SERIE C - GIRONE B
QUINDICESIMA GIORNATA
DOM. 17 NOVEMBRE 2019
STADIO "PIETRO BARBETTI"
ORE 17:30

GUBBIO

0

CESENA

2

SEDICESIMA GIORNATA
DOM. 24 NOVEMBRE 2019
STADIO "BRUNO BENELLI"
ORE 17:30

RAVENNA-GUBBIO

> Calendario in pdf.: (scarica)

Clicca le immagini rossoblu!

Classifica

Vicenza
Sudtirol
Reggiana
Carpi

Padova
Feralpisalo
Piacenza
Virtus Verona
Sambenedettese
Modena
Triestina
Cesena
Vis Pesaro
Arzignano Valc.
Ravenna
Gubbio
Fermana
Rimini
Imolese

Fano

33
32
30
29
29
28
26
23
21
20
19
17
15
14
14
13
13
12
11

10

Link Banner: Risultati Calcio:

Risultati Calcio...

QUINDICESIMA GIORNATA
DOM. 17 NOVEMBRE 2019

Carpi
Fermana

4
0

Fano
Piacenza

2
4

Feralpisalo
Padova

1
0

Imolese
Triestina
rinviata

-
-

Modena
Virtus Verona

1
0

Reggiana
Vis Pesaro

2
1

Rimini
Arzignano Valchiampo

0
2

Sudtirol
Sambenedettese

3
0

Vicenza
Ravenna

1
0

-

Marcatori 2019-2020
Serie C - Girone B

Paponi Piacenza
Morosini Sudtirol
Butic Cesena
Cernigoi Sambenedet.
Vano Carpi
Scappini Reggiana
Mazzocchi Sudtirol

10
8
7
7
7
7
7

Vedi lo stadio Barbetti!

Marcatori Gubbio
2019-2020

Cesaretti
Sbaffo
Munoz
Sorrentino
Zanoni

4
4
1
1
1

Scopri la nostra citta!

SEDICESMA GIORNATA
DOM. 24 NOVEMBRE 2019

Ravenna-Gubbio

Cesena-Modena

Fermana-Reggiana

Padova-Rimini

Piacenza-Imolese

Sambened.-Feralpisalo

Triestina-Sudtirol

Vicenza-Fano

Virtus Verona-Carpi

Vis Pesaro-Arzignano V.

Link Partners:

Calcio in Diretta
Risultati.it

Calcioland.forumfree.it
Tuttocampo.it

Info e pubblicita:

redazione@gubbiofans.it

[vai alle news] [vai all'archivio news]

31/03/2008
Mengoni: "Dal punto di vista fisico siamo pronti per il finale; ora non ci resta che sbloccarci..."

Mancano sette giorni alla sfida con il Poggibonsi. Approfittando della sosta, Romano Mengoni, preparatore atletico del Gubbio, ci illustra come è stato svolto il lavoro in vista di questo rush finale di campionato. "Per ottimizzare la preparazione in questo periodo di tempo, - spiega Mengoni - abbiamo effettuato anche dei test, sia a livello fisico che ematico". E cosa ci può dire? "Che la squadra è a buon punto. Soprattutto dal punto di vista della velocità i test sono risultati più che soddisfacenti. Da dicembre c'è stato senz'altro un miglioramento". Gli acciaccati però persistono, vero? "Ci sono alcuni calciatori che si portano dietro alcuni problemi da un po' di tempo. Vedi Varchetta, Bellucci, Chaib e lo stesso Corallo. Ma lo staff medico sta gestendo bene la situazione. Perciò è tutto sotto controllo". Sì, ma... il Gubbio nelle ultime 5 giornate ha ottenuto solo 2 punti e si è notato un calo di rendimento. Mentre prima nel girone di ritorno erano stati conquistati 12 punti in 7 partite. Abbiamo escluso che si tratta di un deficit fisico. Allora dove sta il problema? "Nel vostro sito (Gubbiofans ndr) che seguo sempre guardo le statitische, e le apprezzo. I numeri sono sconfortanti e la classifica parla da sola. Ma le statistische fanno parte della matematica, mentre il calcio è fatto di uomini. Posso mettere la mano sul fuoco che da parte dei calciatori c'è stato sempre un impegno massimale. Più che altro il problema potrebbe derivare da una questione caratteriale. Ogni calciatore ha il suo e ognuno reagisce diversamente rispetto ad un altro. Quando i punti cominciano a pesare entrano in gioco tanti fattori. Ora siamo in una fase delicata e sarebbe un guaio se attivassimo il meccanismo della paura. Pertanto si deve mantenere una certa tranquillità mentale. È alla base di tutto per ottenere i risultati". Quindi? "Questa squadra ha tutti i mezzi per tirarsi fuori. Guai mollare. Ed io, per natura, sono ottimista". Parole che onestamente non fanno una piega. Che siano (è ovvio) di buon auspicio.

29/03/2008
Berretti: Gubbio sconfitto a Bellaria (2-0)

Campionato nazionale Berretti. Il Gubbio viene sconfitto in trasferta dal Bellaria per 2-0. I romagnoli si aggiudicano l'incontro con un gol per tempo. Nella ripresa è stato espulso Antonini per i rossoblù.

28/03/2008
Bignone: "Situazione assai delicata... ma guai non crederci fino in fondo; ora ci vogliono solo i fatti"

Gubbio attualmente impelagato nella zona playout. Situazione molto delicata. L'analisi della situazione da parte del direttore sportivo Marco Bignone: "Se sono sfiduciato? Questo mai. - spiega con fermezza - Chi si trova a gestire dall'interno certe situazioni deve restare sempre ottimista, altrimenti sono guai. Dobbiamo credere fino in fondo che possiamo farcela. Chi non ci crede deve rimanere a casa. Sono state dette tante cose. Ma adesso basta. Contano solo i fatti". Messaggio chiaro e preciso di Bignone che aggiunge: "Tutti siamo coinvolti in questa delicata situazione, a partire dal presidente fino ad arrivare al magazziniere. Pertanto dobbiamo fare quadrato ancora di più, dobbiamo essere un blocco unico, da parte di tutti c'è la necessità di essere più responsabili e adesso non ci resta che preparare al meglio la partita interna con il Poggibonsi in programma dopo la sosta". In conclusione dice: "C'è la necessità assoluta di voltare pagina. Dobbiamo ritrovare la lucidità e quella scioltezza mentale che abbiamo perduto ormai da cinque giornate a questa parte. E perchè no. Dobbiamo assolutamente osare di più. Non ci sono alternative. Dobbiamo vincere. La classifica parla chiaro. Per evitare i playout dobbiamo vincere almeno tre partite da qui alla fine. L'ultimo score in campionato potrebbe far presagire al peggio, ma... è proprio in questo momento che la squadra deve dimostrare i suoi valori, sia a livello caratteriale, sia a livello morale".

27/03/2008
Out Chiarotto, Sandreani e Varchetta alla ripresa

Il Gubbio, alla ripresa del campionato dopo la sosta, dovrà fare a meno di ben tre pedine: indisponibili Chiarotto, capitan Sandreani e Varchetta, tutti e tre squalificati per una giornata. Gli altri provvedimenti. Per un turno sono stati appiedati Porricelli (Poggibonsi), Favret e Marcon (Portogruaro), Caselli (Reggiana), Cortesi (Rovigo), Capece (San Marino), Parisi (Sansovino), Ergottino (Teramo) e Gemignani (Viareggio). Non potranno disputare le partite in programma domenica 6 aprile. Ammende alle società di Castelnuovo (1000 euro) e Reggiana (800 euro).

26/03/2008
Cinque turni dalla fine: mai così male in serie C2...

A cinque giornate dal termine... mai si era trovato così in basso il Gubbio da quando è nei professionisti. Il team di Marco Alessandrini attualmente si colloca a quota 32 punti in classifica. Leggermente meglio si era prodotto l'anno scorso: 33 punti in 29 giornate con De Petrillo in panchina. Ancora meglio (di un altro scalino) le stagioni 2005-06 e 2000-01: i rossoblù di Cuttone e Dal Fiume si segnalavano in classifica a 35 punti. Nel '99-00, con Donati in panchina, totalizzati 36 punti. Nel 2003-04 invece si è toccata la cifra di 38 punti. Nel 1998-99 conseguiti 45 punti con mister Acori. Con Alessandrini in panchina nelle stagioni 2001-02 e 2002-03 erano stati conquistati rispettivamente 48 e 50 punti a cinque giornate dal termine. Infine a 52 punti si era ritrovata la compagine di Castellucci nel 2004-05, ma i punti raccolti erano stati totalizzati in 33 partite (anzichè 29) perchè in quella annata erano presenti 20 squadre in un girone "anomalo". Le giornate conclusive furono 38, e non 34.

25/03/2008
Scoramento in atto sul ciglio dello strapiombo; e intanto sopraggiunge il record avverso di 100...

È proprio così. Il tanto temutissimo record negativo è arrivato. Siamo a quota 100... ma di cosa, direte voi? Ve lo diciamo subito. Il Gubbio non riesce a centrare due vittorie di seguito dal 2005. L'ultimo bis di vittorie è avvenuto a cavallo tra il 20 aprile (si giocò di mercoledì Gubbio-Castelnuovo finita 2-1) e il 24 aprile 2005 (con il Gubbio vincente per 2-1 sulla Massese). Per l'esattezza non si vincono due partite di seguito da 100 giornate di campionato, un incubo che dura ormai da 2 anni e 11 mesi. Un record davvero umiliante e demoralizzante. C'è da stare allegri? Tutt'altro! Altri numeri. Squadra in piena zona playout al quart'ultimo posto in classifica a cinque turni dal termine. Mai era successo prima ad ora nei campionati precedenti. Nelle ultime cinque giornate racimolati la pochezza di due punti. Due pareggi e tre sconfitte dopo prestazioni a dir poco sconfortanti. Un solo gol fatto e sei subiti. Una squadra che non trova la via della rete ormai da 383 minuti. E ancora. La Spal non vinceva dal 23 dicembre 2007 (contro la Viterbese per 1-0) e ha potuto gustare la prima vittoria del 2008 proprio contro il Gubbio. Può bastare? Crediamo proprio di si. La situazione è drammatica e la sosta casca come la manna dal cielo. Poi le ultime cinque giornate di fuoco. Serve (immediata) una scappatoia per salvare una stagione assai deprimente. Una stagione nata male, ma che rischia di finire anche peggio. Finire... nei playout sarebbe una catastrofe e non vogliamo nemmeno pensarci, visto che sarebbe la prima volta! È ora di darsi una svegliata e ognuno si prenda fin da subito le proprie responsabilità. Salvare il salvabile si può. È un dovere verso lo stemma (quasi) secolare, verso una maglia gloriosa e si onori fino all'ultima goccia di sudore. Non ci sono scuse che tengono ormai. O la va o la spacca... (editoriale direttore Gubbiofans.it)

23/03/2008
Auguri speciali di Buona Pasqua da... Fabio Fabbri

L'indimenticato portiere Fabio Fabbri, che ha vestito la casacca rossoblù dalla stagione 2002 al 2006, tramite il muro del nostro sito web ha scritto: "Uso il sito per fare i migliori auguri di Buona Pasqua a tutti i tifosi del magico Gubbio. Fabio Fabbri". Da parte nostra, ovviamente, ringraziamo e ricambiamo a nome di tutti gli sportivi eugubini e a nome della città di Gubbio.

22/03/2008
Bisso castiga il Gubbio (1-0): la Spal ritorna alla vittoria nel 2008; per gli eugubini è buio pesto...

La Spal ottiene la prima vittoria del 2008. L'ultima vittoria risaliva al 23 dicembre 2007. Per il Gubbio invece è buio pesto. I rossoblù non sono più capaci di fare gioco e risultato. La classifica diventa assai deficitaria e gli uomini di Alessandrini precipitano al quart'ultimo posto, in piena zona playout. Il "giustiziere" ha un nome e cognome. Si chiama Nicola Bisso. Realizza la rete decisiva (al 67') dopo appena due minuti che è sceso in campo. La cronaca. Assenti Bellucci, Napolitano (infortunati) e Placentino (squalificato). Parte in avanti la Spal. Nei primi dieci minuti si fa pericoloso prima La Grotteria che non inquadra il bersaglio. Più tardi Sesa sulla trequarti lancia in profondità Agostinelli che si catapulta verso la porta e si ritrova solo davanti a Groppioni, ma la sua conclusione a rete termina a lato. È pressante il forcing iniziale della formazione estense. Gran parte delle azioni locali nascono dai piedi di Sesa in grande spolvero, soprattutto sui calci piazzati. Al 20' l'occasione più ghiotta. La Grotteria spara a botta sicura a rete, provvidenziale intervento sulla linea di porta di Ercoli che sventa il pericolo, a portiere ormai battuto. Cala un po' la Spal e al 25' si fa vedere il Gubbio con un tiro insidioso dalla distanza di Marino, la palla però sorvola sopra la traversa. Passano i minuti, la partita diventa frammentaria, meno fluida, spigolosa e si chiude il primo tempo sullo 0-0. Ripresa. Azione della Spal al 49'. Barbi pennella in area un cross temibile su assist di Sesa, La Grotteria di testa tenta l'incornata vincente, ma viene anticipato in extremis da Bruni in angolo. Al 55' Sesa ispira, Giorgi tenta un improbabile tiro cross da sinistra che si perde sul fondo. Subentrano in campo Furlanetto e Bisso. Proprio quest'ultimo cambia il corso della partita. Al 67' la Spal passa in maniera fulminea in vantaggio. Fanno tutto i nuovi entrati. Spiovente di Furlanetto, dopo un batti e ribatti in area la palla perviene sui piedi di Bisso che con un tiro preciso fredda l'incolpevole Groppioni insaccando a fil di palo. A questo punto mister Alessandrini prova a recuperare il gol di svantaggio e inserisce Chaib e Gibbs, al posto rispettivamente di Zacchei e Faieta. Ma i cambi non danno i frutti sperati. La partita si incanala fino alla fine (compresi i cinque minuti di recupero) sul punteggio di 1-0 per i locali che raggiungono una vittoria salutare (che mancava ancora nel 2008). Il Gubbio invece sprofonda nel buio più completo. In attesa che si riaccenda prima che sia troppo tardi... la luce!
Tabellino: Spal - Gubbio 1-0
Spal: Careri, Ghetti, Giorgi, Rossi, Servidei, Specchia, Schiavon, Barbi, La Grotteria (90' Franchini), Sesa (59' Furlanetto), Agostinelli (65' Bisso). All. Alessio.
Gubbio: Groppioni, Ercoli, Varchetta (56' Farina), Marino, Bruni, Fiumana, Zacchei (74' Chaib), Sandreani, Corallo, Chiarotto, Faieta (74' Gibbs). All. Alessandrini.
Rete: 67' Bisso (S).
Arbitro: Santonocito di Abbiategrasso (Balasso di Schio e Suelotto di Bassano del Grappa). Ammoniti: Giorgi (S); Bruni, Chiarotto, Varchetta, Sandreani (G).
Risultati della ventinovesima giornata:
Bassano - Giulianova 2-1
46'pt Pirri (B), 78' Berrettoni (B), 87' Gerbino Polo (G)
Bellaria - Rovigo 3-3
31' Cortesi (R), 42' Zanardo (B), 50' Zanardo (B), 71' Paterna (R), 85' Zanardo (B), 92' Lodi Rizzini (R)
Carrarese - Sansovino 2-1
9' Rinaldi (C), 24' Bazzoffia (S), 58' Concas (C)
Castelnuovo - Viterbese 2-0
32' Bruccini (C), 55' Balistreri (C)
Poggibonsi - Prato 1-1
19' Ouchene (Pr), 73' Di Chiara (Po)
San Marino - Reggiana 1-1
40' Longobardi (S), 55' Catellani (R) rig.
Spal - Gubbio 1-0
67' Bisso (S)
Teramo - Portogruaro 2-1
8' Marolda (T), 65' Ibekwe (P), 91' Marolda (T)
Viareggio - Cuoiocappiano 1-1
13' Lenzini (C), 24' Bonuccelli (V)

21/03/2008
Gubbiofans.it, a suon di record: nuovo primato

Il sito Gubbiofans.it ha appena varcato la soglia dei 500 mila accessi unici. Un mese fa era stata superato il tetto di un milione di pagine viste. Traguardi incredibili, raggiunti uno dietro l'altro in pochi anni. Alcuni numeri. Il record di accessi unici giornalieri si è verificato martedì 11 settembre 2007. Raggiunta la bellezza di 776 visite. Il record di pagine viste invece è stato ottenuto all'indomani della sfida storica con la Fiorentina in data 18 marzo 2003 (2416 pagine selezionate in un solo giorno). Un grazie a tutti dallo staff di Gubbiofans.

21/03/2008
Spal-Gubbio: il direttore di gara è Santonocito

Designato l'arbitro della gara Spal-Gubbio. Si tratta del sig. Denis Santonocito di Abbiategrasso. Assistenti di linea sono Alessandro Balasso di Schio e Stefano Suelotto di Bassano del Grappa. L'arbitro in questione, al secondo anno di esperienza in serie C, non ha mai diretto una partita ufficiale in campionato del Gubbio.

20/03/2008
Sesa: "Il Gubbio è assetato di punti e per noi non sarà facile... ma la Spal deve tornare a vincere!"

Sulla strada dei rossoblù sabato c'è la ritrovata Spal, che ha ottenuto un pari prezioso nel derby di Reggio Emilia. Il fantasista spallino David Sesa (ex Napoli e Lecce) presenta questa partita. "Diciamo che il 2008 non è stato generoso con noi, - spiega il calciatore elvetico - non siamo riusciti ancora a vincere una partita. Sarebbe l'ora di tornare a vincere. Non vogliamo compromettere i playoff. Con il Gubbio ci vogliono i tre punti. Anche se a mio avviso per noi non sarà per niente facile. Il Gubbio si vuole salvare e del resto dispone proprio di una bella squadra. Di sicuro non merita la classifica che occupa. Ma quando le cose non vanno bene è sempre difficile venire fuori da certe situazioni". Proprio in questa fase della stagione un calciatore di una certa caratura come Sesa avrebbe fatto molto comodo al Gubbio, lo sa? "La scorsa estate sono stato davvero ad un passo dai rossoblù. Gubbio è una piazza interessante e ci avevo fatto un pensierino. Pure Corallo me ne ha parlato molto bene, sia della città, sia dell'ambiente. Sarei venuto volentieri, ma poi ho dovuto valutare altre cose. Prima di tutto viene la famiglia e mia figlia avrebbe dovuto spostarsi per andare a scuola. Detto ciò Gubbio rimane sempre una piazza importante". A Ferrara rispetto all'andata è cambiato allenatore. Prima c'era Buglio. Ora troviamo Angelo Alessio. Come si trova con il nuovo trainer? "Già lo conoscevo dai tempi di Napoli. Faceva il vice di Colomba e Agostinelli. A mio avviso è un ottimo allenatore, oltre che una brava persona. Ha fatto un lavoro egregio quando ha allenato la Massese. Non è «fissato» sui dei moduli di gioco. Nel calcio moderno questo è un fattore molto importante. Bisogna lavorare sempre con il materiale che si ha disposizione e su di esso ci va costruito un modulo". L'ex calciatore rossoblù Giovanni Furlanetto, da gennaio è in biancazzurro. Come sta andando? "Da quando è arrivato dalla Sangiovannese ha dovuto recuperare a livello fisico. Tuttavia è un giocatore di qualità che può fare la differenza in questa categoria. Già lo aveva dimostrato l'anno scorso a Rovigo". Insomma, per concludere, che partita sarà Spal-Gubbio? "Gli eugubini verranno a Ferrara per fare risultato, per evitare i playout. Ma noi non possiamo più sbagliare. Dobbiamo solo vincere".

19/03/2008
Placentino, stop di un turno: salta Ferrara

Il Giudice Sportivo ha squalificato per una giornata l'esterno offensivo Rocco Placentino: l'estroso calciatore canadese salta così la trasferta di Ferrara di sabato. Il centrocampista Cuffa e il difensore Gargiulo si prendono due giornate. Per un turno invece sono stati fermati Spitoni e Zanardini (Bellaria), Varriale (Carrarese), Vettori (Cuoiocappiano), Croce (Giulianova), Mortelliti (Portogruaro), Alessi (Reggiana), Dal Degan (Rovigo), Berardi e D'Aniello (San Marino), Sabatini (Viareggio) e Martin (Viterbese). Ammende alle società di Carrarese, Giulianova e Reggiana, tutte pari a 1000 euro.

18/03/2008
È allarme rosso: con un piede nelle sabbie mobili...

Gubbio, ritorno nel "profondo rosso" dei playout. Dopo un ulteriore risultato negativo è stato inevitabile. Le ultime quattro gare hanno regalato solo due punti. I due turni casalinghi consecutivi hanno elargito solo un punto. Troppo poco per raggiungere la salvezza. E non si riesce più a segnare. Da 293 minuti non viene bucata la difesa degli avversari. A secco ancora pure le punte. L'astinenza al gol continua anche per il bomber Corallo (a digiuno da 595') e per il canadese Placentino (da 414'). Dati statistici alla mano che dimostrano in maniera inequivocabile che il Gubbio si trova in una fase di grande annebbiamento. Scatta l'allarme rosso. I playout adesso sono diventati di nuovo una cruda realtà. Il calendario non è dei più semplici. Si va subito a Ferrara dove una ritrovata Spal (dopo il 2-2 di Reggio Emilia conquistato al fotofinish) vorrà fare bottino pieno tra le mura amiche per mantenere ben saldo il quinto posto in classifica. Di conseguenza è previsto l'impegno casalingo con il Poggibonsi. Poi trasferta insidiosa a Bellaria che precede la sfida interna con il Castelnuovo. Ultime giornate di fuoco con la trasferta di Bassano che lotta per la promozione diretta e impegno in casa con la Viterbese, in netta ripresa. Insomma non c'è da stare tranquilli. Le ultime prestazioni sono state senz'altro avvilenti. Non sembra più quel Gubbio che avevamo ammirato nella prima fase del girone di ritorno. Cosa è successo? Se ne sono dette tante, forse troppe. Si è parlato di troppa rilassatezza, o di un calo psico-fisico, o addirittura che la squadra non è capace di lottare nei bassifondi della classifica. Può essere... ma un dato di fatto c'è e si nota a vista d'occhio. Una squadra che fornisce prestazioni altalenanti, che non garantisce risultati positivi consecutivi, che soffre di amnesie, che non ha mordente nel momento clou della stagione, che non sa mantenere la massima concentrazione per tutti i 90 minuti e che non è capace di regalare un minimo di soddisfazione ai propri tifosi (e succede ormai da tre anni a questa parte), ha un grave problema e si chiama "mancanza di maturità". Ognuno si prenda le proprie responsabilità e faccia il suo dovere, ma fino in fondo. Come è costretto a farlo un operaio che per intascare la pagnotta lavora duro su una catena di montaggio (ed è obbligato a fare anche diversi chilometri per potersi guadagnare uno stipendio quanto meno dignitoso). La ricetta. Lavorare tutti a testa bassa, pedalare e sudare per meritarsi la maglia che si indossa, tutti quanti, indistintamente, per un'unica causa. Basta con le "scusanti" e le "attenuanti" del caso. Ma andassero a farsi benedire... (editoriale direttore Gubbiofans.it)

16/03/2008
Gubbio scialbo: non va oltre lo 0-0 con il Prato

Gubbio opaco, poco ficcante e inconcludente. Il Prato controlla con disivoltura e ringrazia. La partita è scialba, non decolla e si incanala in un giusto 0-0. Adesso gli uomini di Alessandrini vengono risucchiati nei playout e si fa veramente dura. La cronaca. Al 9’ azione lineare sulla trequarti, assist di Corallo per Placentino che a sua volta indirizza la palla sui piedi di Chiarotto: tiro secco dell'esterno centrocampista rossoblù di sinistro, palla che termina di poco a lato. Al 12’ risponde il Prato con una conclusione a rete dal limite di Moscardi che impegna in tuffo Groppioni che si salva in angolo. Al 15’ occasione ghiotta per i rossoblù: Marino lancia in profondità Corallo che entra in area e di piatto cerca l’angolino più lontano, ma la palla fa la barba al palo. Al 17’ Ouchene cerca il bersaglio dalla distanza, ma la conclusione è alta. Alla mezzora la partita si infiamma. Al 29’ clamorosa occasione per gli ospiti: Piantoni si libera agevolmente in area, assist vellutato per Silva Reis che a due passi dalla porta manca il tap in vincente. Al 31’ Corallo ruba palla al portiere Piovezan in uscita, pallonetto del centravanti leccese verso la porta, salva in extremis Lamma. Il tempo si chiude con una punizione velenosa di Placentino dal limite che impegna in due tempi Piovezan. Ripresa. Si segnalano solo quattro episodi, poi è buio completo. Al 3’ show di Placentino sulla sinistra, cross per l’accorrente Fiumana che dal limite calcia a rete un bolide: la palla sbatte fortuitamente sul corpo di Panizzolo e il Prato si salva. Al 5’ Corallo protesta vivacemente dopo un contatto in area ospite, ma niente di fatto, l'arbitro fa proseguire. Al 40’ punizione a girare di Zacchei dal limite, Piovezan vola e para. A tempo scaduto l’ultima occasione capita sui piedi di Corallo con una girata al volo dal limite, la palla però sorvola sopra la traversa. Finiscono le ostilità tra i fischi assordanti del pubblico del "Pietro Barbetti".
Tabellino: Gubbio – Prato 0-0
Gubbio
: Groppioni, Ercoli, Varchetta, Napolitano, Bruni, Fiumana, Marino (67’ Faieta), Sandreani, Corallo, Chiarotto (78’ Zacchei), Placentino (75’ Gibbs). All. Alessandrini.
Prato
: Piovezan, Grego, De Agostini, Fogaroli, Panizzolo, Lamma, Piantoni (69’ Buonocunto), Moscardi, Silva Reis, Ouchene, Bracalello (88’ Sangiovanni). All. Di Stefano.
Arbitro
: Di Paolo di Avezzano (Maruccia di Avezzano e Dioletta di Teramo)
. Ammoniti: Sandreani, Placentino (G); Lamma (P). Spettatori: 1047.
Risultati della ventottesima giornata:
Bassano - Bellaria 3-0
4' Zubin (Ba), 69' Rondon (Ba), 78' Zubin (Ba)
Castelnuovo - Carrarese 2-0
13' Bruccini (Cas), 80' Micchi (Cas)
Cuoiocappiano - Poggibonsi 1-0
70' Girometta (C)
Giulianova - San Marino 1-1
18' Longobardi (S), 64' Melchiorri (G)
Gubbio - Prato 0-0
Reggiana - Spal 2-2
49' Zini (R), 55' Ingari (R), 81' Agostinelli (S), 91' La Grotteria (S)
Rovigo - Portogruaro 2-0
82' Paterna (R) rig., 90' Sciani (R)
Sansovino - Teramo 1-1
39' Garba (S) rig., 79' Bongiorni (T)
Viterbese - Viareggio 1-0
54' Agodirin (V)

15/03/2008
Berretti: il Cesena cala il tris a Gubbio (2-3)

Campionato nazionale Berretti. Il Cesena passa al "Cambiotti" di Gubbio per 3-2. Per i rossoblù sono andati a segno Moscetti e Chiarucci. La formazione di mister Montresor si trova a quota 31 punti in classifica.

14/03/2008
Gubbio-Prato: arbitra Di Paolo di Avezzano

Designato l'arbitro di Gubbio-Prato. Si tratta del sig. Aleandro Di Paolo di Avezzano. Assistenti di linea sono: Vanessa Maruccia di Avezzano e Mauro Dioletta di Teramo. L'arbitro in questione, al primo anno di esperienza in serie C, non ha mai diretto il Gubbio.

14/03/2008
Reggiana e Bassano, che duello per la leadership; nei bassifondi c'è ancora un grande trambusto...

Che lotta tra Reggiana e Bassano. Le due formazioni non sbagliano un colpo e vanno avanti a spron battuto. Chi la spunterà? In zona playoff riprendono quota Portogruaro e San Marino, mentre la Spal si trova in una fase di smarrimento. Si fa sotto il Bellaria (distante solo 3 punti dal quinto posto) e spera, ma dietro pure Poggibonsi e Prato non demordono. Nei bassifondi ci sono sette squadre nel giro di sei punti. È grande lotta. Ogni partita da questo momento in poi in campionato sarà determinante fino alla fine per evitare i playout. Domenica si registrano diverse partite clou. Per l'alta classifica si segnala un avvincente Bassano-Bellaria e il derby Reggiana-Spal. Per il fondo classifica ci sono quattro sfide cruciali come Castelnuovo-Carrarese, ma c'è anche Cuoiocappiano-Poggibonsi, a Giulianova è ospite il San Marino e ovviamente Gubbio-Prato.

13/03/2008
Gubbio, attacco "bloccato": non si segna da 203 minuti; San Marino: ingaggiato il difensore Bianchi

Inversione di tendenza. Nel girone di ritorno i rossoblù hanno avuto una impennata conquistando 12 punti in 7 gare (con 9 gol fatti e 5 reti subite). Nelle ultime tre giornate l'involuzione. Con Sansovino, Reggiana e Giulianova è stato regranellato la miseria di un punto, solo un gol messo a segno e ben 5 reti incassate. Ma soprattutto il Gubbio non va a bersaglio da 203 minuti. In particolare la ditta Pla-Cor (Placentino-Corallo) si è inceppata. Insieme hanno realizzato 16 gol fino ad ora in campionato. Dopo il giro di boa Placentino è stato autore di tre reti personali, mentre Corallo è rimasto bloccato ad un gol segnato su rigore, contro gli otto concepiti nel girone di andata. I restanti gol sono stati siglati da Zacchei (3), Ercoli, Faieta e Gibbs (1). Nel girone di andata invece, oltre ai gol segnati da Corallo (8) e Placentino (4), sono andati a bersaglio Fiumana (3), Gibbs (2), Bellucci, Manzo, Sandreani e Varchetta (1). Adesso ci si aspetta che la coppia di attacco si "risblocchi" per portare il Gubbio alla tanto sospirata salvezza. Mercato. Il San Marino intanto si è rinforzato in difesa. Arriva Marco Bianchi, classe '82. Il calciatore riminese è cresciuto nella squadra della sua città; poi ha preso la strada di Ravenna dove ha disputato due campionati, uno di C2, uno in C1. La passata stagione ha vestito la casacca del Val di Sangro (C2). Prima di approdare in questi giorni in biancazzurro, ha vissuto una breve esperienza con la Sangiuseppese (C2).

12/03/2008
Carrarese: è Zecchini il nuovo allenatore; Giudice Sportivo: mano pesante per Barsotti e Volpara

La Carrarese sceglie il nuovo allenatore. Dopo l'esonero di mister Loris Beoni (avvenuto lunedì), la società apuana ha trovato subito il suo sostituto. Si tratta di Luciano Zecchini, 59 anni, ex tecnico di Portogruaro, Sambenedettese, Teramo, Rimini e Pro Patria (guiderà gli azzurri fino a fine stagione). I provvedimenti disciplinari. Stangata per il difensore Barsotti del Viareggio: si becca quattro giornate. Mano pesante anche per la punta Volpara della Carrarese: stop per tre partite. Per un turno sono stati squalificati Lazzoni e Sicignano (Carrarese), Macrì (Giulianova), Macchia e Sciannamè (Rovigo), Evangelisti (San Marino), Nolè e Parisi (Sansovino), Bisso (Spal), Paolacci (Teramo), Carnesalini, Costantino e Reccolani (Viareggio). Infine ammende alle società di Carrarese, Viareggio (multate di 1500 euro) e Poggibonsi (750 euro).

11/03/2008
Per l'onore della maglia... mai smettere di lottare

Il momento della verità. Il Gubbio cade in casa con il Giulianova e riesce a raggranellare solo un punto nelle ultime tre giornate. Nelle restanti sette partite nel girone di ritorno erano stati totalizzati ben 12 punti. La zona playout da +6 si è avvicinata pericolosamente a +1. Una involuzione allarmante. Cosa è successo? Il presidente Marco Fioriti è stato chiaro dicendo: "A mio avviso stiamo peccando di presunzione. L'ho già detto ai ragazzi. Adesso non ci sono alternative. Abbiamo da giocare sette finali". Sta di fatto che il Gubbio non trova più la porta da tre giornate, precisamente da 203 minuti. Quando si inceppa la coppia d'attacco Placentino e Corallo (16 gol in due) sono davvero dolori. Ne soffre di conseguenza l'intero collettivo. Ma adesso si deve cambiare subito tendenza e si deve lottare veramente per l'onore della maglia. Prendiamo da esempio un canto degli ultras che vuole essere da sprono: "Non smetterò mai di lottar, per questa maglia storica, il passato non si dimentica, il campari col vino, da vero eugubino, per questa città che è magica". Ci si gioca tutto e le altre non stanno senz'altro con le mani in mano. Il Giulianova prosegue il suo record invidiabile di non prendere gol da ben 688 minuti (pure a Gubbio ha dimostrato di avere una difesa ferrea) e ha raggiunto i rossoblù a 31 punti. Idem la Cuoiocappiano che racimola con gli artigli un punto a Teramo e aggancia in classifica sia il Gubbio, sia il Giulianova. Si inceppa invece il Castelnuovo che rimane a 30 punti; idem la Carrarese e ormai è crisi nera. Gli apuani dopo il giro di boa hanno racimolato solo sei punti e non vanno a segno da ben 681 minuti. Ne ha fatto le spese mister Loris Beoni che è stato sollevato dall'incarico. La lotta per evitare i playout si fa veramente accesa. Chi più ne ha, più ne metta. Il Gubbio ora deve lanciare il cuore oltre l'ostacolo... (editoriale direttore Gubbiofans.it)

09/03/2008
Gubbio, tonfo inaspettato con il Giulianova (0-2)

Il Gubbio gioca, il Giulianova segna. La differenza sta tutta quì. I giallorossi dimostrano di avere una difesa ferrea (da 688' non prendono gol) e al momento opportuno sanno concretizzare le occasioni create. Tre opportunità e due gol con doppietta dell'attaccante umbro Campagnacci (43' e 64'). Giuliesi cinici al punto giusto. I rossoblù invece hanno menato le danze per gran parte della gara (9 a 1 sono stati alla fine i calci d'angolo a favore), ma è mancata la zampata vincente. E adesso si fa dura. La distanza dalla zona calda dei playout rimane a -1, ma da domenica occorre che ci sia una sterzata, altrimenti si rischia grosso. La cronaca. Assenti per i rossoblù Bruni (squalificato) e Chaib (infortunato). Per i giallorossi manca la punta Paponetti, squalificato. L’avvio è di marca rossoblù. Prima azione degna di nota all’8’. Corallo dal limite fa partire un sinistro potente al volo con la palla che sfiora di poco l’incrocio. Pressing dei locali che confezionano cinque calci d’angolo nel giro di 19 minuti, ma niente di fatto. Al 20’ un tiro dalla distanza di Placentino viene smorzato dal corpo di Ogliari e termina tra le braccia di un attento Mancini. Al 23’ cross velenoso da sinistra di Chiarotto, ottimo intervento di Mancini in anticipo su Corallo pronto a girare a rete di testa. Continua il pressing del Gubbio, gli angoli a favore diventano 8 (contro 0), ma niente da fare. Al 32’ una fucilata rasoterra al volo di Napolitano dal limite si perde di poco a lato sul fondo. Per la prima volta si fanno vedere gli ospiti (37’) e lo fanno in maniera molto pericolosa: Melchiorri in area serve solo davanti alla porta Croce che manca in maniera clamorosa la conclusione a rete, ostacolato in recupero da Ercoli. Ma al 43’ il Giulianova passa a sorpresa in vantaggio. Il merito è tutto di Campagnacci che entra in area saltando come birilli alcuni avversari e con un destro a girare calibrato toglie le ragnatele dal set. Davvero un gran bel gol del giovane attaccante umbro (di Spello), alla “Del Piero”. Ripresa. Stessa musica. Il Gubbio spinge, ma la prima vera occasione capita sui piedi di Cichella (14’) che calcia a rete dal limite, in tuffo si salva Groppioni. Gli ospiti sono più concreti e trovano il gol del raddoppio al 18’ in contropiede. Melchiorri penetra in area sulla sinistra come il coltello nel burro (difesa eugubina impalata) e serve un assist al bacio per Campagnacci che tutto solo, di piatto destro, deposita la palla in fondo al sacco. Gubbio stordito. La prima vera risposta arriva al 28’: Corallo si gira bene dal limite, ma il suo tiro termina la sua corsa tra le braccia di Mancini. Il Gubbio però è anche sfortunato. Al 33’ Zacchei, su punizione a girare dal limite, colpisce in pieno la base del palo. Ma non è proprio giornata. La partita finisce tra i fischi del pubblico deluso presente al “Barbetti”. Domenica sarà ospite a Gubbio il Prato.
Tabellino: Gubbio – Giulianova 0-2
Gubbio
: Groppioni, Anania, Varchetta (82’ Bellucci), Napolitano, Ballanti, Ercoli, Genesio (46’ Zacchei), Sandreani, Corallo, Chiarotto (68’ Faieta), Placentino. All. Alessandrini.
Giulianova
: Mancini, Ogliari, Piva, Bettini, Garaffoni, Cichella (71’ Pucello), Macrì (62’ Sosi), Croce, Melchiorri, Tatomir, Campagnacci (85’ Mazzeo). All. Bitetto.
Reti: 43’ Campagnacci (Gi); 64’ Campagnacci (Gi).
Arbitro
: Trentalange di Nichelino
(Sani di Empoli e Pedrini di Prato). Ammoniti: Napolitano (Gu); Bettini, Macrì e Ogliari (Gi). Spettatori: 1119 (di cui 720 abbonati; 63 di Giulianova presenti nel settore ospiti).
Risultati della ventisettesima giornata:
Bellaria - Viareggio 2-0
62' Gomez (B) rig., 91' Chiavarini (B)
Gubbio - Giulianova 0-2
43' Campagnacci (Gi), 64' Campagnacci (Gi)
Poggibonsi - Carrarese 1-0
34' Mariotti (P)
Portogruaro - Viterbese 3-1
15' Carboni (P), 56' Agodirin (V), 62' Mortelliti (P), 71' Cunico (P) rig.
Prato - Rovigo 1-0
35' Piantoni (P)
San Marino - Castelnuovo 1-0
72' Carruezzo (S)
Sansovino - Reggiana 0-2
15' Ingari (R), 82' Ruffini (R)
Spal - Bassano 1-2
25' Cesca (B), 27' La Grotteria (S), 55' Lorenzini (B)
Teramo - Cuoiocappiano 1-1
11' Marolda (T), 35' Vendrame (C)

08/03/2008
Berretti: Gubbio, sconfitta ad Ancona (2-0)

Campionato nazionale Berretti. Il Gubbio va ko ad Ancona. Adriatici in vantaggio con Angelini (40') su rigore. Al 94' arriva il raddoppio dei locali. La squadra di mister Marco Montresor rimane ancorata a 31 punti.

07/03/2008
Gubbio-Giulianova: arbitra Trentalange

Designato l'arbitro di Gubbio-Giulianova. Si tratta del sig. Vincenzo Trantalange di Nichelino. Assistenti di linea sono: Lorenzo Sani di Empoli e Alessio Pedrini di Prato. L'arbitro in questione, al primo anno di esperienza in serie C, non ha mai diretto il Gubbio in campionato.

07/03/2008
Capitan Sandreani: risonanza magnetica, esito ok; Gubbio-Giulianova, le grandi sfide del passato

Il capitano Alessandro Sandreani, che ha ricevuto una brutta botta al ginocchio in quel di Reggio Emilia, è stato sottoposto a risonanza magnetica. L'esito è risultato negativo. Si è riscontrato solo un trauma contusivo. Pertanto il calciatore cantianese è a disposizione di mister Alessandrini, salvo ulteriori complicazioni. Domenica la sfida salvezza Gubbio-Giulianova. Partita che ricorda sfide memorabili alla fine degli anni '80. Il 3 gennaio 1988 i giuliesi sbancarono Gubbio per 2-1 (reti di Morbiducci, Voltattorni e Tinti). Il 6 novembre 1988 i rossoblù si imposero per 4-0 sui giallorossi: reti di Farsoni e Zoppis (tripletta) davanti ai cinquemila tifosi del San Biagio. Il 15 ottobre 1989 fu di nuovo 4-0 tra le mura amiche davanti a tremila spettatori: in gol Gori, Rossi, Morbiducci e autogol di Tribuiani. L'ultimo incontro risale al 1 marzo 1992. Il Gubbio sconfisse il Giulianova per 1-0 con rete decisiva di Giammarioli.

06/03/2008
Chi scende, chi sale: un girone davvero bizzarro!

Girone di fuoco. A parte le prime cinque che fanno campionato a sè, per il resto è grande bagarre. C'è chi scende... e c'è chi sale. Reggiana e Bassano volano come fa "Superman" nei cieli di New York e sopra i maestosi grattacieli di Manhattan. Imprendibili e costanti per tutto il campionato. Che gran ritmo! Portogruaro, San Marino e Spal stanno perdendo un po' quota, ma i playoff ormai sono (quasi) assicurati. L'outsider Bellaria è la sorpresa: sesta. In leggero calo Teramo e Poggibonsi. Prato e Viareggio a fasi alterne. Gubbio in stand by, dopo un girone di ritorno in forte crescita, ma troppo vicino al precipizio. Infatti ad un passo (ad un solo punto) si sente suonare la sirena dell'allarme rosso, vale a dire della zona playout. E qui è grande battaglia. C'è chi sta venendo fuori e invece c'è chi sta precipitando. Castelnuovo in leggero calo. Carrarese in caduta libera (dalla zona playoff del girone d'andata, si ritrova ora in maniera inaspettata nei playout). Invece si nota una Cuoiocappiano in grande risalita e un Giulianova duro come un macigno (da 598' senza subire gol e sette risultati consecutivi senza sconfitta). Un Rovigo che non molla, ma poi il vuoto. La Viterbese cerca dai fondali di portarsi a galla (male che vada però saranno playout) e una Sansovino allo sbando (ultima, almeno per ora). Un girone che ha riservato sorprese e sicuramente non mancheranno diversi colpi di scena da quì alla fine. Un po' di numeri di questo girone. Una Reggiana che in casa ha totalizzato 35 punti, mentre il Bassano è mattatore in trasferta con 28 punti conquistati. Guardando dal fondo, la Viterbese in casa ha totalizzato solo 9 punti, mentre in trasferta la Sansovino ne ha ragranellati la miseria di 3. Bassano domina nelle reti fatte (49); la Reggiana ha la difesa più granitica con 20 gol subiti, seguita dal sorprendente Bellaria (21) e dal coriaceo Giulianova (23, come il Bassano). Sansovino, difesa colabrodo (50 gol inglobati). Bassano e Reggiana regnano nelle partite vinte (16), il Bellaria nelle gare nulle (15); la Reggiana è stata sconfitta solo una volta (nel derby di Ferrara).

05/03/2008
Colpo di scena: Sansovino, ritorna mister Fiorucci; Gubbio, Bruni squalificato per una giornata

In casa Sansovino non c'è pace. L'ultima sconfitta a Bassano ha fatto scivolare gli arancioblù all'ultimo posto in classifica. Immediata la risposta della società toscana. Allontanato mister Ferruccio Mariani. Ritorna il trainer Silvano Fiorucci, esonerato appena un mese e mezzo fa. Successivamente si è dimesso il diesse Fabio Anichini. Provvedimenti disciplinari. Il Gubbio contro il Giulianova dovrà fare a meno del difensore centrale Bruni: stop di una giornata per il calciatore toscano. Squalificati gli allenatori Simeoni del Rovigo e Mariani della Sansovino (appena esonerato) per un turno. Il difensore Mangone del Teramo viene stoppato per due giornate. Per una gara sono out Aliboni (Castelnuovo), Di Chiara e Rossi (Poggibonsi), Lamma (Prato), Florindo e Taccola (San Marino), Di Fatta (Sansovino), Giorgi (Spal), Gardella (Teramo) e Lolli (Viterbese).

04/03/2008
Otto giornate dalla fine... si fa sul serio; stop prevedibile del Gubbio a Reggio: ma ora "rialzati"

Le sorti di un campionato si "giocano" in queste ultime otto giornate. Nei bassifondi la classifica si è molto accorciata. Otto squadre che si ritrovano appaiate nel giro di pochi punti (6). Tutte compagini che lottano per evitare i playout. A partire in primis da Prato e Viareggio, entrambe a 33 punti (che si trovano a +3 dai playout), fino al Rovigo che si posiziona a quota 27. La situazione del Gubbio è la seguente. Solo un +1 dalla zona playout, quando quindici giorni fa ci si trovava a +6. Le sorprese non sono mancate. Basti pensare che il Rovigo è andato a vincere a Castelnuovo, mentre il Cuoiocappiano e il Giulianova hanno avuto la meglio rispettivamente su San Marino e Portogruaro. Significa che nessuno ci sta a guardare. Il Gubbio invece, soprattutto in queste ultime due giornate, sembra abbia tirato il "freno a mano". Un punto racimolato nelle ultime due gare esterne consecutive. La sconfitta di Reggio Emilia era prevedibile... anche se c'è modo e modo per perdere (con tutte le attenuanti del caso), ma a Monte San Savino si poteva fare senz'altro meglio che ottenere un punto risicato, contro un'avversaria (la Sansovino) che ora si trova ultima in graduatoria. Per carità. Nel girone di ritorno il Gubbio ha fatto grandi cose. È giusto sottolinearlo. Ha ottenuto 12 punti nelle prime 7 partite dopo il giro di boa, grazie a tre vittorie, tre pari e una sola sconfitta. Prima della partita di Reggio Emilia i rossoblù provenivano da quattro risultati positivi consecutivi. Ma evidentemente ancora non basta. Al primo "rilassamento" c'è il forte rischio di compromettere tutto. Il presidente Fioriti è stato chiaro dopo il ko di domenica con la Reggiana: "La sconfitta con la capolista ci poteva stare. - ha affermato - Ma la prestazione è stata senz'altro insufficiente. Mi aspetto una reazione immediata dal punto di vista caratteriale e si ritrovi quell'umiltà che ci aveva contraddistinto nelle settimane precedenti. Da questo collettivo mi aspetto di più". La posta in palio adesso si fa alta. Saranno otto giornate di battaglia. Ci si gioca tutto. Non c'è scelta: Gubbio, ora rialzati! (editoriale direttore Gubbiofans.it)

02/03/2008
Reggiana in scioltezza: Gubbio impotente (2-0)

Non c'è stata nemmeno partita. La Reggiana (capolista) mena le danze, diverte e segna. Il Gubbio non riesce a reggere l'urto e va quasi subito in "bambola". Gol decisivi nella prima frazione di gioco di Martinetti (11') e Maschio (18'). E adesso la situazione si fa di nuovo critica. Il Gubbio perde terreno in classifica e la zona calda dei playout si avvicina molto pericolosamente: adesso si trova solo a -1. Passiamo alla cronaca di Reggiana-Gubbio. Assenti per i rossoblù Fiumana (infortunato) e Gibbs (squalificato). Per i granata manca Stefani per squalifica. Parte in attacco la Reggiana e lo fa in maniera veemente. Al 9' Grieco imbecca in area ospite Ingari che spara prontamente a rete, la palla però termina alta sopra la traversa. È il preludio al gol granata che arriva due minuti più tardi (11'). Dalla corsia di destra Alessi indirizza la palla dalla parte opposta, Anania stoppa la sfera ma tentenna troppo, ne approfitta Martinetti che gli ruba il tempo e calcia senza esitazioni in porta. Il destro calibrato della punta granata si infila inesorabilmente nell'angolino. Nell'azione del gol si rileva una protesta di Anania per una presunta carica di Martinetti. Timida risposta del Gubbio al 14': Placentino serve Chiarotto che dal limite calcia a rete, ma la palla non inquadra lo specchio della porta. Non è giornata per gli ospiti e la Reggiana fa il bis. Al 18' sugli sviluppi di una punizione calciata da Grieco dalla destra, la retroguardia rossoblù respinge corto, Maschio è in agguato e dal limite fa partire un gran tiro di destro con la palla che entra in rete a fil di palo. Al 24' nuovo disimpegno errato del Gubbio, palla arpionata da Caselli che lancia Maschio davanti alla porta, ma questa volta è provvidenziale Groppioni che con un pregevole intervento riesce a salvarsi. Più tardi (41') è Alessi che sfiora il gol calciando di poco a lato, su assist pregevole del solito Martinetti. Finisce il primo tempo con una Reggiana in grande spolvero e il Gubbio che sembra avere la testa altrove. Ripresa. La musica non cambia. I locali controllano con scioltezza il massimo vantaggio; i rossoblù non riescono proprio a reagire. Al 59' Maschio si intrufola pericolosamente in area ospite e calcia a rete, palla ribattuta in modo provvidenziale di schiena da Bruni. Al 74' Ingari entra in area in maniera fulminea e si catapulta solo davanti al portiere, ma questa volta è Ercoli a sbrogliare la matassa in extremis. Nel finale c'è ancora e solo la Reggiana. Prima è Catellani (80') che sfiora il palo con un preciso diagonale. Poi è Alessi (88') a sfiorare il bersaglio. Triplice fischio finale. Tutti sotto la doccia. Domenica a Gubbio è ospite il Giulianova.
Tabellino: Reggiana - Gubbio 2-0
Reggiana: Ambrosio, Mallus (84' Anderson), Caselli, Grieco (71' Ruffini), Zini, Fiuzzi, Martinetti (64' Catellani), Maschio, Ingari, Alessi, Ponzo. All. Pane.
Gubbio: Groppioni, Anania, Varchetta, Marino, Bruni, Ercoli, Faieta (64' Zacchei), Sandreani (52' Napolitano), Corallo, Chiarotto (71' Farina), Placentino. All. Alessandrini.
Reti: 11' Martinetti (R), 18' Maschio (R).
Arbitro: Sguizzato di Verona (Gava di Conegliano e Pastro di Castelfranco Veneto). Ammoniti: Maschio (R); Corallo, Bruni, Ercoli, Marino (G). Spettatori: 2500 (di cui una quindicina provenienti da Gubbio).
Risultati della ventiseiesima giornata:
Bassano - Sansovino 1-0
84' Rondon (B)
Carrarese - Bellaria 0-0
Castelnuovo - Rovigo 1-2
5' Di Iorio (R), 29' Di Iorio (R), 64' Micchi (C) rig.
Cuoiocappiano - San Marino 1-0
67' Granito (C) rig.
Giulianova - Portogruaro 1-0
76' Melchiorri (G)
Reggiana - Gubbio 2-0
11' Martinetti (R), 18' Maschio (R)
Spal - Prato 0-0
Viareggio - Poggibonsi 1-0
39' Fommei (V)
Viterbese - Teramo 3-0
29' Zazzetta (V), 89' Langiotti (V), 90' Langiotti (V)

01/03/2008
Berretti, colpo Gubbio: 1-0 alla capolista Bassano

Colpo grosso del Gubbio nel campionato nazionale Berretti. La formazione di mister Marco Montresor supera per 1-0 la prima della classe Bassano al foto finish. Rete decisiva di Lucesoli (89') che direttamente su punizione fa partire un gran bolide che si infila sotto la traversa. Il Gubbio ora sale a 31 punti in classifica.

[vai a inizio pagina] [vai alle news] [vai all'archivio news]

Ultimo aggiornamento - Last update
data 20.11.2019 ora 21:00

Info: > Privacy e Cookie Policy

MAIN SPONSOR WITH PAGE LINKS:
(CLICCABILI CON FINESTRA GRANDE)

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

SPONSOR WITH PAGE LINKS:

MASSIMA TRASPARENZA, SCRIVERCI:

ART.13 REGOLAMENTO UE n.2016/679
D.LGS. ART. 122 DL 196/03
G.U. ART. n.229/14:

Media Spettatori
Lega Pro - Girone B
Stagione 2019/2020

Dopo 15 giornate:

Cesena
Vicenza
Modena
Reggiana
Triestina
Padova
Sambenedettese
Piacenza
Rimini
Ravenna
Carpi
Fermana
Vis Pesaro
Fano
Arzignano Valc.
Sudtirol
Gubbio
Feralpisalo
Virtus Verona
Imolese

10240
9160
7150
6050
5490
4780
3530
3230
2240
2220
1870
1690
1540
1330
1210
990
970
920
890
450

Media spettatori:
>
La scheda

Dati media:
La Gazzetta dello Sport

Lega Pro
Girone B - 2019/2020

Emilia-Romagna (8)
Carpi, Cesena, Imolese, Modena, Piacenza, Ravenna, Reggio Audace, Rimini
Friuli (1)
Triestina
Lombardia (1)
Feralpisalo
Marche (4)
Fano, Fermana, Sambenedettese, Vis Pesaro
Trentino Alto Adige (1)
Sud Tirol
Umbria (1)
Gubbio
Veneto (4)
Arzignano Valchiampo, Padova, Vicenza, Virtus Verona

Amarcord rossoblu


Anno 2011-2012 Serie B:

MATCH CLOU:

1 ottobre 2011:

Gubbio-Verona 1-1
Spettatori: 3911

24 ottobre 2011:
Gubbio-Torino 1-0
Spettatori: 4173

6 gennaio 2012:
Gubbio-Bari 2-2
Spettatori: 3821

28 gennaio 2012:
Gubbio-Sampdoria 0-0
Spettatori: 3977

28 aprile 2012:
Gubbio-Pescara 0-2
Spettatori: 4434

Info: > Privacy e Cookie Policy