SERIE C - GIRONE B
DECIMA GIORNATA
SAB. 19 OTTOBRE 2019
STADIO "DRUSO"
ORE15

SUDTIROL

3

GUBBIO

0

UNDICESIMA GIORNATA
MERC. 23 OTTOBRE 2019
STADIO "PIETRO BARBETTI"
ORE18:30

GUBBIO-IMOLESE

> Calendario in pdf.: (scarica)

Clicca le immagini rossoblu!

Classifica

Padova
Vicenza
Carpi
Reggiana

Sudtirol
Sambenedettese
Piacenza
Virtus Verona
Feralpisalo
Ravenna
Triestina
Vis Pesaro
Cesena
Modena
Fano
Fermana
Rimini
Arzignano Valc.
Gubbio

Imolese

22
21
20
19
19
18
17
16
15
13
13
11
11
11
10
9
8
8
6

5

Link Banner: Risultati Calcio:

Risultati Calcio...

DECIMA GIORNATA
DOM. 20 OTTOBRE 2019

Carpi
Fano

2
0

Imolese
Feralpisalo

0
1

Modena
Fermana

1
1

Ravenna
Arzignano Valchiampo

1
2

Rimini
Cesena

1
1

Sambenedettese
Virtus Verona

1
2

Triestina
Padova

2
0

Vicenza
Reggiana

1
0

Vis Pesaro
Piacenza

1
0

-

Marcatori 2019-2020
Serie C - Girone B

Paponi Piacenza
Cernigoi Sambenedet.
Morosini Sudtirol
Odogwu Virtus Verona

8
7
6
6

Vedi lo stadio Barbetti!

Marcatori Gubbio
2019-2020

Cesaretti
Sbaffo
Munoz
Zanoni

3
3
1
1

Scopri la nostra citta!

UNDICESMA GIORNATA
MERC. 23 OTTOBRE 2019

Gubbio-Imolese

Arzignano Val.- Vicenza

Carpi-Modena

Cesena-Sudtirol

Fano-Vis Pesaro

Feralpisalò-Piacenza

Fermana-Triestina

Padova-Sambenedet.

Reggina-Rimini

Virtus Verona-Ravenna

Link Partners:

Calcio in Diretta
Risultati.it

Calcioland.forumfree.it
Tuttocampo.it

Info e pubblicita:

redazione@gubbiofans.it

[vai alle news] [vai all'archivio news]

30/05/2006
Cacciatori: "Dopo la mia città Ascoli, viene Gubbio: con questo ho detto tutto..."

Storie del passato che riaffiorano nel presente. Proponiamo una nuova puntata della nostra rubrica "Lo sapevate che?". Questa volta abbiamo intervistato un calciatore cardine della formazione rossoblù a partire dal 1985 al 1989. Stiamo parlando di Massimo Cacciatori, ex portiere di Sampdoria, Inter e Lazio, attualmente in forza nel settore tecnico in Figc. Prima domanda. Come nacque la scelta di venire a Gubbio? "Avevo deciso in un primo momento di sospendere l'attività - svela Cacciatori a Gubbiofans - poi l'ingegner Parruccini, che all'epoca era vice-presidente della Lazio, conosceva il dottor Vispi e dopo tanti tentativi mi convinsero a venire a Gubbio. Dovevo giocare solo per alcuni mesi e invece...!". Che ricordi si porta dietro? "Sono stato a Milano, Genova, Roma, Cagliari e in tante altre piazze. Ma dopo Ascoli, che è la mia città, sono legatissimo a Gubbio e la metto al secondo posto. In poche parole ho detto tutto". Il ricordo più bello? "Sportivamente mi sembra d'obbligo menzionare la famosa promozione nello spareggio del Curi di Perugia nel 1987. Ma di ricordi ne ho avuti tanti veramente belli, sia sportivi e non. Fu un periodo indimenticabile". Proprio in quello spareggio ci un fu un duello infinito tra Cacciatori e Di Prete... "Al di là di quello - spiega - direi che fu il coronamento di un grande lavoro che sfociò con una vittoria storica e incredibile che tutti ancora ricordano. Personalmente l'annovero tra le più care". Avendo calcato nella sua carriera tanti campi di serie A, se lo sarebbe mai aspettato che per uno spareggio di serie D venisse così tanta gente? "Da esterno sarei rimasto stupefatto. Ma dopo essere stato un paio di anni a Gubbio e aver vissuto all'epoca la passione sportiva degli eugubini, non mi meravigliò affatto tutta quella affluenza e quel calore". Oltre allo spareggio, ci furono sfide accese anche nei derby con Perugia e Ternana... "È vero e mi porto dietro tanti ricordi belli. In particolar modo mi viene in mente il derby di Terni quando vincemmo per 4-1: quella rappresentò l'ultima mia partita giocata tra i professionisti dopo 25 anni di carriera e uscì tra gli applausi". Il compagno di squadra che ricorda più volentieri? "Chi più e chi meno li ricordo tutti con grande affetto e stima. Erano giocatori che, oltre ad avere capacità sportive, erano ragazzi encomiabili". Un giudizio su Roscini e Landi? "Entrambi erano dei tecnici molto preparati, innamorati del lavoro e umanamente erano delle persone eccezionali". Un anedotto o un retroscena da raccontare? "Bisognerebbe veramente scrivere un libro di tante pagine. - risponde sorridendo - Due ricordi su tutti. Una volta con l'arbitro Collina ho fatto espellere un compagno di squadra che dava i numeri e portava il nome di Ciucarelli. Una sera invece abbiamo portato un noto personaggio un po' particolare di Gubbio a folleggiare a Perugia con una sveglia al collo". Per concludere. Cosa augura al Gubbio di oggi? "Prima di parlare del presente voglio tornare a ritroso facendo una premessa. Mi ricordo quella tifoseria appassionata e calorosa, che sentiva l'eugubinità sotto la pelle e che non è andata quasi mai oltre le righe. Detto ciò non posso che augurare al Gubbio di oggi i successi o quanto meno la gioia che abbiamo assaporato noi un po' di anni fa... perchè spesso con il divertimento e con il sorriso sulle labbra si raggiungono obiettivi impensati".

28/05/2006
Il Modena vince il "Torneo Città di Gubbio"

Al "Pietro Barbetti", il Modena ha battuto in finale per 5-4 l'Arezzo dopo la lotteria dei calci di rigore (i novanta minuti regolamentari erano terminati sullo 0-0). Si è proceduto ad oltranza: decisiva la parata dell'eugubino Vergari su tiro dagli undici metri di Ranocchia; di conseguenza Gardella ha regalato dal dischetto il successo al Modena. Il Trofeo “Ylenia Cernecchi” è stato attribuito a Matola del Modena, giudicato il miglior calciatore del Torneo; il Trofeo “Spartaco Ghini” per il giocatore più combattivo è andato al difensore Ranocchia (Arezzo). Il Trofeo legato alla memoria di Angelo Barberini per il titolo di capocannoniere se lo è aggiudicato l'attaccante juventino Bottone. Infine, il Trofeo “Pietro Barbetti” previsto per il calciatore valorizzato dal Torneo "Città di Gubbio" se lo è aggiudicato l'eugubino Francioni del Modena.
Tabellino finale Modena-Arezzo (5-4 rig.):
Modena: Vergari, Ricchi, Caselli, Morselli, Drame, Redzepi, Matola, Rendina (Gardella), Bellesia, Rosi (Tedesco), Budresi (Mirani). All. Pulga.
Arezzo: Violini (Lancini), Corral, Sereni, Matrone, Ranocchia, Sensi, Del Grande (Lucherini), Gai, Simonetta, Calderini, Bazzoffia (Pallanti). All. Rubinacci.

26/05/2006
Gubbio: "tavola rotonda" con Castagner, Sollier, Ghini, D'Orsi, Cacciatori e Savi...

Dibattito vivo e interessante all'insegna del "calcio vero" che si è tenuto presso la Sala Trecentesca del Palazzo Comunale di Gubbio. Discussione incentrata sul calcio "malato" di oggi e le differenze che intercorrono con il passato con tanti nomi illustri. Ilario Castagner, ex allenatore del Perugia dei miracoli, dice la sua: "Il calcio adesso sta attraversando un gran caos. La soluzione? Un nome su tutti Collina, per la sua trasparenza. E Borrelli ha le carte in regola per andare fino in fondo. Il calcio è piacere e bisogna divertirsi nel commentarlo. Oggi purtroppo non succede questo". Il parere di Paolo Sollier, ex calciatore del passato del Perugia in serie A: "Rispetto a prima manca lo stile. Per carità, anche in passato c'erano squadre più favorite rispetto alle altre, però non esisteva un condizionamento psicologico così evidente. È giunto il momento che alcuni ex calciatori prendano parte della federazione, mentre gli arbitri devono essere autonomi e non dipendenti della stessa Lega Calcio. Una chiave di svolta? Allevare la tecnica e far divertire i calciatori. Il pubblico è sempre di meno negli stadi. Adesso ci sono troppe partite in tv". La parola ad un altro ex campione, Massimo Cacciatori (ex portiere di Ascoli, Inter, Lazio, Cagliari, Samp e Gubbio): "Nei mass-media adesso si parla poco di calcio, ma tanto di gossip e pettegolezzi. Nel calcio di oggi si trascura la tecnica e si predilige maggiormente la corsa. È un errore, ma non è facile tornare indietro. L'aspetto economico ha contagiato tutto". È la volta di un altro ex calciatore, Roberto Savi, in passato con Perugia e Bologna: "Chi è appassionato di calcio e ha sempre giocato con passione, si sente derubato di qualcosa. Bisogna tornare a divertirsi a giocare a pallone". Il giornalista Enzo D'Orsi commenta: "È un calcio inquinato. Si cerca solo la vittoria. Bisogna fare un passo indietro. Si è passati in pochi anni da contratti milionari a contratti stratosferici, super-miliardari. C'è la necessità di recuperare tutti la dignità critica". Dulcis in fundo Francesco Ghini, figlio del compianto Spartaco (ex amministratore delegato del Perugia): "Probabilmente il calcio è stato influenzato da sempre da fattori esterni, ma è evidente che rispetto al passato qualcosa è cambiato. Si guarda troppo l'aspetto fisico e la velocità. Ragion per cui è abbastanza complicato evidenziare la tecnica sopraffina di ogni calciatore".

26/05/2006
Gubbiofans festeggia il 5° anniversario...

Sono passati cinque anni da quando il sito Gubbiofans ha visto la luce. In questo breve periodo abbiamo raggiunto quasi 320 mila accessi unici, svariati pure dall'estero. Gubbiofans, da tempo in assoluto il sito internet eugubino tra i più visitati, taglia questo importante traguardo. Gubbiofans è passione di informare, se è vero che inserire ogni giorno news aggiornate, foto, dati, tabelle, per chi non fa di questo impegno un mestiere non è una passeggiata. Continuate a seguirci, e magari a criticarci ogni tanto, perchè senza la responsabilità di sentire il gradimento di centinaia di persone che ogni giorno visitano il sito, sarebbe tutto più difficile. Un grazie di "cuore" dallo staff di Gubbiofans.

24/05/2006
Serata di Gala del V° Torneo Città di Gubbio: presenti Antognoni e Cosmi

Cena di Gala al "Park hotel Ai Cappuccini" per il 5° Torneo Internazionale Giovanile Città di Gubbio. A fare gli onori di casa Stefano Giammarioli (presidente del torneo) che ha portato il saluto della città di Gubbio a tutti i rappresentanti delle squadre partecipanti: "Sono molto contento dell'andamento di questa manifestazione - dice - ringrazio tutti, ci stiamo allargando sempre di più". Hanno preso parte due vecchie glorie del Gubbio, Marcello Cagnazzo (oltre 700 gol nella sua carriera) e Renzo Cenci; gradita anche la presenza di Franco Vannini. È intervenuto Serse Cosmi dicendo: "È stata doverosa, oltre che piacevole, la mia partecipazione e per tutti coloro che come me hanno la fortuna di fare questo mestiere. Il calcio sta passando un periodo negativo, ma qui si sta facendo veramente qualcosa di buono. Una manifestazione importante che aiuta tra l'altro la gente che soffre". Presente un ex campione del Mondo, Giancarlo Antognoni, attuale coordinatore delle formazioni under 18 azzurre: "Tornare in Umbria è sempre un piacere per me. - afferma - Da qui ho iniziato la mia carriera. Complimenti agli organizzatori di questra manifestazione. Questo torneo sta prendendo piede e si sta affermando in maniera eccellente. I giovani sono la linfa di tutte le squadre di calcio e rappresentano il nostro futuro".

24/05/2006
Finito il campionato: la parola ai tifosi...

Terminato il campionato c'è subito da pensare al futuro. Tastiamo con mano il parere e le aspettative della tifoseria. Fabrizio Pastorelli, esponente del gruppo del tifo organizzato Ultrà Gubbio 1980, afferma per Gubbiofans: "Nella salvezza ci ho sempre creduto perchè la squadra aveva i mezzi per farlo. Una volta che ha tirato fuori gli attributi è riuscita a esprimersi a dovere. Per il prossimo anno chiedo solo questo, che ci sia maggiore tranquillità all'interno della società. Per il resto credo che non ci manca niente". È atteso il nome del nuovo presidente. La nomina è slittata al 31 maggio. Che figura in particolare le piacerebbe veder ricoprire questa carica? "Non mi importa chi potrebbe essere. L'importante che sia persona seria. In primo piano deve mettere la passione per il Gubbio e deve saper comandare. Che ci siano la massima serietà e impegno. Questo è quello che vuole la gente. Da parte nostra garantiamo sempre il massimo e non ci paga nessuno". Cosa si aspetta dalla stagione 2006-07? "Un bel campionato... se poi verranno fuori i play off, ancora meglio!". Diversi giocatori sono in scadenza di contratto. Chi vorrebbe che restasse? "Quasi tutti perchè proprio nel finale di campionato hanno dimostrato di saperci fare in un momento molto delicato. Soprattutto Fusseini, Catalucci e Campo hanno dato linfa nuova nelle ultime partite cruciali. Di più non si poteva pretendere. Senza dimenticare i "nonni" della squadra, che si sono dimostrati veri professionisti e non si devono toccare. Li ringrazio per l'impegno profuso. Fabbri è un grande uomo, oltre che un grande portiere. Mi dispiacerebbe se partisse. Ormai è diventato un eugubino a tutti gli effetti". Sono partiti però Belluomini e Tarpani... "Belluomini ha avuto diversi infortuni seri - dice - e penso che non si poteva fare altrimenti. Non mi aspettavo invece che partisse Tarpani. Mi piaceva come calciatore. Vorrà dire che prenderemo un altro attaccante più forte. L'importante però che non vada via De Angelis! La squadra c'è. Con un alcuni rinforzi credo che siamo a posto". Ultima constatazione. Fiducia piena in mister Cuttone quindi... "Non l'ho nemmeno nominato perchè è un "signor" allenatore del Gubbio. È un grande personaggio".

23/05/2006
Al via il "Torneo Città di Gubbio"

Inizia oggi la 5° Edizione del Torneo di calcio giovanile “Città di Gubbio”, che vede impegnate 16 squadre, tra cui Juventus, Brescia e Lazio. La fase finale è in programma per domenica 28 quando la terza e quarta classificata si affronteranno (inizio ore 18) allo stadio “Beniamino Ubaldi” di Gubbio, mentre la finalissima si disputerà al “Pietro Barbetti” alle ore 21. Per molte formazioni il Torneo rappresenta un importante banco di prova prima delle finali del campionato Primavera in programma nella prima settimana di giugno. Il programma della 1° giornata:
Girone A: Brescia-Slovenia (ore 17.30, al Beniamino Ubaldi) e Gubbio-Juventus (ore 21, stadio Pietro Barbetti di Gubbio); Girone B: Piacenza-Cagliari (ore 17.30, Sigillo) e Gualdo-Livorno (ore 17.30, stadio Luzi di Gualdo); Girone C: si gioca Foligno-Modena (ore 17.30, al Blasone di Foligno) e Lazio-Spalato (ore 21, Nocera Umbra); Girone D: Perugia-Catania (ore 17.30, stadio Curi di Perugia) e infine Ascoli-Arezzo (ore 17.30, a Bastia Umbra).

21/05/2006
Primo round playoff e playout...

Si è giocata la prima giornata di andata dei playoff e playout. Partita scoppiettante al "Del Conero" di Ancona: il Sassuolo si impone fuori casa a sorpresa per 3-2. A segno per gli ospiti Piccioni, Gilioli e Andreini su rigore; i gol dei dorici portano la firma di Mendil e Mortelliti. L'altra sfida playoff giocata al "Santa Colomba" tra Benevento e Sansovino finisce 0-0. Nei playout Castel San Pietro e Carrarese si dividono la posta in palio (1-1). In vantaggio i toscani con Vendrame; pari firmato da Dal Rio. Termina 0-0 l'altro incontro Montevarchi-Prato che decide le sorti della salvezza. Domenica 28 maggio le partite di ritorno: nei playoff si decideranno le squadre che disputeranno la finalissima; nei playout, invece, ci sarà la resa dei conti per chi scende definitivamente nei dilettanti.
I RISULTATI DI ANDATA DEI PLAYOFF E PLAYOUT (ritorno 28 maggio):
Playoff:
Ancona - Sassuolo 2-3
5' Piccioni (S), 24' Mendil (A)
42' Gilioli (S), 51' Mortelliti (A)
90' Andreini (S) rig.

Benevento - Sansovino 0-0
Playout:
Castel San Pietro - Carrarese 1-1
15' Vendrame (Car), 45' Dal Rio (Csp)
Montevarchi - Prato 0-0

20/05/2006
Gubbio: si attende il nome del presidente

Gli addetti ai lavori sono in trepidante attesa: entro breve si attende infatti la "fumata bianca" sul nome del nuovo presidente dell'A.S. Gubbio 1910, che dovrà sostituire il dimissionario Umberto Bedini. Si cerca di individuare la figura del nuovo presidente della società rossoblù. L'ultimo incontro del CdA, avvenuto giovedì notte, non ha avuto esito positivo e si è chiuso con un nulla di fatto. Il nodo, si spera, dovrebbe essere sciolto nei prossimi giorni (forse lunedì?). La piazza eugubina attende con ansia i risvolti.

19/05/2006
Coppa Disciplina di C/2: Gubbio ottavo

Ottimo piazzamento della formazione di mister Cuttone nella Coppa Disciplina che riguarda tutti i gironi della serie C/2. Il Gubbio infatti si trova all'ottavo posto nella classifica generale emanata dalla Lega di serie C. Nel girone B invece gli eugubini occupano addirittura il secondo posto, preceduti solamente dal Sassuolo (settimo nella classifica totale). Per trovare una nuova formazione del nostro girone bisogna scendere fino all'undicesimo posto, occupato dalla Cuoiocappiano. Le altre formazioni umbre, Gualdo e Foligno, si trovano rispettivamente al 23° e al 24° posto. Guida la classifica generale la città di Jesolo, seguita dal Pergocrema.

18/05/2006
Belluomini e Tarpani non sono più rossoblù

Due attaccanti in partenza. Non fanno più parte del Gubbio in maniera ufficiale Riccardo Belluomini e Lorenzo Tarpani. Lo comunica la società eugubina tramite questo comunicato stampa: "L'A.S. Gubbio 1910 ha rescisso i contratti di Belluomini e Tarpani: per il primo si è trattato di rescissione consensuale, mentre il secondo ha preferito scendere nei dilettanti (Nocera Umbra) e di fronte a questa scelta la società non poteva opporre resistenza, pur avendo la volontà di trattenere il giocatore". Belluomini, prelevato la scorsa estate dalla Massese, appena promossa in C/1, ha attraversato una stagione tribolata in rossoblù: per via di due gravi infortuni non è stato quasi mai utilizzato. Tarpani invece, acquistato a gennaio dalla Sansovino, ha realizzato in maglia rossoblù tre reti. La punta perugina adesso si accasa a Nocera Umbra di mister Cocciari dove ritrova Matteo Coresi.

17/05/2006
De Angelis: "È stata una stagione strana per tutti. A Foligno il peggior momento..."

Gianluca De Angelis si sta riabilitando dopo il brutto infortunio (menisco e lesione del crociato) avvenuto in campionato nel derby contro il Foligno. E per la prima volta ha assistito alla Festa dei Ceri di Gubbio. Ma la prima domanda è ovvia. Come sta fisicamente? "Sono sulla via della guarigione - spiega l'attaccante napoletano a Gubbiofans - ma ci vorrà un po' di tempo ancora. Sono passati appena 50 giorni da quando mi sono operato. Tra una ventina di giorni dovrei ritornare a correre prima sul tappeto e poi magari sul campo". Quanto è stato difficile per De Angelis restare fuori in questo finale di campionato e vedere il Gubbio salvarsi all'ultima giornata? "Non è stato difficile... ma durissimo! In campo riesci a sfogare tutte le tue energie. Guardare da fuori non è stato assolutamente facile". Di sicuro si aspettava una stagione diversa del Gubbio all'inizio. Non è così? "Diciamo che è stata una stagione strana per tutti, sia per quanto riguarda le prospettive e sia per gli infortuni. Purtroppo nel calcio capita anche questo. Di sicuro ci siamo espressi al di sotto delle nostre possibilità. Ma sono convinto che l'ossatura della squadra ci sia e cercheremo di ripartire l'anno prossimo nel migliore dei modi, facendo un passo alla volta". Tuttavia De Angelis risulta per il secondo anno consecutivo il miglior realizzatore rossoblù. Contento? "Speravo di fare molti più gol. Lo avevo dimostrato nella stagione precedente. Un po' per demeriti miei e un po' per sfortuna, vedi traverse e pali colpiti, non sono riuscito a ripetermi". Il momento più brutto che ha vissuto quest'anno? "Nel derby a Foligno che ha coinciso con il mio infortunio. Al di là di ciò ho ancora tanta rabbia in corpo a causa di quella gara. Ci andò tutto storto. Avevo procurato il calcio di rigore e già in quell'occasione avevo ricevuto una brutta botta alla caviglia. Poi è avvenuta l'espulsione di Lazzoni. E non sono mancati diversi battibecchi in campo. Voglio prendermi la rivincita l'anno prossimo". Il futuro? "Sono del Gubbio e spero di rimanere perchè ho tanta voglia di togliermi delle soddisfazioni con questa maglia". L'abbiamo visto assistere alla Festa dei Ceri di Gubbio. È la prima volta no? "Si, è vero - dice - è una festa bellissima. Ho assistito al momento in cui i tre Ceri scendevano da Corso Garibaldi. Vedere tutte quelle persone e l'intensità che sa creare questa festa ha fatto emozionare anche me".

16/05/2006
Countdown: verso i playoff e i playout...

Comincia il countdown, il "conteggio alla rovescia". Domenica prossima si giocano le partite di andata dei playoff e playout. Al "Del Conero" è prevista una gara molto accesa tra Ancona e Sassuolo. Al "Santa Colomba" invece è interessante la sfida che vede di fronte Benevento e la sorprendente Sansovino. Chi la spunterà? Basterà attendere domenica 11 giugno, alla conclusione della finale playoff. Pure nei playout c'è grande attesa, per le cosiddette "deluse" del campionato. Da vedere la sfida tra Castel San Pietro e Carrarese: si inizia in terra emiliana. Si decide tutto in 180 minuti per arrivare alla resa dei conti il 28 maggio allo stadio "Dei Marmi" di Carrara: vediamo chi scende nei dilettanti e chi rimane tra i professionisti. Stesso discorso vale per il derby toscano previsto al "Brilli Peri" tra Montevarchi e Prato. Tra due settimane i verdetti finali.

12/05/2006
Statistiche spettatori del girone: il Gubbio si mantiene tra le prime posizioni...

Si chiude il campionato e si stilano anche le classifiche riguardanti l'apporto delle tifoserie nel girone B della C/2. Dati che si basano sulla media di spettatori che viene calcolata in base alle presenze di ogni partita pubblicata dal popolare quotidiano sportivo "La Gazzetta dello Sport". Guida la classifica la blasonata Cavese con una media di 4610 spettatori presenti al "Lamberti" (presenze totali 78450). Nei quartieri alti ci si trova anche il Gubbio. La tifoseria rossoblù ricopre la sesta posizione (media 1400 spettatori per un totale di 23830 presenze al "Pietro Barbetti" in questa stagione). Sopra il Gubbio, oltre alla Cavese, si collocano tifoserie di rango, che hanno viaggiato per lunghi anni in categorie superiori. Al secondo posto troviamo il Benevento (2820 di media; totale 47900). Seguono al terzo posto la Reggiana (media 2520; totale 42900), al quarto l'Ancona (media 2150; totale 36500) e in quinta posizione la Spal (media 1890; totale 32100). Un gradino più sotto degli eugubini troviamo il Foligno che si posiziona al settimo posto (media 1200; totale 20400). L'altra tifoseria umbra, quella del Gualdo, si trova al 10° posto (media 760; totale 13000). Abbiamo fatto una statistica più approfondita effettuando il rapporto che esiste tra la media spettatori e il bacino d'utenza di ogni città. Al primo posto troviamo in coabitazione Cavese (media 4160; abitanti 52000) e Sansovino (media 740; abitanti 8100) con un abitante su 11 che si reca allo stadio. Al secondo posto si colloca il Castelnuovo con un abitante su 12 (media 480; abitanti 6050). Segue in terza posizione il Gualdo (un abitante su 20; media 760 presenze; 15000 abitanti). Il quarto posto è occupato da Gubbio (media 1400; abitanti 30450) e Benevento (media 2820; abitanti 61500) con un abitante su 21. L'altra compagine umbra, il Foligno, occupa il 7° posto (un abitante su 41; media 1200; abitanti 49120).

11/05/2006
Statistiche del girone: è super Cavese; Umbria: quattro squadre in serie C/2...

Alla chiusura del campionato tracciamo i dati definitivi dell'intera stagione. La Cavese, dominatrice del torneo, ha ottenuto il maggior numero di vittorie (18) con l'attacco più prolifico (47 gol realizzati). Ma la formazione campana vanta di avere anche la difesa più granitica (18 reti subite) e ha incassato solo quattro sconfitte in campionato. La Reggiana invece è la formazione che ha totalizzato più pareggi (17). Il Sassuolo ha ottenuto un pari solo in 9 incontri. Il Forlì, retrocesso nei dilettanti, detiene una serie di primati negativi: maggior sconfitte (15; a pari merito con il Prato), minor vittorie (4) e peggior attacco (20 reti). La peggior difesa infine appartiene al Gualdo (47 gol incassati). Umbria: poker d'assi in C/2. Insieme al Gualdo, si salvano in extremis all'ultima giornata Gubbio e Foligno. Nel prossimo campionato saranno addirittura quattro le formazioni umbre, visto che la Fortis Spoleto è riuscita a vincere a sorpresa e di slancio il girone E della serie D. Nei campionati minori spicca anche l'impresa del Semonte del patron Sauro Notari, squadra eugubina che approda per la prima volta in Eccellenza, dopo aver battuto nella finale playoff a Umbertide (2-1 d.t.s.) l'Ellera. I rossoverdi accompagnano così il Nocera Umbra, dominatore del torneo di Promozione.

10/05/2006
Gubbio: il più presente è Fabbri

Gubbio, Fabio Fabbri è stato il più presente. Il
portiere marchigiano, classe '67, detiene il record di presenze in maglia rossoblù (3047 minuti giocati in 34 incontri). Segue al secondo posto Ercoli (2684 minuti in 31 gare). Di seguito troviamo Lazzoni (2671 minuti in 30 partite), Tafani (2656' su 30 gare), Sandreani (2549' in 30 partite) e De Angelis (2376' giocati in 27 incontri disputati). Giudice Sportivo: resi noti i provvedimenti disciplinari dell'ultima giornata di campionato. Squalificato per due giornate Graziani (Cuoiocappiano). Per un turno sono stati appiedati Carlet (Reggiana), Romualdi (Montevarchi), Bonura e Falco (Foligno). Infine ammende alle società di Montevarchi e Prato (entrambe multate di 500 euro).

09/05/2006
Cuttone: "Non è stato facile salvarsi. Ora ci rilassiamo e progetteremo il futuro..."

All'ultima giornata il Gubbio tira un sospiro di sollievo. Batte il Forlì al "Pietro Barbetti" e raggiunge la matematica salvezza. "È vero - sottolinea il tecnico Agatino Cuttone a Gubbiofans - abbiamo tirato un bel sospiro di sollievo. Speravamo di riuscirsi prima, ma personalmente sono felice lo stesso di aver raggiunto la salvezza nell'ultima gara. Era preventivabile perchè il campionato si è dimostrato veramente difficile". Ha avuto mai paura di non farcela? "No. Quando sono arrivato io siamo partiti molto bene con due importanti vittorie esterne prima a Ferrara e poi di Ancona. La mia preoccupazione più grande si è verificata quando dovevamo affrontare nel giro di cinque giornate (dalla 10° alla 15° giornata) le prime quattro della classe. Il calendario faceva tremare le gambe. Voglio complimentarmi con i ragazzi, ma anche con la società e i tifosi, perchè siamo stati veramente tutti compatti". Parlando di numeri infatti nelle ultime cinque partite in casa il Gubbio ha ottenuto ben 13 punti (11 gol realizzati) vincendo con Benevento, Sassuolo, Montevarchi e Forlì, e pareggiando solo con la capolista Cavese: "È stata una fase fondamentale della nostra stagione. - dice - C'è stata unità di intenti e solidità di gruppo". Si poteva fare qualcosa di più? "Penso che alla fine viene tutto compensato in un campionato. Quando sono arrivato la squadra era veramente in difficoltà. Ho dovuto recuperarla soprattutto sotto l'aspetto psicologico". Da quando Cuttone è diventato timoniere del Gubbio ha totalizzato 25 punti. Se la stessa media fosse stata rispettata nel girone di andata, adesso i rossoblù sarebbero nei playoff: "La matematica dice questo - precisa - ma nel calcio niente è mai scontato. Ma valutando bene la gestione di questi ragazzi penso che sarebbe stato possibile". Alla fine a giocarsi i playout si è ritrovata la Carrarese. Se lo aspettava? "Assolutamente no. La Carrarese si è trovata pure in lotta per i playoff. Questo verdetto ha spiazzato tutti gli addetti ai lavori". La delusione più grande vissuta a Gubbio? "Mi è dispiaciuto perdere i derby con il Gualdo e il Foligno. Mi sarebbe piaciuto regalare ai nostri tifosi maggiori soddisfazioni. Ma la delusione più grande rimane la sconfitta interna subìta dal Castelnuovo". La soddisfazione più bella invece? "Aver avuto un gruppo che si è reso disponibile con grande sacrificio e ha dato il massimo in un momento difficile. La società del resto ci ha appoggiato sempre facendoci lavorare con grande serenità". Per il futuro? "Ci siamo presi un rilassamento totale che durerà alcuni giorni. Prima di tutto devono essere stabiliti gli assetti societari, a partire dal nuovo presidente. Poi ci possiamo sedere a tavolino e cominciare a buttare le basi per l'anno prossimo". Ai tifosi cosa dice? "Grazie, per l'appoggio che ci hanno dato. Mando a dire che dal prossimo anno cercheremo di voltare pagina. Dobbiamo essere bravi noi a coinvolgere più gente possibile e dare il giusto entusiasmo. Gubbio è straordinaria per strutture e ambiente. Del resto i tifosi meritano soddisfazioni importanti". Parliamo delle squadre del girone. La sorpresa e la delusione? "Sassuolo e Cuoiocappiano sono le sorprese. Le più deludenti sono state l'Ancona, anche se ha raggiunto alla fine i playoff, e in parte il Benevento. La Sansovino invece non è una sorpresa: lavora insieme da diversi anni, ha giocatori di qualità come ad esempio Zacchei e mantiene un sistema di gioco efficace da quando c'era mister Sarri". Playoff e playout. Un pronostico? "Per i playoff indico come favorita il Sassuolo. Nei playout è una bella battaglia, ma si salveranno Carrarese e Montevarchi".

07/05/2006
Il Gubbio batte il Forlì (3-0): è salvo!

Missione compiuta. Allo stadio "Pietro Barbetti" il Gubbio ottiene all'ultima giornata la matematica certezza di rimanere in serie C/2 dopo una stagione altalenante e tirata fino all'ultimo. I presupposti iniziali erano ben diversi, questo non va dimenticato, ma dopo un'annata "disgraziata" dove la formazione eugubina è stata falciadiata dagli infortuni (su tutti quelli di Belluomini e De Angelis), alla fine si può tirare un sospiro di sollievo. E adesso, archiviata la salvezza, c'è tutto il tempo per progettare il futuro, nella speranza che sia meno tribolato di questa stagione. È l'augurio di tutti i sostenitori eugubini. Ma torniamo a parlare della partita Gubbio-Forlì. La cronaca. Gli ospiti si presentano in campo tutt'altro che intimoriti e in avvio mettono in difficoltà i rossoblù. Al 7' Poletti con un tiro potente dal limite costringe agli straordinari Fabbri che si salva con i pugni. All'11' ci prova Farabegoli dalla distanza, Fabbri ci deve mettere di nuovo una pezza. Finalmente si va vedere il Gubbio in avanti al 18': Campo lancia Tarpani solo davanti alla porta, ma l'arbitro ferma tutto per un fuorigioco molto dubbio. I rossoblù non si perdono d'animo e sbloccano il risultato al 29': Campo corre sulla fascia sinistra, entra in area e fornisce un pallone al bacio per i piedi di Lazzoni: rasoterra di piatto destro al volo del centrocampista che si insacca nell'angolino. Il Forlì non demorde e si rende pericoloso in due circostanze. Al 40' Valle, su assist di Poletti, sfiora l'incrocio con un preciso colpo di testa. Al 42' è prodigioso Ercoli a chiudere su Valle lanciato a rete. Ripresa. Al 49' il nuovo entrato Gaggiotti potrebbe raddoppiare ma trova sulla sua strada un grande Ballestri. Al 51' un tiro di Lazzoni dal limite termina di poco a lato. Risponde al 61' l'attivo Poletti con una fiondata da fuori che sorvola sopra il montante. Al 63' Catalucci si esibisce in una splendida rovesciata, ma non ha fortuna (palla che termina a lato). Il gol del raddoppio arriva un minuto dopo (64'): cross dalla destra di Tafani in area, Lazzoni è in agguato e deposita la palla nell'angolino, realizzando la sua doppietta personale. Al 66' cerca gloria pure Campo con un bolide scagliato da posizione molto decentrata: la palla viene deviata in angolo da Ballestri e dal palo. Al 77' Campo ci prova di nuovo, questa volta con una staffilata dal limite: la palla fa la barba al palo. A dieci minuti dal termine (80') ci pensa Fusseini a chiudere i conti: il calciatore ghanese fa partire un gran tiro dai venticinque metri che si insacca sotto l'incrocio. La formazione di Cuttone raggiunge così la salvezza: 25 punti ottenuti nel girone di ritorno. Punti d'oro che si vanno a sommare al magro bottino ottenuto nel girone di andata (solo 18 punti) con la precedente gestione Castellucci.
Gubbio: Fabbri (81' Pifarotti), Tafani, De Maio, Lazzoni, Giacometti, Ercoli, Catalucci, Fusseini (81' Orlando), Tarpani, Campo, Chafer (46' Gaggiotti). All. Cuttone.
Forlì: Ballestri, Venturi, Morbiducci, Farabegoli, Cola, Fiale, Cornali (60' Antonelli), Giunchi, Valle (63' Zattini), Poletti, Mordini (66' Passacqua). All. Cotroneo.
Reti: 29' Lazzoni (G), 64' Lazzoni (G), 80' Fusseini (G).
Arbitro: Forconi di Aprilia (Cavallo di Ostia e Segna di Roma). Spettatori: 1141.
I RISULTATI DELLA 34° GIORNATA:
Ancona - Gualdo 1-0
38' Mussi (A) rig.
Bellaria - Reggiana 1-0
58' Pacini (B)
Carrarese - Foligno 0-1
66' Bonura (F)
Castelnuovo - Cavese 1-1
16' Schetter (Cav), 50' Micchi (Cas)
Gubbio - Forlì 3-0
29' Lazzoni (G), 64' Lazzoni (G), 80' Fusseini (G
Prato - Montevarchi 2-1
52' De Gori (M) rig., 59' Carusio (P), 61' Basilico (P)
Sansovino - Cuoiopelli Cappiano 2-1
49' Tarchi (S), 68' Doardo (C), 92' Agostinelli (S)
Sassuolo - Castel San Pietro 1-0
53' Piccioni (S)
Spal - Benevento 2-0
3' Milana (S), 39' Sesa (S)

06/05/2006
Lo stadio San Biagio di Gubbio da adesso ha un nuovo nome: "Pietro Barbetti"

Lo stadio di Gubbio in via ufficiale prende il nome di "Pietro Barbetti", alla guida dell'A.S. Gubbio 1910 a partire dal 1963 fino al 1970, finanziatore e sostenitore dei rossoblù per oltre 30 anni fino al giorno della sua morte in data 7 aprile 1986 mentre partecipava alla "Mille Miglia", un'altra delle sue grandi passioni sportive. Una cerimonia che si è svolta proprio nello stadio di Gubbio alla presenza di tante vecchie glorie e la partecipazione autorevole di Ilario Castagner (ex allenatore del Perugia dei miracoli) e Francesco Ghirelli, segretario della Figc e nativo di Gubbio. Non è mancata all'appuntamento ovviamente la famiglia Barbetti (visibilmente commossa), capitanata da Fernando Barbetti, figlio del "Commendatore". Sono intervenuti anche il sindaco Orfeo Goracci e Evaristo Sannipoli, a nome del comitato al quale ha preso parte per raccogliere le firme per l'intitolazione. Presente un numeroso pubblico che ha voluto ricordare la figura di Pietro Barbetti. È stato presentato il mezzo busto che raffigura il "Commendatore" e sarà posizionato all'ingresso dello stadio in suo ricordo.

06/05/2006
Gubbio-Forlì: dirige Forconi di Aprilia

Designato il direttore di gara tra Gubbio e Forlì. Si tratta del sig. Marco Forconi di Aprilia, coadiuvato dagli assistenti di linea Cavallo di Ostia Lido e Segna di Roma. L'arbitro in questione è al quarto anno di esperienza in serie C e ha diretto il Gubbio in passato per quattro volte. In questa stagione ha arbitrato Gubbio-Gualdo (2-1; reti di Coresi, Iannuzzi e Sandreani) e Cavese-Gubbio (0-0). Nel 2002-03 invece ha diretto Forlì-Gubbio (1-0; a segno Padovani) e Aglianese-Gubbio (1-2; gol di Fumai su rigore, Cipolla e Le Noci). Statistiche arbitro in percentuale: segno 1, 44%; il pareggio, 35%; la vittoria esterna, 21%. Gare in serie C: 77, di cui 36 in serie C/1 e 41 in C/2 (rigori 11, espulsi 23).

05/05/2006
La resa dei conti negli ultimi 90 minuti...

Playoff e playout. Ad una giornata dal termine il girone B della C/2 deve dare ancora i suoi verdetti. A contendersi l'ultimo posto disponibile per i playoff ci sono Cuoiocappiano, Ancona, Castelnuovo e Reggiana, con la prima formazione favorita rispetto alle altre. Sassuolo, Sansovino e Benevento sono già nei playoff. Il discorso si fa più interessante se si guardano i bassifondi della classifica. Montevarchi, Castel San Pietro e Prato disputeranno di sicuro i playout. Ben cinque squadre (Carrarese, Bellaria, Foigno, Gubbio e Spal) sono in lotta per evitare l'ultimo posto dei playout. Sotto la lente d'ingrandimento queste partite: Bellaria-Reggiana, Carrarese-Foligno, Gubbio-Forlì e Spal-Benevento. Il Gubbio può raggiungere la matematica salvezza solo battendo il Forlì al "San Biagio". I precedenti con i romagnoli a Gubbio però non sono confortanti in tal senso. L'anno scorso finì 1-1, gol di Marchi (34') e Baiana (83'). Nel 2003-04 con in panchina Cannito la gara si concluse sullo 0-0. Stesso risultato nel 2002-03 e alla guida del Gubbio c'era Alessandrini: quel risultato comunque sia comportò un traguardo storico, l'accesso ai playoff dopo un campionato condotto straordinariamente. L'ultima vittoria in casa del Gubbio contro il Forlì risale al lontano 18 febbraio 1990: campionato di serie C/2, i rossoblù allenati da Giorgini si imposero per 2-0, gol di Morbiducci (12') e Di Curzio (25') su rigore. In quella stagione il Gubbio arrivò quarto in classifica a pari merito con il Teramo. Furono promosse in C/1 Fano e Baracca Lugo, appaiate al primo posto in classifica (all'epoca non esistevano i playoff).

04/05/2006
In vista di Gubbio-Forlì: prezzi ribassati; Amichevole Gubbio-Cervia: finisce 1-1

Al Polisportivo "San Biagio", il Gubbio in amichevole ha affrontato il Cervia, squadra romagnola protagonista del reality show calcistico di Italia Uno, guidata in panchina dall'ex campione del mondo Francesco Graziani. La partita è finita 1-1 con le reti di Conversano (81') per gli ospiti e del giovane Casoli (85') per il Gubbio. Mister Cuttone ha mischiato le carte dando spazio a diversi giovani sin dal primo minuto. Spettatori presenti 1300 per un incasso di 4200 euro che sarà devoluto interamente in beneficenza per l'associazione "Daniele Chianelli". Intanto la società eugubina tramite un comunicato stampa informa che "
per la partita di domenica prossima Gubbio-Forlì i prezzi dei biglietti subiranno alcune modifiche: poltroncine vip 15 euro; tribune laterali e gradinata 10 euro; curva e donne 5 euro".

03/05/2006
Gubbio: squalificato per un turno Aloisi

I provvedimenti del Giudice Sportivo. Per due giornate sono stati fermati Maury del Benevento e Cavallo della Spal. Per un turno sono stati appiedati i calciatori Aloisi (Gubbio; salta la sfida con il Forlì di domenica prossima), Laner (Castelnuovo), Pelliccia (Gualdo), Lamonica, Chiopris Gori e Turi (Prato), Marchetti (Bellaria), Cagnale (Benevento), Baldi e Di Fuzio (Castel San Pietro), Foschini (Reggiana), Soncin (Ancona), Pastine (Carrarese), Rebecca (Cuoiocappiano), Garrasi (Foligno) e Vianello (Sassuolo). Ammenda alla società del Foligno (800 euro).

02/05/2006
Ercoli: "Un campionato penalizzante: adesso occorre fare l'ultimo sforzo..."

Il Gubbio è atteso dagli ultimi novanta minuti di fuoco: si decide un'intera stagione. Ad una giornata dal termine i rossoblù escono sconfitti dalla trasferta contro la Cuoiocappiano. "Il risultato credo che non sia giusto. - commenta Angelo Ercoli per Gubbiofans - Nella ripresa abbiamo avuto le nostre possibilità e potevamo raggiungere il pareggio. Purtroppo alla fine siamo tornati a casa con le ossa rotte da questo incontro. Però siamo fiduciosi perchè domenica affronteremo il Forlì e in caso di vittoria saremo salvi matematicamente. Ancora niente è perduto". Sulla seconda rete della Cuoiocappiano ci sono state delle recriminazioni per una presunta posizione in off-side di Ceciarini, autore del gol. Cosa ha visto Ercoli? "Da parte mia c'è stata una forte contestazione. Per me Ceciarini era in fuorigioco. Ma prima di dare un giudizio definitivo vorrei rivedere le immagini". Nella ripresa Marchi ha protestato per un presunto fallo da rigore nei suoi confronti: "Era rigore netto. - afferma senza mezzi termini - Se Ettore (Marchi ndr) fosse caduto a terra più platealmente sono sicuro che l'arbitro avrebbe concesso il rigore. Poi abbiamo avuto altre occasioni con Tarpani e Catalucci per andare a segno, ma non ci siamo riusciti". Adesso il Gubbio si trova al quint'ultimo posto in classifica in coabitazione con la Spal in piena zona playout. Negli scontri diretti però i rossoblù sono avvantaggiati rispetto alla formazione emiliana. Pertanto adesso non c'è via d'uscita: è obbligatorio vincere con il Forlì..."Senza dubbio - spiega il difensore eugubino - ma c'è fiducia. Giochiamo in casa e vogliamo vincere per chiudere definitivamente il discorso salvezza e per non incorrere in spiacevoli sorprese". Questa stagione sembra interminabile per il Gubbio. Vi aspetta (si spera) l'ultima settimana di passione. "È stato un campionato molto equilibrato. - conclude Ercoli - La lotta per i playoff non è ancora definita. Lo stesso discorso dicasi per i playout. Per quanto riguarda il Gubbio questa stagione si è rivelata difficile e sfortunata, soprattutto a livello di infortuni. Domenica ad esempio dovremo fare a meno di Aloisi che era diffidato e sarà squalificato. Oltretutto si è fatto male pure al ginocchio. È stato un campionato veramente traumatico e penalizzante. Adesso dobbiamo fare l'ultimo sforzo, stringere i denti e fare bottino pieno a tutti i costi domenica contro il Forlì".

01/05/2006
Cavese-Napoli, in ricordo di Mari...

Non si placa la commozione per la tragica scomparsa improvvisa del giocatore Catello Mari a causa di un incidente avvenuto dopo i festeggiamenti della promozione in C/1 della Cavese. E a tal proposito è prevista un'importante iniziativa. In redazione ci è pervenuto un comunicato stampa della S.S. Cavese: "G
iovedì 4 maggio 2006, alle ore 20:30, allo stadio "Simonetta Lamberti" di Cava de' Tirreni si svolgerà l'amichevole Cavese-Napoli. L'intero incasso sarà impiegato per la realizzazione di un'opera che possa ricordare perennemente il compianto Catello Mari. La S.S. Cavese, a tale scopo, intende ringraziare pubblicamente il dott. Aurelio De Laurentis, presidente del Napoli, ed il D.G. Marino per aver voluto, spontaneamente, rinunziare ad ogni incasso e per l'amicizia confermata nei confronti della Cavese. L'invito, a tutti i tifosi, di essere presenti sugli spalti per un incontro di grande prestigio, tra due squadre vincitrici dei rispettivi campionati, e per ricordare ed onorare la memoria di un atleta, come Catello Mari, che ha sempre tenuto alto il nome dello sport".

[vai a inizio pagina] [vai alle news] [vai all'archivio news]

Ultimo aggiornamento - Last update
data 22.10.2019 ora 21:00

Info: > Privacy e Cookie Policy

MAIN SPONSOR WITH PAGE LINKS:
(CLICCABILI CON FINESTRA GRANDE)

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

MASSIMA TRASPARENZA, SCRIVERCI:

ART.13 REGOLAMENTO UE n.2016/679
D.LGS. ART. 122 DL 196/03
G.U. ART. n.229/14:

Media Spettatori
Lega Pro - Girone B
Stagione 2019/2020

Dopo 10 giornate:

Cesena
Vicenza
Modena
Reggiana
Triestina
Padova
Sambenedettese
Piacenza
Rimini
Fermana
Ravenna
Carpi
Vis Pesaro
Fano
Virtus Verona
Sudtirol
Gubbio
Feralpisalo
Arzignano Valc.
Imolese

10260
8810
6960
5950
5290
4750
3640
3250
2460
1800
1790
1790
1620
1280
980
980
890
830
560
490

Media spettatori:
>
La scheda

Dati media:
La Gazzetta dello Sport

Lega Pro
Girone B - 2019/2020

Emilia-Romagna (8)
Carpi, Cesena, Imolese, Modena, Piacenza, Ravenna, Reggio Audace, Rimini
Friuli (1)
Triestina
Lombardia (1)
Feralpisalo
Marche (4)
Fano, Fermana, Sambenedettese, Vis Pesaro
Trentino Alto Adige (1)
Sud Tirol
Umbria (1)
Gubbio
Veneto (4)
Arzignano Valchiampo, Padova, Vicenza, Virtus Verona

Amarcord rossoblu


Anno 2011-2012 Serie B:

MATCH CLOU:

1 ottobre 2011:

Gubbio-Verona 1-1
Spettatori: 3911

24 ottobre 2011:
Gubbio-Torino 1-0
Spettatori: 4173

6 gennaio 2012:
Gubbio-Bari 2-2
Spettatori: 3821

28 gennaio 2012:
Gubbio-Sampdoria 0-0
Spettatori: 3977

28 aprile 2012:
Gubbio-Pescara 0-2
Spettatori: 4434

Info: > Privacy e Cookie Policy