il calciatore piace anche a Catanzaro e Reggina (oltre che alla Reggio Audace). Il Gubbio cerca anche un terzino: sempre pista calda per arrivare al fluidificante destro Lorenzo Adorni ('98), ma adesso c'è concorrenza perchè c'è stato un sondaggio anche del Carpi. Si pensa allora pure al terzino Alessandro Garattoni ('98) che l'Imolese ha restituito dal prestito al Crotone, ma il calciatore piace anche al Venezia. Breve news. Il nuovo gruppo «Insieme per il Gubbio» apre una pagina facebook con "l'intento di unire e rendere parte attiva i tifosi del Gubbio, per dare voce al popolo di generazione in generazione, per portare la squadra più in alto, con gli ideali di collaborazione e passione".

10 LUGLIO 2019
Cenciarelli: "Sono un generoso, stile Gattuso, ma...". Firma pure il terzino Filippini (ex Lazio)

Altro acquisto, come già scritto da giorni. Adesso è ufficiale con il centrocampista Diego Cenciarelli che ha firmato un biennale con il Gubbio. Il calciatore nativo di Umbertide (ma vive a Cannara) esprime le sue prime parole in maglia rossoblù e ci spiega la sua scelta: "Mi hanno parlato bene dell'ambiente di Gubbio. Conosco il mister. Perciò è stata una scelta pensata, ma alla fine l'ho presa con una certa decisione". Ha detto che conosce il trainer Guidi, ce lo può presentare? "É un allenatore che propone un calcio propositivo. Gli piacciono i calciatori tecnici. Perciò penso che a Gubbio verranno elementi che sanno giocare a calcio. Sicuramente Guidi è un mister con delle idee innovative". Ma parliamo di Cenciarelli: si può definire un play o una mezzala? "Credo che il mister sappia tutto di me. D'altronde mi ha conosciuto quando avevo appena 8 anni. Ai quei tempi ero un calciatore molto tecnico. Con il passare degli anni ho affinato altre caratteristiche. Sono un calciatore generoso. Mi piace recuperare la palla. Diciamo che mi posso definire un Gattuso ma con i piedi un po' più buoni". Ma su un 4-3-3 dove può essere schierato? "Sono una mezzala. Negli ultimi anni ho fatto questo ruolo. Mi piace sia inserirmi che tornare indietro per recuperare palla in fase di interdizione". Diciamo inoltre che ha scelto Gubbio nonostante le lusinghe di Virtus Francavilla e Arezzo, non è così? "Sì, è vero. Alla fine però ho deciso Gubbio perchè a mio avviso c'è una società seria, che ha degli obiettivi prefissati e di sicuro vuole migliorare l'andamento delle ultime due stagioni. D'altronde anche io sono qua per questo e per dare un contributo alla causa". Appunto, ha citato la società, il suo primo impatto? "Direi che è stato molto positivo con il presidente (Notari ndr) e con il direttore (Pannacci ndr). Sono stato pure nella sua azienda. Mi hanno accolto molto bene. Ed io ribadisco che sono felice di questa scelta e adesso è arrivato il momento di concentrarci sul campo. Pertanto non vedo l'ora di poter incominciare". Oltre a Cenciarelli, è arrivata anche la firma del terzino sinistro Lorenzo Filippini, 23enne, proveniente dalla Lazio: per anch'egli si parla di un accordo biennale. Intanto la società, tramite un comunicato stampa, fa sapere che grazie alla collaborazione fattiva con il nuovo gruppo creatosi, denominato «Insieme Per il Gubbio», si terrà una campagna promozionale degli abbonamenti (e successivi eventi) fuori dalle mura della città: la nota specifica che saranno coinvolti i territori limitrofi di Umbertide, di Pietralunga, Scheggia, Sigillo, Fossato di Vico, ma anche Fabriano, Pergola, Cantiano, Cagli e Urbino.

09 LUGLIO 2019
Gubbio, un puzzle da definire con il rebus attacco. Ex: Chinellato firma (biennale) al Lecco

Gubbio, si parte lunedì per il pre-ritiro in sede. Con una squadra che sta prendendo forma, ma è ancora da definire. Partiamo da Zoff. Sicuramente si aggregheranno al gruppo i portieri Federico Ravaglia ('99) e Alessandro Zanellati ('99) che arriveranno direttamente dal Bologna e dal Torino con la formula del prestito. Ma se non ci saranno novità di rilievo, ci sarà pure l'estremo difensore Gabriele Marchegiani ('96) che è sotto contratto con il Gubbio: la società vorrebbe cederlo, ma al momento è tutto fermo. In difesa ufficializzato l'arrivo del difensore centrale Loris Bacchetti ('93) dal Monopoli, insieme al terzino sinistro Enrico Zanoni ('99) dall'Atalanta. Dovrebbero far parte del gruppo già da lunedì pure il difensore spagnolo Rafa Munoz ('94) che si è appena svincolato dal Marbella, poi il difensore ivoriano Dramane Konatè ('94) che proviene dal Fano e possibilmente il terzino sinistro Lorenzo Filippini ('95) che è della Lazio. In difesa poi sono aggregati il terzino Niccolò Tofanari ('98) e il centrale Marco Maini ('95) che sono sotto contratto, mentre sulla via di partenza c'è Lorenzo Schiaroli ('98) verso Foligno. Invece per il centrocampo potrebbe esserci il nuovo volto Diego Cenciarelli ('92) che dovrebbe firmare un biennale in settimana, in aggiunta quelli sotto contratto come Luca Ricci ('99), Massimiliano Conti ('98), Nicola Malaccari ('92) che ha rinnovato con il Gubbio per un'altra stagione e Alessio Benedetti ('90), anche se il Gubbio vorrebbe cederlo (stessa grana simile per il discorso Marchegiani). Inoltre c'è il fantasista Alessandro Sbaffo ('90) che può fungere da jolly nella parte nevralgica del campo. In attacco è rebus perchè al momento ci sono solo quattro calciatori a disposizione: ovvero l'ala Elio De Silvestro ('93) che ha appena rinnovato con un biennale con il Gubbio, il neo acquisto Cristian Cesaretti ('87) che è arrivato dalla Paganese, oltre ai già presenti Ignazio Battista ('97) e Camillo Tavernelli ('99). Quindi potrebbero esserci a disposizione venti calciatori, dove potrebbero essere aggiunti alcuni calciatori della Berretti. Così al momento attuale, guardando un ipotetico undici titolare (rispetto alla passata stagione), può cambiare di sei undicesimi (pari al 55%). Come dicevamo, l'incognita maggiore arriva dall'attacco. Il Gubbio infatti cerca un centravanti di peso con un punto fermo, ma la situazione con Manuel Sarao ('89) non si sblocca: d'altronde il calciatore milanese è sotto contratto fino a giugno 2020 con il Virtus Francavilla e la società pugliese non ha assolutamente intenzione di liberarsene così facilmente. Oltre a ciò, Manuel Sarao è una pedina che piace e ci sono alcune squadre che lo seguono, tra le quali pure la Reggio Audace (del nuovo tecnico Max Alvini) che spera in un ripescaggio in serie C. Insomma, la situazione è ingarbugliata e non è escluso che si potrebbero prendere altre vie. Come è avvenuto con il difensore Edoardo Blondett ('92) che guarda caso si è appena svincolato dalla Casertana (infatti il Gubbio ci aveva fatto un reale pensierino), ma il calciatore è molto appetibile sul mercato e ora potrebbe finire alla Reggina del neo allenatore Domenico Toscano. Breve news. Due ex, due ufficialità: il difensore Marcos Espeche firma con la Reggio Audace, mentre il centravanti Matteo Chinellato passa dal Padova al Lecco e con la società lombarda ha firmato un biennale.

08 LUGLIO 2019
Al via gli abbonamenti. Con sconti del 26% (di media). Mercato: Schiaroli verso il Foligno

Prende ufficialmente il via la campagna abbonamenti della Gubbio Calcio. Con lo slogan «Uniti per Vincere». Rispetto all'anno scorso sono stati apportati uno sconto sulle tessere di abbonamento pari al 26% di media. Andiamo nel dettaglio. Un abbonamento per la curva costerà 75 euro (anzichè 95 euro), con un sconto rispetto alla passata edizione del 21%. Per la gradinata il costo è di 140 euro (anzichè 175 euro), per uno sconto del 20%. Per la poltroncina laterale costerà 150 euro (anzichè 195 euro), una riduzione del 23%. Per la Tribuna Vip ci vorranno 300 euro (anzichè 380 euro), per uno sconto del 21%. Tutte le donne in tutti i settori pagheranno 60 euro (anzichè 80 euro), cioè il 25% in meno. I ragazzi dai 15 ai 18 anni pagheranno 30 euro (anzichè 50 euro), per uno sconto del 40%. Per i ragazzi dagli 8 ai 14 anni si pagherà 10 euro (anzichè 15 euro), per uno sconto del 33%. La tessera di abbonamento sarà valida per tutte le 19 partite che si giocheranno in casa al Barbetti. Di seguito ecco la locandina ufficiale (» vedi). Mercato. Ci giungono conferme che il centrocampista Diego Cenciarelli ha trovato l'accordo (per un biennale) e firmerà nei prossimi giorni, nonostante le lusinghe di Arezzo e Virtus Francavilla. Si complica la pista che porta al terzino Alessandro Garattoni: il difensore laterale infatti è pronto a lasciare l'Imolese, ma potrebbe raggiungere il suo allenatore Alessio Dionisi che si è appena accasato a Venezia dove guiderà la panchina dei lagunari. Pertanto si apre la pista che porta al terzino destro Lorenzo Adorni, classe '98, che si è appena svincolato dal Parma: il calciatore nativo proprio di Parma era già venuto a Gubbio lo scorso gennaio, ma poi per problemi di transfer (tra Parma e Monza) non fu possibile ingaggiarlo. Adesso torna in auge per un obiettivo ben preciso e cioè serve un tassello under. In attacco torna in pista il nome di Pierluigi Cappelluzzo, classe 1996, che già lo scorso gennaio era finito nel mirino del Gubbio per prelevarlo dall'Hellas Verona: però il centravanti di Montepulciano poi si trasferì in prestito all'Imolese, ma ora è tornato alla base nella società scaligera. Piace inoltre la punta Simone Magnaghi, classe '93, che si trova al Pordenone. Infine il difensore Lorenzo Schiaroli ('98) è pronto a vestire la maglia del Foligno (neopromosso in serie D): c'è l'accordo, ma ora spetta al Gubbio dare l'ultima parola perchè il calciatore urbinate è sotto contratto.

07 LUGLIO 2019
Stretta per Cenciarelli. Ma ci sono altri colpi in arrivo. Espeche, possibile a Reggio Emilia

La prima notizia è la seguente. A quanto pare si è sbloccata la strada che porta al centrocampista Diego Cenciarelli, classe '92, ormai ex Viterbese. Alcuni giorni fa si parlava addirittura che era molto vicino alla Virtus Francavilla. Ma il calciatore nativo di Umbertide alla fine ha deciso di approdare a Gubbio per firmare un biennale (notizia data sabato da Tuttomercatoweb.com). Si tratterebbe del terzo biennale stagionale, dopo quello firmato dal difensore Bacchetti e dal fantasista Sbaffo. Mentre l'altro neo acquisto l'attaccante Cesaretti si è accordato con il Gubbio con un contratto annuale. Inoltre si è aggiunto alla lista il terzino sinistro Enrico Zanoni ('99) proveniente in prestito dall'Atalanta. Si registra anche il rinnovo con l'attaccante Camillo Tavernelli ('99): in prima squadra aveva esordito per la prima volta con l'allenatore Magi tre stagioni fa. Ora si aspettano ulteriori rinforzi necessari. Ovvero l'arrivo dei portieri Ravaglia dal Bologna e Zanellati dal Torino. Inoltre si sta trattando con i difensori Munoz del Marbella, Konate dal Fano e Filippini della Lazio. Sempre calda la pista per cercare di ottenere dalla Roma il mediano Bordin. In attacco come centravanti piace sempre Sarao che è sotto contratto con la Virtus Francavilla. L'alternativa potrebbe essere l'attaccante Simone Rosso ('95) della Pro Vercelli, anche se la trattativa non è così semplice. Si pensa pure ad un terzino destro che può fungere anche da laterale mancino: si tratta di Alessandro Garattoni, classe '98, in forza all'Imolese. Storia di ex. Partiamo dal difensore centrale Marcos Espeche che è finito in scadenza di contratto con il Gubbio e ci sarebbe un interesse: secondo quanto riporta il quotidiano sportivo nazionale il Corriere dello Sport, il calciatore argentino potrebbe finire alla Reggio Audace di Reggio Emilia. Inoltre l'attaccante Matteo Chinellato del Padova potrebbe finire in prestito al Lecco, appena neopromosso in serie C. Mentre l'ex fantasista dei rossoblù Daniele Casiraghi dà subito il benvenuto ai suoi nuovi tifosi del Sudtirol dalla pagina Facebook dell'Fc Suedtirol.

04 LUGLIO 2019
Sbaffo: "Sono un calciatore duttile, sono pronto per Guidi ". Arriva anche il terzino Zanoni

É il terzo acquisto ufficiale del Gubbio. Una trattativa che era stata avviata (che avevamo anticipato lo scorso 25 giugno) ed è andata a buon fine. Adesso il poliedrico Alessandro Sbaffo, classe '90, si è accordato con il Gubbio e ha firmato un biennale. Ecco cosa ci dice, sono le prime parole in rossoblù per il calciatore di Loreto: "Ero svincolato dall'Albinoleffe. Il Gubbio mi ha cercato. Con il mister Guidi ci avevo parlato già due o tre volte al telefono. Mi ha fatto capire che ci teneva, ho preso in considerazione la proposta e ci ho pensato con calma. Parlando con il mio procuratore ho capito che poteva essere la scelta giusta e una proposta interessante. Così abbiamo trovato l'accordo". Diciamo che Sbaffo spesso è stato la bestia nera del Gubbio. In serie B realizzò una doppietta con la maglia dell'Ascoli nel 3-2 di Gubbio, due stagioni fa segnò il gol vittoria del 2-1 dell'Albinoleffe contro i rossoblù, che costò la panchina a Cornacchini. Insomma, adesso non c'è più questo pericolo... "Sì, certamente. Speriamo adesso di segnare con il Gubbio". Altra curiosità: Sbaffo è un calciatore che ha giocato in più ruoli in carriera, da seconda punta, come trequartista, ma anche come mezzala. Ma qual è il ruolo che preferisce? "A dir la verità ho giocato pure da play, cioè davanti alla difesa. A volte ho giocato pure centravanti. Ormai il calcio è diventato veloce, certi ruoli sono un po' passati, pure i moduli sono cambiati. Perciò il calciatore deve essere duttile e deve saper fare più cose possibili. A centrocampo devi essere capace di stare in tutte le zone del campo. Insomma, devi sapere fare un po' tutto. Secondo me questa è un'arma, cioè una possibilità in più per poter aiutare ancora di più una squadra e l'allenatore. Sono stato spostato in più ruoli, ma è una caratteristica che ho sempre avuto. Poi sarà il mister a mettermi nel posto giusto, ma penso che abbia le idee chiare. E mi confronterò quando ci vedremo, ma mi fido di lui". Di solito Guidi gioca con un 4-3-3, perciò Sbaffo può fare la mezzala in tal senso? "Ma penso proprio di sì". E al primo impatto con la società eugubina, le sue sensazioni? "Ho trovato una società con delle persone con le quali ci si può parlare. Talvolta ti incontri con persone che è difficile parlarci oppure si sentono un gradino al di sopra di te. Mi è piaciuto l'ambiente che trasmette tranquillità: non solo abbiamo chiaccherato, ma abbiamo anche scherzato e dico che è stato piacevole. Siamo arrivati a questo accordo e credo che siamo contenti da tutte e due le parti". Il fantasista Daniele Casiraghi firma un biennale (con opzione per il terzo anno) con il Sudtirol. Un altro ex, l'attaccante Vincenzo Plescia, l'anno scorso a Gubbio, potrebbe finire al Renate dall'Empoli. Ufficiale un quarto acquisto: un prestito dall'Atalanta, il terzino sinistro Enrico Zanoni ('99).

03 LUGLIO 2019
Attacco, puzzle da definire: Sarao per adesso è in pole. Mediana, conferme sull'idea Bordin

Per l'attacco certi obiettivi sono già pedine del desiderio di altri clubs. L'aitante attaccante Andrea Bianchimano (196 centimetri; 23enne), di proprietà del Perugia, piace al Gubbio dopo che è rientrato dal prestito di Catanzaro (14 presenze e 5 reti). La punta dei grifoni è finito nel mirino del Teramo che ha ingaggiato come allenatore Bruno Tedino (ex tecnico di Pordenone e Palermo). Secondo quanto riferiscono in terra abruzzese (da Rete8.it), lo stesso Bianchimano è diventato l'obiettivo primario e potrebbe arrivare in biancorosso dal club umbro in prestito con diritto di riscatto. Il Teramo adesso ha forti ambizioni e vuole tesserare il centravanti del Perugia, anche se ci sarebbe stato un approccio del Catania, dove sta firmando l'ex tecnico dei grifoni Camplone. Altro obiettivo dei rossoblù è l'attaccante Domenico Danti della Virtus Verona (autore di 10 reti in 35 partite nella passata stagione), però a quanto pare si è scatenata un'agguerrita concorrenza. Nei giorni scorsi infatti era finito nel mirino della Reggina. Ma nelle ultime ore si sarebbe fatto sotto il Vicenza e (come scrive Tuttomercatoweb.com) ci sarebbe l'interessamento pure di una società di serie B, il Cittadella, reduce dalla finale promozione persa contro l'Hellas Verona. Invece adesso è passato sotto silenzio il possibile arrivo dell'attaccante Emamanuel Latte Lath dell'Atalanta: la pista che porta al calciatore ivoriano si è freddata? Tutto è da vedere, ma nelle ultime ore pare che ci sia stato un interessamento del Cesena. Lo stesso Cesena tra l'altro ha messo gli occhi sul centravanti Matteo Chinellato del Padova, reduce dall'esperienza in terra eugubina. Allora il Gubbio adesso sta puntando tutto sul centravanti Manuel Sarao ('89), colosso di 192 centimetri, dove alla Virtus Francavilla nell'ultima stagione ha realizzato 11 reti in 34 presenze. Un calciatore che proprio in terra pugliese viene definito "Sarao meravigliao", soprattutto dopo l'eurogol segnato al Catania nei minuti di recupero lo scorso aprile. Infatti la società di Francavilla Fontana non vuole privarsi del suo centravanti che è ancora sotto contratto fino a giugno 2020 con i biancoazzurri. Perciò questa trattativa potrebbe allungarsi nei tempi e non è escluso che potrebbe esserci un braccio di ferro. Sotto traccia ci sarebbe pure l'interessamento del Cesena perchè il Ds bianconero Pelliccioni ha avuto proprio Sarao ai tempi del Monopoli. Da Perugia intanto arrivano conferme di un interesse del Gubbio verso il playmaker Alessandro Bordin che è tornato alla Roma per fine prestito. Lo scrive il sito Calciogrifo.it, dove si legge che «il ds del Gubbio, Pannacci, valuta il 21enne Bordin, dopo il recente passato con Perugia e Ternana». Perciò la pista è molto calda che porta verso Bordin.

02 LUGLIO 2019
Sandreani: "Cambio pagina e riparto dall'Angelana. Gubbio è stata casa mia, ora è il passato"

Nuova avventura per l'ex bandiera del Gubbio. Prima da calciatore, poi nel ruolo di direttore tecnico e negli ultimi periodi (compresa una parte dell'ultima stagione) come allenatore. Stiamo parlando per la precisione di Alessandro Sandreani che è diventato il nuovo tecnico dell'Angelana. Con lui ci sarà pure Enea Corsi che era stato già suo collaboratore con il Gubbio. Perciò cambia lo scenario, si cambia parentesi, come è nata questa scelta? Il tecnico cantianese ci risponde così: "Tra le tante squadre che mi hanno cercato (anche di categoria superiore), l'Angelana è stata la società che mi ha voluto di più. Una società realista, alla mano. Una società oltretutto lungimirante e pure questo è stato preso in considerazione. Si punta sui giovani, a maggior ragione si è scelto un allenatore giovane. Diciamo che Enea Corsi è un ragazzo fantastico sia a livello umano che professionale, perciò con lui ho cercato la continuità. Aggiungo che le sensazioni sono molto positive, con un rapporto molto umano e pertanto va bene così". Una curiosità: Sandreani ha iniziato a fare l'allenatore nelle giovanili del Gubbio quando Bove era il responsabile tecnico e proprio nelle ultime ore ha lasciato i rossoblù per approdare alla Vis Pesaro. Un commento? "Lucio è stata una persona molto importante per me e per il settore giovanile, evidentemente avrà trovato le sue ragioni. Del resto posso aggiungere che ho dato veramente la vita per Gubbio. Per me Gubbio ha rappresentato tutto. Ma ormai in questo momento Gubbio fa parte del passato. Perciò per il momento non parlerò del Gubbio. Adesso per me si aprirà un nuovo scenario tutto nuovo, però è altrettanto chiaro che non dimenticherò 17 anni passati a casa. Dico questo perchè Gubbio per me ha rappresentato casa mia. Un mio particolare ringraziamento va proprio ai tifosi del Gubbio". Adesso in casa rossoblù si è cambiato pagina, a partire dall'allenatore Guidi ed una squadra che a quanto pare cambierà pelle. Cosa pensa? "Credo che non spetta a me dare un giudizio, tanto meno dare dei consigli a Guidi. Sapranno loro come muoversi e cosa servirà per questa squadra con la loro bravura e la loro competenza. Spero che il passato serva da lezione. Non aggiungerei altro". E allora, in bocca al lupo per la nuova avventura e Alex Sandreani ci risponde: "Crepi!". Breve news. Con l'addio di Lucio Bove come responsabile delle giovanili che si è appena accasato alla Vis Pesaro, il suo ruolo verrà ricoperto da Gianni Francioni: è eugubino, ex stopper dei rossoblù, è stato allenatore delle giovanli del Gubbio in passato, oltre che trainer del Gualdocasacastalda e Angelana.

01 LUGLIO 2019
Mercato: idea play con Bordin. Casiraghi verso il Sudtirol. Giovanili: Bove alla Vis Pesaro

Mercato sempre in evoluzione. Si sapeva che il Gubbio stava cercando un playmaker e sta provando ormai da settimane a prendere il mediano metodista Diego Cenciarelli, classe '92, che si trovava fino ad ora alla Viterbese. Il calciatore nativo di Umbertide ha giocato anche con il Teramo e il Perugia. Ci si sta provando per trovare un accordo tra le parti. Ma adesso, nella lente di ingrandimento, finisce un altro centrocampista che potrebbe rientrare nell'ottica degli under da schierare: il nome è quello di Alessandro Bordin, classe 1998, di proprietà della Roma. Il calciatore di Latina è un autentico playmaker di centrocampo, la scorsa stagione si trovava in prestito al Perugia in B, in passato ha giocato con la Ternana (sempre in B), mentre è cresciuto proprio nella Roma. Diventa adesso un obiettivo primario per quanto riguarda la linea verde. D'altronde, dalla prossima stagione, sarà possibile ottenere solo sei under da un prestito gratuito per la serie C. E in questo ambito il Gubbio sta cercando di colmare il puzzle puntando su due portieri (in pole ora Ravaglia del Bologna e Zanellati del Torino), due difensori (tra cui uno dovrebbe essere il terzino sinistro Zanoni dell'Atalanta), un centrocampista (individuato il già citato Bordin come scelta primaria) e un attaccante. Da qui usciranno la lista dei giovani (da schierare per 270 minuti a partita per accedere ai contributi federali), che si aggiungeranno ai calciatori che già sono sotto contratto come i centrocampisti Luca Ricci ('99) e Massimo Conti ('98), e l'attaccante Camillo Tavernelli ('99). Tutta da verificare invece la posizione del difensore Lorenzo Schiaroli ('98) che invece potrebbe essere ceduto in prestito. Una situazione analoga e tutta da decifrare per il portiere Gabriele Marchegiani ('96) e il centrocampista Alessio Benedetti ('90) che sono sotto contratto. Ma adesso si arriva a due notizie clamorose. La prima riguarda il settore giovanile dei rossoblù. Lucio Bove non è più il responsabile tecnico delle giovanili del Gubbio e si accasa altrove: è stato raggiunto l'accordo con la Vis Pesaro e sarà appunto il nuovo responsabile delle giovanili dei biancorossi. La società vissina, tra l'altro, con un blitz vero e proprio, si è aggiudicata le prestazioni dell'attaccante Alessandro Tascini (classe '92) del Bastia Umbra (autore di 17 reti in 35 presenze in serie D nella passata stagione): la punta tuderte era finito nel mirino del Gubbio in questo mercato estivo. L'altra notizia riguarda un ex, ovvero Daniele Casiraghi, che nell'ultima parte del campionato aveva indossato anche la fascia di capitano. Il fantasista lombardo ha trovato l'accordo con il Sudtirol e dovrebbe firmare a breve: una notizia che viene data dal portale web Tuttotritiumgiana.com, il quale scrive in maniera esplicita che Casiraghi ha accettato l'offerta della squadra altoatesina (nonostante la concorrenza di Pordenone e Ternana). É stato determinante per la scelta l'approdo sulla panchina del Sudtirol di Stefano Vecchi, cioè il tecnico che nel 2011 aveva fatto esordire Casiraghi a soli 18 anni in Lega Pro nella Tritium. Ora Daniele Casiraghi (classe '93) firmerà un contratto biennale, con opzione di rinnovo per il terzo anno con il Sudtirol.

[vai a inizio pagina] [vai alle news] [vai all'archivio news]

Ultimo aggiornamento - Last update
data 20.05.2024 ora 22:00

Info: > Privacy e Cookie Policy

Copyright 2021
Aut. 22/2006 Registro dei Periodici del Tribunale di Perugia 20/01/2006
Iscrizione Roc al numero 21309

Sito web dal 2001 - copyright 2024

PROVVED. n. 231 GAZZETTA UFFICIALE n.163 del 9 luglio 2021
ART.13 REGOLAMENTO UE n.2016/679
D.LGS. ART. 122 DL 196/03
G.U. ART. n.229/14:

Questo sito usa cookie tecnici utilizzati al solo fine di erogare il servizio per il suo funzionamento, pertanto non usa cookie di profilazione e non coinvolge terze parti come viene indicato nell'informativa estesa sopra indicata nel banner   

MAIN SPONSOR
(CLICK CON FINESTRA GRANDE)

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPAZIO BANNER E INFO:

Media Spettatori
Lega Pro - Girone B
Stagione 2023/2024
Dopo 38 giornate:

Cesena
Spal
Pescara
Ancona
Torres
Perugia
Arezzo
Rimini
Lucchese
Carrarese
Vis Pesaro
Entella
Gubbio
Fermana
Pineto
Olbia
Recanatese
Pontedera
Sestri Levante
Juventus Ng

10090
6510
4260
4170
3770
3600
3410
3320
2380
1570
1500
1430
1350
1300
970
860
650
610
580
110

Media spettatori:
>
La scheda

Dati media:
La Gazzetta dello Sport

Lega Pro
Girone B - 2023/2024

Abruzzo (2)
Pescara, Pineto
Emilia-Romagna (3)
Cesena, Rimini, Spal
Liguria (2)
Sestri Levante , Virtus Entella
Marche (4)
Ancona, Fermana, Recanatese, Vis Pesaro
Piemonte (1)
Juventus Next Gen
Toscana (4)
Arezzo, Carrarese, Lucchese, Pontedera
Umbria (2)
Gubbio, Perugia
Sardegna (2)
Olbia, Torres

Amarcord rossoblu


Anno 2011-2012 Serie B:

MATCH CLOU:

1 ottobre 2011:

Gubbio-Verona 1-1
Spettatori: 3911

24 ottobre 2011:
Gubbio-Torino 1-0
Spettatori: 4173

6 gennaio 2012:
Gubbio-Bari 2-2
Spettatori: 3821

28 gennaio 2012:
Gubbio-Sampdoria 0-0
Spettatori: 3977

28 aprile 2012:
Gubbio-Pescara 0-2
Spettatori: 4434

Info: > Privacy e Cookie Policy